le tre T

Immuni, troppa superficialità del Governo sulle “tre T”: ecco perché

Errori nella strategia complessiva e nella comunicazione hanno caratterizzato il lancio dell’app Immuni: dalla confusione sulle modalità di testing alla cripticità sui numeri forniti quotidianamente dal ministero. Vediamo le criticità

07 Set 2020
Francesco Maldera

Data Protection Officer e Data Specialist

immuni app

Testare, tracciare, trattare. Sono, queste, le tre parole con le quali molti medici‑opinionisti (ma anche politici) cercano di dare un senso alla convivenza con il coronavirus e un contributo alla causa di Immuni.

Eppure, eppure. Ci sono forti indizi su quanto è stato approssimativo il Governo su almeno alcune delle tre T. 

Immuni, fidiamoci: il rischio zero non esiste

Premetto che, come esperto di protezione di dati personali, non ho nulla contro Immuni, anzi. L’app è nata con tutti i criteri previsti dalla normativa sulla privacy; questo è palese per chi ha letto le indicazioni del Garante per la protezione dei dati personali e, ancora più importanti, i documenti del Comitato Europeo per la Protezione dei Dati Personali (l’unica istituzione che, vista la matrice marcatamente comunitaria della normativa in vigore, può fornire interpretazioni autentiche del quadro giuridico da osservare).

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Quindi, non farò le pulci a Immuni nei suoi risvolti tecnici e di sicurezza, posto che, tra l’altro, i sacri testi insegnano a diffidare di sistemi sicuri al 100%. Come dicono i vecchi saggi della materia: il rischio zero non esiste. E questo vale sia per la diffusione del contagio sia per i dati personali che vengono raccolti da Immuni. Peraltro, ha ragione chi dice che, minuto per minuto, conferiamo i nostri dati agli Over The Top (Facebook, Google, ecc.) senza preoccuparci troppo.

Testare, ma con quale strategia?

Testare: che vuol dire? Affidiamoci a quello che l’opinione pubblica recepisce dai media e che, vista la confusione che regna nella normativa e nei documenti ufficiali, sembra essere un messaggio più chiaro di tutto il resto. Sul Corriere della Sera di lunedì 24 agosto scorso venivano presi in esame i tre principali test (mi scuso per la sintesi) cui possiamo essere sottoposti: test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare. Sostanzialmente, l’unico che può dirci con certezza se portiamo con noi la malattia è il tampone molecolare che è quello che fornisce il risultato entro un giorno o due e, di solito, viene eseguito dalle strutture del Servizio Sanitario Nazionale. Gli altri non sono test che valutano l’attualità della presenza della malattia e possono, addirittura, essere dannosi. Perché? Ce lo dice Il Tempo che ha pubblicato, sempre nello stesso lunedì, un’intervista ad un medico che ha avuto due congiunti sottoposti al tampone rapido al rientro dalla Sardegna: negativi. Il medico ha, tuttavia, voluto che si sottoponessero al tampone tradizionale: positivi. Il pericolo (non il rischio), quindi, è che le persone negative al tampone rapido, sentendosi al sicuro, vadano in giro pur essendo, invece, potenziali portatori di virus.

A questo, si aggiunge la cripticità dei dati che il Ministero della Salute mette a disposizione tramite l’Istituto Superiore di Sanità (“Download ultimi dati” dalla sezione dedicata al nuovo coronavirus): una tabella rinfrescata giorno per giorno senza un minimo di legenda che, come direbbero gli stessi saggi di prima, “aiuterebbe moltissimo la lettura”. Concentriamoci sulle colonne “Totale casi testati” e “Totale tamponi effettuati”: rispettivamente, al 24 agosto, con totali per 4.773.326 e 8.053.551. La domanda è: che differenza c’è tra “casi testati” e “tamponi effettuati”? Data la notevole differenza nelle cifre, forse i casi testati sono le persone che sono state sottoposte a tampone e che, quindi, potrebbero aver eseguito più tamponi per verificare il decorso della malattia. L’altra domanda è: di che tipo di tamponi stiamo parlando? La cifra di 8.053.551 comprende anche i tamponi rapidi? Se fosse così, non possiamo dire che siamo bravi a testare ma soltanto a dare i numeri. In ogni caso, se ci fermiamo ai “casi testati”, mediamente, testiamo, ogni giorno, poco più di 25.000 persone e questo non è certo un risultato che, come vedremo, può rendersi coerente con il tracciamento.

Immuni e tracciamento, facciamo due conti

Infatti, la app Immuni dovrebbe praticare il tracciamento affinché possa essere funzionale al test. Facciamo due conti sulla base dei dati riportati nella tabella relativa al 24 agosto. L’ultimo incremento rilevato di persone positive al tampone è di poco inferiore a 1.000. Se tutte queste persone e tutti i loro “contatti ravvicinati” avessero installato Immuni, stimando un numero medio di “contatti ravvicinati” pari a 5, il giorno dopo avremmo una “domanda di tamponi” pari a 5.000 che sia aggiungono ai tamponi da effettuare “ordinariamente”. Poiché tra le 5.000 persone è più probabile che ci siano soggetti positivi (altrimenti non avrebbe senso il tracking) e replicando i calcoli già fatti prima, avremmo, nel giro di pochi giorni un’esplosione della “domanda di tamponi”: siamo in grado di eseguirli? Abbiamo le strutture? Abbiamo il materiale? Abbiamo le persone? Inoltre, dovremmo contare la ritamponatura funzionale a far rientrare i positivi nella normale vita sociale. Siamo pronti?

Ecco, i miei dubbi, quindi, non sono su Immuni ma sull’impianto strategico che è stato messo in piedi pensando, come fanno certi generali durante la guerra, di avere eserciti che, in realtà, non ci sono. Anche in questo caso, senza voler rafforzare i miei dubbi con esempi specifici, posso citare il caso che Beppe Severgnini ha riportato sul Corriere di sabato 22 agosto scorso: una famiglia (marito, moglie e tre figli) in vacanza in Sardegna abbandonata in una camera d’albergo perché la moglie è risultata positiva.

Allora, perché scaricare Immuni? Per ritrovarmi senza una bussola ed imprigionato da qualche parte senza poter sapere se sono davvero malato o no?

Immuni, tutti gli errori di comunicazione

Sin qui gli aspetti di strategia complessiva di lotta alla diffusione del virus. Occorre, tuttavia, spendere qualche parola anche sulla strategia di comunicazione di Immuni. Quando si lanciano novità tecnologiche, soprattutto nel “mercato italiano” (un po’ pigro da questo punto di vista), non si possono tollerare sbavature. E la prima sbavatura è stata il tempo intercorso tra i primi annunci di Immuni, fine marzo‑inizio aprile, e la reale possibilità di scaricarla, giugno inoltrato. In questo periodo, la gente era impegnata, prima, a sperare nella riapertura e, dopo, a gestire la riapertura: Immuni si è persa anche perché non perfettamente sincronizzata con la fase 2 e nemmeno con la fase 3.

L’altra sbavatura, invece, riguarda la strategia di “sostegno comunicativo” all’iniziativa: il nulla, eccetto qualche accenno (molto stringato) nelle interviste dei soggetti istituzionali (ministri, sottosegretari e commissari straordinari). Per non parlare del sito web. Chi l’ha visitato, a parte le lunghissime FAQ le cui categorie sono messe “a casaccio”, senza una reale analisi del “pubblico” e dei relativi bisogni informativi (forse era meglio partire con una categoria del tipo “A che mi serve?”), non ha trovato nulla di davvero “attraente”: se clicchi su “Documentazione” ti manda su github che, per la verità, non è proprio l’ambiente più affascinante del mondo; se clicchi su “Grafica” ti fa scaricare un file di 40 megabyte che contiene slide in inglese sul brand Immuni (?!); infine, se clicchi su “Scarica l’app” un messaggio ti avvisa che non tutti i dispositivi sono supportati.

Passiamo ai media tradizionali. Sui quotidiani: nulla che non fosse propaganda politica. Sulle riviste specializzate: critiche severe riservate a pochi esperti. In radio: quasi nulla. In TV: spot di Flavio Insinna che ha cominciato ad essere programmato (col contagocce) ad agosto. La strategia di “sostegno comunicativo”, invece, avrebbe avuto bisogno di uno studio attento dei target di pubblico da coinvolgere per trovare, poi, i canali ed i supporter “autorevoli” rispetto alla categoria di pubblico specifica. Per esempio, l’interesse dei giovani, diciamo dai dodici ai vent’anni, si ottiene tramite Tik Tok, Twitter, Instagram e, quindi, coinvolgendo, come testimonial, persone come Chiara Ferragni, Cassandra e Melissa e così via.

Per favore, quindi, non andiamo a tentoni! Cerchiamo di credere davvero nelle tre T. Ma a cominciare da chi ha responsabilità di governo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati