La riflessione

Modifiche al Codice Appalti: aree di intervento e ostacoli da superare

Nel pensare le modifiche al Codice Appalti il rischio è quello di portare a situazioni più problematiche di quelle che si volevano risolvere. Tuttavia, scelte previste con il decreto Sblocca cantieri puntano a portare maggiore libertà d’azione degli enti, in un’ottica di innovazione e cancellazione delle ambiguità normative

07 Giu 2019
Francesco Porzio

Porzio & Partners

Nuovo-codice-appalti

Modifiche al Codice Appalti per semplificare le gare: potrebbe sembrare un paradosso, quanto apportare cambiamenti a un treno in corsa. È possibile, ma difficilissimo: gli inconvenienti che si possono provocare potrebbero essere peggiori di quelli che si volevano risolvere. Per “sbloccare i cantieri” intervenendo sul Codice Appalti, l’uomo saggio compie tre passi: non farlo, evitare di farlo, farlo con molta prudenza e competenza, perché sa che altrimenti rischia di peggiorare le cose. Questo non è pessimismo, ma è la consapevolezza che ci sono altre aree di intervento più semplici e con minori costi e rischi. Vediamo quali sono.

Il problema della mancanza di competenze

Quando un contratto pubblico porta risultati deludenti, la motivazione è quasi sempre la presenza di errori nel bando o nel contratto. Se la città di Roma sembra sporca, bisogna leggere il contratto di servizio tra Roma Capitale e AMA su cui pendono esposti alla Corte dei Conti e ANAC e si noterà perché le condizioni della città non avrebbero potuto essere diverse. A differenza di quanto spesso si sente dire, la causa principale di sprechi nella Pubblica Amministrazione è la mancanza di competenza e non il dolo. Lo afferma un autorevole studio internazionale (Valletti, Bandiera, Prat 2008) che mostra come in Italia l’83% degli sprechi pubblici è provocato da mancanza di competenze e solo il 17% da dolo. E questa è una gran bella notizia, sia perché ripudiamo il dolo, sia perché i rimedi alle carenze di competenze sono più semplici ed economici:

WHITEPAPER
6 elementi da considerare per un sistema telefonico in cloud adatto alla tua azienda enterprise
Cloud
Risorse Umane/Organizzazione
  • promuovere la formazione, anziché sottoporla a tagli di spesa
  • intensificare le attività di monitoraggio contrattuale e di analisi delle prestazioni
  • attuare le azioni migliorative per il prossimo contratto.

Per chi ha buona memoria, si tratta di fare quello che AgID insegna a fare negli appalti da venticinque anni (fin da quando si chiamava AIPA, poi CNIPA e DigitPA). Una volta che abbiamo agito sul miglioramento delle competenze, ben vengano le modifiche al Codice per migliorare i processi di procurement, alcune delle quali sono veramente importanti.

Modifiche al Codice Appalti e più libertà per gli enti

Una modifica che si auspicava da lungo tempo ricercando l’efficienza negli appalti telematici prevede che in un mercato elettronico l’ente che aggiudica le gare verifichi esclusivamente il possesso da parte dell’aggiudicatario dei requisiti economici e finanziari e tecnico professionali, sfruttando i controlli a campione svolti dal soggetto responsabile dell’abilitazione dei fornitori nel mercato elettronico che fino ad ora erano effettuati ma senza tale scopo. La nuova scelta tuttavia ignora che Consip in sede di abilitazione al mercato elettronico chiede anche le dichiarazioni dei requisiti economici e finanziari su cui già effettua i controlli a campione, lasciando purtroppo detti requisiti tra quelli che gli enti devono comunque verificare in autonomia. È colpa di Consip che in sede di abilitazione dei fornitori ha fatto più del minimo che le competeva o di chi non se ne è accorto? Comunque è un ottimo inizio.

Finalmente si ritorna alla possibilità per le stazioni appaltanti di aggiudicare le gare di valore inferiore a  220.000 euro anche al minor prezzo. La scelta ha l’innegabile pregio di lasciare liberi gli enti di decidere se aggiudicare al prezzo più basso o a prezzo e qualità con qualsiasi ponderazione, superando il pregiudizio secondo cui la gara al prezzo più basso comporti un degrado della qualità. Il degrado della qualità nelle gare al prezzo più basso si verifica infatti quando il contratto è scritto male e non prescrive adeguatamente i requisiti minimi di qualità. Volendo escludere per ottimismo l’azione del caso, si tratta di una modifica coraggiosa e competente, infatti quando i requisiti son ben scritti dal bando di gara la qualità è imposta e dunque ha senso valutare solo il prezzo offerto, mentre quando si valuta prezzo e qualità si rischia di contro di aggiudicare a una offerta di qualità eccessiva aumentando la spesa o a una di qualità scadente a fronte di un ribasso estremo. Ben venga la libertà di scelta per gli enti.

Altra modifica, questa volta rivoluzionaria, è la possibilità che nelle gare di valore inferiore a 220.000 euro si possano valutare le offerte prima che siano verificate le buste amministrative contenenti la documentazione relativa al possesso dei requisiti di partecipazione. Tale inversione può consentire tanto una riduzione quanto un aumento dei tempi o addirittura facilitare situazioni anticompetitive, ma il pregio della nuova norma è far scegliere all’ente. E la modifica è scritta bene e senza ambiguità. Quando invece in passato sono stati abrogati articoli con l’intenzione di consentire sia quanto da questi disposto sia l’opposto, la giurisprudenza si è successivamente orientata a considerare vietata la possibilità abrogata anziché consentite entrambe. Quindi apprezziamo sia l’innovazione sia la chiarezza.

Conclusioni

Si torna infine al regolamento di attuazione del Codice eliminato nel 2016 in favore della disciplina scritta dall’Autorità Anticorruzione – ANAC dalla quale la giurisprudenza ha iniziato a discostarsi affermando che essa non sia vincolante. Un passo indietro, ma forse necessario, visto che il mondo sembra non aver apprezzato la precedente semplificazione che aveva eliminato il Regolamento.

Del resto, in presenza di un Codice che nel 2016 ha eliminato la metà degli articoli che precedentemente disciplinavano le gare, l’ottimista affermava che questa abrogazione di norme consentiva maggiore libertà agli enti, mentre il saggio (che sa come ragionano i Magistrati) sapeva che l’abrogazione avrebbe creato complicazioni perché può essere intesa come un divieto esplicito delle norme abrogate anziché una maggiore libertà. Quando una modifica così pesante non è accompagnata da sufficiente chiarezza e non è accolta dai tribunali che comandano più di ANAC, è stato meglio tornare indietro finché si era in tempo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2