studio polimi

Turismo, stop al fai da te digitale: ecco come può evolvere l’offerta italiana

Le aziende del turismo italiano si affidano ormai ai big di internet e non ambiscono più a sostituirli nell’offerta. Per farla evolvere bisogna puntare altrove: migliorando coordinamento, formazione, infrastrutture. Ecco i dati del Polimi

21 Mar 2017
Eleonora Lorenzini

Direttore Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali

digital_106636133

Anche l’Italia ha il suo Piano Strategico del Turismo, approvato qualche settimana fa dal Consiglio dei Ministri. Tra gli obiettivi vi è anche quello di sostenere la cooperazione permanente e organizzata delle istituzioni e agenzie che, ai diversi livelli (nazionale, regionale e territoriale), sono titolari della governance del turismo. Le destinazioni costituiscono l’unità attorno a cui ricostruire la competitività del sistema turistico nazionale, e proprio per questo ci sembra cruciale riflettere su cosa avviene a questo livello, per comprendere anche su quali orizzonti attuativi sarà più efficace che i diversi livelli amministrativi si concentrino.

Le analisi condotte sui vari fronti dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo ce ne danno uno spaccato interessante.

Se consideriamo le opinioni rilasciate dalle Strutture ricettive, attore fondamentale nell’offerta turistica locale, si evidenzia come sia diminuita l’importanza attribuita ai portali di prenotazione e promozione territoriali. Anche l’efficacia dell’advertising su siti legati alla località è in discussione: il 14% vi investe ma solo il 3% lo valuta come uno degli strumenti promozionali più efficaci. Emerge dunque il disincanto da parte delle Strutture ricettive rispetto all’idea di togliere spazio alle OTA con i portali territoriali, su cui molti enti pubblici ancora investono (o per meglio dire sprecano) risorse. Il disincanto delle Strutture sembra da imputare, da un lato, ai risultati insoddisfacenti dei portali territoriali oggi attivi – inadatti a competere con i colossi del digitale – e, dall’altro, al progressivo avvicinamento delle OTA alle Strutture (sono numerose e insistenti le azioni riscontrate sul territorio italiano). Anche sul versante della domanda si conferma questa tendenza. Per la ricerca su Internet solo il 5% dei Turisti digitali utilizza siti delle località estere ed italiane (mentre erano il 18% nel 2015).

Di pari passo emerge un altro risultato interessante: le Strutture ricettive considerano le OTA non più come una minaccia ma come un’opportunità. Il 62% delle Strutture è soddisfatto delle OTA, nonostante in media ogni struttura stimi di aver ceduto loro il 16% del transato. La ragione è semplice: il 70% di chi è presente su queste piattaforme dichiara un aumento delle proprie prenotazioni, sia quelle intermediate, grazie al servizio svolto dalle OTA, sia quelle dirette, grazie alla visibilità online generata.

A fronte dell’oligopolio sulla ricettività, le grandi Internet Company – le OTA in primis ma non solo loro – guardano con crescente interesse alle destinazioni e in particolare agli ancillary, servizi comunemente denominati ‘aggiuntivi’ rispetto ad alloggio e trasporto ma che in realtà stanno acquisendo sempre maggiore rilevanza nell’esperienza turistica (ad esempio ristorazione, attività culturali e sportive, corsi, degustazioni). Google e Airbnb, ad esempio, stanno lanciando app e soluzioni per offrire in un unico strumento informazioni su tutti i servizi di cui il turista ha bisogno.

Anche le Agenzie di viaggio puntano a trasformarsi in promotrici di soluzioni di viaggio e servizi per i flussi incoming (sia italiani che stranieri) in arrivo sul loro territorio: è attività rilevante per il 23% delle Agenzie italiane, cui si aggiunge un 43% di Agenzie che se ne occupa non in modo prevalente. Si nota una crescita rispetto al 2015 quando se ne occupava il 43% delle Agenzie. Inoltre il 69% ritiene che nel futuro la propria specializzazione in questo ambito aumenterà.

In questo scenario in cui le destinazioni italiane stanno acquistando rilevanza come entità intorno alla quale Internet Company e Agenzie di viaggio sviluppano la loro offerta, come deve evolvere il ruolo degli enti pubblici territoriali?

Pensare di agire sulla distribuzione, cercando di sostituirsi ai grandi aggregatori dell’offerta, sarebbe utopico, sebbene a livello centrale, invece, sia fondamentale vigilare sul rispetto delle regole di competizione e antitrust. Molto può invece essere fatto sul fronte del coordinamento dell’offerta e sul fronte infrastrutturale per rendere l’esperienza digitale sempre più “smart”, anche una volta giunti in destinazione.

I campi di applicazione sono svariati. Il più basilare riguarda la formazione per gli operatori, che molto spesso hanno dimostrato di non avere gli strumenti per rimanere competitivi: per fornire un solo esempio, appena il 15% delle strutture ricettive italiane utilizza un programma di customer relationship management (CRM), mentre al 58% di esse non interessa o non sa cosa sia. Altro fronte di straordinaria importanza è la disponibilità di open data per rendere la destinazione accessibile agli operatori che intendono promuovere l’offerta del territorio. Un ambito su cui diverse città stanno investendo è quello della “smart destination”, abilitata dall’Internet of Things.  L’ultima indagine dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano ha riscontrato che il 48% dei Comuni con oltre 20.000 abitanti ha attivato un progetto di Smart City nell’ambito dell’Entertainment e dei Servizi Turistici (categoria seconda solo rispetto ai servizi di Gestione del traffico). È infine ancora tutta da giocare la partita delle Carte Turistiche digitali, che potrebbero favorire un’integrazione virtuosa e benefica per gli operatori locali e offrire vantaggi concreti ai Turisti, che disporrebbero così di un unico strumento per accedere a una molteplicità di servizi anche avanzati (come i pagamenti digitali), risparmiare tempo e accumulare sconti. Qualche iniziativa è in fase di avvio (ad esempio nella Riviera Romagnola e a Roma) e ci auguriamo che diventi una buona pratica “scalabile” su molte altre destinazioni.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati