copyright

Artisti minacciati dall’intelligenza artificiale: la nuova sfida per il diritto d’autore

Le AI “creative”, come Dall-E 2, Midjourney e Stable Diffusion, cominciano ad affrontare le prime grane legali riguardanti la tutela del diritto d’autore. Il punto sui diritti degli autori, le responsabilità di utenti e piattaforme, i chiarimenti normativo o giurisprudenziale che servono

Pubblicato il 01 Feb 2023

Marina De Salvia

Avvocato presso Polimeni.Legal

bigtech

C’è una prima causa legale di artisti contro l’intelligenza artificiale. Secondo gli artisti Sarah Andersen, Kelly McKernan e Karla Ortiz, le compagnie Stable Diffusion, Midjourney, DeviantArt – e non solo – avrebbero violato i diritti di milioni di artisti, catturando online miliardi di immagini senza il consenso di chi le ha create. Sulla base di questa convinzione, i tre artisti hanno intentato una causa negli USA, promossa dall’avvocato e tipografo Matthew Butterick e dallo studio legale Joseph Saveri di San Francisco, che ha fra l’altro già in piedi un procedimento simile contro GitHub, Microsoft e OpenAI.

Diritto d’autore e opere create dall’AI, prove tecniche di tutela: le questioni aperte

La prima evidenza che emerge da questa controversia è che la tutela dei diritti potenzialmente violati dalle intelligenze artificiali sarà un tema oggetto di dibattito da qui ai prossimi anni. Il fatto che un’AI possa svolgere un’attività “creativa” pone infatti il problema della tutela del diritto d’autore sotto un duplice aspetto: definire a chi appartengono le immagini utilizzate dalle app per creare “contenuti originali” e, successivamente, chi sarà il titolare dell’immagine generata.

Per poter rispondere a questi dubbi, è innanzitutto necessario capire in che modo “imparano” e lavorano queste AI, chiamate generative proprio perché sono in grado di creare contenuti che sembrano originali: per farlo, usano una tecnica detta scraping, che consiste nel raccogliere e memorizzare le informazioni in rete – nel nostro caso immagini – per poi usarle quando e come l’utente lo richiede.

Le AI attingono ad uno o più database che contengono milioni di creazioni di artisti e fotografi: i software estraggono le immagini dal web e insegnano agli algoritmi a riconoscere schemi e relazioni in quelle immagini, così da generarne altre.

I diritti degli autori delle immagini – o fotografie – da cui le AI imparano

In uno dei suoi comunicati al riguardo, Butterick si dice convinto che questo sia un passo “verso la creazione di un’intelligenza artificiale equa ed etica per tutti” che debba necessariamente tener conto del consenso, dei crediti e di un’eventuale remunerazione per gli artisti le cui opere vengono utilizzate. In caso contrario, il rischio è quello di “inondare il mercato con un numero essenzialmente illimitato di immagini contraffatte che infliggerà danni permanenti al mercato dell’arte e degli artisti”.

Getty Images contro Stable Diffusion

Dello stesso avviso Getty Images, fra le più note agenzie fotografiche al mondo, che ha avviato un’azione legale presso l’Alta Corte di Giustizia di Londra contro Stable Diffusion: con un comunicato del 17/01/23, afferma che Stability AI avrebbe “violato i diritti di proprietà intellettuale, incluso il copyright sui contenuti di proprietà o rappresentati da Getty Images”, copiando ed elaborando illegalmente milioni di immagini, a scapito dei creatori di contenuti.

La questione, ad oggi, non è di facile risoluzione. I creatori di strumenti artistici con AI sostengono che l’addestramento dei software si basi su database di informazioni raccolte online, messe a disposizione da aziende specializzate nel settore (le più note sono l’americana Common Crawl e la tedesca Laion).

AI e dottrina del Fair Use

Le informazioni o le immagini in questione vengono cedute gratuitamente e, anche se si suppone che gran parte di questi dati siano effettivamente coperti da una qualche forma di copyright, l’idea è che l’utilità che deriva dal loro utilizzo per l’intera comunità sia tale da superare i limiti imposti dalla tutela del diritto d’autore: è questa la base della dottrina del Fair Use (di origine statunitense). In questi casi l’utilizzo è lecito se avviene senza scopo di lucro (e di fatto Common Crawl e Laion sono aziende no-profit).

Bisogna però tener conto di un duplice aspetto: in primo luogo il Fair Use non si applica nell’Unione europea e quindi bisognerebbe valutare anche l’ubicazione delle aziende titolari di questi strumenti; inoltre, le aziende che usano questi database raramente lo fanno senza scopo di lucro (un esempio? Lensa chiede agli utenti 29,99 euro per l’abbonamento annuale, oppure 2,99 per un set di 50 interpretazioni del volto).

La domanda nasce quindi spontanea: è lecito che chi ha avuto accesso a queste informazioni gratuitamente, ne tragga profitto? E soprattutto, è lecito che gli artisti e i fotografi – indubbiamente creatori di contenuti autentici – non ottengano alcuna retribuzione e alcun riconoscimento per lo sfruttamento delle loro opere?

Diritto d’autore, quali tutele per le opere dell’intelligenza artificiale: approcci e possibili soluzioni

L’AI e il futuro del lavoro creativo

Dovremo attendere le prossime pronunce giurisprudenziali: al momento non è chiaro in che direzione delibereranno le corti adite, dato che non esistono precedenti in materia. Ciò che è certo è che l’uso di queste applicazioni potrebbe costituire una minaccia concreta per alcune categorie specifiche di lavoratori del settore creativo.

Indubbiamente, bisognerà considerare che le AI non creano collage del XXI secolo. Di fatto, non memorizzano immagini in quanto tali, ma rappresentazioni matematiche di modelli relativi alle immagini a disposizione. Il software, quindi, non mette insieme frammenti di immagini, ma crea immagini da zero sulla base di queste rappresentazioni matematiche e, naturalmente, sulla base delle richieste degli utenti che utilizzano l’AI.

La titolarità dell’immagine generata dall’AI su istruzioni dell’utente

Questo dato appare fondamentale anche per la risoluzione della seconda parte del “problema”: chi sarà il titolare dell’immagine generata dall’AI su istruzioni dell’utente?

Possiamo indubbiamente ritenere che un’opera realizzata tramite AI possa godere della tutela propria del diritto d’autore, considerato che le immagini generate appaiono assimilabili ad opere di natura creativa: come sappiamo, l’utente, tramite le diverse app o piattaforme, seleziona parole chiave o un intero testo perché l’algoritmo abbia l’input necessario.

È facile escludere che il diritto di copyright sia attribuito all’AI, se non altro perché non avrebbe alcun senso ricondurre la titolarità del diritto di sfruttamento economico di un’opera al software stesso utilizzato per generarla.

Possiamo quindi ricondurre all’utente utilizzatore della piattaforma il diritto di copyright sulle immagini ottenute tramite AI? Con quali conseguenze e/o benefici in termini economici?

Prendiamo in considerazione la Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche del 9 settembre 1886 (ratificata anche dall’Italia), o il Trattato WIPO (World Intellectual Property Organization) o, ancora, il trattato sui “Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights”: troveremo molteplici disposizioni che evocano il concetto di “autore”, senza mai definirne la natura umana. La tutela ha sempre ad oggetto le espressioni, le idee, i procedimenti, i metodi di funzionamento o i concetti matematici in quanto tali.

In tal senso anche la Direttiva 2001/29/CE (c.d. Direttiva Infosoc o Copyright) e la legge sul diritto d’autore italiana.

Indubbiamente chi ha elaborato queste norme non immaginava neppure lo stato dell’arte dei nostri giorni, ma definizioni di questo tipo, nel contesto attuale, fanno sì che si possa ipotizzare che l’opera tutelata sia stata realizzata non solo con l’ingegno umano, ma anche con l’utilizzo – più o meno significativo – di un’intelligenza artificiale.

I Termini di Utilizzo predisposti delle diverse piattaforme

A questo punto non resta che analizzare i Termini di Utilizzo predisposti delle diverse piattaforme – i cosiddetti TOS che l’utente è tenuto ad accettare in fase di iscrizione – che le condizioni contrattuali del servizio e, di conseguenza, anche i diritti di proprietà intellettuale sulle immagini generate dall’AI utilizzata.

Prendiamo come esempio i TOS delle maggiori piattaforme, quindi di Stable Diffusion, DALLE2 e di Midjourney:

  • Stable Diffusion: Art. 6 “ […] SD non rivendica alcun diritto sull’output generato dall’utente utilizzando il modello. Sei responsabile dell’output che generi e dei suoi successivi usi. Nessun utilizzo dell’output può contravvenire a qualsiasi disposizione indicata nella Licenza.” È anche sottolineato che le immagini – o i testi – prodotti potrebbero essere molto simili ad altri contenuti generati all’AI.
  • DALLE2: Art. 3 “[…] tu possiedi tutto l’Input e, soggetto al rispetto dei presenti Termini, OpenAI ti assegna tutti i suoi diritti, titoli e interessi in e verso l’Output. […] L’utente è responsabile del Contenuto, anche per garantire che non violi alcuna legge applicabile o questi Termini.”
  • Midjourney: a differenza di quanto visto in precedenza, l’Art. 4 stabilisce che “[…] Utilizzando i Servizi, l’utente concede a Midjourney, ai suoi successori e assegna una licenza di copyright perpetua, mondiale, non esclusiva, sublicenziabile gratuita, esente da royalty e irrevocabile per riprodurre, preparare opere derivate di, visualizzare pubblicamente, eseguire pubblicamente, concedere in sublicenza e distribuire messaggi di testo e immagini inseriti nei Servizi o nelle Risorse prodotte dal servizio su tua indicazione. Questa licenza sopravvive alla risoluzione del presente Contratto da parte di qualsiasi parte, per qualsiasi motivo”.

Dall’analisi di questi TOS possiamo sicuramente ritenere che l’utente sia titolare e/o proprietario dell’immagine generata a partire dal proprio input.

La responsabilità degli utenti nei confronti degli autori

Tuttavia, è evidente che questa titolarità non lo renda esente da responsabilità nei difficili rapporti con gli autori delle opere utilizzate dall’AI ai fini del proprio addestramento, tanto che deve dichiararsi responsabile dei contenuti prodotti e del successivo uso a cui sono destinati, essere consapevole che potrebbero essere simili ad opere già realizzate – da altri utenti della piattaforma, ma anche da artisti autonomi.

Le piattaforme quindi, mettendo a disposizione il servizio, non si assumono alcuna responsabilità circa l’originalità e la conformità alle leggi vigenti del prodotto da loro confezionato: spetterà all’utente, una volta ottenuta la titolarità dell’immagine utilizzarla in modo conforme alla normativa vigente.

Conclusioni

È importante capire quali potrebbero essere i risvolti pratici e le conseguenze.

Se autore, artista o fotografo, vedesse su un sito un’immagine derivata palesemente da una delle sue opere, nel caso in cui effettivamente questa violazione sia dimostrabile, di chi sarebbe la responsabilità?

Sebbene non vi siano precedenti sul punto, stando all’analisi del TOS analizzati, la responsabilità potrebbe essere ricondotta anche all’utente che ha utilizzato queste piattaforme, responsabile del contenuto generato e del suo uso e sfruttamento dal punto di vista economico.

È evidente che a breve sarà necessario un chiarimento normativo o giurisprudenziale per tutelare sia i creatori delle immagini oggetto di scraping da parte dell’AI, sia gli utenti che usufruiscono di questo servizio.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2