IA e specializzazione

Analisi dati aziendali, buone pratiche con l’intelligenza artificiale



Indirizzo copiato

In un contesto in cui l’analisi dei dati si sta standardizzando, diventando quasi una merce di scambio, la specializzazione appare come l’unico mezzo per differenziarsi e rimanere competitivi. A prosperare saranno quindi le aziende in grado di bilanciare con successo adattabilità, innovazione e specializzazione

Pubblicato il 10 ott 2023

Andrea Viliotti

Innovation Strategist



Big,Data,Visualization.,The,Musical,Stream,Of,Sounds.,Abstract,Background

L’emergere di soluzioni AI come ChatGPT Enterprise, Bing Chat Enterprise e Duet AI sta ridefinendo le dinamiche nel campo dell’analisi dei dati per le imprese, sollecitando una revisione delle strategie adottate.

Create da colossi del settore tecnologico come OpenAI, Microsoft e Google, queste piattaforme stanno rendendo l’analisi dei dati un processo più democratico, intuitivo e alla portata di tutti. Tuttavia, questa accessibilità generalizzata impone alle aziende di servizi analitici di riorientare la loro offerta, passando da soluzioni generaliste a proposte più mirate e verticalizzate.

In un contesto dove l’analisi dei dati si sta standardizzando, diventando quasi una merce di scambio, la specializzazione appare come l’unico mezzo per differenziarsi e rimanere competitivi. Allo stesso tempo, la tecnologia che sostiene queste iniziative diventa sempre più uniforme, presentando un set di opportunità e rischi.

In questa complessa trama, assume un peso crescente il fattore umano: intuizione, esperienza e creatività emergono come elementi chiave per distinguersi nel mercato. In ultima analisi, la propensione all’adattamento e all’innovazione è ciò che determinerà il successo a lungo termine delle aziende. Questo è il quadro in cui le nuove soluzioni di intelligenza artificiale stanno modellando il futuro dell’analisi dati nel mondo aziendale.

Da generalista a specialista: l’impatto delle piattaforme ai sull’analisi dei dati aziendali

Le frontiere della tecnologia digitale sono in continuo movimento, con una trasformazione senza precedenti che ha colpito soprattutto l’analisi dei dati aziendali. Prendiamo in esame giganti come ChatGPT Enterprise di OpenAI, Bing Chat Enterprise di Microsoft e Duet AI di Google: la loro espansione è un campanello d’allarme per le aziende di analisi dati, spingendole a riconsiderare le proprie strategie.

Ma fermiamoci un momento e analizziamo la situazione. In realtà, il mondo delle aziende che si occupano di analisi dei dati è estremamente variegato. Alcune di queste si definiscono come “specialistiche”, ovvero concentrate su specifici settori verticali come la sanità, la finanza o l’energia. Immaginiamo un’azienda specializzata in sanità che utilizza algoritmi avanzati per decifrare dati clinici e fare previsioni sulle terapie future. D’altro canto, esistono le aziende “generaliste”, che offrono una gamma di servizi applicabili a diversi settori industriali.

Questo è il punto in cui le cose diventano complesse: è il momento della decisione strategica. Le aziende devono riflettere se è più conveniente per loro specializzarsi ulteriormente o se è il caso di adottare piattaforme di terze parti come quelle offerte dai big della tecnologia. Questa non è una scelta da fare alla leggera. Bisogna considerare variabili come il ritorno sull’investimento, la scalabilità e le specifiche esigenze del cliente.

Poniamo, ad esempio, che un’azienda focalizzata sull’analisi dei dati nel settore retail trovi utile utilizzare Duet AI di Google. Questa piattaforma, con una forte inclinazione verso l’analisi dei dati visivi, potrebbe aiutare l’azienda a fare analisi predittive sul comportamento dei consumatori, dando un vero e proprio vantaggio competitivo.

La specializzazione ha un prezzo

Ma attenzione, la specializzazione ha un prezzo. Richiede investimenti in Ricerca e Sviluppo, nonché la formazione di un team di esperti. Pensiamo a una società specializzata in analisi dati nel settore sanitario: per operare efficacemente, avrebbe bisogno di una conoscenza approfondita delle normative sulla privacy e delle leggi come l’HIPAA negli Stati Uniti.

Ma cosa succede se decidessimo di incorporare una piattaforma AI in un’azienda specializzata? Ecco un caso ipotetico: un’azienda del settore energetico potrebbe utilizzare ChatGPT Enterprise di OpenAI per una prima analisi sui dati sismici. Mentre la piattaforma potrebbe filtrare efficacemente i dati grezzi, per una comprensione più profonda sarebbe indispensabile un team di geologi e ingegneri.

Le specializzazioni delle singole piattaforme

Dando uno sguardo più ravvicinato alle singole piattaforme AI, emergono chiare specializzazioni. ChatGPT Enterprise di OpenAI si rivela una scelta eccellente per chi ha bisogno di un’analisi approfondita del linguaggio naturale, rendendola particolarmente utile per scrutare testi quali recensioni online e documenti giuridici. Nel frattempo, Bing Chat Enterprise di Microsoft assume un ruolo significativo per le aziende già ben inserite nell’ecosistema Microsoft, grazie all’integrazione con servizi come Microsoft 365 e Azure. E per non lasciare fuori nessuno, Duet AI di Google si distingue nel facilitare la comprensione di codice complesso e API attraverso l’uso del linguaggio naturale. Questa caratteristica lo rende un asset inestimabile per sviluppatori e data scientist, specialmente in settori come lo sviluppo di software e la gestione di dati. La sua capacità di integrarsi con le piattaforme di Google Cloud lo rende particolarmente utile per ottimizzare flussi di lavoro e automatizzare processi.

Quindi, cosa ci riserva il futuro? Ebbene, la transizione da un approccio generalista a una specializzazione nell’analisi dei dati aziendali è al contempo una sfida e un’opportunità. Le aziende che riusciranno a navigare in questo mare agitato, combinando expertise specialistiche con le capacità offerte dalle piattaforme AI, non solo sopravviveranno ma prospereranno, affermandosi come i leader del domani.

L’omogeneizzazione della tecnologia di base: un doppio taglio nell’analisi dei dati aziendali

Nell’era digitale, l’omogeneizzazione della tecnologia di base sta diventando la norma piuttosto che l’eccezione. Mentre le aziende si immergono in nicchie sempre più specializzate, la piattaforma tecnologica su cui poggiano i loro servizi tende a standardizzarsi. Questo fenomeno, noto come “omogeneizzazione orizzontale,” è una spada a doppio taglio che sta ridefinendo il modo in cui le aziende affrontano l’analisi dei dati aziendali.

Da un lato, l’omogeneizzazione offre vantaggi indiscutibili. L’adozione di piattaforme tecnologiche generaliste, come quelle offerte da colossi come OpenAI, Microsoft e Google, permette alle aziende di sfruttare le economie di scala. Questo è un toccasana soprattutto per le piccole e medie imprese, che ora possono accedere a tecnologie avanzate senza dover rompere il salvadanaio. In un mondo dove le barriere all’ingresso sono sempre più alte, questa democratizzazione della tecnologia è niente meno che rivoluzionaria.

Ma c’è anche un altro lato della medaglia. Con una base tecnologica ormai standardizzata, le aziende possono concentrare i loro sforzi di innovazione su aree più focalizzate. Immaginate un’azienda che si occupa di analisi dei dati nel settore sanitario: piuttosto che costruire una piattaforma di analisi dei dati da zero, può concentrarsi sullo sviluppo di algoritmi specifici per l’interpretazione di dati medici. Questo tipo di innovazione focalizzata è un lusso che diventa possibile solo quando non si è oberati dalla necessità di reinventare la ruota.

Rischi e sfide della standardizzazione

Tuttavia, questa standardizzazione porta con sé nuovi rischi e sfide. Uno dei più evidenti è la crescente dipendenza da un numero limitato di fornitori dominanti. In un ecosistema in cui pochi giganti tecnologici detengono le chiavi del regno, le aziende si trovano in una posizione precaria. La mancanza di differenziazione diventa un problema serio; se tutti usano gli stessi strumenti, come si fa a distinguersi dalla concorrenza? E non è solo una questione di identità di marca; una simile omogeneizzazione potrebbe scatenare una guerra dei prezzi che erode i margini di profitto.

E poi c’è la questione della vulnerabilità. Immaginate cosa potrebbe succedere se un fornitore dominante, come Duet AI, decidesse di cambiare i termini del servizio o aumentare i prezzi. Le aziende che hanno costruito la loro infrastruttura su quella piattaforma si troverebbero improvvisamente in balia degli eventi, con poche alternative a disposizione.

L’omogeneizzazione della tecnologia di base è un fenomeno che le aziende non possono permettersi di ignorare. Offre opportunità entusiasmanti, ma anche rischi che richiedono una navigazione attenta. Le aziende devono quindi adottare un approccio bilanciato: sfruttare le opportunità offerte dall’omogeneizzazione tecnologica, ma senza abbassare la guardia sui rischi potenziali. In questo delicato equilibrio tra opportunità e rischi, le aziende che sapranno manovrare con destrezza saranno quelle destinate a emergere come leader nel panorama in continua evoluzione dell’analisi dei dati aziendali.

Il ruolo insostituibile del valore umano nell’analisi dei dati aziendali

In un mondo sempre più pervaso da algoritmi e intelligenza artificiale, la tentazione di affidare ogni aspetto dell’analisi dei dati aziendali a macchine sofisticate è forte. Ma è proprio in questo scenario ipertecnologico che il valore insostituibile dell’intuizione, dell’esperienza e della creatività umana emerge con forza, delineando un nuovo paradigma in cui l’uomo e la macchina non sono antagonisti, ma alleati.

Prendiamo, ad esempio, l’interpretazione dei dati. Le piattaforme AI possono sì generare un mare di dati, ma chi li traduce in azioni concrete? Un algoritmo può identificare un picco nelle vendite di un determinato prodotto, ma è incapace di spiegare il perché di tale successo. Potrebbe essere il risultato di una campagna di marketing ben orchestrata, un evento stagionale o una combinazione di vari fattori. Ecco dove l’analista umano, con la sua profonda comprensione del settore e del contesto, diventa indispensabile.

Ma non è solo una questione di interpretazione; c’è anche il delicato tema della personalizzazione. Gli algoritmi possono certamente segmentare i clienti in base a dati demografici o comportamentali, ma solo un esperto può cogliere le sfumature delle preferenze del cliente. È l’umano che personalizza le offerte o i servizi in modo che risuonino a un livello più profondo con il cliente, trasformando un’interazione transazionale in un’esperienza memorabile.

E poi c’è la consulenza strategica, un campo in cui la macchina si ferma e l’uomo prende il sopravvento. Gli algoritmi possono fornire una panoramica di cosa sta accadendo, ma sono impotenti nel dire come un’azienda dovrebbe rispondere a queste informazioni. La capacità di formulare una strategia basata su dati empirici è una competenza che, almeno per ora, rimane appannaggio esclusivo degli esseri umani.

Non dimentichiamo, inoltre, che le decisioni aziendali non sono solo una questione di numeri; spesso implicano considerazioni etiche che vanno ben oltre la pura analisi dei dati. Un algoritmo potrebbe suggerire di puntare su un mercato emergente per massimizzare i profitti, ma solo un team umano può valutare i rischi etici o di reputazione che una tale mossa potrebbe comportare.

In un’epoca in cui l’automazione e l’intelligenza artificiale stanno rivoluzionando il mondo degli affari, il valore aggiunto dall’elemento umano non solo rimane rilevante, ma in realtà acquista un’importanza sempre maggiore. Le aziende che sapranno riconoscere e integrare questo delicato equilibrio tra competenze umane e capacità algoritmiche saranno quelle destinate a emergere come leader in un panorama competitivo in continua evoluzione. E in questo intricato gioco di equilibri, l’elemento umano non è un optional, ma un componente fondamentale per navigare con successo nel complesso universo dei dati aziendali.

L’etica dell’omogeneizzazione della tecnologia di base nell’analisi dei dati aziendali

Nell’era digitale in cui viviamo, l’omogeneizzazione della tecnologia di base sta diventando sempre più la norma, specialmente nel campo dell’analisi dei dati aziendali. Questa tendenza ha il potere di democratizzare l’accesso a tecnologie avanzate, offrendo economie di scala che possono beneficiare soprattutto le piccole e medie imprese. Ma come spesso accade quando si parla di progresso tecnologico, la medaglia ha due facce.

L’altra faccia della medaglia

Immaginiamo un mondo in cui pochi giganti tecnologici come OpenAI, Microsoft e Google detengono le chiavi del regno dell’analisi dei dati. In un tale scenario, la centralizzazione del potere tecnologico potrebbe creare un ambiente in cui la diversità e l’equità nel mercato sono messe a rischio. Le aziende più piccole e i nuovi entranti potrebbero trovarsi in una posizione svantaggiata, ostacolando così l’innovazione e la concorrenza. E non è solo una questione di business; è una questione etica che riguarda l’intero ecosistema imprenditoriale.

Ma andiamo oltre. Se molte aziende si affidano alle stesse piattaforme per l’analisi dei dati, cosa succede se queste piattaforme falliscono o vengono violate? Le ripercussioni su larga scala potrebbero essere devastanti, sollevando questioni etiche sulla responsabilità e la trasparenza da parte dei fornitori di piattaforme. In un mondo sempre più connesso, la sicurezza dei dati non è solo un problema tecnico, ma anche una questione di fiducia pubblica.

E poi c’è il dilemma tra standardizzazione e personalizzazione. La standardizzazione può semplificare le operazioni, ma può anche limitare la capacità delle aziende di essere veramente innovative o di offrire soluzioni che rispecchiano le esigenze etiche, culturali o sociali dei loro clienti. In altre parole, l’uniformità tecnologica potrebbe finire per annullare la diversità delle soluzioni, e con essa, la diversità delle esigenze umane.

Le implicazioni sociali dell’omogeneizzazione

Non dimentichiamo le implicazioni sociali più ampie. L’omogeneizzazione potrebbe contribuire all’aumento della disuguaglianza digitale, creando un divario tra chi può permettersi l’accesso a tecnologie avanzate e chi no. Questo, a sua volta, potrebbe esacerbare altre forme di disuguaglianza sociale ed economica, rendendo la questione non solo tecnica ma profondamente sociale.

In conclusione, mentre l’omogeneizzazione della tecnologia di base offre indubbi vantaggi, solleva anche una serie di questioni etiche che non possono essere ignorate. Le aziende, insieme ai decisori politici, devono affrontare questi dilemmi etici con serietà, integrandoli nella loro strategia complessiva per l’analisi dei dati aziendali. Solo così potremo sperare di navigare con successo attraverso le acque complesse di un panorama tecnologico in rapida evoluzione, assicurando che le innovazioni siano non solo efficienti, ma anche eticamente responsabili. In questo intricato gioco di equilibri, l’etica non è un optional ma un imperativo. E in un mondo in costante cambiamento, essere eticamente consapevoli è forse il modo migliore per essere veramente innovativi.

Conclusioni

In un’era in cui le piattaforme di intelligenza artificiale stanno ridefinendo il panorama dell’analisi dei dati aziendali, l’adattabilità non è più un’opzione ma un imperativo. Le aziende che una volta si accontentavano di offrire servizi generalisti devono ora ripensare la loro strategia, orientandosi verso soluzioni più specializzate e verticali. Ma l’adattabilità non è solo una questione di cambiamento; è anche un test di resilienza. In un ambiente in cui tutto, dalle normative ai gusti dei consumatori, è in costante evoluzione, la capacità di navigare attraverso queste acque tumultuose diventa un fattore critico di successo.

Tuttavia, l’adattabilità da sola non basta. In un mercato che vede una crescente standardizzazione della tecnologia di base, grazie all’ascesa di piattaforme come ChatGPT Enterprise, Duet AI e Bing Chat Enterprise, l’innovazione emerge come un elemento cruciale di differenziazione. E l’innovazione non è un concetto monolitico; può variare da miglioramenti incrementali che affinano l’efficienza e la funzionalità, a salti radicali che aprono nuovi mercati o rivoluzionano modelli di business esistenti. In ogni caso, è l’ingrediente segreto che mantiene un’azienda avanti rispetto ai suoi concorrenti.

Ma come bilanciare questa standardizzazione con la necessità di specializzazione? Ecco dove la specializzazione diventa un valore aggiunto, un fattore che può dare a un’azienda un vantaggio competitivo. Questo potrebbe significare offrire consulenza strategica che va oltre la semplice analisi dei dati, o potrebbe implicare lo sviluppo di soluzioni personalizzate che rispondono a esigenze di settore specifiche. In ogni caso, è un modo per evitare il rischio di diventare indistinguibili in un mondo sempre più uniforme.

In sintesi, mentre ci avventuriamo in questo nuovo e incerto futuro, le aziende che saranno in grado di bilanciare con successo adattabilità, innovazione e specializzazione saranno quelle che non solo sopravviveranno, ma prospereranno. È una strada costellata di sfide, certo, ma è anche una strada che offre opportunità immense per coloro che sono pronti ad affrontarle con creatività, intuizione e, soprattutto, coraggio. E in questo viaggio, l’unico costante sarà il cambiamento. Quindi, per le aziende che vogliono avere successo nel complicato mondo dell’analisi dei dati aziendali, la parola d’ordine è semplice: adattarsi o soccombere.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3