Codice amministrazione digitale

Perego: “Serve una struttura di governo forte al comando della riforma PA”

05 Ott 2016
Alessandro Perego

Politecnico di Milano


Ora è il momento di agire con rapidità e trasformare i principi che permeano questo nuovo CAD in regolamenti attuativi e strumenti che possano guidare e accompagnare il Sistema Paese in una vera trasformazione digitale.

Serve, quindi, una struttura di governo forte al comando di questa riforma: una struttura dotata di una capacità di lavoro di gran lunga superiore a quella attuale, fondata su relazioni reali e consolidate con la Pubblica Amministrazione – in particolare quella locale – e sulla collaborazione con gli esperti.

Non può più guidare la prudenza e un atteggiamento attendista (forse troppo diffuso negli ultimi anni), ma è d’obbligo muovere passi decisi sul percorso oggi tracciato. Non può vincere la paura di non essere pronti, ma si deve costruire un piano concreto e attuabile, anche con la definizione di chiari obblighi per le Pubbliche Amministrazioni.

WHITEPAPER
Una guida pratica alla modernizzazione del sistema EDI
Cloud
Dematerializzazione

Un piano che non può però prescindere dalla messa in campo di nuove risorse e finanziamenti: attingendo, per esempio, dai risparmi derivanti dai tagli previsti sulla spesa corrente in ICT, e reinvestendoli almeno in parte in strumenti concreti e – forse prima di tutto – in formazione. Per raggiungere l’obiettivo è fondamentale che le imprese, le Pubbliche Amministrazioni e i cittadini siano pronti a fare propria l’innovazione, pronti a un cambiamento che toccherà il proprio modo di vivere e di pensare, l’organizzazione in cui sono inseriti e, prima di tutto, che richiederà il formarsi una propria nuova “cultura digitale”.

Articoli correlati