A tutti 20 megabit

Internet veloce diritto universale: l’importanza della delibera Agcom



Indirizzo copiato

L’accesso a internet è fondamentale per il benessere economico e la crescita sociale e civile delle persone. Per questo, Agcom ha stabilito che la velocità minima per garantire un servizio di accesso adeguato è di 20 Mbps. Questo servizio universale deve essere garantito da almeno un operatore su tutto il territorio nazionale

Pubblicato il 27 dic 2023

Antonino Mallamaci

avvocato, Co.re.com. Calabria



agcom piattaforme telco

Una velocità minima di connessione è un requisito tecnico irrinunciabile per la diffusione di alcuni servizi quali telelavoro o telemedicina, ma anche per l’intrattenimento. In sintesi, per l’avvio di ogni tipo di attività a distanza.

La velocità minima per assicurare un “servizio di accesso adeguato a internet a banda larga” è stata fissata a 20 Mbps dalla delibera Agcom 390/23/CONS del 5 dicembre scorso, recante “Procedimento istruttorio concernente la definizione del servizio di accesso adeguato a internet a banda larga necessario per la partecipazione sociale ed economica alla società”.

Il “servizio adeguato” deve garantire la larghezza di banda necessaria per supportare almeno l’insieme minimo di servizi di cui all’allegato 5 (sempre del Codice): e-mail; motori di ricerca che consentano la ricerca e il reperimento di ogni tipo di informazioni; strumenti basilari di istruzione e formazione; stampa o notizie; ordini o acquisti di beni o servizi; ricerca di lavoro e strumenti per la ricerca di lavoro; reti professionali; servizi bancari; utilizzo dei servizi dell’amministrazione digitale; media sociali e messaggeria istantanea; chiamate e videochiamate (qualità standard).

L’accesso a internet è fondamentale per il benessere economico e la crescita sociale e civile delle persone. Le difficoltà di accedervi, per operazioni di upload e download, rappresentano un vero e proprio vulnus alle capacità relazionali e di comunicazione per i consumatori, ma ancora di più per le imprese: la diffusione della banda larga è un fattore di crescita economica e occupazionale di un territorio.

Velocità minima e servizio universale

Nel comunicato stampa diramato dall’Autorità si legge che con la suddetta delibera è stata fissata “a 20 Mbps la velocità nominale in download per un servizio di accesso adeguato a internet a banda larga” e che “la disponibilità di un servizio universale di accesso a internet a banda larga di tale velocità, in postazione fissa, dovrà essere garantita da almeno un operatore, su tutto il territorio nazionale, come previsto dall’articolo 94, comma 1, del Codice”. Stando al comunicato, dunque, l’accesso a internet con una velocità minima di 20 Mbps entra a far parte del Servizio universale, dato che deve essere garantito “da almeno un operatore su tutto il territorio nazionale”.

Le norme che regolamentano il Servizio universale e l’accesso adeguato a internet

Per comprendere meglio la questione, esaminiamo le norme che regolamentano il Servizio universale (nella UE USO, Universal Service Obligation) e l’accesso adeguato a internet. Nell’art. 2, comma 1, del Codice, sono contenute alcune definizioni utili.

Partiamo da quella, appunto, di “Servizio universale”: “un insieme minimo di servizi di una qualità determinata, accessibili a tutti gli utenti a prescindere dalla loro ubicazione geografica e, tenuto conto delle condizioni nazionali specifiche, offerti ad un prezzo accessibile”; alla lettera bb) troviamo quella di larga banda: “l’ambiente tecnologico costituito da applicazioni, contenuti, servizi ed infrastrutture, che consente l’utilizzo delle tecnologie digitali ad elevati livelli di interattività; alla lettera fff) quella di servizio di comunicazione elettronica: “(…) i tipi di servizi seguenti: 1) servizio di accesso a internet quale definito all’articolo 2, secondo comma, punto 2), del regolamento (UE) 2015/2120”, e cioè: “un servizio di comunicazione elettronica a disposizione del pubblico che fornisce accesso a Internet, ovvero connettività a praticamente tutti i punti finali di Internet, a prescindere dalla tecnologia di rete e dalle apparecchiature terminali utilizzate”. Andiamo avanti nel codice, all’art. 94 (Servizio universale a prezzi accessibili), comma 1. “Su tutto il territorio nazionale i consumatori hanno diritto ad accedere a un prezzo accessibile, tenuto conto delle specifiche circostanze nazionali, a un adeguato servizio di accesso a internet a banda larga e a servizi di comunicazione vocale, che siano disponibili, al livello qualitativo specificato, ivi inclusa la connessione sottostante, in postazione fissa, da parte di almeno un operatore”.

E il cerchio si chiude tornando al comma 3 dello stesso articolo e all’allegato 5, che abbiamo già visto. Oggi, mettendo insieme le tessere del mosaico normativo per come l’abbiamo appena visto, ogni cittadino italiano dovrebbe poter reclamare dall’obbligata alla fornitura del servizio universale (TIM) un accesso a internet che consenta di compiere le attività elencate nell’allegato 5 al Codice, avendo una velocità minima nominale in download di 20 mbps. Con le conseguenze giuridiche annesse, e cioè il diritto di agire in sede di tentativo obbligatorio di conciliazione prima, e di definizione (sempre davanti al Co.re.com.) o di giudizio poi, anche ricorrendo agli strumenti di tutela d’urgenza previsti (procedimento per provvedimento d’urgenza ex art. 5 del Regolamento di procedura, Allegato B alla Delibera AGCOM n. 358/22/CONS).

La delibera Agcom 309/23/CONS

Vediamo ora di approfondire la delibera Agcom 309/23/CONS e il propedeutico procedimento istruttorio, per avere un quadro preciso di cosa davvero muta nella regolamentazione della velocità minima e del Servizio universale.

Nella premessa vengono citate, tra le altre, la Direttiva UE 2018/1972, che istituisce il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, e il d.lgs. 207/21 che, in attuazione di detta direttiva, modifica il Codice delle comunicazioni elettroniche (d. lgs. 259/03).

La direttiva del 2018 evidenzia che il servizio universale dovrebbe evolvere “al fine di rispecchiare il progresso tecnologico, l’evoluzione del mercato e della domanda degli utenti; ribadisce la sua rilevanza per “garantire almeno la disponibilità di un insieme minimo di servizi per tutti gli utenti finali e a un prezzo abbordabile per i consumatori, dove il rischio di esclusione sociale derivante dalla mancanza di tale accesso impedisce ai cittadini di partecipare pienamente alla vita sociale ed economica”; non prevede limitazioni per quanto riguarda i mezzi tecnici utilizzati, quindi la possibilità di utilizzare tecnologie con filo e senza.

Agli Stati membri, tenuto conto della relazione (Report on Member States’ best practices to support the defining of adequate broadband internet access service) del BEREC (l’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche) sulle migliori prassi adottate dai paesi che hanno già incluso la banda larga negli obblighi del servizio universale, spetta il compito di definire “l’accesso adeguato a internet (…)”.

La larghezza di banda dovrebbe essere sufficiente per supportare “l’accesso a, e l’utilizzo di, almeno un insieme minimo di servizi di base che rispecchino i servizi utilizzati dalla maggioranza degli utenti finali”. Quanto previsto dalla direttiva è stato recepito negli artt. da 94 a 98 del Codice. L’art. 94, ai commi 1 e 2, prevede che su tutto il territorio nazionale sia garantito, da parte di almeno un operatore, il diritto ad accedere a un prezzo accessibile a un adeguato servizio di accesso a internet a banda larga. A tal fine risulta propedeutico che l’Autorità definisca (comma 3 dello stesso articolo) il servizio di accesso adeguato a internet a banda larga […] al fine di garantire la larghezza di banda necessaria per la partecipazione sociale ed economica alla società”.

Dell’art. 94, comma 3, e dell’allegato 5 del Codice abbiamo già scritto sopra. Secondo l’art. 96, comma 1, del Codice, l’Autorità valuta se “imporre adeguati obblighi di servizio universale per soddisfare tutte le richieste ragionevoli di accesso a tali servizi in tutto il territorio quanto meno da un operatore designato. Ciò può peraltro essere stabilito previa verifica che la disponibilità in postazione fissa di un servizio di accesso adeguato a internet a banda larga non può essere garantita alle normali condizioni commerciali o mediante altri strumenti potenziali delle politiche pubbliche.

L’Autorità, quindi, in un primo momento, deve definire il servizio di accesso adeguato a internet a banda larga atto a garantire la partecipazione sociale ed economica alla società.

Solo successivamente valuta l’imposizione di obblighi di fornitura del servizio universale. Il procedimento che ha condotto all’adozione della delibera Agcom del 5 dicembre scorso aveva perciò lo scopo di definire il servizio di accesso adeguato a internet a banda larga; ne era esclusa, in attesa di un nuovo procedimento istruttorio, l’eventuale imposizione di obblighi di fornitura del servizio universale. Quindi, la fornitura del servizio di accesso adeguato a internet a banda larga, definito in esito a detto procedimento, non rientra negli obblighi del fornitore del servizio universale. (torneremo sulla questione più avanti).

Vediamo ora come si è arrivati a fissare la velocità minima di cui alla delibera Agcom 390/23/CONS.

Il report del Berec

Il report del BEREC, che fa riferimento a un periodo precedente alla Brexit e all’allora vigente quadro regolamentare (Direttiva 2002/22/CE, come modificata dalla Direttiva 2009/136/CE), e non alla direttiva del 2018, illustra le modalità adottate da 9 Stati membri che nel 2020 avevano già introdotto la banda larga negli obblighi di fornitura del servizio universale. Essi hanno dunque effettuato tale scelta, differenza non da poco conto come vedremo, basandosi sulla nozione di “accesso funzionale a Internet” e non in termini di “accesso adeguato a internet”.

Definizione dell’ampiezza di banda adeguata ai fini del servizio universale e analisi dei criteri per la definizione del servizio di accesso adeguato a internet.

Alla luce delle indicazioni del Codice, di cui all’art. 94, comma 3, l’Autorità ha ritenuto di definire la larghezza di banda necessaria per fornire un servizio di accesso adeguato a internet tenendo conto: della qualità del servizio; dei requisiti tecnici per garantire almeno l’utilizzo dell’insieme minimo di servizi (allegato 5 al Codice; delle circostanze nazionali; della larghezza minima di banda di cui dispone la maggior parte della popolazione.

I requisiti di qualità

L’Agcom ha ritenuto che la larghezza di banda necessaria per la partecipazione degli utenti alla vita sociale ed economica dovesse essere definita in termini di velocità minima. Essenziale anche che la fornitura sia continua: salvo circostanze eccezionali, ogni e per tutto il giorno, senza alcuna interruzione. Infine, ai consumatori che utilizzano il servizio universale vanno garantiti i medesimi parametri di qualità offerti ai clienti “affari”.

I requisiti tecnici

Per quel che concerne i requisiti tecnici, la delibera prevede che l’accesso a internet supporti almeno l’insieme minimo di servizi di base riportati all’allegato 5 del Codice. Essi solitamente richiedono basse velocità di connessione e requisiti poco stringenti in termini di latenza. La videochiamata invece, essendo, a differenza degli altri, un servizio sincrono, necessita di qualcosa in più in termini di velocità, di ampiezza della banda. Ai fini, quindi, della valutazione tecnica della larghezza di banda minima necessaria per tutti i servizi basta prendere a riferimento quella adeguata per la videochiamata in qualità standard.

Per essa, nessuno dei fornitori richiede una velocità di connessione consigliata superiore a 2 Mbps (per videochiamate tra due utenti). L’Agcom ha ritenuto di dover tener conto dei mutamenti sociali intervenuti a seguito dell’emergenza sanitaria, imprevedibili nel 2018, che hanno determinato un profondo cambiamento nelle abitudini dei consumatori. In particolare: il ricorso alle videochiamate di gruppo per la didattica a distanza e l’aumento dello smart working; l’aumento della probabilità di utilizzo contemporaneo delle videochiamate, per la presenza di più persone collegate da casa per motivi di lavoro o di studio. Approfondendo tali fenomeni, l’Autorità ha concluso che più videochiamate in contemporanea siano poco probabili e, comunque, poco rilevanti ai fini del procedimento, esulando dallo scopo del servizio universale consentire a tutti gli utenti un (improbabile) accesso contemporaneo a servizi di videochiamata.

Alla luce delle valutazioni effettuate, l’Autorità ha ritenuto che una velocità minima in download di 4 Mbps, fornita salvo circostanze eccezionali, ogni giorno e per tutto il giorno, senza interruzioni, consenta un adeguato servizio di accesso a internet a banda larga. Di norma, una velocità minima in download di 4 Mbps può essere fornita con accessi ADSL con velocità nominali di 10 Mbps. Gli accessi con velocità nominale maggiore o uguale a 10 Mbps rappresentano attualmente circa il 93% delle linee BB/UBB (broadband e ultra broadband) attive.

Tale ampiezza di banda verifica tutti seguenti requisiti:

  • consente di usufruire almeno dell’insieme minimo di servizi elencati dal Codice, garantendo anche la possibilità di effettuare videochiamate di gruppo;
  • almeno il 50% delle famiglie utilizza accessi con una velocità minima di connessione su rete fissa maggiore o uguale a 4 Mbps;
  • almeno l’80% delle famiglie che dispongono di una connessione su rete fissa a banda larga utilizza accessi con una velocità minima di connessione maggiore o uguale a 4 Mbps;
  • non si sovrappone alla strategia italiana per la diffusione della banda larga e non comporta distorsioni competitive.

Quale larghezza di banda per la partecipazione sociale ed economica alla società

L’Autorità non ha ritenuto necessario analizzare la molteplicità di indicatori presi in considerazione nel report del BEREC, il quale è stato predisposto analizzando le esperienze delle ANR che avevano introdotto nel servizio universale un servizio di accesso a banda larga prima dell’entrata in vigore della direttiva del 2018. Le esperienze riportate, pertanto, fanno riferimento a un quadro regolamentare che richiedeva alle ANR di effettuare le proprie scelte in termini di “accesso funzionale a internet” e non di “accesso adeguato a internet”.

La differenza tra “funzionale” e “adeguato”

La differenza tra “funzionale” e “adeguato” comporta che la velocità di connessione sia definita non più in termini di “funzione”, ossia semplicemente permettere l’accesso a internet, ma che risponda ai requisiti di “adeguatezza” richiesti dal Codice, ossia che consenta un accesso a internet tale da garantire l’utilizzo di una serie di servizi. Si tratta, quindi, di un requisito più stringente. Tale differenza si traduce nella possibilità che la velocità di banda definita per consentire un accesso “adeguato” – scopo del procedimento – possa risultare superiore a quella definita per consentire un accesso “funzionale”. La proposta di definire una velocità minima garantita era guidata dalla necessità di assicurare che tutti gli utenti possano sempre avere accesso (tranne in circostanze eccezionali) ai servizi necessari alla partecipazione alla vita sociale ed economica. Garantire tale accessibilità significa, in concreto, definire un valore di banda che sia sempre adeguato.

Il concetto di “garanzia” di una velocità minima di connessione, oltre che di difficile realizzazione, può risultare troppo stringente e gravoso, determinando un onere eccessivo in capo agli operatori.

In considerazione delle riscontate problematiche tecniche e dell’eccessivo onere, l’Autorità ha considerato opportuno definire il servizio di accesso adeguato a internet a banda larga in termini di velocità nominale piuttosto che di velocità minima garantita.

Nella definizione del servizio di accesso adeguato a internet a banda larga, l’Autorità ha rilevato che il Codice è stato adottato in attuazione delle indicazioni della direttiva del 2018. Pur essendo trascorsi solo pochi anni da allora, sono innegabili i cambiamenti tecnologici e sociali intercorsi, determinati anche dall’emergenza sanitaria. Definire un servizio di accesso adeguato a internet a banda larga senza tenere conto di tali mutamenti sarebbe risultato quindi anacronistico. L’Autorità ha infine ribadito che le valutazioni circa l’imposizione di obblighi di fornitura rientranti nel servizio universale non erano parte del procedimento: esso aveva ad oggetto la definizione del servizio di accesso adeguato a internet a banda larga ai sensi dell’art. 94, comma 3, del Codice.

È su esso che l’Autorità ha acquisito osservazioni ed elementi di informazione. Solo in seguito l’Autorità valuterà se imporre obblighi di servizio universale, qualora la disponibilità in postazione fissa di tale servizio non potesse essere garantita alle normali condizioni commerciali o mediante altri strumenti delle politiche pubbliche. Nella delibera, in fondo alle premesse, si chiarisce in maniera netta che l’inclusione dell’accesso a internet con velocità minima di 20 Mbps nel servizio universale non è oggetto della stessa: “Come espressamente previsto dal Codice, art. 97, e richiamato nel presente provvedimento, il servizio di accesso adeguato a internet a banda larga, qui definito, non rientra automaticamente negli obblighi imposti in capo all’operatore incaricato come fornitore del servizio universale precedentemente all’entrata in vigore del nuovo Codice. Altrimenti detto, l’attuale operatore incaricato di fornire il servizio universale non è obbligato a rendere disponibile, su tutto il territorio nazionale e tantomeno ai civici che attualmente non dispongono di una velocità di connessione pari a 4 Mbps”. Speriamo di aver offerto un contributo alla chiarezza.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4