restrizioni commerciali

Chip, continua il braccio di ferro Usa-Cina: gli effetti e il ruolo dell’Europa

Nuove restrizioni da parte Usa su tecnologie determinanti per la produzione di semiconduttori potrebbero avere ripercussioni sull’ecosistema cinese, ma anche sugli attuali equilibri geopolitici. L’Europa cerca di ritagliarsi uno spazio di autonomia tra i due contendenti. Gli scenari

07 Set 2022
Antonio Cisternino

Università di Pisa

Photo by Jason Leung on Unsplash

L’ufficio per l’industria e la sicurezza americano ha di recente pubblicato delle misure commerciali restrittive riguardanti tre tecnologie ritenute cruciali per lo sviluppo tecnologico: la realizzazione di semiconduttori con ossido di Gallio e diamante; software per il CAD di sistemi elettronici (ECAD) che fanno uso di particolari transistor (GAAFET); una tecnologia per l’incremento della pressione durante la combustione (PGC).

La restrizione si applica a circa 150 nazioni (sostanzialmente tutte quelle non ritenute alleate dagli Stati Uniti) ma la nazione per cui questo blocco può avere implicazioni tecnologiche è sicuramente la Cina.

Chips act, strada in discesa per la proposta Ue: ma ne vale davvero la pena? I dubbi

Se è vero che l’occidente, e in particolare gli Stati Uniti, hanno usato negli ultimi decenni le grandi capacità produttive cinesi, nel tempo sempre più attenzione è stata prestata alla proprietà intellettuale evitando di trasferire in Cina i processi di design tecnologico per tenere sotto controllo la proprietà intellettuale necessaria allo sviluppo delle tecnologie. Sicuramente questo aspetto è applicabile al design dei microprocessori, da tempo affidato a software complessi dai costi proibitivi il cui compito è quello di ridurre la descrizione di alto livello nel design litografico per stampare i miliardi di transistor del chip vero e proprio.

Il software EDA

Un tassello essenziale nella realizzazione di chip è il software cosiddetto Electronic Design Automation (EDA) anche noto come Electronic Computer-Aided Design (ECAD), si tratta di una tipologia di software usato per il design dei microprocessori, capace di sintetizzare oltre cinquant’anni di studi e ricerche e controllato da poche realtà industriali in un mercato in cui il 70% è dominato da due compagnie americane (Cadence e Synopsys) e da una compagnia americana ceduta nel 2017 a Siemens e quindi alla Germania (Mentor Graphics).

WEBINAR
25 Ottobre 2022 - 12:00
Tutto quello che devi sapere per sbloccare il potere del Digital Manufacturing
Acquisti/Procurement
Automotive

Vi sono software open source come, ad esempio, KiCad, ma si limitano al layout di circuiti stampati senza supportare il ben più complesso layout di transistor per la realizzazione di microprocessori.

La restrizione è in effetti limitata agli strumenti per la realizzazione di circuiti basati su GAAFET (gate-all-around field-effect transistor), elementi centrali nella realizzazione dei chip di oggi e di domani.

History of the multilateral trading system

Effetti nel breve e medio periodo

Nell’immediato il blocco negli accessi ai software EDA dell’amministrazione americana non avrà effetti, neanche sulle catene produttive cinesi. Il processo produttivo può far uso dell’output del software EDA senza compromettere la produzione, ma difficilmente la Cina potrà accettare di limitarsi a produrre design occidentali. Non è un caso che nel 2018 un fondo controllato dal governo cinese abbia investito nella compagnia domestica Huada Empyrean, un produttore locale di software EDA che attualmente copre solo il 6% del mercato locale.

Senza lo sviluppo di un ecosistema locale nel medio periodo i colossi cinesi come Huawei rischiano di rimanere bloccati a causa del blocco americano sullo sviluppo di nuove tecnologie basate su GAAFET. Questo limite potrebbe dare un vantaggio competitivo all’occidente ma contribuirà ulteriormente ad accrescere la frattura dei sistemi informatici che continueranno a divergere creando veri e propri sotto ecosistemi superando quella lingua franca che i sistemi x86 hanno rappresentato per oltre quarant’anni.

Il conflitto ucraino e la posizione della Russia possono essere condizionati nel medio periodo dalle scelte geopolitiche: la dipendenza dalle altre nazioni per la produzione di microprocessori mette Mosca in una posizione complessa nello sviluppo di tecnologie digitali in futuro.

L’Europa e la realizzazione di microchip

L’Europa, dal canto suo, sta cercando di sviluppare un proprio ecosistema di produzione di microchip, e lo European Chip Act ne testimonia il ruolo centrale nella strategia di sviluppo continentale. La digitalizzazione di praticamente ogni manufatto industriale rende i chip essenziali non solo per la realizzazione di computer, ma in industrie essenziali per il vecchio continente come, ad esempio, l’automotive o l’industria aereonautica. Il passaggio di proprietà di uno dei colossi produttori di software EDA alla Germania sicuramente contribuisce allo sviluppo di un ecosistema europeo, e gli ingenti investimenti contribuiranno alla realizzazione di un indotto produttivo capace, se necessario, di realizzare chip di ultima generazione. D’altronde i metodi di serigrafia basati su luce ultravioletta utilizzati per la produzione di microchip sono usati da macchine prodotte in Europa ed acquistate dai big del settore.

Sicuramente si tratta di un territorio di competizione in cui le industrie occidentali fanno squadra, essendo questi sistemi molto complessi e il cui funzionamento può essere tenuto sotto controllo poiché molte delle innovazioni risiedono nel processo di compilazione piuttosto che nel risultato. È una delle numerose industrie e settori in cui la comunità Europea fa la differenza e può giocare un ruolo anche nella definizione delle economie dei singoli stati membri, elemento non di secondo piano in vista delle elezioni politiche italiane.

Una CPU Europea

Ci si può chiedere quindi se l’Europa sarà in grado di disegnare una propria CPU andando oltre la dipendenza da colossi come Intel e AMD. Sicuramente il successo di ARM (originariamente una compagnia inglese) mostra che nel vecchio continente vi sono le competenze necessarie, e la European Processor Initiative (EPI) sembra aver già prodotto i primi frutti. L’iniziativa lavora infatti sia a design di CPU general purpose basati su ARM che ad acceleratori come GPU basati su un’architettura RISC.

Conclusioni

Solo il tempo ci dirà se questi design troveranno poi la via nella produzione e l’impiego nella realizzazione di microprocessori a supporto dell’industria. Sicuramente gli investimenti che a suo tempo furono fatti con Airbus testimoniano che iniziative di grande respiro possono avere un grande impatto nel medio e lungo periodo. Speriamo che anche nel caso dei microchip si possa raccontare in futuro una success story tutta Europea. È però importante che anche l’Italia contribuisca favorendo la realizzazione di un indotto per assicurare una voce nelle opportune sedi per un settore strategico anche per l’economia nazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4