transmedia storytelling

Da aziende a media company: come devono cambiare i piani di comunicazione

Oggi un prodotto non si presenta, lo si racconta e, soprattutto, lo si fa raccontare comunicando valori, idee e impegni che l’azienda (o il brand) assume nei confronti della società nella quale opera. Ma come trasformarsi da azienda in media company? strategie ed esempi

Pubblicato il 03 Mar 2023

Alessio Pecoraro

coordinatore PAsocial Emilia-Romagna, marketing & communication manager

Why-Story-Telling-Matters-branding-science-01

L’attuale periodo storico presenta alcuni, importanti, elementi di novità che impongono una revisione dei modi (e dei metodi) con cui le aziende comunicano, e si relazionano, con i propri clienti.

Le aziende si sono a poco a poco trasformate da imprese il cui unico obiettivo era vendere e spiegare al pubblico il proprio prodotto a vere e proprie media company, aziende che in un contesto di saturazione e indifferenziazione di contenuti provano a emergere con un valore in più.

Lo storytelling da solo non basta più: perché le aziende devono diventare (anche) media company

Un prodotto non si presenta, si racconta

Le aziende, oggi, oltre a mettere sul mercato prodotti e servizi sempre nuovi lavorando – tramite il marketing – per costruire nuove necessità hanno bisogno, al tempo stesso, di un rapporto, una relazione, con la propria audience di riferimento e per farlo sempre più spesso devono affidarsi a veri e propri prodotti editoriali.

Non si presenta più quindi semplicemente un prodotto o un servizio, lo si racconta e, soprattutto, lo si fa raccontare e più in generale si comunicano valori, idee e impegni che l’azienda (o i brand) assume nei confronti della società nella quale opera.

La diffusione del web 2.0 e delle tecnologie digitali ha consentito la creazione di una infrastruttura reticolare fatta di new media e smart object che sono la base di un nuovo sistema sociale: la network society.

Il pubblico diventa co-creatore

Il pubblico non è quindi più solo passivo come accade da decenni ma neanche solo attivo, è un co-creatore di contenuti. Le aziende devono prendere coscienza che il controllo dei brand (e della loro immagine) sta passando dalle loro mani a quelle dei consumatori.

Gli uffici marketing devono essere pronti ad abbandonare le vecchie regole e progettare narrazioni coinvolgenti capaci di prevedere forme differenti di engagment per le diverse piattaforme secondo il modello del transmedia storytelling come lo definisce il sociologo statunitense Henry Jenkins nel suo testo del 2006 Cultura convergente. “Un processo in cui elementi integrali di una storia si diramano sistematicamente attraverso molteplici canali con l’obiettivo di creare un’esperienza di intrattenimento omogenea e coordinata”.

Il transmedia storyelling

Ma quali sono i punti di forza di questo storytelling? Nel transmedia storytelling, una storia è spalmabile, cioè viene raccontata su più piattaforme.

Non si tratta però di una espansione verticale del contenuto, ma sviluppare molteplici storie e punti di vista collocati nello stesso contesto narrativo.

Per stare al passo e vincere le sfide del presente e del futuro il vecchio piano editoriale, da solo, non basta più. Ormai lo diamo come assunto, la comunicazione – soprattutto quella aziendale – necessita di pianificazione. Il piano editoriale è un documento che serve a pianificare la pubblicazione di contenuti per esempio sui social, sui siti o su un blog, manualmente o con l’ausilio di software tipo Hootsuite creato da Ryan Holmes nel 2008.

L’azienda diventa media company

In un mercato saturo di informazioni e scarso di attenzione le aziende devono quindi trasformarsi in media company. “Al prodotto che un’azienda propone si deve associare un ulteriore servizio, sempre meno opzionale, l’informazione. E per raggiungere l’obiettivo non basta più la vecchia struttura di comunicazione di cui in genere si forniscono le imprese”. A dirlo è Diomira Cennamo, giornalista, esperta di comunicazione e marketing digitale autrice de “L’azienda media company” (2020, edizioni Hoepli).

Come ha sottolineato però Michael Brito, stratega dei social media, “non è che possiamo accendere il pulsante ‘media company’ e cambiare le operazioni da un giorno all’altro.

Serve un cambiamento radicale: di atteggiamento, comportamento, di processo e di modelli di governance; così come la tecnologia, che grazie al digitale, può facilitare la trasformazione indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda e del budget a disposizione.

Il brand journalism al servizio del marketing

A servizio del marketing quindi non ci sarà più solo la comunicazione, ma un concetto più ampio: il brand journalism, una forma ibrida tra giornalismo tradizionale, marketing e pubbliche relazioni.

Accanto allo storytelling (in versione transmedia) e il brand journalism c’è l’organizzazione che non può essere lasciata al caso nel percorso verso la media company.

Per iniziare la trasformazione dell’azienda in un editore è necessario assumere e organizzare le persone con le giuste competenze in un team editoriale centralizzato, qualcosa di molto simile alla redazione di un magazine o di un canale tematico. Il team editoriale sarà responsabile della strategia, dell’esecuzione e dell’analisi delle iniziative di contenuto.

Bisogna poi creare lo storytelling del brand oltre alla content strategy (la strategia dei contenuti). Come?

I dati per lo storytelling del marchio

I dati sono fondamentali. I feedback dei clienti, i dati sulle ricerche e sul comportamento durante la customer experience, ma anche la messaggistica interna è molto importante. Come spiega Brito: “Lo sviluppo narrativo non può essere fatto solo da un gruppo di lavoro o da un’agenzia di comunicazione. È un’iniziativa che richiede una moltitudine di stakeholder, vari livelli di competenza e da una fattiva collaborazione aziendale”.

L’ascolto infine è fondamentale per monitorare il coinvolgimento del brand, ricercare idee per creare contenuti su argomenti di tendenza in un settore specifico (o in settori affini) ed analizzare il ciclo di notizie quotidiane. Come scrive l’esperto di statistica Nate Silver il rumore sta crescendo molto più che il segnale. Un team capace di intercettare i segnali si assicura un vantaggio considerevole. Oltre allo storytelling, quindi, è importante anche lo storylistening.

L’esempio di Red Bull

Un esempio eccellente di azienda che ha operato una transizione in media company è Red Bull che oltre alla produzione della sua bevanda energetica, ha puntato sul digitale per creare contenuti ed esperienze per continuare a trasmettere i valori del brand ad un pubblico sempre più vasto.

Nel 2007 infatti l’azienda austriaca ha creato la Red Bull Media House una media company multipiattaforma distribuita a livello globale che produce contenuti destinati a old e new media: da “The Red Bullettin”, il giornale aziendale, fino a Red Bull TV e un canale di gaming online su Twitch. Un impegno nella produzione di contenuti di qualità che lascia molto sullo sfondo la pubblicità del prodotto che resta il core business dell’azienda ma capace anche di generare entrate.

Il Coca-Cola Journey

Un caso degno di nota per quanto riguarda il brand journalism invece è il Coca-Cola Journey, il magazine online di Coca Cola, ideato e prodotto da una vera e propria newsroom interna all’azienda. “Abbiamo lavorato nell’intento di avvicinare e appassionare tutti i nostri interlocutori e l’interesse ricevuto dimostra come il brand abbia compreso la mutazione della relazione tra marca e consumatore, sempre più dominata da dinamiche orizzontali di conversazione e narrazione” così Vittorio Cino ex Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Coca-Cola, dal 2021 Direttore di FederVini.

Come trasformarsi in media company

Per lavorare nella direzione della media company le aziende devono prima di tutto definire quale storia vogliono raccontare e come farlo (linguaggio, format, testimonial). Le grandi medie company sono grandi narratori.

Attenzione al contenuto, la qualità è (e sarà sempre di più) un fattore determinante. Non basta più solo esserci bisogna riuscire a distinguersi. La creatività deve essere un punto cardine delle strategie della media company.

I contenuti, tutti, devono essere portatori di valore aggiunto. Ogni contenuto deve avere una mission definita: informare, aiutare, intrattenere i potenziali clienti.

Multicanale e onnipresento, le aziende che puntano a diventare media company devono creare prima di tutto una piattaforma capace di essere un contenitore riconoscibile (ad esempio il sito web) e poi evolvere il piano di comunicazione, che va superato ma che non va sostituito, in palinsesto multicanale. Le aziende media company devono essere ovunque, on line (blog, social media, etc…) e off line (eventi live).

La struttura della media company deve essere, come già detto, organizzata, solida, ma al tempo stesso agile. A volte non si hanno tutte le risorse in casa per sviluppare una content strategy efficace, è bene quindi farsi contaminare dalle possibilità che vengono dall’esterno. Collaborazioni e contaminazioni sono fondamentali, anche con mondi apparentemente distanti dal core business o dall’ambiente dove è collocata l’azienda.

 Conclusioni

In sintesi, per le aziende l’evoluzione in media company passa dall’ identificare i valori con i prodotti e i prodotti in storie. A dare una grossa mano alle aziende che non hanno a disposizione budget importanti la tecnologia, con un approccio digital first anche le piccole e medie imprese possono avviare – senza grandissimi investimenti – la transizione verso la media company, partendo dal proprio piano editoriale.

I risultati? Non sono determinabili in maniera teorica, ma se il brand riesce a fare un “passo indietro” per risultare interessante anche ai “no-addict” allora la corporate strategy sarà davvero quella di una media company e non una pubblicità mascherata.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3