le novità per i marketplace

Digital Services Act: i nuovi effetti e le responsabilità per le aziende italiane

Il Digital Services Act riguarda molto da vicino le aziende italiane, includendo tutte le piattaforme di servizi digitali che, a vario titolo, fungono da intermediari e collegano i consumatori a merci, servizi e contenuti. L’impatto delle novità introdotte dalla normativa per le aziende del Belpaese che operano nel digitale

Pubblicato il 16 Gen 2023

Floriana Capone

Avvocato specializzato in e-commerce

ecommerce

Il 27 ottobre 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento (UE) 2022/2065, noto come Digital Services Act (DSA), che, insieme al Digital Markets Act (DMA), da vita al cosiddetto Digital Services Package, il nuovo pacchetto normativo che si inserisce nel contesto della strategia europea di regolamentazione dei servizi e dei mercati digitali.

Si tratta di un intervento ritenuto da più parti necessario per far fronte alla repentina evoluzione di tecnologie e modelli di business del mondo digitale, visto che la normativa europea di riferimento del settore era sostanzialmente ferma alla Direttiva 2000/31/CE e in più di 20 anni, le carte in tavola sono cambiate, e di molto.

Indicativa è la strada scelta dal legislatore europeo che, come nel caso del GDPR, sceglie lo strumento del Regolamento (e non della Direttiva) rendendo quindi direttamente applicabile la nuova disciplina negli ordinamenti di tutti gli Stati membri e garantendo difatti immediatezza dell’applicazione e uniformità in tutto il territorio dell’Unione.

Ma, in concreto, cosa rappresentano queste novità per le aziende italiane che operano nel digitale? Quale impatto hanno?

Mentre il DMA si occupa principalmente di regolamentare l’operato delle Big Company per garantire maggiore concorrenza nei mercati digitali e minori barriere all’ingresso, concentrandosi in particolar modo sui “gatekeeper”, i “guardiani del cancello”, ossia le piattaforme digitali con fatturati di almeno €7,5 miliardi negli ultimi tre esercizi e 45 milioni di utenti europei attivi ogni mese, il Digital Services Act riguarda molto più da vicino le aziende del Belpaese, includendo tutte le piattaforme di servizi digitali che, a vario titolo, fungono da intermediari e collegano i consumatori a merci, servizi e contenuti.

Il Digital Services Act è entrato in vigore il 16 novembre 2022 e la maggiorparte delle disposizioni contenute sono già applicabili (anche se la sua completa applicazione è prevista a partire dal 17 febbraio 2024), quindi è sicuramente il momento per i player interessati di prendere le contromisure, adeguando il proprio business alla compliance vigente con il supporto di un legale competente in materia digitale e di e-commerce.

In questa analisi ci concentriamo in particolare sull’impatto del DSA sui marketplace, vedremo chi è coinvolto dal nuovo Regolamento e quali sono le responsabilità e gli obblighi da rispettare.

Digital Services Act (DSA): obiettivi e a chi si rivolge il Regolamento (UE) 2022/2065

Con il Regolamento 2022/2065 (DSA), l’Unione Europea parte dal presupposto che “quello che è illegale offline, deve essere illegale online” introducendo nuove norme in materia di trasparenza, obblighi informativi e accountability (responsabilizzazione delle piattaforme).

WHITEPAPER
Dal FinOps al DevSecOps: governa il cloud correttamente tenendo sotto controllo i costi
Cloud
Software

L’obiettivo a lungo termine è quello di creare un ambiente digitale più sicuro e affidabile, che tuteli in modo concreto i diritti dei consumatori contrastando il proliferare di contenuti, merci e servizi illegali e altri fenomeni negativi dell’evoluzione digitale come fake news, hate speech e cyberstalking.

La platea delle aziende destinatarie del DSA è molto ampia, dai siti di informazione a diverse app, dai servizi di cloud e hosting alle piattaforme di economia collaborativa, per questo nel Regolamento sono individuate 4 categorie principali di digital services e, ulteriormente agli obblighi generali validi per tutte le piattaforme, sono indicate disposizioni puntuali per ogni tipologia con un progressivo aumento degli obblighi, in proporzione all’influenza di ognuna.

I marketplace sono inseriti nella categoria dei prestatori di servizi di memorizzazione di informazioni e in particolare nella sottocategoria delle piattaforme online.

Come definito nel Regolamento, le piattaforme online, quali le reti sociali o le piattaforme online che consentono ai consumatori di concludere contratti a distanza con operatori commerciali (i marketplace appunto), sono quelle che non solo memorizzano informazioni fornite dai destinatari del servizio su richiesta di questi ultimi, ma diffondono anche tali informazioni al pubblico, su richiesta dei destinatari del servizio.

Gli effetti del DSA per i marketplace: novità rispetto alla Direttiva 2000/31/CE

Questo Regolamento non abroga la cosiddetta Direttiva E-commerce (Direttiva 2000/31/CE), ma la modifica in parte, rafforzandola e integrandola con l’introduzione di innovazioni rilevanti e soprattutto persegue quella finalità di uniformità tra tutti gli Stati membri che, il recepimento della Direttiva nelle leggi nazionali non aveva garantito a pieno.

Orizzontalmente le novità che riguardano tutti i “servizi digitali” sono, ad esempio, gli obblighi di:

  • includere nelle condizioni generali informazioni su politiche, procedure, misure e strumenti utilizzati ai fini della moderazione dei contenuti, tra cui il processo decisionale algoritmico e la revisione umana, nonché le regole procedurali del loro sistema interno di gestione dei reclami;
  • predisporre meccanismi di segnalazione di contenuti illegali chiaramente identificabili e facili da reperire e da utilizzare almeno quanto i meccanismi di notifica per i contenuti che violano le condizioni generali;
  • disporre informazioni, direttamente accessibili sull’interfaccia online in cui è presentata l’inserzione pubblicitaria, sui principali parametri utilizzati per stabilire che viene mostrata loro una pubblicità specifica, con spiegazioni rilevanti sulla logica seguita a tal fine, anche quando essa è basata sulla profilazione;
  • non utilizzare contenuti commerciali ingannevoli ad ampia diffusione diffusi attraverso la manipolazione intenzionale del servizio, come l’utilizzo di bot o account falsi o altri usi ingannevoli del servizio (es. recensioni false);
  • controllare le credenziali di fornitori terzi, secondo il principio KYBC “conosci il tuo cliente”.

Altra novità importante è l’introduzione di un organo nazionale di vigilanza sull’applicazione del Regolamento, definito il Coordinatore dei Servizi Digitali per ciascuno Stato membro con compiti di moral suasion, ma soprattutto investigativi, di enforcement e di imporre sanzioni.

Ma ci sono altri obblighi specifici per i marketplace?

Responsabilità per contenuti e attività illecite sulle piattaforme online

Nell’ambito delle azioni necessarie per il contrasto ai contenuti e alle attività illecite sulle piattaforme online, bisogna sottolineare le responsabilità definite nel Capo II del Regolamento (artt 4-10).

In particolare i marketplace devono:

  • rimuovere immediatamente i contenuti illegali o disabilitare l’accesso agli stessi non appena ne vengano a conoscenza
  • dare seguito immediato a eventuali ordini delle autorità giudiziarie o amministrative nazionali competenti per rimuovere uno o più specifici contenuti illegali e informare senza indebito ritardo l’autorità dell’azione compiuta
  • dare seguito immediato a eventuali ordini di fornire informazioni specifiche su uno o più singoli destinatari del servizio.

Obblighi in materia di dovere di diligenza e trasparenza per un ambiente online trasparente e sicuro

Ma non è tutto, perché i marketplace sono tenuti anche a rispettare gli obblighi in materia di dovere di diligenza e trasparenza per un ambiente online trasparente e sicuro validi per tutti i servizi digitali o per le sole piattaforme online definiti nel Capo III (artt. 11-28), oltre a ulteriori obblighi puntuali inclusi negli articoli seguenti.

Da questi obblighi sono esclusi i marketplace che forniscono il servizio esclusivamente a operatori commerciali che si qualificano come microimprese o piccole imprese come definite nella raccomandazione 2003/361/CE (art. 29).

Tracciabilità degli operatori commerciali

In particolare, all’art.30 del DSA, troviamo gli obblighi di tracciabilità degli operatori commerciali.

I marketplace devono preventivamente acquisire una serie di informazioni da parte dell’operatore commerciale che ospiteranno sulla piattaforma (ragione sociale, recapiti, documenti di identificazione, conti utilizzati per i pagamenti, numero di iscrizione al registro delle imprese, ecc…) oltre che un’autocertificazione con cui l’operatore si impegna a offrire solo prodotti o servizi conformi alle norme applicabili del diritto dell’Unione.

Inoltre i marketplace devono verificare queste informazioni avvalendosi di banche dati o di dati online ufficiale liberamente messi a disposizione da uno Stato membro o dall’Unione o, in alternativa, chiedendo all’operatore commerciale di fornire documenti giustificativi provenienti da fonti affidabili (es. visure, documenti bancari ecc…).

Se l’operatore non adempie a quest’obbligo deve essergli impedito l’utilizzo del marketplace fino a quando ciò non avviene.

Conformità dei marketplace

L’art 31, invece, tratta la questione della conformità del marketplace dal momento della progettazione, e impone che le relative interfacce devono essere progettate e organizzate in modo da consentire agli operatori commerciali di fornire le informazioni sulla propria identità e i relativi recapiti (compreso il marchio, logo o simbolo) e rispettare tutte le norme comunitarie in materia di etichettatura (e marcatura), conformità e sicurezza dei prodotti.

Inoltre è lasciato in capo ai marketplace l’onere di adoperarsi per verificare che questo accada.

Diritto all’informazione

Chiudiamo con gli obblighi informativi definiti dall’art. 32, infatti, i marketplace, laddove venissero a conoscenza che, attraverso la propria piattaforma, un operatore commerciale abbia offerto a consumatori dell’UE un prodotto o servizio illegale nei 6 mesi precedenti, deve informarli tempestivamente dell’accaduto indicando tutte le informazioni necessarie per individuare il merchant e, ove non dovesse disporre di tutti i recapiti dei consumatori coinvolti, può rendere pubblico l’accaduto attraverso la propria piattaforma online.

Rischi e Sanzioni

Il nuovo meccanismo di applicazione, che prevede una cooperazione a livello nazionale e dell’UE, controllerà il modo in cui gli intermediari online adeguano i propri sistemi ai nuovi obblighi.

Ciascuno Stato membro dovrà nominare un Coordinatore dei servizi digitali, un’autorità indipendente responsabile della vigilanza dei servizi di intermediazione stabiliti nel proprio Stato membro e/o del coordinamento con autorità specializzate nel settore.

A tal fine potrà ordinare la cessazione delle violazioni oppure l’assunzione di impegni, imporre misure correttive, infliggere sanzioni pecuniarie oppure chiedere a un’autorità giudiziaria di farlo.

Ciascuno Stato membro stabilirà le sanzioni applicabili in caso di violazione del Regolamento DSA, in linea con i requisiti stabiliti da questo e garantendo che siano proporzionate alla natura e alla gravità della violazione, ma comunque dissuasive.

Nei confronti delle piattaforme online e dei motori di ricerca di grandi dimensioni, la Commissione avrà poteri di vigilanza diretta e di esecuzione e, nei casi più gravi, potrà imporre ammende corrispondenti a fino al 6% del fatturato globale del fornitore di servizi.

Per questo risulta fondamentale rivolgersi ad un legale specializzato in e-commerce per approfondire ogni aspetto legale della vendita online e non subire i danni della mancata conoscenza della normativa di settore.

WHITEPAPER
Gartner: l’iperautomazione tra i principali trend tecnologici
CIO
Cloud
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4