commissione europea

Appalti pubblici, ecco le sei priorità politiche della Ue

La strategia per gli appalti pubblici della Commissione europea si concentra su sei priorità strategiche. Mira a migliorare le pratiche di procurement pubblico dell’UE attraverso la collaborazione con le autorità pubbliche e le altre parti interessate

05 Lug 2018
Daniele Tumietto

Dottore commercialista

public procurement

Il 15 giugno a Sofia si è tenuto l’incontro promosso dalla Commissione Europea “migliorare l’accesso agli appalti pubblici” che ha visto la partecipazione di Elżbieta Bieńkowska, Commissario per il mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI.

Nel corso del suo intervento la Commissaria Bieńkowska ha dichiarato: “Incoraggiamo le autorità pubbliche a utilizzare strategicamente gli appalti pubblici come strumento per ottenere un valore migliore per i soldi dei contribuenti e per contribuire a un’economia più innovativa, sostenibile, inclusiva e competitiva. La Commissione continuerà ad assistere gli Stati membri in tal senso e invita le autorità pubbliche a tutti i livelli di governo e le altre parti interessate a lavorare in un ampio partenariato“.

Tale iniziativa e dichiarazioni sono la conseguenza delle analisi e valutazioni che la Commissione europea ha prodotto negli ultimi tempi e dalle quali si può constatare che una parte sostanziale degli investimenti pubblici viene spesa attraverso gli appalti pubblici ed è pari a circa 2 miliardi di euro all’anno (14% del PIL dell’UE).

Per questo la Commissione europea ha individuato la necessità di rendere i servizi pubblici di alta qualità con un sistema di appalti moderni, ben gestiti e efficienti. Basti pensare che il miglioramento degli appalti pubblici può arrivare a generare grandi risparmi, attualmente stimati in 20 miliardi di euro all’anno, solo ottenendo un guadagno dell’1% nell’efficienza della loro gestione.

Per realizzare questo ambizioso obiettivo la Commissione europea ha individuato sei priorità politiche per gli appalti pubblici.

Una più ampia diffusione di appalti innovativi, ecologici e sociali

Il 55% delle procedure di approvvigionamento utilizza il prezzo più basso come unico criterio di aggiudicazione per gli appalti pubblici, e questo suggerisce gli acquirenti pubblici probabilmente non prestano la dovuta attenzione a qualità, sostenibilità e innovazione.

WHITEPAPER
6 elementi da considerare per un sistema telefonico in cloud adatto alla tua azienda enterprise
Cloud
Risorse Umane/Organizzazione

Per sostenere l’ulteriore acquisizione degli appalti strategici, la Commissione aggiornerà e pubblicherà nuovi documenti di orientamento sull’uso di criteri innovativi, verdi e sociali.

La Commissione promuoverà anche lo scambio di buone pratiche, anche in settori strategici quali l’assistenza sanitaria, l’informatica e l’edilizia.

Professionalizzazione di acquirenti pubblici

Gli acquirenti pubblici spesso non hanno le necessarie competenze, capacità imprenditoriali, conoscenze tecniche e attitudini procedurali per la migliore ed efficace gestione degli appalti pubblici.

Questo può determinare una mancanza di conformità con le norme sugli appalti pubblici (Direttive UE del 2014 n. 23, 24 e 25) e direttamente ed indirettamente ha conseguenze negative significative per le imprese fornitrici e i contribuenti.

La Commissione europea ha pubblicato il 3 ottobre 2017 la Raccomandazione della Commissione sulla professionalizzazione degli appalti pubblici con la quale incoraggia gli Stati membri UE ad adottare misure per garantire agli acquirenti le competenze, le conoscenze e l’integrità necessarie.

Aumentare l’accesso ai mercati degli appalti

Secondo la Commissione europea gli appalti dovrebbero essere resi più accessibili alle imprese e con particolare riferimento piccole e medie imprese (PMI) che, attualmente, vincono solo il 45% del valore complessivo degli appalti pubblici.

Inoltre un’altra criticità è rappresentata dalle aziende dell’UE che intendono fare offerte pubbliche all’estero e che incontrano numerosi ostacoli all’accesso ai mercati non UE. Per questo la Commissione europea ha previsto una strategia di aiuti per le PMI che si concretizzerà attraverso un miglioramento della trasparenza, una completa digitalizzazione dei processi ed il miglioramento degli appalti strategici.

Infine è previsto anche un piano di stipulazione di nuovi accordi commerciali verso i mercati extra UE con l’obiettivo di favorire l’accesso a tali mercati a tutte le imprese dell’UE., specie le PMI.

Migliorare la trasparenza, l’integrità e i dati

I dati affidabili sono essenziali per la creazione di migliori analisi per la definizione delle politiche basata sulle esigenze delle Pubbliche Amministrazioni.

Dati migliori e più accessibili sugli appalti pubblici consentiranno di:

  • – valutare meglio le prestazioni delle politiche di approvvigionamento,
  • – ottimizzare l’interazione tra i diversi sistemi di appalti pubblici ed infine
  • – definire le decisioni strategiche future.

La Commissione è favorevole anche alla creazione di registri che permettano la pubblicazione dei contratti aggiudicati e dei relativi emendamenti, con libero accessibili pubblico.

Infine, nei casi di corruzione, è prevista anche la segnalazione di corruzione da attuare con di meccanismi di comunicazione efficaci che prevedano anche la protezione degli informatori dalle ritorsioni per contribuire a migliorare la trasparenza e a risparmiare denaro pubblico.

Promuovere la trasformazione digitale degli acquisti

La digitalizzazione degli appalti pubblici è lenta nella maggior parte degli Stati membri. Basti pensare che nel 2016 solo quattro paesi dell’UE si sono basati sulle tecnologie digitali per tutte le fasi principali del processo di approvvigionamento.

La Commissione europea intende migliorare l’utilizzo degli strumenti di e-procurement come eCertis, il Documento europeo sugli appalti unici (ESPD) e lo standard europeo per la fatturazione elettronica nell’ambito degli appalti pubblici introdotto dalla Direttiva UE 2014/55.

Questa strategia aiuterà gli Stati membri ad utilizzare le nuove tecnologie per semplificare e accelerare le procedure di appalto, anche adottando gli standard sull’eProcurement che sono in corso di definizione all’interno del comitato tecnico TC440 del CEN, il Centro di Normazione Europea che ha il compito di definire le EN, norme (standard) europee.

Cooperare per acquistare insieme

Raramente le amministrazioni aggiudicatrici acquistano insieme, infatti solo l’11% delle procedure viene effettuato attraverso l’approvvigionamento cooperativo.

Questa è un’opportunità mancata poiché acquistare all’ingrosso consente di ottenere a prezzi migliori e a beni e servizi di qualità superiore. Può anche aiutare le amministrazioni aggiudicatrici a scambiarsi il know-how.

La Commissione mira a promuovere appalti pubblici transfrontalieri e una formazione di sostegno alle politiche a favore delle PMI. Ciò aiuterà gli acquirenti a lavorare insieme, a imparare gli uni dagli altri e ad assicurare un miglior rapporto qualità-prezzo, promuovendo e favorendo le iniziative di partenariato pubblico privato che in altri ambiti hanno dimostrato una grande efficacia.

WHITEPAPER
Conosci tutti gli strumenti digitali per un Employee Engagement di valore? Scoprili ora!
ERP
Risorse Umane/Organizzazione

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati