from Cure to Care

Assicurazioni e sanità: telemedicina e “phygital” per un nuovo approccio alla salute

Telemedicina e rapporto “phygital” tra medico e paziente, ma anche molta attenzione all’interoperabilità dei dati sanitari e alla prevenzione tramite le nuove tecnologie: i risultati dell’indagine EY “Tech in insurance & health: l’opportunità di una trasformazione digitale integrata”

02 Set 2022
Federica Baiocchi

Innovation & Fintech Specialist, EY

Marco Concordati

Associate Partner, Insurance, EY

Silvia Secchi

Senior Manager, Technology Consulting, EY

gdpr sanità sperimentazione clinica

Il digitale sta contribuendo a un’evoluzione degli attuali modelli sanitari e assicurativi verso un miglioramento generale dell’intera esperienza del paziente e di intervento già nelle fasi di prevenzione e diagnosi: stiamo assistendo, in questo contesto, al passaggio da un paradigma di semplice erogazione di cure in caso di sinistri a un percorso integrato di accompagnamento al paziente. 

Uno studio pubblicato da EY e Italian Insurtech Association (IIA) “Tech in insurance & health: l’opportunità di una trasformazione digitale integrata” evidenzia, in particolare, l’importanza per il paziente di avere accesso ad un ecosistema di servizi a valore aggiunto come gli strumenti di telemedicina, chatbot in grado di indirizzare verso il centro diagnostico più vicino e qualificato, assistenza continuativa h24, servizi di consegna farmaci a domicilio e supporto nel pre e post-ricovero.

Assicurazioni, ecco come cambia il mercato con digitale e green: trend e nuove sfide

Dal punto di vista delle Compagnie, si concretizza nell’impegno a superare l’ottica di breve periodo sinistri/prestazione/rimborso e passare a relazioni di medio-lungo periodo, incentivando prima di tutto comportamenti virtuosi e check-up periodici in ottica preventiva per ridurre i costi legati a cure e rimborsi.

L’indagine

L’analisi di un contesto così ricco e complesso è stata resa possibile grazie ad un format ben sperimentato da EY e IIA: una serie di interviste curate direttamente dal team di lavoro ai principali operatori del mercato assicurativo (ben rappresentato da oltre l’80% in termini di raccolta premi del mondo salute italiano). Tale metodologia di ricerca è stata ulteriormente rinnovata ed arricchita dal contributo di operatori sanitari pubblici e privati attivi sul territorio nazionale, che hanno completato la visione sulle necessità specifiche del mondo salute e sulle sinergie attese tra settore sanitario e settore assicurativo.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Si tratta di un tema quanto mai attuale e trasversale per i cittadini se si pensa che oggi, nel complesso, l’intera spesa sanitaria pubblica e privata italiana (155 miliardi di euro) copre circa il 9% del PIL. La spesa sanitaria pubblica in particolare ha visto negli ultimi 10 anni un trend di contrazione fino a scendere progressivamente fino al 6,4% del PIL, vale a dire a 115 miliardi di euro.

Non si tratta di un dato confortante per il nostro Sistema Sanitario Nazionale, già provato dalle severe difficoltà affrontate durante l’emergenza Covid-19 e nella condizione di dover recepire nel miglior modo possibile i trend demografici che prevedono un progressivo invecchiamento della popolazione. Se ad oggi il 25% della popolazione italiana ha oltre 65 anni e quasi il 40% soffre di una patologia cronica, la previsione nei prossimi 7 anni è di una sempre minore disponibilità di medici in base alla popolazione e della carenza dei caregiver per gli over 75 (50% in meno nei prossimi 10 anni).

In questo contesto, è evidente come le Compagnie assicurative siano chiamate più che mai ad assumere un ruolo sociale per il Paese nel favorire l’accesso dei pazienti a servizi di prevenzione e cura integrativi e soprattutto supplire alle criticità dell’offerta pubblica in modo equo e sostenibile (ad esempio, estendendo le coperture anche a soggetti fragili e/o finora esclusi, come i pazienti diabetici).

Sanità, un’esperienza sempre più “phygital”

Secondo gli operatori intervistati, per favorire la transizione è cruciale lo sviluppo di ecosistemi in ambito salute (69%), dove operatori sanitari, Health Tech e Compagnie assicurative operano in maniera integrata e sinergica per ridurre i costi di distribuzione e offrire servizi di prevenzione e copertura innovativi. Estremamente importante è favorire un’esperienza paziente sempre più “phygital” (75%), basata su una combinazione di assistenza digitale e fisica (es. telemedicina, assistenza virtuale, robot caregivers ecc.). Il mercato non ritiene invece la tecnologia ancora abbastanza matura per abilitare processi completamente digitali e automatizzati, tramite strumenti indossabili di “Remote monitoring” (es. sensori in grado di misurare costantemente parametri come la frequenza battito cardiaco, pressione, saturazione, passi giornalieri, qualità del sonno, ecc.) e dell’uso spunti dell’Intelligenza Artificiale e del Predictive Analytics.

Oltre al tema della tecnologia, c’è sicuramente un aspetto da non sottovalutare sulla fiducia e sulla comprensione da parte dei pazienti e dei medici, dei nuovi strumenti a loro disposizione (non solo tra le fasce più anziane della popolazione). Alla base della diffusione di soluzioni digitali i nuovi servizi e le soluzione tecnologiche implementate dovrebbero essere disegnati considerando allo stesso tempo le esigenze dei due utenti finali: paziente e medico, oggi (come in futuro) il principale riferimento del paziente in caso di bisogno.

Il gap di competenze tecnologiche in seno alle compagnie di assicurazioni

Alcuni enti sanitari che collaborano attivamente con le assicurazioni rilevano inoltre un gap di competenze tecnologiche e cliniche specialistiche all’interno delle Compagnie, che può essere visto come un ostacolo all’innovazione e alla comunicazione con gli assicurati. In effetti, quasi metà (48%) degli intervistati ritiene che le principali opportunità di progresso in ambito salute riguardino il miglioramento delle interazioni con il Cliente, soprattutto nell’ottica di offrire migliori servizi di prevenzione ed assistenza, in coerenza con l’evoluzione del mercato verso un approccio più olistico alla salute.

Dalla survey emerge anche chiaramente come, a fronte dell’aumento dei dati raccolti tramite app mobili, tecnologia wearable e i diversi portali per l’aggregazione di dati sanitari, gli assicuratori stiano portando avanti iniziative sempre più rilevanti su come utilizzare i dati e generare insights. In particolare, focalizzandosi principalmente sulle opportunità legate al miglioramento dell’esperienza cliente attraverso suggerimenti personalizzati (55%) e meno a supporto al disegno di nuovi prodotti/servizi (22%), o per efficientare i processi di emissione/ rinnovo o sinistro o per proporre ai Clienti garanzie o servizi aggiuntivi (nessuna delle Compagnie intervistate utilizza ancora questo set informativo per tali fini). Poco diffuso finora anche l’utilizzo dei dati per un monitoraggio del paziente finalizzato a fornire “Risk Alert” in caso di parametri anomali (solo l’11%).

Conclusioni

Per il 75% delle Compagnie, incentivare il passaggio “from Cure to Care” significa investire sulle collaborazioni con player non assicurativi per proporre un’offerta sempre più innovativa e servizi a valore aggiunto al Cliente. Fondamentale in questo senso la necessità di valutare le partenrship secondo parametri di qualità e tenendo in considerazione la situazione complessiva del paziente nel tempo, superando l’ottica di breve-periodo legata al costo della singola prestazione.

Un terzo di loro (31%) inoltre punta sulla possibilità di condividere, scambiare e poter interoperare tra attori del settore, confermando l’approccio “Open Health Data”, nonostante la preoccupazione per i vincoli normativi ed i rischi legati alla violazione della privacy e agli incidenti di sicurezza. Tra le più grandi sfide che è possibile affrontare grazie ai dati e all’analisi predittiva c’è la diagnosi preventiva e la possibilità di tarare i rischi in maniera puntuale e personalizzata sul singolo assicurato, facendo leva sulle caratteristiche personali e di appartenenza ad un dato cluster. Ad esempio, approfondendo le tematiche legate alla Medicina di Genere e alle nuove condizioni di fragilità che stanno finalmente godendo della giusta attenzione, come la salute mentale.

La parola chiave ricorrente per intercettare le nuove opportunità del mondo salute è quella dell’integrazione sia tra pubblico e privato che in modalità multisettoriale, per garantire piani di protezione sempre più personalizzati sulle esigenze del singolo paziente, complementari tra esperienza fisica e digitale e arricchiti da servizi Health Tech che le Compagnie possono offrire in partnership con altre aziende dell’ecosistema.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3