La normativa

E-commerce, i profili di responsabilità in caso di illeciti: il caso alla Corte di Giustizia UE

Un caso sottoposto alla Corte di Giustizia UE permette di approfondire il tema dei profili di responsabilità in caso di illeciti legati alle attività degli e-commerce, in un contesto globale che vede le piattaforme online sempre più diffuse tra gli utenti: ecco gli impatti

15 Lug 2022
Silvia Doria

Partner, De Berti Jacchia

Camilla Pozzi

studio De Berti Jacchia

Giacomo Vacca

De Berti Jacchia

computer-3368242_1920

La crescita dell’e-commerce ha favorito la diffusione di piattaforme online che permettono agli utenti di effettuare acquisti all’interno di veri e propri “negozi virtuali”, facendo accedere ai più svariati contenuti e e permettendo di sfruttare servizi di scambio e condivisione. Ecco, quindi, che il ruolo di queste piattaforme risulta sempre più centrale. Numerosi, infatti, sono i servizi offerti da tali piattaforme e numerosi risultano i profili di responsabilità relativi agli illeciti che possono essere commessi tramite queste ultime.

È, quindi, senz’altro necessario che si faccia chiarezza sul ruolo che di volta in volta ricopre l’intermediario, monitorando lo stato dell’arte delle norme in materia, ovvero la posizione della giurisprudenza europea ed italiana. In questi giorni è, quindi, certamente opportuno soffermarsi sulle possibili conseguenze derivanti dalla futura pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, interrogata recentemente sul tema della responsabilità dell’intermediario, a fronte dell’Opinione espressa dell’Avvocato Generale, nelle cause riunite C-148/21 e C-184/21.

False recensioni online, la Ue dice basta: le novità per eCommerce e consumatori

I ruoli delle piattaforme online e profili di responsabilità

Le piattaforme che operano su Internet vengono classificate in base ai servizi offerti agli utenti, che possono spaziare da servizi di pubblicità e ricerca (si pensi, ad esempio, ai motori di ricerca), fino a servizi di e-commerce (quali Amazon ed eBay, che fungono da punto d’incontro tra domanda e offerta nelle compravendite online). Fungendo da punto di raccordo, la loro attività rischia di interferire con i diritti degli altri operatori e, in particolare, con i diritti di proprietà intellettuale di questi ultimi, che possono subire violazioni a causa delle vendite online gestite direttamente da dette piattaforme. Pertanto, occorre valutare i possibili profili di responsabilità degli intermediari, da declinarsi a seconda del ruolo svolto da questi nel singolo caso.

WHITEPAPER
In-store experience per la GDO: come usare la tecnologia per rispondere ai nuovi consumi
Retail
E-Commerce

La disciplina di partenza è rappresentata dalla Direttiva 2000/31/CE sul Commercio Elettronico (attuato in Italia dal D.lgs. n. 70/2003), che ha cercato di armonizzare le discipline nazionali degli Stati Membri con riferimento al ruolo degli intermediari. Questi ultimi vengono distinti in:

  • mere conduit, laddove si occupino del solo “trasporto” di informazioni,
  • caching provider, nel caso in cui trasmettano informazioni effettuando una memorizzazione automatica, intermedia e temporanea,
  • hosting provider, quali appunto eBay, YouTube e Amazon, qualora memorizzino (non temporaneamente) le informazioni e offrano un servizio più ampio.

In generale, la normativa non pone in capo ai provider un obbligo di sorveglianza sui contenuti da essi veicolati. Tuttavia, possono essere chiamati a risponderne qualora vengano a conoscenza di contenuti illeciti e non provvedano tempestivamente alla loro rimozione (in tale caso, infatti, si imputa loro una responsabilità per colpa). In particolare, l’esonero da responsabilità per gli intermediari opera solo nel momento in cui la loro attività risulti meramente tecnica, automatica e “passiva”, in quanto non sono a conoscenza né si occupano di controllare le informazioni o i contenuti in circolazione. Diverso è, invece, laddove l’intermediario assume un ruolo attivo: in tal caso, se questi partecipa alla redazione o alla rielaborazione del contenuto illecito, o ancora, ad esempio, indicizza i prodotti offerti e riceve compensi per l’attività di intermediazione svolta, la sua posizione non può essere considerata neutrale rispetto allo scambio commerciale e sarà, pertanto, soggetto a responsabilità per la circolazione dei suddetti contenuti illeciti.

La questione sottoposta alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea è stata interrogata sulla corretta qualificazione del ruolo dei provider in relazione all’offerta di beni sulle piattaforme e-commerce. Il caso coinvolge la celebre piattaforma Amazon, in qualità di distributore e gestore di un mercato online. La Corte è chiamata a stabilire se l’uso di un marchio, in un annuncio di offerta in vendita di prodotti contraffatti proveniente da un venditore terzo, sia imputabile direttamente al gestore della piattaforma online (Amazon), ovvero se simile uso risulti rientrante nella comunicazione commerciale del gestore della piattaforma. Da un lato, infatti, l’intermediario rende tecnicamente possibile la violazione dei diritti di proprietà industriale da parte del terzo offrendo accesso ai prodotti in violazione. Dall’altro lato, tuttavia, allargare la portata della responsabilità diretta dei provider a simili casi potrebbe potenzialmente obbligarli ad esercitare un controllo generale su tutte le possibili violazioni che possono verificarsi sui propri siti, disincentivando lo sviluppo delle attività online.

La Corte valuterà la questione alla luce del parere espresso dall’Avvocato Generale Szpunar, il quale, sulla base della giurisprudenza della stessa Corte, rileva come l’”uso” da parte di un intermediario di un segno distintivo di un terzo implica quantomeno che l’intermediario utilizzi detto segno nella propria comunicazione commerciale, in maniera tale che l’utente/destinatario ipotizzi un nesso tra l’intermediario ed il segno. Pertanto, per stabilire se siano violate o meno le funzioni essenziali del marchio, bisognerà necessariamente considerare il punto di vista dell’utente della piattaforma, che si assume essere “normalmente informato e ragionevolmente attento”.

Gli impatti sugli utenti

Centrale a riguardo è la distinzione tra le offerte dei venditori terzi e quelle di Amazon: tutte le offerte comprendono il logo della piattaforma, ma viene sempre specificato se i prodotti sono effettivamente venduti da terzi o da Amazon stessa. Di conseguenza, gli utenti sono teoricamente sempre al corrente che gli annunci pubblicati possono talvolta promuovere prodotti venduti direttamente da Amazon, talvolta promuovere prodotti venduti da terzi. Dunque, sempre in teoria, dovrebbe risultare chiaro agli utenti quale sia il venditore ad offrire prodotti contraffatti e, per quanto i relativi annunci possano essere pubblicati da Amazon, la piattaforma in nessun modo pone in essere atti che integrano l’”uso” del segno contraffatto, determinando così l’assenza di responsabilità diretta in capo al provider.

L’analisi

Per contro, riteniamo, però, che non sempre, la coesistenza dei diversi annunci consente di affermare che un utente normalmente informato e ragionevolmente attento possa in effetti percepire i segni pubblicati all’interno degli annunci dei venditori terzi come parte della comunicazione commerciale di Amazon.

In ogni caso, alla luce delle precedenti pronunce della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (si vedano le sentenze Google France, L’Oréal, e Coty), le conclusioni dell’Avvocato Generale sembrano condivisibili, dal momento che, per quanto neghino l’esistenza di responsabilità degli intermediari nei casi analoghi a quello in esame, non sembrano tuttavia escludere la possibilità di configurare, in base al diritto nazionale di volta in volta applicabile, una forma di responsabilità indiretta in capo all’intermediario. Dunque, , sarà interessante osservare che posizione assumerà la Corte in relazione al punto di vista dell’utente “normalmente informato e ragionevolmente attento”: tali future considerazioni, infatti, potrebbero introdurre nuovi criteri di valutazione circa le infrazioni sulle piattaforme in rete.

A tale riguardo, se da un lato sembra emergere l’intento di adottare un approccio più conservativo e protettivo nei confronti delle piattaforme, interpretando restrittivamente il concetto di “uso” di un segno distintivo di terzi, sarà altresì interessante osservare quale sarà la risposta dei giudici italiani, la cui posizione sulla responsabilità dei providers è tendenzialmente più rigida. Infatti, nel nostro ordinamento si registrano numerose correnti di pensiero che suggeriscono un certo favore verso i titolari dei diritti lesi: gli hosting providers vengono spesso obbligati ad intervenire per rimuovere i contenuti illeciti anche a seguito di semplice segnalazione di parte e non solo su comunicazione dell’autorità; e ancora, nel caso di classificazione dubbia sul ruolo – attivo o passivo – della piattaforma, di frequente gli interpreti preferiscono letture che maggiormente aggravano la responsabilità (in tema di hosting providers, si pensi ai casi YouTube e Yahoo! riguardanti i diritti di Reti Televisive Italiane). Pertanto, si ritiene possibile che tali approcci verranno rivisti a seguito della futura pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, o meglio si ipotizza una maggiore apertura verso i criteri di valutazione della responsabilità degli intermediari, soprattutto una volta compresa la posizione assunta dalla Corte riguardo alla percezione dell’utente “normalmente informato e ragionevolmente attento”. La pronuncia sarà conforme al parere dell’Avvocato Generale, o prenderà le distanze da quest’ultimo? Stay tuned!

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4