La denuncia

Italia senza strategia sul digitale: rapporto 2013 sulla Digital Agenda Scoreboard

C’è un ritardo generalizzato correlato all’assenza di una strategia organica sul digitale. Anche nel mercato del mobile, dove l’Italia vanta una penetrazione tra le più elevate, il tasso di traffico prepagato è il più alto tra i Paesi Europei, con un approccio culturalmente ed economicamente precario

20 Giu 2013
iacono-121216145433

Certamente non era necessaria la fotografia data dal Rapporto Annuale della “Digital Agenda Scoreboard” pubblicato il 12 giugno per sapere che sui diversi temi chiave dell’Agenda Digitale Europea l’Italia è nelle posizioni di retroguardia.

Eppure, leggendo il rapporto, impressionano due evidenze:

  • l’Italia è in posizioni di retroguardia sulla media dei 27 Paesi Europei su tutti i principali indicatori, ad eccezione di quello relativo alla copertura con banda larga (ma anche qui, come vedremo, la situazione non è per niente positiva);

  • i Paesi che sono in retroguardia come l’Italia mostrano un tasso di miglioramento maggiore di quello del nostro Paese, per cui sono diversi i casi in cui la situazione italiana risulta in peggioramento relativo (ad esempio, si vedano la percentuale di persone che non hanno mai usato Internet, quella delle PMI che utilizzano il commercio elettronico per vendere i propri prodotti, il tasso di penetrazione della banda larga e la diffusione delle reti di nuova generazione).

Il quadro complessivo, così, fa emergere un Paese che ha delle nicchie di buone prestazioni (la percentuale di persone con elevate competenze ICT, l’uso di processi online da parte delle imprese) nell’ambito generale di un rallentamento che diventa anche troppo evidente lì dove deve essere prodotto un passo decisamente innovativo (come quello legato alla diffusione di banda oltre i 30 Mps, dove l’Italia si trova indietro a tutti gli altri Paesi europei).

Credo sia utile ripercorrere il rapporto rispetto a quelli che sono stati definiti “indicatori chiave di prestazione” per misurare l’attuazione dell’agenda digitale europea.

Copertura con banda larga

I target europei prevedono per il 2013 il 100% di copertura con banda larga (superiore a 2Mps), che nel 2020 diventa il 100% di copertura con banda superiore ai 30Mps, accompagnata dal 50% in banda superiore ai 100Mps (banda ultralarga). L’Italia mantiene una percentuale vicina al target per la banda a 2Mps (e qui il Piano per la Banda Larga prevedeva il raggiungimento dell’obiettivo con il recupero di alcune zone meno coperte, come il Molise), mentre è al palo sulla banda oltre i 30Mps (ultima con la Grecia), con una forbice che tende a crescere tra Italia e media europea se si osservano i dati di penetrazione della banda superiore ai 10Mps.

Acquisti e vendite online

I target europei prevedono per il 2015 che il 50% delle persone abbiano fatto acquisti online (e il 20% anche fuori dal proprio Paese) e che il 33% delle PMI abbia effettuato vendite online. L’Italia sui primi due indicatori è posizionata nel quadrante di retroguardia, meglio solo di Bulgaria e Romania, con meno del 20% di persone che hanno acquistato online (e di questi la metà oltre confine), contro una media europea del 45%. Stessa situazione per le PMI, dove meno del 5% delle italiane effettua commercio elettronico, in grande ritardo rispetto alla media europea (13%), trainata da alcuni Paesi in particolare come Svezia, Danimarca, Regno Unito, Slovenia, lontani tutti comunque dall’obiettivo europeo.

Uso di Internet da parte della popolazione

I target europei prevedono per il 2015 che utilizzi Internet regolarmente il 75% della popolazione europea (almeno una volta la settimana), il 60% della popolazione svantaggiata e che si riduca al 15% la parte di popolazione che invece non l’ha mai usato. Qui l’arretratezza italiana è non solo evidente (poco più del 50% di utenti “regolari” e quasi il 40% di popolazione che non ha mai usato Internet) ma anche in progressivo incremento, poiché Paesi in ritardo (come la Polonia, la Romania, il Portogallo) si muovono con tassi decisamente più elevati e via via raggiungono livelli migliori di quelli italiani.

Uso di servizi di egovernment

L’indicatore a carico di ciascun Paese europeo (popolazione che usa servizi di egovernment) prevede un target del 50% per il 2015. Questo dato, evidentemente correlato a quello complessivo sull’uso di Internet, vede l’Italia in sostanziale ritardo (meno del 20% contro l’oltre il 40% della media europea) rispetto a tutti i Paesi europei.

Riflessioni conclusive

Il quadro che si disegna globalmente è di un ritardo generalizzato correlato all’assenza di una strategia organica sul digitale. Anche nel mercato del “mobile”, dove l’Italia vanta una penetrazione tra le più elevate, è significativo rilevare come il tasso di traffico prepagato sia il più alto tra i Paesi Europei, con un approccio culturalmente ed economicamente precario che è proprio dei Paesi con maggiore ritardo sul digitale (es. Romania, Grecia, Malta, Portogallo).

La mancanza di una strategia organica si evidenzia anche dai dati negativi che si hanno sia sul fronte della penetrazione della banda larga tra la popolazione, sia sul forte ritardo di quella ultralarga, sia sulla disponibilità dei servizi online (dal commercio elettronico all’Internet banking), sia sul loro uso (tra i più bassi in Europa), il tutto correlato con una diffusione di competenze digitali che è tra le più basse in Europa. Il tutto però coniugato con uno strato di eccellenza (dalle competenze alle imprese) che si colloca ai livelli più elevati.

Un Paese sempre più divaricato e disomogeneo e allo stesso tempo incapace di muovere quel cambiamento indispensabile per la crescita economica e sociale.

Cambiamento che però non può che partire dall’acquisizione della consapevolezza che senza strategia è molto difficile definire una governance efficace e un piano di azione che possa davvero incidere sulla società italiana.

Si continua a trattare l’agenda digitale come un affare da esperti di tecnologia, e non per niente il comunicato stampa emesso dal CdM sul decreto “del fare” ha preannunciato un Tavolo permanente composto da “esperti, imprese, università”. Il digitale come aspetto di settore, parallelo agli altri settori di intervento, al contrario di quanto sostenuto anche in diverse iniziative della società civile.

Così, come si evidenzia in uno dei rapporti della Digital Agenda Scoreboard sulla situazione italiana, è naturale che le imprese italiane siano tra quelle che in Europa cercano meno personale con competenze ICT (4% contro l’8% della media europea): “dato il basso tasso di uso di Internet da parte dei cittadini e delle imprese, le imprese hanno una bassa esigenza di assumere specialisti ICT”. In pieno circolo vizioso.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4