Economia e legalità

Antifrode: come l’analisi dei big data può aiutare a monitorare l’uso dei fondi europei

Oggi è possibile confrontare diverse banche dati in modo aggregato: ma dopo l’interoperabilità delle piattaforme, il prossimo passo per l’antifrode sarà utilizzare al meglio la big data analysis. I dettagli, gli ultimi interventi legislativi in Europa e in Italia

06 Lug 2022
Massimo Colucciello

fondatore e CEO PA Advice

Ugo Liberatore

Colonnello Guardia di Finanza, Dirigente ufficio IV Servizio centrale per il PNRR del Ministero Economia e Finanze

missione1 - PNRR - antifrode

Dopo la pandemia, il bilancio dell’Unione è cresciuto come mai prima. È stato approvato sia il Quadro Finanziario Pluriennale 2021-2027 da 1.074 miliardi che il Next Generation Ue da 750 miliardi. Per l’Italia c’è la declinazione del PNRR, che con il suo enorme corollario di risorse, ambisce a modificare l’assetto competitivo del Paese.

Tuttavia, tra le tante sfide poste da questo scenario, una è decisiva: limitare al minimo l’uso distorto delle risorse. In questo senso, un grande aiuto può arrivare dal digitale che sta profondamente migliorando il sistema di contrasto e prevenzione delle frodi.

Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini

Antifrode: gli interventi legislativi in Europa e in Italia

Negli ultimi anni, a livello europeo ci sono stati diversi interventi. È stato rivisto il regolamento dell’ufficio europeo per la lotta antifrode, OLAF, potenziato e messo in più stretta collaborazione con l’EPPO, la Procura europea.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

È stato adottato il cosiddetto “regolamento sulla condizionalità”, teso a tutelare il bilancio comunitario da violazioni degli Stati Membri tali da compromettere gli interessi finanziari dell’Ue.

Sono state implementate le misure della strategia antifrode della Commissione (CAFS) adottata nel 2019.

A livello nazionale il Servizio di coordinamento antifrode (AFCOS), istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, aggiorna costantemente la “Strategia Nazionale Antifrode” (NAFS) sia nei contenuti che nelle tempistiche, ora adeguate agli orizzonti temporali del bilancio Ue.

Inoltre, vengono tenute in conto le ultime evoluzioni dei fenomeni di illegalità tenendo in conto possibili infiltrazioni della criminalità organizzata. Soprattutto, gli strumenti tecnologici consentono ora di accentrare e rendere visibili e trasparenti tutte le informazioni relative ai beneficiari dei Fondi strutturali e di quelli riconducibili al Recovery and Resilience Fund (il fondo collegato al Pnrr).

L’interoperabilità delle piattaforme per l’antifrode

Finalmente si possono confrontare diverse banche dati interrogando un unico sistema in modo aggregato, senza dover svolgere ricerche distinte. Questo “mettere in connessione” sistemi informatici integrati, in grado di combinare dati eterogenei provenienti da fonti diverse, consente di rendere trasversale il sistema di prevenzione, individuazione e contrasto delle irregolarità.

In particolare: ci sono il data warehouse e il data mart, attivati all’interno del sistema unitario “ReGiS”; c’è il sistema antifrode “Arachne” messo a disposizione dalla Commissione Europea; è entrata in funzione a dicembre 2021 la piattaforma PIAF IT, che permette un’uniforme raccolta dei dati con totale garanzia sulla loro qualità e completezza.

Questa interoperabilità delle banche dati, nazionali ed europee, consente l’automatica ricostruzione dell’intera catena di illegalità e una tempestiva mappatura dei collegamenti e delle connessioni esistenti tra i vari soggetti coinvolti nelle operazioni fraudolente, rafforzando l’attività di prevenzione e contrasto (con particolare riferimento alle frodi e alla duplicazione dei finanziamenti).

Far dialogare i sistemi e le informazioni rappresenta, evidentemente, un grande valore aggiunto, un salto quantico. Ma non solo. I fondi europei si costruiscono su periodi di sette anni e già da tempo la digitalizzazione è sempre più strategica, con scambio elettronico di dati fra i diversi attori della governance.

La big data analysis per il monitoraggio in tempo reale

La vera sfida dei prossimi anni è realizzare l’architettura di nuovi sistemi informativi e di implementazione di piattaforme tecnologiche in grado di analizzare in maniera intensiva e selezionata un’enorme massa di dati dematerializzati, stratificati nel tempo e nello spazio.

L’attuale sistema di controllo a tutela degli interessi finanziari dell’Ue si è finora concentrato sull’idea che le informazioni disponibili possano essere utilizzate a sostegno dell’attività di controllo ex post, supportando il monitoraggio con un controllo a posteriori.

Con l’uso dei big data e un approccio data driven, invece, si potranno avere importanti effetti sulla gestione dei fondi europei e delle risorse stanziate con il Pnrr e costruire processi e modelli decisionali sempre più basati su informazioni che emergono già durante la fase di attuazione, con ciò favorendo la fase di prevenzione rispetto a quella della repressione.

La grande quantità di informazioni oggi disponibili, di natura attuativa e statistica, consente infatti di fare un decisivo passo avanti a supporto delle attività di decision making. Di conseguenza, l’impiego dei nuovi sistemi digitali e di business intelligence non sarà più percepito come un onere burocratico, ma come uno strumento prezioso e un valore aggiunto per la prevenzione della corruzione, delle frodi, nonché dei conflitti di interesse e della duplicazione dei finanziamenti.

Analizzando gli insiemi di tutte le informazioni disponibili (big data) sul beneficiario finale potrebbero emergere maggiori rischi di uso distorto delle risorse. Una rappresentazione dei dati sottoforma di “reti” consentirebbe di far emergere con maggiore facilità relazioni indirette e non evidenti tra soggetti (ad esempio relazioni tra società) che possono essere correlate a schemi di frode difficilmente individuabili con le tradizionali tecniche di analisi.

Si potrebbero infatti incrociare: banche dati su appalti, archivio delle fatture elettroniche, dati estraibili da piattaforme digitali, siti riferiti a soggetti, enti, organizzazioni e società che hanno ricevuto un finanziamento diretto e indiretto a seguito di un progetto o di un appalto.

In tale contesto la creazione di un partenariato pubblico-privato potrebbe favorire lo sviluppo di un dialogo tra enti pubblici (Presidenza del Consiglio dei Ministri/COLAF, ministeri della Giustizia e dell’Economia, Corte dei Conti, Agenzia Dogane, Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate, ANAC) ed istituzioni finanziarie private (banche, assicurazioni, istituti di credito, ordini professionali, società di consulenza informatica).

Dunque, un rafforzamento della cooperazione nazionale ed europea con particolare riguardo alla prevenzione e al contrasto di frodi, riciclaggio, corruzione, finanziamento del terrorismo. La cooperazione potrebbe avere, tra i suoi obiettivi strategici, la realizzazione di una struttura centralizzata per la stesura di procedure di controllo, lo scambio informativo tra i partner, valutazione dei rischi e, principalmente, l’implementazione e la creazione di innovative e sempre più performanti IT tools.

Investire in formazione e semplificare i processi di controllo

Ma la tecnologia, come sempre accade, non può rappresentare ‘da sola’ la soluzione; occorre lavorare sulle competenze del personale pubblico, in larga parte nuovo a quest’approccio ed in questa fase ampiamente rafforzato dalle recenti procedure di reclutamento, che richiedono una significativa attività di capacitazione e rafforzamento per risultare efficaci, dotando le persone della PA (neoassunte o già in organico) di competenze adeguate alle nuove sfide.

Occorre inoltre prevedere una semplificazione dei processi di controllo, che siano in grado di raccogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, per dare certezza al sistema dei sostegni pubblici: quella certezza necessaria per conseguire i rilevanti obiettivi di resilienza e coesione che l’Europa ci ha affidato con le risorse del Recovery and Resilience Fund e dei Fondi per la Coesione.

WHITEPAPER
IT e HSE: costruire una strategia di gestione, monitoraggio e controllo predittivo. Come?
Big Data
Software
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4