sanità digitale

IA generativa per l’assistenza sanitaria: opportunità e rischi

Più le tecnologie sono potenti, più devono essere maneggiate con cura e, soprattutto, si deve evitare di fare gli apprendisti stregoni e utilizzare irresponsabilmente strumenti che possono, poi, rivelare lati oscuri, principalmente quando si tratta di salute

Pubblicato il 11 Mag 2023

Domenico Marino

Università Degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

thin garante

I modelli linguistici di AI sono un tipo di programma informatico che ha cambiato il modo in cui gli esseri umani interagiscono con le macchine. Grazie all’utilizzo di tecniche di apprendimento automatico, questi modelli sono in grado di analizzare e generare il linguaggio naturale, offrendo una vasta gamma di vantaggi in diversi settori. Particolarmente importanti sono le applicazioni in sanità perché i modelli linguistici di AI, essendo capaci di comprendere e analizzare il linguaggio naturale, possono diventare strumenti preziosi per la diagnosi e il trattamento delle malattie.

Le nuove frontiere dell’AI in Sanità dopo ChatGPT

Le caratteristiche dei modelli linguistici di AI

I modelli linguistici sono in grado di analizzare grandi quantità di dati, riconoscere schemi e relazioni tra le parole, utilizzando algoritmi di apprendimento automatico come la regressione logistica e le reti neurali. Ciò significa che questi modelli possono imparare dalle esperienze passate e utilizzare questi dati per migliorare le loro prestazioni.

Un’altra caratteristica importante dei modelli linguistici di AI è la loro capacità di generare linguaggio naturale e pertanto possono produrre testi coerenti e comprensibili, con uno stile adeguato al contesto. I modelli linguistici di AI sono anche in grado di analizzare il significato del testo, non solo la sua forma. Questa caratteristica si chiama analisi semantica e consente ai modelli di comprendere il contesto in cui una parola o una frase viene utilizzata. Ciò significa che questi modelli possono produrre risultati precisi e accurati, ad esempio nella traduzione automatica, dove il significato delle parole e delle frasi può variare a seconda del contesto.

Un’ulteriore importante caratteristica è la loro adattabilità, cioè il fatto che sono in grado di apprendere dai dati in tempo reale e di modificare i loro algoritmi, di conseguenza, adattandosi all’ ambiente e migliorando continuamente le loro prestazioni. Possono interagire con gli utenti in modo simile a un essere umano e possono essere utilizzati per sviluppare chatbot e assistenti virtuali in grado di assistere gli utenti in modo efficace. Ciò significa che questi modelli possono offrire una vasta gamma di applicazioni, ad esempio nell’assistenza sanitaria, nell’e-commerce e nel customer service. È una tecnologia in continua evoluzione, in grado di comprendere, generare e analizzare il linguaggio naturale in modo sempre più preciso e naturale.

Questi modelli, poiché offrono nuove opportunità per l’interazione uomo-macchina e per l’accesso alle informazioni, costituiscono un settore di business molto interessante, soprattutto in prospettiva. Quello delle chatbot per il servizio clienti è un mercato in rapida crescita e si prevede un tasso di aumento del 15% e un valore complessivo prossimo ai 10 miliardi di dollari nel 2023. La chatbot chiamata Nanci all’inizio era in grado di risolvere meno del 10 per cento delle richieste dei clienti, ma dopo due mesi il tasso di successo è salito al 50 per cento, per attestarsi a regime al 60 per cento. Come effetto di questi miglioramenti, il suo utilizzatore, General Motors, ha potuto dismettere il suo Call Center che impiegava 700 persone, costruendo, con un numero inferiore di addetti, un servizio call avanzato che doveva trattare solo i casi difficili.

L’uso in sanità dei modelli linguistici di AI

Particolarmente importanti, quindi, sono le applicazioni in sanità dei modelli linguistici di AI, che possono essere impiegati per analizzare grandi quantità di dati medici, come cartelle cliniche, report di laboratorio e altre fonti di informazioni, allo scopo di individuare pattern e relazioni nascoste che possono aiutare i medici a fare diagnosi più precise, possono anche essere utilizzati per sviluppare strumenti di assistenza virtuale, come chatbot e assistenti vocali, che possono interagire con i pazienti e fornire loro informazioni su sintomi, malattie e terapie.

Questi strumenti sono particolarmente utili per le persone che hanno difficoltà ad accedere ai servizi medici tradizionali, ad esempio coloro che vivono in zone remote o che hanno difficoltà di mobilità, possono essere utilizzati per la creazione di strumenti di monitoraggio remoto e per supportare la ricerca medica con l’analisi di grandi quantità di pubblicazioni scientifiche, al fine di individuare nuove terapie e nuove scoperte nella lotta contro le malattie. La tecnologia dell’intelligenza artificiale può essere utilizzata per fornire servizi sanitari automatizzati e migliorare l’efficienza del flusso di pazienti in un ospedale. Gli algoritmi di intelligenza artificiale possono esaminare i sintomi del paziente e consigliare opzioni diagnostiche, come visite virtuali o visite di persona con un operatore sanitario. Questo può ridurre il carico di lavoro del personale ospedaliero e ridurre i costi sanitari. Durante la pandemia di Covid-19, sono stati sviluppati chatbot per lo screening senza contatto dei sintomi di Covid-19 nelle istituzioni sanitarie e per fornire informazioni al pubblico. Queste chatbot sono state utilizzate anche dalle aziende farmaceutiche e di dispositivi medici per automatizzare i processi di assistenza ai clienti e fornire ai pazienti un’attenzione continua.

AI, la salute mentale non è roba per chatbot: ecco perché

Le Chatbot GPT

Le Chatbot GPT sono tra i più avanzati modelli linguistici di intelligenza artificiale. Open AI, azienda leader nel settore nei mesi scorsi ha rilasciato una chatbot realizzato con la tecnologia GPT-4, un modello AI di elaborazione linguistica all’avanguardia che è in grado di generare dei testi quasi indistinguibili da quelli elaborati dagli umani e ha un’ampia gamma di applicazioni, tra cui la traduzione linguistica, la modellazione linguistica e la generazione di testo per applicazioni come le chatbots. Con 175 miliardi di parametri, è uno dei più grandi e potenti modelli di intelligenza artificiale per l’elaborazione del linguaggio.

La chatbot Watson è utilizzata da Anthem che è uno dei più grandi produttori di servizi assicurativi in campo sanitario degli Stati Uniti. La chatbot viene utilizzata sia per dare informazioni amministrative sulle polizze, sia per dispensare consigli sanitari. Le chatbot evolute nell’assistenza sanitaria devono esser in grado di: monitorare il comportamento e gli stati d’animo del paziente, garantire la privacy, dare consigli personalizzati, essere in grado di acquisire dati da applicazioni di monitoraggio da sensori mobili, utilizzare, se necessario il riconoscimento facciale e interagire sia istantaneamente con risposte immediate, sia in seguito con notifiche e promemoria. Watson è perfettamente in grado di svolgere in maniera efficiente tutte queste funzioni.

Potenzialità e rischi dell’Affective computing

Vi sono infine delle chatbot che forniscono assistenza per la salute mentale e sono anche addestrate per fornire una prima forma di terapia cognitivo-comportamentale. Woebot è una chatbot terapeutica che possiamo tranquillamente scaricare e che permette di simulare il divano di uno psicoterapeuta attraverso lo schermo di uno smartphone. L’app si presenta come una sorta di terapista digitale che può sostituire quello reale quando vi è un’impossibilità a poter fruire di uno reale, impossibilità che può essere legata a semplici contingenze logistiche o può essere anche dovuta ad una impossibilità a sostenere le spese di una cura psicoanalitica.

Il numero dei suoi utenti sta crescendo esponenzialmente, come esponenzialmente sta crescendo il numero delle app che curano la salute mentale e che oggi possono essere quantificate in una cifra superiore a 10.000. La caratterista di Woebot, che rende questa app, rilasciata nel 2017, particolare, è che utilizza l’intelligenza artificiale per realizzare attraverso un approccio psicoanalitico di tipo cognitivo-comportamentale delle terapie contro l’ansia e la depressione. La terapia cognitivo comportamentale è basata su un approccio che cerca di aiutare le persone a identificare il loro modo distorto di pensare, aiutandoli a capire come ciò influenzi il loro comportamento in modo negativo. Con il cambiamento di questi schemi autodistruttivi, i terapeuti tentano di curare i sintomi della depressione e dell’ansia. Woebot apprende continuamente da tutti coloro con cui entra in contatto ed in grado di elaborare un linguaggio e una conversazione naturali che tiene conto anche delle sessioni passate. Woebot chiede all’utente che gli venga dedicata almeno una sessione giornaliera di conversazione.

Accanto a Woebot abbiamo, ad esempio, delle app che spaziano dalla meditazione guidata (Headspace) e dal monitoraggio dell’umore (MoodKit) alla terapia attuata mediante dei testi da parte di psicologi (Talkspace, BetterHelp).

Queste considerazioni fanno intuire quali sconfinate possibilità e potenzialità si racchiudano all’interno dell’Affective Computing, ma anche quali enormi rischi connessi con l’utilizzo di app come Woebot che non si limitano a rivelare emozioni umane, ma che hanno anche la possibilità di interagire in maniera dinamica e relazionale con l’essere umano. Queste app potrebbero essere molto utili nella terapia per le diverse forma di autismo e potrebbero anche, essere utilizzate per dare alcuni servizi elementari di assistenza a persone che hanno problemi di mobilità, ma presentano come vedremo in seguito dei rischi.

I nodi etici

L’utilizzo delle chatbot nel campo medico e nella cura dei pazienti presenta diverse questioni etiche da prendere in considerazione.

Un primo rischio è che queste applicazioni, poiché sono basate sull’intelligenza artificiale, possano divergere dal loro utilizzo programmato e diventare potenzialmente molto pericolose. Infatti, potrebbero sviluppare dei bias che portano a rendere patologica l’interazione con gli esseri umani e, se in mano a soggetti deboli psicologicamente, potrebbe ro condizionare i loro comportamenti al punto da portarli a compiere gesti estremi. Un software emozionale potrebbe anche arrivare a consigliare il suicidio ad una persona fortemente depressa e un software emozionale, opportunamente programmato, potrebbe anche trasformare un individuo psicologicamente debole in un serial killer.

Inoltre, le informazioni fornite dalle chatbots potrebbero non essere sempre accurate o affidabili, a seconda delle fonti di alimentazione dei dati. Questa situazione potrebbe rappresentare un rischio per la qualità dell’assistenza sanitaria fornita ai pazienti. Ad esempio, il modello ChatGPT ha una copertura dati fino al 2021 e non include riferimenti con le risposte, il che potrebbe compromettere l’approccio basato sull’evidenza.

Un ulteriore rischio è legato alla quantità sempre crescente di dati dei pazienti che vengono utilizzati nell’apprendimento automatico per migliorare la precisione delle chatbot e che potrebbe causare problemi di privacy. In questo senso, la crittografia omomorfa potrebbe essere una soluzione utile nel settore sanitario. Questa tecnologia consente ai dati di essere criptati e i calcoli di essere eseguiti senza la necessità di decifrare i dati, consentendo alle chatbot di apprendere senza accedere alle informazioni personali dei pazienti.

Il progresso nella tecnologia del Deep Learning (DL) e dei modelli di linguaggio come ChatGPT ha creato nuove opportunità nell’ambito dell’assistenza sanitaria. Tuttavia, l’impiego di tali tecnologie richiede una valutazione attenta e ponderata per garantire la messa in atto di adeguate misure di protezione contro usi potenzialmente dannosi, come la sostituzione del parere di un esperto medico. Una soluzione potrebbe consistere nella previsione di un avviso automatico attivato dalle richieste di consulenza medica o dalla visualizzazione di termini specifici per ricordare agli utenti che i risultati del modello non rappresentano né sostituiscono la consulenza medica professionale. È importante considerare che queste tecnologie stanno evolvendo a un ritmo molto più veloce delle autorità di regolamentazione, dei governi e dei sostenitori. Pertanto, tutte le parti interessate – sviluppatori, scienziati, etici, operatori sanitari, fornitori, pazienti, sostenitori, autorità di regolamentazione e agenzie governative – devono collaborare per individuare la strada migliore da seguire. In un contesto normativo attento e costruttivo, i modelli di linguaggio basati sul DL potrebbero avere un impatto trasformativo sull’assistenza sanitaria, aumentando, invece di sostituire, le competenze umane e migliorando, in ultima analisi, la qualità della vita dei pazienti.

Conclusioni

In Italia il Garante della Privacy aveva imposto un blocco temporaneo all’uso di ChatGPT, con considerazioni simili a quelle precedentemente esposte sui rischi dello strumento, chiedendo ad OpenAI di dare determinate garanzie in relazione alla tutela degli utenti. È stata la prima decisione in questo senso di un Authority a livello internazionale. Se per un verso questa misura è stata poco utile a limitare l’uso dello strumento, perché anche un principiante oggi sa usare una VPN e può facilmente aggirare la limitazione, tuttavia è importante in termini di segnale perché costituisce un warning importante sull’utilizzo indiscriminato dell’algoritmo.

ChatGpt, la privacy ha vinto. Pizzetti: “Grande occasione di confronto sul valore dei nostri dati”

È di questi giorni la notizia che GTP4 ha accusato di pedofilia un professore australiano, notizia rivelatasi totalmente falsa, dimostrando che dalle imprecisioni di GPT4 possono derivare danni molto rilevanti alle persone. Più le tecnologie sono potenti, più devono essere maneggiate con cura e, soprattutto, si deve evitare di fare gli apprendisti stregoni e utilizzare irresponsabilmente strumenti che possono, poi, rivelare lati oscuri. Si tratta quindi di vigilare affinché le tecnologie dell’intelligenza artificiale siano benevolenti e dal loro uso non possa derivare nessun danno alla società. È questa la sfida che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi anni.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3