Agenda dimenticata?

Sacco (Bocconi): “La chiave Ict per tutti i grandi problemi italiani”

La tecnologia non compare mai nel dibattito sui grandi mali del Paese. Ma migliora la competitività delle aziende, crea occupazione (soprattutto giovanile), riduce la burocrazia, aiuta l’export, migliora l’efficienza della giustizia e del sistema tributario. Ma anche la certezza del diritto, la concorrenza e il capitale umano. Aiuta a preservare l’ambiente e a ridurre gli squilibri territoriali

23 Apr 2013
Francesco Sacco

docente di management consulting all'Università Bocconi di Milano

francesco-sacco-120914163816

Chiusa la partita politica dell’elezione del Presidente della Repubblica, si ritorna a parlare del nuovo governo. Quindi, anche se grazie al lavoro svolto dai saggi nominati dal presidente Napolitano, parte del lavoro è stato già fatto, si torna a parlare di programmi. E, parlando di programmi, si ritornerà a chiedersi cosa fare per l’agenda digitale, per colmare le differenze che ci separano dal resto d’Europa e per modernizzare il Paese. Sono tutte domande giuste ma ormai poco originali. Le abbiamo già sentite decine di volte, cominciano ad essere un po’ consumate e a suonare come tante rivendicazioni vetero-sindacali, fatte da un gruppo d’interesse trasversale, senza sigle ma anche senza rappresentanza, ripetute come un mantra per sembrare più vere ma sostanzialmente vuote di contenuto.

È davvero questa la situazione?

Se la si valuta accostando i dati drammatici dell’economia e dell’occupazione, i fermenti sociali o i problemi delle mancate riforme, la conclusione per la maggioranza dei nostri concittadini è scontata: in un paese come l’Italia, il problema della digitalizzazione non può essere che secondario.

Difficile sostenere il contrario e pensare di ottenere un’accoglienza benevola, dai partiti come dai sindacati, da Confindustria come dalle altre forze sociali. Ma questa, a mio avviso, dopo tutto il tempo che è passato e i ritardi accumulati, è l’agenda digitale sbagliata, quella frutto di impegni che sono stati presi e devono essere rispettati, ma fatta di obiettivi numerici fissati in astratto e uguali per tutti, lontana dai problemi specifici dei singoli paesi e incapace ad oggi di portare risultati veri nella sfida per la digitalizzazione, che è globale ed ha come obiettivo il dominio del mondo digitale.

L’elenco dei problemi italiani, al contrario, è molto lungo e specifico, ma da troppo tempo è sempre lo stesso. Il contesto internazionale, la congiuntura o le emergenze che si succedono ne cambiano gli accenti e le priorità, ma la sostanza rimane purtroppo sempre la stessa: migliorare la competitività delle nostre imprese, creare lavoro, aiutare le famiglie, migliorare le esportazioni, dare credito alle PMI, migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione nel suo sistema tributario, migliorare la legislazione e la certezza del diritto, l’istruzione e il capitale umano, la concorrenza e la tutela dei consumatori, favorire la ricerca e l’innovazione, preservare l’ambiente e rimuovere gli squilibri territoriali (l’elenco è liberamente tratto dalla Relazione del Gruppo di lavoro in materia economico-sociale ed europea istituito il 30 marzo 2013 dal Presidente della Repubblica).

Eppure, nelle soluzioni che si discutono di tutti questi problemi l’ICT non compare mai se non marginalmente anche se è un pezzo della soluzione perché migliora la competitività delle aziende che l’utilizzano, crea occupazione (soprattutto giovanile), riduce la burocrazia, migliora la trasparenza e l’efficienza degli interventi statali, aiuta l’export, migliora l’efficienza e l’efficacia della giustizia e del sistema tributario ma anche la certezza del diritto, la concorrenza e il capitale umano, aiuta a preservare l’ambiente e può essere uno strumento per ridurre gli squilibri territoriali.

È così semplice la questione? Basta un po’ di informatica condita con Internet? No. L’ICT è solo un pezzo della soluzione – lo strumento, appunto – ma molto spesso è il mezzo più efficiente ed efficace per intervenire su tutti questi problemi. Rende possibili – e a basso costo – un numero straordinariamente ampio di nuove soluzioni, soprattutto se si prova a ridisegnare il sistema nella sua interezza e non si pensa di efficientare soltanto qualche pezzo di quel che prima veniva fatto senza ICT. Il vero tema dell’agenda digitale in Italia è come usare la digitalizzazione è in modo adeguato per avere soluzioni che risolvano davvero i problemi.

Ad esempio, non basta mettere una lavagna elettronica e dei tablet in una classe per modernizzare la scuola. La scuola si modernizza se si migliora ciò che vi viene insegnato, che non cambia se non cambia anche il modo di insegnare. Ma oggi lo strumento più potente per implementare una nuova didattica è proprio l’ICT, se si realizza il suo presupposto: creare una nuova didattica che sfrutti le possibilità dell’ICT. Non cambia la natura strumentale dell’ICT, cambia la portata dell’intervento necessario per ottenere l’effetto desiderato e se si implementa il curriculum mapping con un archivio centralizzato in cui diverse scuole condividono le soluzioni didattiche per gli stessi programmi, anche cambiare la didattica diventa relativamente più semplice, rapido ed economico.

Allo stesso modo, per eliminare le false fatturazioni e i ritardi dei pagamenti basterebbe centralizzare presso l’amministrazione tributaria l’emissione delle fatture di tutti i soggetti IVA e collegare il relativo database al sistema dei pagamenti bancari. Sparirebbero in un colpo le fatture false come anche le fatture scontate due volte in banca ma i ritardi dei pagamenti avrebbero una sanzione certa, indipendente dalla volontà delle parti, ed evidente a tutti.

La digitalizzazione è oggi lo strumento più duttile ed efficiente che abbiamo a disposizione per fare politica industriale. È anche il migliore strumento per implementare quei cambiamenti di cui nei più diversi campi abbiamo bisogno. In questa prospettiva, in Italia, la vera agenda digitale, dovrebbe essere come utilizzarla al meglio perché è proprio nell’implementazione delle riforme che siamo carenti, e basta vedere alla numerosità dei passaggi necessari per lo sblocco dei pagamenti arretrati della PA per capire quanto ce ne sia bisogno.

La vera sfida però diventa un’altra. Se si possono davvero cambiare le cose, si avrà la volontà di farlo?

——————————————————————

Francesco Sacco apre una serie di articoli che pubblicheremo sotto il tema (tag) Agenda digitale dimenticata (affermazione e punto di domanda). Per spronare la politica a non considerare secondario un settore che potrebbe essere invece un bandolo della matassa. Rivolgiamo anche ai lettori l’invito a mandare proprie analisi, al solito indirizzo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2