lo studio

Le assicurazioni nell’era della IA: così cambia il settore



Indirizzo copiato

Intelligenza artificiale generativa, IoT, robotica, blockchain e metaverso: le tecnologie emergenti sono oggi sulla bocca di tutti e si sono dimostrate delle preziose alleate per rispondere efficacemente alle sfide poste da un contesto macroeconomico sempre più complesso e dinamico. Ma qual è l’impatto di questi strumenti sul business assicurativo?

Pubblicato il 29 set 2023

Valeria Biondi

Innovation & Fintech Specialist

Marco Concordati

Partner, Insurance Business Transformation, EY



automobili connesse senza privacy

L’aumento dell’inflazione, l’impennata dei tassi di interesse, il moltiplicarsi delle catastrofi naturali e le conseguenze del conflitto ucraino hanno posto sotto pressione l’intero mercato assicurativo, rendendo oggi più che mai evidente l’esigenza per tutti i player di settore di evolvere i propri modelli di business e innovarsi per rispondere ai nuovi bisogni posti da un contesto macroeconomico e geopolitico sempre più complesso.

L’evoluzione e la diffusione delle tecnologie emergenti rappresenta in questo senso una grande opportunità per le compagnie, che possono servirsi di questi strumenti per affrontare con successo il percorso di trasformazione digitale necessario a fronteggiare le sfide poste dal contesto delineato e continuare a operare profittevolmente nel panorama competitivo nazionale e internazionale.

Lo studio EY e IIA

Lo studio firmato EY e IIA Digital Disruption: l’impatto delle tecnologie emergenti sul settore assicurativo”, parte di un più ampio ciclo di ricerche che da tre anni ormai si propone l’ambizioso obiettivo di indagare e monitorare il percorso di innovazione delle assicurazioni in Italia, fornisce un punto di vista unico sul tema grazie al contributo dei principali player di settore.

Compagnie, broker, Insurtech e operatori dell’assistenza stradale sono stati interrogati tramite interviste dirette sui principali vantaggi e sulle sfide che si incontrano nell’adottare tecnologie innovative all’interno della catena del valore assicurativa, sullo stato attuale degli strumenti e delle competenze digitali nelle compagnie, nonché sull’evoluzione dei trend di mercato, nell’obbiettivo di fornire una panoramica quanto più completa ed oggettiva delle tematiche proposte e rispondere efficacemente ai principali dubbi di chi opera in questo settore.

Assicurazioni, il potenziale di robotica e IA generativa

Ad emergere come le tecnologie a maggior potenziale per il mercato assicurativo sono robotica e IA generativa: permettendo di efficientare processi ripetitivi e manuali con investimenti contenuti questi strumenti consentono infatti di liberare tempo commerciale da dedicare ad attività a maggiore valore aggiunto, con impatti positivi su tutta la value chain assicurativa, specialmente nelle fasi di gestione dei sinistri e sottoscrizione delle polizze.

Mentre nel caso della robotica il livello di maturità nell’implementazione tra le compagnie risulta già avanzato, essendo una tecnologia ormai conosciuta e utilizzata da tempo, è solo di recente che si sono viste le prime applicazioni dell’IA generativa al business assicurativo, grazie all’evoluzione delle capacità delle reti neurali in ambito di generazione di output, testi e immagini con un grado di competenza pari o superiore a quello umano. Nonostante la strada da percorrere sia ancora lunga, il potenziale di questo strumento è chiaro e gli use case implementati sinora hanno prodotto risultati persino più soddisfacenti delle aspettative.

IoT, dati satellitari e sensoristica avanzata

Al terzo posto della classifica delle tecnologie emergenti più rilevanti per il settore, troviamo IoT, dati satellitari e sensoristica avanzata. Sebbene da anni ormai le compagnie si servano di questi strumenti per lo sviluppo di prodotti parametrici e comportamentali con un alto livello di personalizzazione, recenti progressi nelle tecnologie di connettività e nell’elaborazione dei dati hanno reso possibili interessanti applicazioni innovative, soprattutto per lo sviluppo di nuovi prodotti e per una più efficace quotazione e analisi del rischio.

Segue al quarto posto la blockchain, strumento a cui è riconosciuto il potenziale di poter supportare gli assicuratori nella fase di emissione e sottoscrizione delle polizze, nonché nello sviluppo di nuovi prodotti e nella gestione degli incassi e dei pagamenti. Come l’IA generativa, anche la blockchain è uno strumento relativamente nuovo e ancora poco maturo, tuttavia in questo caso non è il fattore temporale a giustificare la scarsa maturità di implementazione riscontrata tra i rispondenti: opinione condivisa è quella di una complessità eccessiva di questo strumento a fronte dei benefici concreti che se ne possono ricavare.

Il metaverso

Chiude la classifica il metaverso, strumento di cui si fatica a comprendere l’applicabilità al business assicurativo al di fuori del tema della formazione dei dipendenti. Timide applicazioni emergono anche nella fase di marketing e informativa clienti, al fine di migliorare la relazione con la clientela.

Di seguito una tabella riassuntiva della classifica delle tecnologie emergenti per potenziale con il dettaglio dei relativi livelli di maturità di adozione nelle compagnie.

Le sfide per le compagnie assicurative

Nell’implementare le tecnologie discusse sono molteplici le sfide che le compagnie sono chiamate ad affrontare. Prima tra tutte è la difficoltà di integrazione con i processi esistenti, trasversale a tutte le tecnologie ma evidente in particolar modo quando si parla di robotica e blockchain, seguita dalla necessità di offrire una formazione adeguata a dipendenti e dirigenti per gestire al meglio questi strumenti, specialmente nel caso di IA generativa e metaverso. Meno rilevante, fatta eccezione per l’IoT, risulta invece il tema degli investimenti economici che non sembrano costituire una barriera significativa all’adozione tecnologica.

La formazione, oltre a fornire i presupposti fondamentali per colmare il gap di competenze tecniche evidenziato dal 69% degli intervistati nella propria azienda, deve essere orientata a favorire lo sviluppo di una mentalità e di una cultura innovativa in tutte le funzioni aziendali. Secondo la maggior parte degli intervistati (63%) infatti, il fattore culturale si configura come l’abilitatore fondamentale su cui investire, prima ancora dell’adozione di strumenti tecnologici (indicata solo dal 26% del campione), per affrontare il processo di trasformazione digitale e implementare con successo i trend che dominano il mercato.

Saper intercettare le tendenze più rilevanti

Per operare profittevolmente nel contesto attuale è infatti fondamentale anche saper intercettare le tendenze più rilevanti per il settore, seguendone l’evoluzione. A dominare nel 2023 è il tema dell’embedded insurance, che va a scalare la classifica di ben 8 posizioni, collocandosi al primo posto: gli assicuratori sono concordi nel riconoscere che le coperture integrate siano oggi più che mai un tema attuale e maturo, in grado di dare risultati significativi agli operatori che le offrono grazie anche al consolidamento delle relazioni con i player di altri settori.

In continuità con lo scorso anno si confermano invece sul podio il tema della sostenibilità e quello dell’open insurance. Quanto a quest’ultimo in particolare, secondo il 70% degli intervistati una maggiore apertura e interoperabilità dei dati assicurativi dei clienti, anche tra soggetti attualmente non vigilati, rappresenta una grande un’opportunità per il settore, andando a favorire la collaborazione tra i vari attori e permettendo di ridurre le asimmetrie informative e i conseguenti casi di frode. Opinione condivisa dalla maggior parte degli intervistati (56%) è che il ruolo del regolatore in questa transizione dovrebbe essere quello di favorire la tutela del consumatore e un corretto trattamento e utilizzo dei dati.

Conclusioni

Alla luce di tutti gli elementi discussi emerge chiaramente l’importanza per le compagnie di monitorare e accogliere il cambiamento, dotandosi di strutture agili pronte ad affrontare l’impatto della trasformazione digitale e delle nuove tecnologie, definito “disruptive” dalla maggior parte degli intervistati.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3