Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

PIANO CRESCITA DIGITALE

Bruno Bossio: “Bene Italia Login, attenzione ai bandi per il SPC”

di Vincenza Bruno Bossio, Partito Democratico

28 Nov 2014

28 novembre 2014

Credo che l’iniziativa Italia Login, contenuta nel Piano di Crescita Digitale, sia fondamentale per l’innovazione italiana, soprattutto perché realizza concretamente l’apertura dell’amministrazione pubblica verso i cittadini  e così consolida in modo organico e coagula un processo che si era avviato da tempo anche attraverso iniziative a livello comunale.

Rilevo invece una incoerenza preoccupante tra quanto definito nel Piano per la Banda Ultralarga e quanto richiesto nella Gara Consip per il Sistema Pubblico di Connettività, dove, a fronte di un obiettivo UE per il 2020 di copertura al 100% di banda a 30 Mbps (e recepito dal piano), la gara è al massimo ribasso su un valore di banda di 5 Mbps.

  • Damiano

    Ma il Programma 2020 prevede la larga banda ai CITTADINI (per Tv ed altro) mentre gli Enti hanno fini gestionali… Mah…
    Ma non lo ha neppure letto il bando… Se lo avesse letto saprebbe che parte da un minimo garantito di 8Mb e NON HA LIMITI SUPERIORITÀ quindi 1 Gb o altro, e che LA LEGGE impone la gara al prezzo più basso… Ad ogni modo un parlamentare dovrebbe sapere pure che su una GARA IN CORSO, con SOCIETÀ QUOTSTE che vi partecipano, si dichiara poco e si ascolta molto.
    Ricordiamoci infine che turbare una gara È UN REATO. Turbativa d’asta. Art. 353 del Codice penale. Chiunque, con violenza o minaccia, o con doni, promesse, collusioni o altri mezzi fraudolenti, impedisce o turba la gara nei pubblici incanti o nelle licitazioni private per conto di pubbliche Amministrazioni, ovvero ne allontana gli offerenti, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa da lire duecentomila a due milioni.

  • CarloD

    Appunto, onorevole, per il 2020 dovranno esserci 30Mb che oggi non sono disponibili ovunque.
    Poteva dunque la gara acquistare qualcosa per il 2015 che ancora non c’è?
    Occorrerebbe riflettere, anche solo sul piano logico, prima di parlare a sproposito….

  • enza

    Ho letto il bando ed esprimo una opinione. Se fosse passato dalla Camera avrei espresso un voto. Quindi esprimo un’opinione che per definizione non turano aste In Calabria è stata aggiudicata una gara per portare tutti i comuni entro il 2016 a 30 mega. E poi i ministeri lo lasciamo allo stato attuale? E la coerenza con il piano di crescita digitale?

  • CarloD

    VOTO DELLA CAMERA? Come quello che ha fissato per legge nel 2004 che la gara SPC a fosse al massimo ribasso, come è già stata fatta nel 2005?
    Il bando calabrese che lei conosce bene, prevede la fine lavori SALVO COMPLICAZIONI, a fine 2016, mentre SPC richiede da marzo 2015 tutta la banda disponibile in centro (A Roma, sede dei Ministeri la banda è 1 Gigabit) ed in periferia (dove si passa dalle attuali ADSL a 640kb, ancora esistono, ad almeno 8Mb ed oltre).
    Poi abbiamo capito che Lei ha l’immunità parlamentare e dice ciò che vuole… noi comuni mortali ragioniamo solo con buonsenso e cura delle nostre TASSE…

  • Damiano

    l’on. Bruno Bossio si dissocia dai Parlamentari PDL che nel 2004 votarono approvando la legge che stabilisce che la gara SPC fosse al massimo ribasso…? E dal 2004 al 2014 cosa ha fatto????????
    Se ne accorge solo ora che le grandi Lobby Telco premono????
    Onorevole, tante volte, meglio tacere…!

Articoli correlati