scenari

Chi risponde dei danni di un “metainfluencer”? I problemi e le possibili soluzioni normative

La rivoluzione del metaverso ha creato nuove opportunità in cui si inseriscono anche i metainfluencer, ma anche parecchi dubbi e perplessità. Non esiste un quadro giuridico di riferimento e non è chiaro quale debba essere l’inquadramento di questi influencer virtuali. Facciamo il punto alla luce delle ultime disposizioni Ue

Pubblicato il 07 Dic 2022

Nicola Berardi

- Comitato scientifico Assoinfluencer, Avvocato IP & Technology

Giulia Martino

Comitato scientifico Assoinfluencer, LLM Fashion Law e praticante Avvocato

lumanagdalu

Influencer e metaverso: a che punto siamo? In un futuro sempre più prossimo, in cui troveranno spazio crescente le nuove figure dei metainfluencer, come dovrà essere ricostruito il quadro normativo?

Proviamo a fare il punto sullo scenario attuale e quello che verrà, tenendo conto anche delle normative europee appena approvate come il Digital Services Act, e di quelle in preparazione.

Anitta feat. Lu do Magalu - Rio, o Magalu chegou geral!

Chi sono i metainfluencer?

Lu do Magalu è brasiliana, ha 6 milioni di followers su Instagram e quasi 7 milioni su TikTok, è un’influencer attiva da oltre 10 anni ed ha collaborazioni con brand del calibro di Motorola e Adidas. Lil Miquela è americana, 2,9 milioni di followers su Instagram e 3,6 milioni su TikTok. È una top model che negli ultimi anni ha realizzato campagne pubblicitarie per Chanel e Samsung e ha collaborato con la popstar Beyoncé. Noonoouri forse meno nota, 400 mila followers su Instagram e da poco sbarcata su TikTok. Tra i contenuti più recenti spiccano sponsorizzazioni per Versace, Zalando Beauty e Roberto Cavalli. Nefelə è un’influencer italiana, poco più di 3 mila followers su Instagram, ha da poco tenuto uno speech sulla diversità e l’inclusione al TedX Bergamo 2022.

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

Ma chi sono questi personaggi? Potremmo pensare si tratti banalmente di influencer che ogni giorno creano contenuti per intrattenere una community, aumentare la propria notorietà ed incrementare quindi la resa commerciale delle proprie iniziative. In realtà stiamo parlando di influencer non tradizionali ma “virtuali”: il mondo le conosce come “metainfluencer”, personaggi interamente virtuali che vivono sui social e talvolta anche nel metaverso.

Si chiamano CGI influencer (computer-generated imagery influencer) e prendono il nome da una tecnica di grafica 3D diffusa nel mondo dell’intrattenimento che consente una resa particolarmente realistica ma con un taglio un po’ “cartoon”. In certi casi, il grado di dettaglio dell’immagine è tanto elevato da non consentire all’utente – durante il rapido scroll-down – di distinguere il contenuto di un umano da quello di un avatar; in altri, i contenuti sono creati ad arte per creare un effetto misto tra fisico e digitale (phygital) che sembra avvicinare i mondi virtuali – molto in voga ma poco popolati – a quelli reali di tutti i giorni.

Ma chi c’è dietro queste presenze virtuali che stanno rapidamente scalando le classifiche degli utenti con più interazioni nelle piattaforme social?

Lu è la presenza virtuale di Magalu, tra i maggiori operatori retail brasiliani con un fatturato di oltre mezzo miliardo di dollari. Lil Miquela è stata creata dai co-founder di una startup attiva nel mercato della robotica e dell’intelligenza artificiale. Noonoouri è stata realizzata dall’agenzia creativa Opium Effect. Nefelə è nata sotto la Mole dall’idea di tre torinesi esperti di computer grafica.

Storie diverse, background distanti tra loro ma direzione comune: approdare nei mondi virtuali che stanno provando ad affermarsi ancora di più di prima da quando Mark Zuckerberg ha dato una spinta al mercato cambiando il nome del gruppo da Facebook a Meta, creando anche qualche vena di scetticismo.

Metaverso, virtual influencer e NFT: come sarà la nuova socialità senza limiti all’immaginazione

Influencer e metaverso: opportunità o fantasia?

Secondo un articolo di Coindesk[2] a ottobre 2022 i numeri sembrerebbero far pendere l’ago della bilancia verso chi non crede nel metaverso. Ci sarebbero circa 6.160 utenti attivi su base mensile su Decentraland che salirebbero a 10.190 per The Sandbox; cifre corrette al rialzo dai diretti interessati che hanno indicato invece, rispettivamente, 56.697[3] e 201.000[4]. Una differenza sensibile ma non sufficiente a superare le perplessità degli scettici che considerano il metaverso appannaggio di pochi interessati. Basti pensare che, sulla base delle ultime statistiche, Instagram[5] e TikTok[6] sembrerebbero poter contare ogni mese su un bacino di rispettivamente 2 miliardi e 1 miliardo di utenti attivi.

Da qui, il primo paradosso dei metainfluencer. Pur essendo “individui” nativi dei mondi virtuali e destinati a popolare i metaversi per confondersi con gli avatar delle persone reali – dove sarebbe difficile o forse impossibile distinguere le due categorie – focalizzano la propria presenza sulle più comuni piattaforme social. Per alcuni, questo potrebbe bastare per retrocedere il fenomeno a “vezzo tecnologico”, ma vale la pena di indagare i motivi per i quali aziende ed agenzie stiano spostando una parte dei propri investimenti pubblicitari su questa particolare categoria.

Potenzialità del metainfluencer

Uno dei motivi più accreditati sembrerebbe potersi individuare in uno dei più diffusi timori degli addetti ai lavori nel corso di un’attivazione digital: non (solo) lo scarso engagement o una resa poco veritiera, ma il rischio reputazionale.

Le campagne di influencer marketing hanno modificato il paradigma del mercato pubblicitario che è passato da messaggi artificiali (con sceneggiature e ambientazioni costruite) a messaggi – quanto meno all’apparenza – spontanei inquadrati in scene di vita quotidiana. In questo contesto, il content creator quasi sempre pretende – e ottiene su base contrattuale – un margine di libertà d’espressione che gli consente di comunicare il messaggio richiesto dall’inserzionista in maniera personale e autentica.

Il possibile risvolto negativo di questa libertà consiste nel rischio che l’influencer adotti atteggiamenti o assuma iniziative tali da pregiudicare il posizionamento e l’immagine del brand: la prassi contrattuale ha sviluppato rimedi specifici da attivare all’occorrenza, ma si tratta di interventi attivati a posteriori per mitigare i danni, non per impedirli.

L’esperienza dei metainfluencer è in parte diversa e forse valvola di sicurezza. Si deve infatti considerare che i metainfluencer non sono individui autonomi, animati in maniera indipendente da reti neurali, ma presenze gestite in ogni mossa dalle persone che danno vita all’avatar. Questo evidentemente dimostra come il rischio di un danno reputazionale accidentale sia quasi escluso se non del tutto impossibile, essendoci sempre dietro i metainfluencer persone fisiche che spesso rispondono a direttive precise e mai dovrebbero programmare in modo “erroneo” l’avatar.

Possibile inquadramento giuridico dei metainfluencer

Questa prima riflessione consente di condurci a delle primissime riflessioni giuridiche: i metainfluencer sono soggetti all’ordinario regime di responsabilità e, se sì, chi risponde di eventuali danni?

Prendendo come riferimento i più avanzati metainfluencer – ossia quelli che, almeno parzialmente, sono alimentati da un motore di intelligenza artificiale – si può individuare forse anche una possibile risposta nei documenti rilasciati negli ultimi anni dalle istituzioni dell’Unione Europea.

La bozza di Regolamento sull’intelligenza artificiale

Ad esempio, nella bozza di Regolamento sull’intelligenza artificiale divulgata ad aprile 2021[7], il “sistema di intelligenza artificiale” è definito come un software sviluppato con determinati approcci (approcci di apprendimento automatico, approcci basati su logica e conoscenza, approcci statistici) che può, per una determinata serie di obiettivi definiti dall’uomo, generare output quali contenuti, previsioni, raccomandazioni o decisioni che influenzano gli ambienti con cui interagiscono. Il “fornitore” è chi sviluppa un sistema di IA, l’“utente” è il soggetto che utilizza un sistema di IA sotto la propria autorità.

La bozza evidenzia con chiarezza che un sistema di IA (e quindi anche un metainfluencer creato con tecniche di IA) non è un “qualcuno” ma un “qualcosa”. Questo implica che eventuali pregiudizi causati da un sistema di IA saranno imputabili – su base contrattuale o extra-contrattuale, a seconda dei casi – al soggetto che abbia materialmente contribuito alla realizzazione del fatto dannoso. Detto soggetto potrà coincidere:

  • nell’operatore di front-end (il soggetto che esercita un certo grado di controllo su un rischio connesso all’operatività e al funzionamento di un sistema di IA e che beneficia del suo funzionamento); o
  • nell’operatore di back-end (il soggetto che su base continuativa, definisce le caratteristiche della tecnologia e fornisce i dati e il servizio di supporto di back-end essenziale).

Questo dipenderà dalle caratteristiche specifiche dell’illecito. Il vero profilo di complessità sarà infatti stabilire esattamente la responsabilità di ciascun soggetto coinvolto nella creazione, programmazione e funzionamento del sistema di IA.

L’applicazione ai metainfluencer dei principi civilistici in materia di responsabilità consente di trarre alcune conclusioni. La parte danneggiata avrà sempre un soggetto (dotato di personalità giuridica) nei confronti del quale indirizzare le proprie contestazioni: in caso di illecito contrattuale (la mancata pubblicazione di un post), si farà riferimento al soggetto che ha firmato l’accordo (che sfrutterà, eventualmente, tutti i rimedi e le manleve del caso nei confronti dei fornitori a monte della catena); in caso di illecito extra-contrattuale (la pubblicazione di un post contrario ad una norma imperativa, ad esempio un contenuto pubblicitario di articoli da fumo), ci si riferirà al soggetto che aveva materialmente in gestione il metainfluencer.

Potrebbe non essere semplice individuare il gestore, ma questa è una problematica di identificazione comune a tutte le attività svolte online e che prescinde dalle caratteristiche – più o meno “virtuali” – dell’utente. D’altro canto, ogni evoluzione tecnologica porta con sé dubbi interpretativi e applicativi di natura legale, ma le decisioni vanno prese sulla base del quadro normativo vigente. L’adozione di una disciplina ad hoc potrebbe essere utile per evitare dubbi e conflitti interpretativi, ma non è indispensabile: in assenza di una legislazione specifica, ci si rifarà inevitabilmente in via interpretativa alla normativa sussistente.

La pubblicità dei metainfluencer: i paletti del Codice del Consumo e della Digital Chart

In questo senso, le iniziative promozionali dei metainfluencer si svolgeranno nel perimetro fissato – fondamentalmente – dal Codice del Consumo e dalla Digital Chart dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. I contenuti pubblicitari dovranno avere le stesse caratteristiche a prescindere che l’influencer sia reale o virtuale: trasparenza, riconoscimento immediato del carattere pubblicitario e facile individuazione dell’inserzionista. Si potrebbe, anzi, sostenere la necessità di adottare un grado di trasparenza rafforzato proprio per il carattere virtuale dell’influencer ed a tutela dell’utente-consumatore, ormai ben abituato alla presenza degli influencer “umani” ma forse poco preparato ad interagire con un avatar. E, in caso di illeciti, non si assisterà ad un futuristico contenzioso tra un’Autorità ed un sistema di intelligenza artificiale, ma ad un più comune e basico procedimento con il soggetto che ha creato e gestito l’avatar in maniera non “compliant”.

Se è vero che i metainfluencer sono “prodotti dell’IA” creati da persone fisiche, una ulteriore conseguenza automatica sembra l’applicazione della normativa propria dei beni e non delle persone fisiche. In questo senso Lil Miquela, Noonoouri o Nefelə non appaiono tutelabili dalle norme che proteggono il nome delle persone fisiche (nello specifico, gli artt. 7-8-9 del codice civile[8]), potendo invece i loro nomi essere protetti come segni distintivi atti ad identificare i prodotti o servizi di un’impresa.

La protezione dell’aspetto fisico del metainfluencer

Meno immediata, ma altrettanto obbligata, è la conseguenza in merito alla protezione giuridica dell’aspetto fisico dei metainfluencer. Non si potrà fare riferimento alla tutela dell’immagine[9] né a quella del ritratto[10], ma si dovrà ripiegare sulle norme che – a vario titolo e a seconda dei casi concreti – proteggono l’aspetto esteriore di un prodotto: il marchio (figurativo o tridimensionale), i disegni e modelli e l’opera dell’ingegno figurativa (tutelata dal diritto d’autore), ma anche le norme sulla concorrenza sleale a tutela di imitazione servile e “look-alike”.

Ciò non toglie, evidentemente, che eventuali avatar che riproducano in maniera illecita le sembianze fisiche di un soggetto reale (attraverso tecniche di c.d. “deepfake”) potranno essere contestati con ogni mezzo posto a tutela delle persone fisiche di natura sia civile sia penale (dalla sostituzione di persona, art. 494 c.p.c., alla frode informatica con furto dell’identità digitale, art. 649-ter co. 3, c.p.).

L’impatto del Digital Service Act

Sebbene possa apparire ben delineato, il quadro normativo è tuttavia in costante evoluzione. La recente adozione del c.d. “Digital Service Package” – l’insieme di due innovativi Regolamenti europei (Digital Markets Act e Digital Services Act) in materia di servizi intermediari e piattaforme – si propone infatti di incrementare la trasparenza dei mercati digitali e di impattare in maniera significativa lo svolgimento delle attività online, incluse quelle di creatori di contenuti e social network.

Digital Services Act, perché cambia tutto per diritti e sicurezza: ecco i punti chiave

Tra i vari ambiti di intervento, il Digital Services Act:

  • rafforza gli obblighi a carico delle piattaforme di individuare, identificare e rimuovere o disabilitare i contenuti illegali che possono includere, ad esempio, i post di un influencer in violazione della normativa sulla trasparenza pubblicitaria;
  • impone alle piattaforme, a fronte dell’ordine di un’autorità competente, di fornire informazioni sull’identità di un utente (ad esempio, il soggetto che gestisce un metainfluencer);
  • obbliga le piattaforme, qualora siano a conoscenza di informazioni che facciano sospettare che sia stato commesso o sarà commesso un reato che comporta la minaccia per la vita o la sicurezza di una persona, ad informare tempestivamente le autorità competenti;
  • incrementa il grado di trasparenza che le piattaforme devono garantire in merito alle pubblicità veicolate agli utenti (ad esempio, l’identità dell’inserzionista);
  • introduce obblighi rafforzati, ulteriori rispetto a quelli appena sintetizzati, per le piattaforme di grandi dimensioni (fissando la soglia a 45 milioni di utenti mensili attivi).

Conclusioni

La rivoluzione digitale del metaverso ha condotto inevitabilmente a nuove opportunità, in cui si inseriscono anche i metainfluencer, ma anche a parecchi dubbi e perplessità. Come abbiamo visto non esiste uno specifico quadro giuridico di riferimento e non è altrettanto chiaro quale debba essere l’inquadramento dei metainfluencer, sia pure la tendenza di oggi è di considerarli come meri oggetti, in quanto tali non aventi soggettività né tantomeno personalità giuridica, dunque incapaci di rispondere in alcun modo delle proprie azioni.

Detto assunto riporta alle molteplici riflessioni che in questi anni sono state fatte in materia di danni provocati da un sistema di IA, a cui si è cercato di fornire una soluzione “addossando” la responsabilità sul gestore o creatore. Ad ogni modo anche queste considerazioni si prestano e si stanno in effetti prestando a nuove visioni che tengono conto del grado di autonomia dei sistemi di IA e dunque della difficoltà se non impossibilità per il creatore di prevederne le azioni. Di questo certamente se ne dovrà tenere conto in punto di responsabilità dei metainfluencer.

A livello giuridico, si stanno ponendo le basi per un futuro quadro di riferimento per metainfluencer e creatori digitali che sappia correttamente tenere conto delle peculiarità e specificità degli ambiti operativi e dei contesti nella declinazione di principi giuridici già esistenti all’interno degli ordinamenti.

Note

  1. https://www.treccani.it/enciclopedia/metaverso
  2. https://www.coindesk.com/web3/2022/10/07/its-lonely-in-the-metaverse-decentralands-38-daily-active-users-in-a-13b-ecosystem/.
  3. https://twitter.com/decentraland/status/1578454103692546048.
  4. https://twitter.com/TheSandboxGame/status/1579528320441815040.
  5. https://www.demandsage.com/instagram-statistics/.
  6. https://www.demandsage.com/tiktok-user-statistics/.
  7. https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX%3A52021PC0206.
  8. Art. 7 c.c.: “La persona, alla quale si contesti il diritto all’uso del proprio nome o che possa risentire pregiudizio dall’uso che altri indebitamente ne faccia, può chiedere giudizialmente la cessazione del fatto lesivo, salvo il risarcimento dei danni.L’autorità giudiziaria può ordinare che la sentenza sia pubblicata in uno o più giornali.”Art. 8 c.c.: “Nel caso previsto dall’articolo precedente, l’azione può essere promossa anche da chi, pur non portando il nome contestato o indebitamente usato, abbia alla tutela del nome un interesse fondato su ragioni familiari degne d’essere protette.”Art. 9 c.c.: “Lo pseudonimo, usato da una persona in modo che abbia acquistato l’importanza del nome, può essere tutelato ai sensi dell’art 7.
  9. Art. 10 c.c.: “Qualora l’immagine di una persona o dei genitori, del coniuge o dei figli sia stata esposta o pubblicata fuori dei casi in cui l’esposizione o la pubblicazione è dalla legge consentita, ovvero con pregiudizio al decoro o alla reputazione della persona stessa o dei detti congiunti, l’autorità giudiziaria, su richiesta dell’interessato, può disporre che cessi l’abuso, salvo il risarcimento dei danni.
  10. Art. 96 legge sul diritto d’autore: “Il ritratto di una persona non può essere esposto, riprodotto o messo in commercio senza il consenso di questa, salve le disposizioni dell’articolo seguente. Dopo la morte della persona ritrattata si applicano le disposizioni del secondo, terzo e quarto comma dell’art, 93.”Art. 97 legge sul diritto d’autore: “Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell’immagine è giustificata dalla notorietà o dall’ufficio pubblico coperto, da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico. Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l’esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all’onore, alla riputazione od anche al decoro della persona ritrattata.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: trasforma i dati dei comportamenti dei tuoi clienti in azioni di marketing
Big Data
CRM
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4