scenari

I contatori smart del futuro: unificati, virtuali e con blockchain

Si potrebbero prevedere smart meter integrati virtuali in grado di raccogliere i dati di consumo globali. Oltre alla comunicazione dati, dovrebbero quindi consentire telecontrollo e diagnostica al distributore e telelettura al cliente ed essere abilitati a una nuova funzione di smart contract con registrazione blockchain

08 Nov 2017
Francesco Pirro

responsabile Area Innovazione della PA AgID

smart city_560087686

Nuove soluzioni dall’Europa, ma anche dall’Italia, per andare incontro ai bisogni del consumatore che chiedono bollette trasparenti e risparmi sui servizi di energia, gas e acqua. Nel precedente articolo ho delineato il quadro della situazione e fatto il punto sui contatori intelligenti, pensando a uno scenario evolutivo auspicabile si potrebbe prevederne ad esempio l’uso di uno integrato virtuale che sia in grado di raccogliere i dati di consumo globali dell’utente, di tutte le principali fonti di approvvigionamento, acqua, gas, elettricità ed eventualmente anche riscaldamento, mediante opportune unità metrologiche come rappresentato schematicamente nella figura seguente.  Le fonti di input dei dati potranno essere dirette, come nel caso della misura di energia elettrica, o derivate nel caso di gas e acqua che, normalmente, sono misurate da contatori indipendenti a monte dello smart meter. Lo smart meter integrato virtuale, quindi, oltre a fornire le classiche funzioni di comunicazione dati, che in questo caso dovrebbe essere diretta al SII (Sistema Informativo Integrato), dovrebbe consentire il telecontrollo e la diagnostica al distributore e la tele-lettura dei dati di consumo al cliente ed anche essere abilitato ad una nuova funzione di smart contract la cui registrazione dovrebbe essere basata su tecnologia blockchain e la cui funzione specifica verrà dettagliata di seguito.

L’ulteriore elemento caratterizzante tale scenario, quindi, potrebbe riguardare proprio la possibilità di utilizzare una terza parte fidata (TTP, Trusted Thirdy Party) verificatore e certificatore delle misure di consumo, un soggetto pubblico, o sotto il controllo di un ente pubblico come ad es. l’Acquirente Unico.

Mentre l’installazione dello smart meter, la gestione del firmware/software e le funzioni diagnostiche potranno continuare ad essere (o meno) a carico dell’impresa distributrice, la raccolta delle misure certificate potrebbe essere a carico, in modalità automatica, della TTP .

Figura 2. Schema architetturale evoluto del sistema di smart metering

La possibilità di integrazione dei nuovi trend tecnologici come l’IOT e le blockchain nell’ecosistema energetico induce delle riflessioni sullo scenario evolutivo del modello sopra descritto, al quale potrebbe risultare conveniente introdurre ulteriori elementi di flessibilità proprio nella parte riguardante i profili di consumo di energia elettrica, senza dover necessariamente modificare le attuali forme contrattuali, rendendo così l’ecosistema energetico italiano all’avanguardia rispetto alle soluzioni individuate dagli altri paesi europei.

Attualmente i contratti più comuni per le utenze domestiche prevedono un’assegnazione fissa della potenza istantanea erogabile: 1.5, 3, 4.5, o 6 KW e i costi derivanti da tale possibilità o potenzialità di utilizzo sono molto diversi.

Ovviamente nessuno assorbe 1.5 o 3 o 4.5 o 6KW istante per istante durante la vita del contratto, si tratta solo della disponibilità all’accesso, di un limite superiore raramente raggiunto anche perché, se superato, interverrebbe il limitatore del contatore ad interrompere l’erogazione di energia.  È un concetto simile alla disponibilità di banda per gli accessi alle reti di telecomunicazione. Tuttavia le esigenze energetiche sono molto più complesse da parte dell’utenza. Capita spesso di avere bisogno in un particolare intervallo di tempo di maggiore potenza magari anche di 8 KW, mentre per lunghi periodi il fabbisogno può essere molto più basso o nullo, per esempio quando si è in viaggio o comunque fuori dalla propria abitazione. D’altra parte sarebbe piuttosto complicato stipulare contratti “liberi”, perché ciò presupporrebbe la capacità della rete di erogare picchi di potenza non pianificabili a priori. Ma ciò che spesso fanno i distributori di energia elettrica è un bilanciamento dei fabbisogni dei propri clienti che fanno capo ad una stazione o sottostazione di trasformazione per cui nominalmente si ha a disposizione una determinata potenza ma se poi tutti fanno ricorso al massimo della potenza allora potrebbero verificarsi dei blackout, come spesso accade d’estate quando tutti fanno utilizzo dei condizionatori. I distributori usano a proprio vantaggio la differenza tra potenza nominale disponibile e potenza effettivamente erogata. L’architettura ipotizzata di seguito, mediante l’introduzione di meccanismi basati sui principi dell’IOT e delle blockchain, prevede di trasferire i vantaggi di tale flessibilità anche sull’utenza, lasciando invariata la forma contrattuale (o con una piccola revisione).

Figura 3. Schema architetturale del sistema evoluto di smart metering in una logica di controllo blockchain

L’ipotesi di base è che gli smart meter integrati possano essere connessi tra loro, oltre che al distributore o alla TTP e agiscano come nodi intelligenti di una rete. In alternativa potrebbero essere inseriti in rete concentratori specializzati che possano fornire una maggiore capacità elaborativa lasciando agli smart meter funzioni più classiche.

Alla stessa rete sono connessi anche i diversi distributori, indicati in figura con le lettere “D”, e la terza parte, p.e. Acquirente Unico, che fornisce la funzione di “stanza di compensazione”, denominata WEG ROOM (Water-Energy- Gas).

Gli smart meter inoltrano le richieste cifrate di maggior potenza temporanea ai nodi attivi in rete (rete potenzialmente strutturabile in Cloud) utilizzando la tecnologia blockChain su protocollo NB-IoT. A tale richiesta potranno rispondere tutti i nodi che rilevano un sottoutilizzo o prevedono un sottoutilizzo durante il range temporale richiesto della potenza necessaria all’impianto che regolano. Quindi, il nodo Ricevente l’approvazione (Dx) e il o i nodi offerenti (Ox) comunicano al proprio distributore i risultati della transazione attraverso il modulo Smart Contract e attivano la disponibilità permettendo all’utente di utilizzare la potenza richiesta. L’intera transazione sarà scritta nel Ledger secondo le regole basate sulla tecnologia BlockChain e quindi senza neanche la necessità di un’autorità centrale detentrice di un registro.

I nodi Dx avranno un incremento del costo in bolletta proporzionale al surplus di energia consumata e alla potenza richiesta, sempre limitata dalla certificazione dell’impianto stesso, mentre i nodi Ox avranno una riduzione in relazione alla quota parte di potenza cui si è rinunciato temporaneamente.

A cosa serve in questo scenario la WEG Room? Semplicemente a fare da camera di compensazione fra i diversi distributori perché i nodi Ox potrebbero appartenere a distributori diversi e quindi è necessario un conteggio complessivo di cosa è dovuto a chi. I risultati della compensazione sono trasmessi alla TTP che provvede ad inviare i dati economici ai distributori per l’addebito/accredito in bolletta.

Tale scenario futuribile, ma non troppo, sarebbe ragionevole che fosse oggetto di un appalto precompetitivo gestito dall’AgID che in base all’art.19 della Legge 179 già svolge il ruolo di stazione appaltante per la PA in merito ai progetti di ricerca e quindi potrebbe chiedere ai partecipanti di realizzare un prototipo che simuli il comportamento descritto in termini di sistema di misura e di gestione e che preveda sia la realizzazione di uno smart meter con le funzionalità indicate in figura 2, sia un’analisi e verifica dei flussi dati che verrebbero scambiati secondo lo schema architetturale riportato in figura 3.

Tale prototipo potrebbe costituire poi la base rispetto alla quale poter trasformare l’intero sistema di misura dei servizi pubblici energia gas e acqua, rappresentando per il nostro paese un grande passo in avanti anche rispetto alle realtà europee più avanzate come quella inglese.

Sicuramente molto si è fatto sui sistemi di misura, ma c’è ancora moltissimo da fare.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati