Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Memory squad - 14° PUNTATA

Come il fuoco

di Edoardo Fleischner

31 Gen 2014

31 gennaio 2014

Cronache dal futuro, a cura del docente visionario Edoardo Fleischner (Comunicazione crossmediale all’Università degli Studi di Milano, ma anche progettista crossmediale) per Agendadigitale.eu

“Il Primo Tutor della Galassia, Pavlo Senn, deve fare un appello sull’incredibile sgancio delle memorie collettive…” spiegò Akila Khaspros, responsabile della Memory Squad 11, scendendo dall’autobus a due piani, la sede di copertura della squadra. “Ma senza il feedback globale?!… Non è possibile! Non riuscirà nemmeno a dire buon giorno!” sorrise Sama Hargo, analista del linguaggio e delle memorie. Staccarono le biciclette dal retro del bus.

Con tutte le memorie reticolari fuori uso, il Primo Tutor non avrebbe avuto davanti (in tempo reale) il pan-feedback, cioè l’umanide seduto di fronte a lui, somma di tutte le espressioni facciali, posture del corpo, commenti verbali che i 20 miliardi di umani avrebbero avuto, secondo dopo secondo, durante il suo discorso. Il pan-feedback era ormai usato da molti, non solo dai tutor della collettività, ma da chiunque avesse da fare, a distanza, un discorso, una comunicazione, uno spettacolo, una piece teatrale. Le memorie connesse davano questa possibilità da parecchi anni ormai. Inoltre i discorsi erano sempre virtualdati. Erano un’improvvisazione pilotata, attimo dopo attimo, dai dati selezionati dal reticolo globale, semanticamente organizzati e visualizzati nelle subcornee dell’oratore perché non sbagliasse citazioni, statistiche e avvenimenti storici.

“Non è in grado di contare neppure fino a dieci senza memorie connesse! Abbiamo bisogno di un vecchio gost writer, di uno scrittore ombra, di un suggeritore… Magari trovarne uno! Forse non ne esistono più…” Le sei biciclette avanzavano lente, quasi in surplasse.

“I dati fino a l’altro ieri, prima del Grande Ictus Mnemonico, riportavano la presenza di pochissimi soggetti geneticamente disconnessi. Uno di questi dovrebbe essere addirittura un nativo analogico… cerchiamolo…” “Non abbiamo informazioni più precise?” “Siamo riusciti a sapere solo che risiede, qui, nella capitale mensile del Pianeta… occorrerebbe un contatto… forse ho in mente chi… seguitemi…” Le biciclette arrancarono verso lo stadio.

I boati della tifoseria s’intubavano nel tunnel. I giocatori tacchettavano lo spogliatoio. Volavano tattiche per il secondo tempo. Afro Allaa, l’agente navigatore si avvicinò alla maglia numero 9, appiccicata sulla possente schiena: “Tu sai dov’è esattamente… vero?…” gli soffiò nell’orecchio. Sargett si voltò pronto: “Ti ho visto arrivare… ho capito cosa vuoi… chi vuoi…” “Non so che faccia abbia, ma nel buio della notte, in spiaggia, ci parliamo, spesso…” “Vive nel quartiere dei tutor. Si chiama Kernall… dicono che è l’aiutante del Primo Tutor… forse…” Sorrise Allaa: “Furbo il tipo… Si nasconde proprio nella casa del Responsabile Supremo delle memorie connesse, del reticolo…” “Il più analogico degli abitanti delle Galassia sotto lo stesso tetto del più reticolato…” “Sapete cosa?  Gli sarà più facile fare da suggeritore…” “Andiamo…”

Le sei biciclette degli agenti zizzagarono giù per la collina centrale, spellando qualche aiuola troppo sporgente. Imboccarono il vialetto in salita, di slancio, abbagliati dal sole. Mostrarono i loro distintivi ai secur-robot filando via verso il patio.

Kernall, l’aiutante del Primo Tutor, vociò: “ Deve fare il discorso! Lasciatelo in pace… Lasciatemi in pace…!” Il cappello di paglia a larghe falde gli faceva abbronzare solo la punta del naso. “Lei sarà il suo suggeritore, l’ha capito questo, vero?!” impose sbrigativamente Khaspros. “Venga con noi! Il Primo Tutor deve fare il discorso al più presto…” “Vi precedo io. Conosco meglio di voi la casa…” sfidazzò Kernall.

Kernall agile e sfacciato entrò senza bussare. La Stanza Centrale del Primo Tutor era vuota. “Aspettiamolo qui…” ordinò Khaspros. Kernall si diresse verso la Poltrona dei Discorsi e, con una mezza piroetta, si sedette.

“Non faccia lo spiritoso… Non può prendere il suo posto!” intimò la caposquadra Khaspros.

“Tanto si tratta solo di chiacchiere…” con due brevi gesti delle mani Kernall accese i sistemi di ripresa.

“Sa bene che non può farlo!” alzo la voce Khaspros, “Lei però è l’unico che può, anzi deve, fare il suo suggeritore…”

“Di me stesso…” sussurrò Kernall. “Improvviserò, senza problemi…” Si aggiustò meglio sulla Poltrona dei Discorsi, si tolse il cappello di paglia a larghe falde: “Cari concittadini, quarantotto ore fa la nostra Galassia ha subìto il blocco di tutte le memorie connesse e reticolari. Come Primo Tutor della Galassia…”

Il discorso del Primo Tutor, Pavlo Senn, fu chiaro come il cielo, fluido come l’acqua, concreto come la terra, convincente come il fuoco.

 (14-continua la serie. Ogni episodio è “chiuso”)

  • Attilio A. Romita

    In un vecchio libro Sciascia individue per l’umanità quattro categorie: Uomini, mezz’uomini, ominicchi e quaquaraquà.
    In modo meno poetico ed usando un metodo dicotomico, ben sapendo tutti gli errori ai quali questo metodo può portare, potremo dire che esistono gli esecutori non pensanti e quelli pensanti. Ovviamente esiste anche la categoria, purtroppo la più numerosa, degli amorfi, ma di questi poco ci interessa anche se nel mondo democratico anche il loro voto conta.
    Ma anche per i pensanti esistono due categorie: i razionali puri ed i razionali nei quali la fantasia non è del tutto spenta.
    Ed è proprio quest’ultimo piccolo gruppo che fa fare i passi avanti all’umanità …talvolta anche con grandi capitomboli!!!
    Vogliamo chiamarli innovatori, artisti, folli pensatori …la definizione non ha importanza, ma per il bene dell’umanità, qualche volta diamo ascolto anche alle loro fantasie…..

Articoli correlati