le azioni

Cloud software: una Carta contro le pratiche sleali, per un mercato equo e competitivo

In tutta Europa, le aziende devono spesso fare i conti con società di software che in virtù della loro posizione dominante, impongono vincoli tecnici e contrattuali, frenando innovazione e competizione. La Carta dei dieci principi per un equo licensing del cloud software in Italia cerca di porre fine alle pratiche sleali

14 Lug 2021
Luciano Guglielmi

Presidente di CIO AICA Forum e in rappresentanza di AUSED, CIO Club Italia, FIDAinform e CIONET

Francisco Mingorance

segretario generale CISPE (associazione di fornitori di servizi di infrastruttura cloud in Europa)

cloud

Ieri abbiamo lanciato la Carta dei dieci principi per un equo licensing del cloud software in Italia, facendo seguito al successo riscontrato dalla medesima iniziativa durante la presentazione in Francia, ad aprile. I principi – sviluppati in collaborazione con l’organizzazione francese Cigref e con il supporto del CISPE – mirano a porre fine alle pratiche sleali dei gatekeeper del software e a promuovere un mercato più equo, trasparente e competitivo per i servizi basati sul cloud in Europa.

Il futuro “sulla nuvola” della PA digitale: meccanismi e competenze per la svolta

Le conseguenze dell’utilizzo di licenze cloud sleali

Insieme, i membri di Cio Aica Forum, Aused, Cio Club Italia, Fidainform, Cionet e Cispe rappresentano una parte molto ampia degli utenti tecnologici-digitali e dei fornitori di servizi cloud in Italia, tutti accomunati dalla convinzione che il cloud costituisca un servizio strategico essenziale per la trasformazione digitale dell’economia italiana. Oggi, il software rappresenta la forza propulsiva dei percorsi di trasformazione digitale e innovazione delle aziende, mentre il cloud incarna il modello grazie al quale accelerare questi percorsi. Eppure, se il cloud rappresenta indubbiamente un’enorme opportunità di crescita e innovazione per le imprese italiane, sfortunatamente, attraverso i membri delle associazioni e le nostre conoscenze all’interno del mercato, sappiamo anche bene che alcuni fornitori di software radicati nel mercato stanno usando licenze sleali per indurre le aziende a utilizzare unicamente i servizi cloud da loro forniti, con diverse ricadute. La limitazione della scelta, della crescita e dell’innovazione sono tra i primi, ma si accompagnano anche a un “lock-in” tutt’altro che secondario, che può far aumentare i costi e minare l’agilità di cui le organizzazioni hanno bisogno nell’economia di oggi.

WHITEPAPER
Ambienti di lavoro smart: ecco una checklist di 7 punti chiave per la massima efficienza
Software

In tutta Europa, le aziende si trovano spesso a fare i conti con società di software che, controllando l’accesso al cloud e approfittando della loro posizione dominante sul mercato, impongono vincoli tecnici e contrattuali, frenando (se non addirittura impedendo) quell’innovazione, e quella competizione da parte delle PMI e delle medie e grandi aziende che risulta vitale per lo sviluppo europeo.

Le pratiche sleali più eclatanti e pervasive

Le pratiche sleali più eclatanti e pervasive, a cui i nostri membri e clienti IT assistono quasi quotidianamente da parte di alcuni consolidati produttori software che continuano a cercare di limitare le opportunità di scelta nel cloud, includono l’uso di termini e costi diversi a seconda che il software sia usato in un data center dell’organizzazione, in un cloud appartenente al software provider o in un cloud di terze parti.

Si possono così avere tre costi diversi per lo stesso software, usato dalle stesse persone per la stessa cosa – dove l’unica differenza è la sua ubicazione e, in aggiunta, sentiamo spesso dire che le licenze sono eccessivamente complesse e soggette a cambiamenti unilaterali, con la conseguente creazione di incertezza, costi imprevedibili e rischi imprevisti, una confusione che talvolta assomiglia a una manovra deliberatamente finalizzata al mantenimento o all’aumento dei diritti di licenza.

Ci sono poi anche restrizioni tecniche all’uso equo del software nel cloud scelto dai clienti. Esistono naturalmente standard aperti per permettere l’interoperabilità del software di directory e il riconoscimento di ID digitali da altri sistemi, ma i principali software vendor non implementano questi standard in modo uniforme mantenendo così una posizione di vantaggio e bloccando i clienti all’interno dei propri ecosistemi.

Cosa prevede la normativa Ue e cosa chiede la Carta dei principi

La legge europea, inoltre, permette ai clienti di rivendere le licenze software, ma alcune aziende software rendono questo virtualmente impossibile, rifiutando di offrire patch o aggiornamenti nel caso in cui un software venga rivenduto, quando dovrebbero invece continuare a offrire supporto e patch a condizioni eque ai clienti che hanno legalmente acquistato una licenza rivenduta.

In questo scenario, dunque, il lancio dei Principi in Italia è solo il primo passo per assicurare un cambiamento comportamentale da parte dei fornitori di licenze software. Per assicurare che tale cambiamento avvenga, chiediamo che vengano implementate le seguenti azioni.

  • Questo non sta accadendo solo in Italia: è un problema di livello europeo, persino globale. In Europa, il Digital Markets Act (DMA) presenta un’opportunità per far rispettare i principi e vietare le pratiche di licenza sleali e diversi Principi sono già inclusi nel DMA. Le organizzazioni partner italiane chiedono ai parlamentari europei di includere tutti i principi nel DMA.
  • Tutti i clienti italiani o le organizzazioni di venditori di cloud, compresi gli ISV, sono invitati a sottoscrivere i principi per un equo licensing del cloud software sul sito web FairSoftware.cloud. Questo incoraggerà i legislatori dell’UE a vietare le pratiche di licenza sleali nella DMA.
  • Inoltre, gli utenti IT propongono la creazione di un Osservatorio del settore. Un’organizzazione indipendente, guidata dalle organizzazioni di clienti IT, che possa monitorare il settore, le licenze software e le buone o cattive pratiche dei software vendor. I cloud provider di CISPE sostengono questa iniziativa.
  • In Italia l’Osservatorio delle pratiche di fair licensing dovrebbe fare pubblicazioni regolari di rapporti audit che raccoglieranno e pubblicheranno tutte le notizie sulle licenze software scorrette in Italia. Questo aiuterà a fare pressione sui fornitori di software per migliorare le loro pratiche.
  • Infine, invitiamo tutti gli utenti aziendali italiani che hanno vissuto queste brutte esperienze a condividere con noi le loro testimonianze, anche in modo anonimo qualora temessero ritorsioni da parte dei gatekeeper del software: le loro storie sono necessarie per illustrare in termini concreti, i danni causati da pratiche di licenza sleali.

Conclusioni

Cio Aica Forum, Aused, Cio Club Italia, Fidainform, Cionet e Cispe  si stanno battendo per quelle aziende europee che vogliono scelta, libertà e agilità per passare al cloud giusto per le loro esigenze. Speriamo che altri si uniscano a noi e che il pubblico politico, sia qui in Italia che a Bruxelles, presti molta attenzione a questi problemi e alle potenziali soluzioni che abbiamo delineato. Se lavoriamo insieme, abbiamo l’opportunità di riequilibrare la situazione odierna a favore di un ecosistema digitale europeo innovativo, equo e agile. Potete trovare e sostenere i Principi attraverso questo link.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4