innovazione

No code e AI trasformano terzo settore e ONG: esempi e casi concreti



Indirizzo copiato

No Code e intelligenza artificiale stanno rivoluzionando il Terzo Settore e le ONG. Queste tecnologie non solo semplificano le operazioni quotidiane e riducono i costi, ma aprono anche nuove vie per l’innovazione, la comunicazione efficace e la raccolta fondi. Vediamo i vantaggi

Pubblicato il 24 apr 2024

Edoardo Vigo

No Code developer in Evermind e docente alla Low Code Academy di Impactskills



Digital,Technology,,Big,Data,,Iot,Internet,Of,Things,,Software,Development

Con l’avvento del No Code e dell’intelligenza artificiale si apre un mondo di possibilità prima inimmaginabili e in rapidissima evoluzione anche per il Terzo Settore e le ONG.

Il No Code permette di creare e gestire soluzioni digitali senza richiedere competenze specifiche in programmazione, mentre l’IA porta automazione e analisi avanzate. Soprattutto nel terzo settore, dove le risorse sono spesso limitate, i budget ristretti e la necessità di innovare è costante, l’impiego di queste tecnologie offre una flessibilità e una facilità d’uso senza precedenti.

Per questo, molte organizzazioni no-profit stanno iniziando a riconoscerne il potenziale per migliorare la loro operatività e per raggiungere i loro obiettivi in modo più efficiente.

Terzo settore: il no code per semplificare le operazioni

Il No Code sta trasformando il modo in cui le organizzazioni del Terzo Settore gestiscono le loro operazioni quotidiane. Un esempio lampante è l’automazione delle attività amministrative. Strumenti senza codice possono gestire l’immissione di dati, la reportistica e la gestione dei donatori, liberando tempo prezioso che può essere dedicato ad altro. Questa semplificazione delle operazioni non solo aumenta l’efficienza ma riduce anche il rischio di errori umani, garantendo una maggiore affidabilità dei processi interni.

Sarà quindi interessante visionare gli sviluppi di Gemini e Copilot i quali potranno inserire nei vari ecosistemi di riferimento l’Intelligenza Artificiale.

Riduzione dei costi IT e indipendenza digitale

Uno dei vantaggi più significativi del no code è la riduzione dei costi IT. Le organizzazioni possono ora sviluppare soluzioni digitali internamente, senza dover dipendere da costosi servizi di sviluppo esterni. Questo non solo comporta un risparmio economico ma conferisce anche una maggiore autonomia e controllo sulle proprie tecnologie. La capacità di adattare rapidamente le soluzioni digitali alle esigenze mutevoli è fondamentale, in quanto spesso si devono affrontare sfide improvvise e rapide evoluzioni del contesto operativo.

Inoltre, credo che l’innovazione guidata dal no code potrà aprire la strada a soluzioni creative per problemi complessi, spingendo le organizzazioni a pensare fuori dagli schemi e a sfruttare al meglio le loro risorse.

Comunicazione efficace e coinvolgimento della comunità

Il no code gioca un ruolo cruciale anche nella comunicazione e nel coinvolgimento della comunità. Attraverso strumenti intuitivi e facili da usare, le organizzazioni possono creare siti web, newsletter e integrare piattaforme di social media per mantenere i loro sostenitori informati e coinvolti. Questo non solo ha la possibilità di migliorare la visibilità e l’efficacia delle campagne di sensibilizzazione, ma rafforza anche il legame con la base di sostenitori.

Recentemente è stato annunciato Devin, uno dei primi AI Software Engineer in grado di analizzare e gestire diverse attività riguardo la programmazione (dalla lettura della documentazione al testing del codice). Inerente invece al no code un tool che sta andando per la maggiore è WebWave.

Rivoluzionare la raccolta fondi con strumenti no code

Nel Terzo Settore, la raccolta fondi è una componente vitale. Qui, gli strumenti no code possono fare una grande differenza. Consentono di creare campagne di raccolta fondi personalizzate e coinvolgenti, visualizzare l’impatto delle donazioni e raggiungere un pubblico più ampio.

Queste piattaforme permettono inoltre di tracciare le donazioni in tempo reale, fornendo feedback immediato ai donatori, svolgendo alcune attività amministrative e mostrando loro l’impatto diretto del loro sostegno.

Ad esempio con Fillout è possibile utilizzare rapidamente funzionalità di questo genere.

Esempi concreti di no code nel terzo settore

Il terzo settore può trarre vantaggio in modo significativo dall’uso degli strumenti No Code. Ecco alcuni esempi concreti percorribili:

  • 💰 Moduli personalizzati per le donazioni: Creare moduli intuitivi per semplificare il processo di donazione e aumentare l’efficacia delle campagne di raccolta fondi.
  • 💌 Campagne email personalizzate: Utilizzare piattaforme No Code per gestire campagne email, permettendo una comunicazione più diretta e personalizzata con le persone coinvolte.
  • 🔄 Automazione delle attività ricorrenti: Ridurre il carico di lavoro manuale automatizzando processi come la gestione delle iscrizioni, la creazione delle tessere e la pianificazione degli eventi.
  • 🎟️ Registrazione eventi e 📝 Moduli di iscrizione per volontari: Semplificare la registrazione a eventi e la gestione dei volontari
  • 🗓️ Pianificazione dei turni e Gestione delle attività: Migliorare l’organizzazione interna e l’efficienza operativa.
  • 💬 Piattaforma di comunicazione: Creare spazi online per la comunicazione interna ed esterna, migliorando il coinvolgimento e la collaborazione.
  • 🌐 Costruttore di siti web: Sviluppare siti web dinamici e interattivi senza bisogno di competenze tecniche avanzate.
  • 📋 Reporting e analisi, 📑 Tracciamento delle spese: Monitorare l’efficienza operativa e la gestione finanziaria attraverso strumenti analitici.
  • 📚 Centro di risorse online e 🧾 Fatturazione online: Fornire risorse informative e gestire transazioni finanziarie in modo efficiente e trasparente.

Fusione di no code e AI: le prospettive future

L’integrazione del no code con l’AI è un passo avanti nel potenziare ulteriormente le organizzazioni del Terzo Settore.

L’AI può analizzare grandi quantità di dati, fornendo intuizioni preziose e aiutando nella presa di decisioni, ma anche automatizzare e ottimizzare le strategie di raccolta fondi, di engagement dei donatori e di comunicazione (ad esempio chatbot).
Le possibilità sono veramente numerose e continuano di giorno in giorno a crescere.

Infatti piattaforme come Webflow, Bubble, Airtable, Softr e Notion hanno integrato al proprio interno funzionalità di AI abbattendo quindi notevolmente l’accessibilità a questa tecnologia.
Gli utenti possono quindi trarre vantaggio da immagini e testo generati automaticamente, flussi di lavoro intelligenti, suggerimenti automatici per l’analisi dei dati e assistenza alla progettazione.

Casi reali e tool disponibili

Esistono ormai numerosi casi di impiego di tool no code integrati con l’Intelligenza Artificiale.

Alcuni esempi:

  • UserLoop: sondaggi basati sull’intelligenza artificiale per Shopify.
  • ​Strabone: tracker per il portafoglio di investimenti.
  • ​SubSocket: gestione pagamenti ricorrenti e una tantum con PayPal.
  • ​Riku: costruzione e distribuzione di modelli AI.

Ci sono due storie particolarmente interessanti per capire la scalabilità del fenomeno.

Joe Speiser ha raccontato in un tweet di gestire una startup da 1 milione di dollari, con uno stack tecnologico inferiore a 200 dollari, grazie al no code. Altro caso emblematico, quello di Justin Welsh, che ha guadagnato 5 milioni di dollari con la sua attività individuale, sviluppata esclusivamente attraverso strumenti No Code, quai Carrd, Airtable, Zapier.

Per mettere ordine nel crescente panorama di tool e risorse No Code, negli ultimi mesi ho creato questo database con Airtable, piattaforma online per la creazione e condivisione di database relazionali in No Code.

Conclusioni

In conclusione, il no code, combinato con l’AI, offre enormi potenzialità per il Terzo Settore e le ONG.

Queste tecnologie non solo semplificano le operazioni quotidiane e riducono i costi, ma aprono anche nuove vie per l’innovazione, la comunicazione efficace e la raccolta fondi.

La facilità d’uso e la flessibilità del no code consentono alle organizzazioni di rimanere agili e reattive, mentre l’AI apporta analisi avanzate e intuizioni per decisioni più informate.

L’adozione di queste tecnologie è un passo fondamentale verso un futuro in cui il Terzo Settore può operare più efficacemente, raggiungere un impatto maggiore e realizzare la sua missione in modi sempre più innovativi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4