Curare le vittime di un terremoto, se la burocrazia ostacola i medici

La difficoltà, dopo una catastrofe, è assistere la popolazione colpita avendo dati puntuali sulla storia clinica di ciascuno. La tecnologia cloud c’è già, ma in un caso recente i medici non hanno potuto usarla per meri problemi procedurali e di privacy. Ecco la storia

02 Mag 2017
Paolo Misericordia

responsabile dell’Area ICT della FIMMG

medical_408910054

L’informatica è in grado di fornire supporto ed aiuto nella assistenza sanitaria in caso di catastrofi? Può, in particolare, sostenere gli interventi di assistenza primaria nei confronti delle popolazioni colpite?

A queste domande abbiamo dovuto, purtroppo, rispondere in occasione dei terremoti che, recentemente, in più momenti, hanno sconvolto il centro Italia, con vittime, danni ed un numero rilevante di sfollati ospitati, per lo più, nei centri della costa adriatica. Molti paesi si sono svuotati; i crolli, le case inagibili e la paura hanno fatto sì che, nel giro di poche ore circa 30mila persone si siano trovate fuori dalle loro abitazioni, con pochi oggetti personali a disposizione, rapidamente trasportate a decine di chilometri di distanza dalle loro residenze. È stata coinvolta una popolazione mista, soprattutto anziana per l’elevata età media che prevale nelle zone colpite. Molti assumevano terapie continuative, quasi sempre composte da più farmaci, avevano storie mediche complesse, si trovavano, soprattutto, nelle condizioni di non avere con sé documenti sanitari e di non ricordare neanche il nome delle loro abituali medicine.

La difficoltà, in questi casi, non è stata solo quella dei pazienti, ma anche dei medici che si sono trovati a decidere senza essere informati e senza avere la possibilità di procedere a verifiche di tipo clinico in realtà organizzative emergenziali o comunque molto precarie. Gli sfollati sono stati infatti assistiti, dal punto di vista medico, nelle località ospitanti, dalla rete dei medici di medicina generale che si sono messi a disposizione volontaristicamente; nei punti di maggiore accoglienza sono state allestite strutture ambulatoriali con medici in turni di disponibilità diurna e notturna.

Uno degli aspetti sicuramente carenti in tutto questo, come accennato, è stato quello della continuità informativa: nessun medico chiamato ad assistere queste persone, sapeva niente della loro storia clinica, né i pazienti ed i loro familiari avevano molti elementi per aiutare il medico a conoscere. Spesso i pazienti, come detto, non ricordavano neanche il nome dei farmaci assunti. Si trattava di informazioni, peraltro, presenti nei database ambulatoriali dei MMG: disporre di questi dati per poterli mettere a disposizione dei medici chiamati ad assistere in emergenza questi pazienti sarebbe stato, in questa occasione, di grande aiuto.

In realtà, la Medicina Generale ha a disposizione, da qualche anno, risorse tecnologiche (vedi NETMEDICA ITALIA) in grado di riprendere i dati dai database ambulatoriali dei medici (prescindendo dalle differenze dei software gestionali utilizzati) e di trasferirli, dopo averli standardizzati, su una piattaforma in cloud, per renderli disponibili online alla consultazione di medici adeguatamente autorizzati. Si tratta di piattaforme realizzate in prospettiva della strutturazione delle Aggregazioni Funzionali Territoriali della Medicina Generale (“legge Balduzzi”), ma che sarebbero state in condizione di risolvere le difficoltà di assistere popolazioni in situazioni di emergenza. Il medico, utilizzando questo sistema, può, inoltre, prescrivere e inserire nuovi dati clinico-assistenziali nel database, informazioni che vengono archiviate nel sistema e notificate in tempo reale, via email, al medico titolare della scelta del paziente.

Così nella fase immediatamente successive al terremoto sono state acquisite le disponibilità a collaborare da parte di molti medici residenti nei luoghi del sisma: erano pronti a far confluire sul cloud i dati dei loro database di studio (solo in pochissimi casi i crolli degli ambulatori rendevano indisponibili sia i DB che i loro backup). I medici sulla costa, d’altronde, avevano più volte sollecitato la possibilità di avere a disposizione i dati sanitari degli sfollati con soluzioni informatizzate che agevolassero l’attività professionale, compresa quella prescrittiva. Per i pazienti, avere un medico informato sulla propria storia sanitaria, avrebbe costituito un elemento di sicurezza ed un segnale di un sistema organizzato e affidabile, rassicurandolo in un momento in cui tante certezze erano crollate insieme con la propria abitazione.

Nonostante queste premesse favorevoli, non è stato possibile attivare questo processo per le difficoltà procedurali che sono insorte. L’esperienza e la consapevolezza che ne è derivata devono servire a pianificare le soluzioni migliori per essere pronti in occasione di analoghi eventi calamitosi.

C’è stata innanzitutto la “questione Privacy”.  Nonostante la piattaforma proposta avrebbe tracciato qualsiasi accesso e qualsiasi attività riconducendola con esattezza al protagonista, nonostante il paziente avrebbe dovuto sottoscrivere un consenso prima che il medico fosse potuto entrare nella sua scheda, nonostante il medico avrebbe dovuto registrare anche informaticamente il consenso ottenuto, nonostante il medico titolare della scelta sarebbe stato informato, in tempo reale via email, dell’identità dell’altro medico quando anche solo avesse fatto accesso alla scheda di un suo assistito, nonostante il medico titolare della scelta avrebbe potuto escludere un qualsiasi medico al quale precedentemente era stato consentito di accedere al database, nonostante ci stesse un’emergenza che stava coinvolgendo improvvisamente tre regioni ed un insieme di circa 50mila persone, ebbene, nonostante tutto questo, la prudenza e la difficoltà nello stabilire chi avrebbe potuto responsabilmente “attivare il sistema”, hanno impedito di procedere.

Quali sono le situazioni, quindi, da affrontare e da risolvere, per riuscire a rispondere efficacemente a queste problematiche?

Le tutele sopra descritte dovrebbero essere adeguate per attivare con sicurezza questi processi: rispondono, in particolare, alle necessità di disporre di un consenso informato da parte del paziente rispetto all’accesso ai suoi dati assistenziali, senza il quale l’accesso allo stesso dato configurerebbe un atto irregolare e sanzionabile. La possibilità, in questa direzione, di tracciare completamente, sui file log della piattaforma, ogni attività in essa svolta, costituisce elemento di garanzia.

D’altronde il consenso dell’assistito normalmente acquisito dal MMG titolare della scelta (e registrato sul proprio DB di studio) informa rispetto ai meccanismi di condivisione dei dati che sono in uso in Assistenza Primaria: viene richiesto un consenso alla condivisione del dato clinico con i medici sostituti e con quelli che fanno parte della aggregazione a cui il medico appartiene. Il paziente in genere non viene informato sull’ipotesi che, in caso di emergenza, il suo dato possa essere reso disponibile a gruppi di medici più “allargati”, che non sono coinvolti normalmente nel consueto processo assistenziale. Questo aspetto, però, non può costituire un impedimento insuperabile in caso, appunto, di emergenza.

I livelli istituzionali che gestiscono e coordinano queste crisi dovrebbero, inoltre, assumere la responsabilità di attivare questi percorsi, quando sono informati e consapevoli dei sistemi di tutela presenti su queste piattaforme.

È fondamentale, evidentemente, la disponibilità dei MMG a collaborare. In attesa che si realizzino efficacemente i sistemi di FSE e che la massa critica della popolazione autorizzi la costituzione del proprio, dovrebbe diventare un obiettivo condiviso, soprattutto nelle aree del Paese maggiormente a rischio, promuovere presso i MMG l’accesso alle piattaforme cloud che offrono queste risorse e queste garanzie: un sistema pronto per essere utilizzato costituisce, in quei momenti, la risposta migliore per limitare pericoli, difficoltà, e ulteriori sofferenze.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati