innovazione

5G, Sassano: “Ecco cosa (non) devono fare i Comuni italiani”

Cosa può fare un comune italiano, con tutte le sue difficoltà, per cogliere i vantaggi della rivoluzione tecnologica alle porte? Quali sfide, quali opportunità? Ecco tre cose da non fare e tre da fare

21 Gen 2020
Antonio Sassano

Presidente della Fondazione Ugo Bordoni, ordinario di Ricerca Operativa, Dipartimento di Informatica, Automatica e Gestionale "Antonio Ruberti", Università di Roma "La Sapienza"

5G cina - bando 5G

Nella generale e complessa rivoluzione del 5G i comuni, in tutto il mondo, si trovano oggi di fronte alla sfida di essere “smart”. Nei paesi più ricchi e avanzati questa sfida si traduce nella ricerca di modi innovativi per fornire servizi già efficienti, per sfruttare al meglio infrastrutture di comunicazione già esistenti, per valorizzare le competenze diffuse dei cittadini, delle istituzioni e delle imprese. Nel nostro Paese, per un sindaco, essere “smart” ha un significato diverso. Vuol dire provare a dare servizi efficienti ai cittadini, rendere vivibile la propria città, prendersi cura dei più deboli e attirare gli investimenti senza stravolgere ambiente e paesaggio. Il tutto con bilanci ridotti all’osso e a volte in profondo rosso.

Questo scenario non va mai dimenticato da chi, come noi, si è dato l’obiettivo di utilizzare la leva dell’innovazione per migliorare le condizioni economiche e sociali del Paese. La domanda è dunque: cosa può fare un comune italiano, con tutte le sue difficoltà, per cogliere i vantaggi della rivoluzione tecnologica alle porte?

Comuni e 5G, tre cose da non fare

Inizierò con tre cose che, a mio avviso, non andrebbero fatte.

Parto dalla prima, la più importante: pensare di tenere il proprio comune al di fuori dello sviluppo tecnologico. Un comune senza banda larga per non scavare o non installare trasmettitori; un comune che non consenta ai suoi cittadini o ai suoi ospiti di collegarsi in rete per paura degli effetti negativi dei social o degli attacchi informatici. Un comune nel quale le “cose” connesse smettono di funzionare appena entrate in città: un’auto che non ci aiuta più a guidare, un “pacemaker” che smette di inviare i propri dati al centro di controllo ospedaliero, un prodotto al supermercato del quale non siamo più capaci di ricostruire la storia.

WHITEPAPER
Conversational e Customer Experience: come si fa la differenza?
Software
Telco

Tutto questo può essere interessante per l’esperienza di un giorno o per una scelta di vita. Come per gli Hamish della Pennsylvania, che rifiutano la modernità andando in giro in calesse e usando lampade a petrolio. Certamente non può essere la scelta consapevole di una comunità che vuole migliorare costantemente la qualità della vita dei propri concittadini.

Dunque: accettazione della sfida dell’innovazione e estensione a tutti dei suoi vantaggi. Copertura al 100% della popolazione e, per la prima volta, del territorio. Non vogliamo rimanere senza assistenza medica o senza informazioni in qualche luogo non coperto. Non basta quindi un collegamento a banda larga che colleghi le nostre case e i luoghi di lavoro, abbiamo bisogno di una copertura capillare del territorio: l’obiettivo è il 100%. Nessuno, nessun luogo e nessun oggetto deve rimanere isolato.

Questo significa ignorare i pericoli? Assolutamente no! La seconda cosa da non fare è esattamente il contrario della prima. Accettare l’evoluzione tecnologica in modo acritico, senza rendersi conto che le reti, il traffico dati e gli algoritmi che governano ogni nostra scelta e garantiscono in ogni momento il funzionamento efficiente di una società sempre più complessa, debbono essere regolati, monitorati e garantiti da istituzioni delle quali abbiamo fiducia e che, in modo indipendente dagli enormi interessi in gioco, utilizzino regole generali, scientifiche e trasparenti per garantire la nostra salute, la nostra libertà e la nostra sicurezza.

Ed eccoci dunque alla terza cosa da non fare: darsi regole locali per governare lo sviluppo della tecnologia. Limiti dei campi elettromagnetici, regole di realizzazione delle reti fisse o per la localizzazione dei trasmettitori mobili, regole per l’uso e l’”accountability” degli algoritmi definite da ogni istituzione locale. Una babele di regole particolari e a volte poco scientifiche e poco trasparenti e che spesso rendono impossibile la realizzazione di quelle reti e di quegli algoritmi che vorrebbero regolare.

Se decidiamo che non si possono realizzare algoritmi che non siano ”spiegabili”, limitiamo di molto la nostra capacità di risolvere problemi; analogamente, se impediamo di gestire in modo diverso traffici diversi sulle reti, eliminiamo una delle più importanti caratteristiche del 5G: lo “slicing”. Dunque, le regole debbono essere le più generali possibili; semplici ma allo stesso tempo sufficientemente flessibili da contemperare le garanzie di sicurezza e libertà con uno sviluppo efficiente e coerente della tecnologia.

Le tre cose da fare

Dopo le cose da non fare voglio concludere il mio intervento con tre cose da fare. Abbiamo detto che la prima caratteristica di un comune “smart” è quella di non dichiararsi “No 5G”. Voglio aggiungere un’importante considerazione a supporto di questa tesi: il 5G è la prima tecnologia che consente di “chiamarsi fuori” a livello individuale, senza imporre ai propri concittadini una rinuncia collettiva. Le reti 5G, infatti, “illuminano” principalmente gli apparati connessi. Sarà dunque sufficiente non avere telefoni di nuova generazione, guidare una vecchia Maggiolino, non avere apparati di monitoraggio medico indosso per essere ignorati dalle reti 5G, con grande vantaggio per gli utenti connessi.

Secondo punto: le regole. Abbiamo bisogno di regole generali e uniformi e non possiamo immaginare di muoverci per l’Italia come Benigni e Troisi sentendoci chiedere “un fiorino” ad ogni confine comunale. Il ruolo di coordinamento dell’ANCI è fondamentale per ottenere questo importantissimo risultato. Non soltanto standard tecnologici e regole di salvaguardia di salute e sicurezza definiti a livello nazionale (meglio ancora, europeo) ma anche procedure e regole amministrative uniformi per tutte le attività di “roll out” delle reti.

Ma questo non basta. Come detto, alla necessità di coprire efficientemente il territorio seguendo regole generali e flessibili va sempre accoppiata una capacità delle istituzioni di governare e regolare il processo di realizzazione delle reti. In particolare, per i comuni questa capacità si sostanzia in alcune attività che diverranno sempre più complesse e rilevanti nel futuro.

La prima e più importante è la pianificazione dei siti. Da dove consentire la trasmissione degli operatori per garantire la copertura del 100% del territorio rispettando i vincoli a salvaguardia della salute?

Come si vede, l’obiettivo del 100% di copertura e quello della salvaguardia della salute sono entrambi presenti e devono essere entrambi soddisfatti. Raggiungere uno dei due trascurando l’altro sarebbe sbagliato. Le competenze richieste per la pianificazione dei siti sono molto sofisticate. Richiedono, ad esempio, la capacità di simulare (valutare su modelli digitali) le coperture e il rispetto delle soglie delle reti proposte dagli operatori. I comuni non hanno queste competenze, nemmeno i più grandi. Infatti raramente hanno un piano dei siti e quando un piano dei siti esiste non è mai associato ad una dimostrazione che il 100% di copertura è possibile. La Fondazione Bordoni ha invece queste competenze ed è al lavoro per la realizzazione di uno strumento in grado di risolvere questo problema di pianificazione lavorando a fianco dei comuni, anche grazie al suo ruolo di terzietà ed indipendenza.

Terzo punto. La realizzazione delle reti 5G sarà stimolata dalla crescente percezione del valore dei dati. In ogni comune, alberghi, ristoranti, negozi, attività commerciali saranno sempre più consapevoli del valore delle informazioni prodotte dal traffico generato dai propri clienti e, al tempo stesso, dei pericoli insiti da un cattivo uso di queste informazioni. Gli algoritmi delle grandi piattaforme potrebbero decidere di favorire o sfavorire un comune sulla base dei dati raccolti o utilizzare questi dati per affinare la propria attività di raccomandazione senza che il comune o le attività che li hanno prodotti abbiano alcun beneficio.

Una “guerra dei like” contro un albergo, ristorante o attività commerciale di un piccolo comune potrebbe avere conseguenze peggiori di una rapina. Dunque i comuni dovrebbero iniziare a prendere coscienza del grande valore dei dati prodotti nel perimetro cittadino. Ora i grandi comuni acquistano i dati sulla mobilità dalle compagnie telefoniche e dai broker. Ma cosa accadrebbe se il comune “proteggesse” i dati dei propri cittadini (come ne protegge le altre proprietà) e in cambio chiedesse di poterli usare per il bene collettivo? Se è vero che i dati sono il petrolio del nuovo millennio non vale la pena proteggerli e valorizzarli?

***************************

Articolo basato sulla relazione di Antonio Sassano durante il Seminario “Territori Connessi. Banda ultra larga e 5G per lo sviluppo delle comunità”, promosso il 20 novembre 2019 da ANCI, Fondazione Ugo Bordoni e Infratel alla XXXVI Assemblea Nazionale ANCI in Arezzo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati