direttiva UE

Riforma copyright, Quintarelli: “Due problemi sottovalutati da tutti”

La riforma Ue del copyright rischia di equiparare fake news ed editoriali impegnati in termini di ripartizione dei proventi della link tax. Inverte inoltre l’onere della prova, affidando all’algoritmo il compito di scoprire l’illecito e al cittadino di dimostrarne la liceità. Vediamo come salvare capra, cavoli e lupo

18 Set 2018
Stefano Quintarelli

Associazione Copernicani, membro del gruppo di esperti sull'AI della Commissione Ue

copyright

Ci sono due aspetti che mi paiono rilevanti della riforma copyright Ue che, nelle numerose posizioni critiche o favorevoli che ho letto, non ho riscontrato.

  • La prima riguarda le fake news;
  • la seconda l’inversione dell’onere della prova.

Ricordiamo che il testo della proposta di direttiva, all’articolo 11, introduce la cosiddetta link tax a beneficio degli editori i cui contenuti sono diffusi da social network (prevalentemente gruppo Facebook, Twitter) e aggregatori (prevalentemente Google News).

Link tax, come ripartire il magro bottino

Sarà interessante capire come poi, al momento della implementazione, i soldi saranno ripartiti.

I soldi, in realtà, sono assai pochi. Sono molti se consolidati su una base di miliardi di utenti in tutto il mondo, ma se si guarda agli importi per utente e quindi a quelli ragionevolmente riferibili a ciascun Stato europeo, non sono molti.

WHITEPAPER
Una guida per acquisire nuovi clienti con il digital onboarding
Marketing
Trade

Secondo gli ultimi dati pubblicati, Facebook, ha un Ebitda margin del 57,4% e ricavi per 2,4 euro al mese per un utente europeo (Ebitda di 1,3 euro al mese). I dati per Twitter non sono disaggregati per area ma ha un Ebitda di 434 milioni all’anno con 330 milioni di utenti, pari a 10 centesimi al mese per utente. Diverso il discorso per Google News che non genera ricavi per Google ma che serve ad analizzare gli interessi degli utenti; dall’importo della licenza che sarà disponibile a pagare capiremo quanto questi singoli dati siano rilevanti. Se si guarda al noto caso spagnolo, verrebbe da pensare che non siano molto importanti.

Fake news, contenuti e tasso di conversione del traffico

Grandi o piccoli che siano gli importi, si genererà un flusso di danari dagli OTT alle imprese editoriali i cui contenuti vengono diffusi. Gli editori dei contenuti che circoleranno maggiormente online saranno quelli che otterranno la fetta maggiore di questo flusso di danari.

Oggi lamentiamo una presenza di fake e clickbaiting, contenuti e news diffusi da piccole aziende, con strutture di costi minime, che cercano di massimizzare l’attrazione di traffico verso le proprie properties per inondare gli utenti di pubblicità. Ma l’industria della pubblicità – ad eccezione di quella venduta bulk a prezzi risibili – è attenta all’effetto che produce, ai tassi di conversione e questi siti sono penalizzati dalla bassa qualità del loro traffico. La verifica ex post che riduce i loro ricavi, la spada di Damocle sui loro ricavi, è il tasso di conversione del traffico.

Una simile valutazione non può essere fatta con dei contenuti. Si può solo misurare il traffico generato dal social verso la property dell’editore e quello sarà il dato di diffusione del contenuto online su cui basare la ripartizione dei proventi della link tax. Gattini, clickbaiting, fake news ed editoriali impegnati pari saranno nella ripartizione delle risorse generate dalla link tax.

È un ulteriore incentivo, senza spada di Damocle, per la nascita di imprese editoriali con strutture di costi minime che diffondano questi contenuti.

Inversione dell’onere della prova con pre-giudizio informatico

L’altro articolo oggetto di controversie è il 13, in cui si prevedono – pur senza nominarli – i filtri dei contenuti caricati dagli utenti il cui fingerprint corrisponda a quello dei contenuti di cui una impresa editoriale afferma di possedere i diritti.

Il problema qui, secondo me, è che si inverte l’onere della prova su un illecito demandando un primo grado di giudizio ad un privato che usa un sistema che, per costruzione, che commetterà errori, e che per dinamiche naturali già verificatesi in casi simili, verrà successivamente applicato ad altri ambiti della vita online delle persone.

Solo i non tecnologi ripongono speranze salvifiche nella tecnologia e ritengono che sia infallibile: usando Excel e Word l’esperienza che ricavano è che gli strumenti siano deterministici e pensano che ciò valga in generale, ma non è così. Questi sistemi di classificazione si basano su meccanismi probabilistici ed è matematicamente dimostrato che commettono errori, sia falsi positivi che falsi negativi (piccola nota personale a margine: quando in parlamento cercavo di contrastare le armi letali autonome spiegavo ciò ad un collega portandogli esempi della sua vita quotidiana. Sembrava che lo avessi convinto ma poi lui disse “ma i sistemi militari sono più ‘sicuri’” ).

Su Youtube, in un’ora, vengono caricati video per una durata di oltre 65 anni (dato di qualche anno fa). Il numero di contenuti ingiustamente bloccati per decisione di un sistema di intelligenza artificiale sarà enorme.

In un sistema che tuteli la libertà di espressione non è tanto sui falsi negativi che dobbiamo concentrarci, ma sul procedimento che riguarda i falsi positivi ed il loro immediato ripristino online.

La proposta di compromesso su questo punto (“redress”) appare vaga, ipotizzando che poi ci sia qualcuno, per ogni paese, in grado di dirimere tutte le controversie in tempi brevissimi e con l’autorità per imporre alla piattaforma la ripubblicazione del contenuto bloccato.

Un giudizio privato algoritmico (che indiscutibilmente commette errori) afferma l’illecito e il cittadino deve invece dimostrare la liceità.

Le possibili derive “diversamente democratiche”

Una inversione dell’onere della prova, con una pre-giudizio informatizzato, privato, che deve far riflettere anche in chiave prospettica quando, per naturale evoluzione, l’adozione di sistemi simili sarà richiesta per il blocco preventivo di altri contenuti, come ad esempio quelli a sfondo terroristico o di hate speech, temi adiacenti ai quali le persone esprimono anche opinioni di natura politica.

Sbaglia chi ritiene che una simile estensione non possa accadere. Accadrà certamente. Chiunque abbia esperienza legislativa sui meccanismi di takedown e di “inibizione all’accesso” sa bene che gli articolati approvati poi vengono riutilizzati e copia-incollati in progetti di legge successivi.

D’altro canto, hanno funzionato, quindi che problema c’è? In realtà il problema potrebbe esserci ma non lo sappiamo. Non sono a conoscenza di alcuno studio che abbia fatto una approfondita analisi costi/benefici, con misurazione dell’efficacia e degli effetti collaterali inattesi.

Un domani la procedura di inversione dell’onere della prova con pre-giudizio informatico privato sarà usata anche per altro, non è detto con finalità nobili (reali o dichiarate).

Una simile infrastruttura, una volta realizzata, farà venire l’acquolina in bocca al “diversamente democratico” di turno.

Che delle multinazionali straniere abbiano il compito di garantire per le nostre società il non – cattivo uso di tali infrastrutture mi sembra decisamente non auspicabile; ritenere “che certe cose non possono succedere” è stato storicamente il modo con cui certe cose si sono verificate.

Ricordiamo tutti le multinazionali che, fino a pochi mesi fa, dichiaravano di voler “non fare il male”, e come oggi sotto la pressione di ricavi unitari in calo, si stanno comportando in Cina.

Come salvare capra, cavolo e lupo

Se l’Art. 13 verrà modificato annullando l’inversione dell’onere della prova ed evitando che il pre-giudizio informatico prevalga, facendo prevedere la presunzione di innocenza, si potrebbero definire procedure che salvano capra, cavolo e lupo.

Si potrebbero prevedere le basi giuridiche di un meccanismo che effettui una ripubblicazione in tempi estremamente brevi dei contenuti laddove l’uploader possa essere identificabile da una corte che valuti il caso. La regolamentazione europea eIDAS pone delle basi utili per la realizzazione di una forma di anonimato protetto, un sistema paneuropeo di fiduciari digitali che possano tutelare la privacy e l’anonimato degli utenti rispetto alle piattaforme (e rispetto agli altri utenti), ma rendendoli identificabili da una corte con le garanzie processuali previste dalla legge. Un tale sistema è descritto in maggior dettaglio da un position paper dell’Associazione Copernicani.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DEL NOSTRO DOSSIER SULLA RIFORMA COPYRIGHT E LE DIVERSE OPINIONI DEGLI ESPERTI

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4