il caso

Medicina digitale: una best practice dalla Regione Sicilia



Indirizzo copiato

Grazie ai fondi PNRR, la telemedicina sta guadagnando terreno anche in Sicilia, dove sono undici i comuni coinvolti. Le aziende sanitarie provinciali di Palermo e di Enna scommettono intanto sulla medicina del territorio e creano pazienti sempre più connessi

Pubblicato il 20 mar 2024

Khalil Fattouch

Direttore Scientifico Fomed

Vincenzo Papa

socio fondatore Fomed



La trasformazione digitale in sanità: una best practice di medicina digitale in Sicilia

Nel campo della salute la tecnologia digitale deve essere al servizio dell’uomo e non viceversa. E dovrà farlo solo dopo il riconoscimento della validità che le certificazioni e la comunità scientifica daranno agli strumenti tecnologici da adottare nelle metodologie e percorsi di cura.

Ecco una best practice della medicina digitale in Sicilia, frutto dell’implementazione del PNRR. Infatti grazie ai fondi europei, la telemedicina sta guadagnando terreno anche in Sicilia, dove sono undici i comuni coinvolti, mentre le aziende sanitarie provinciali di Palermo e di Enna scommettono sulla medicina del territorio e creano pazienti sempre più connessi attraverso l’innovazione digitale. 

Il cambio di paradigma: decentramento della produzione, accentramento dell’accesso

Nessuno poteva immaginare la portata rivoluzionaria implicata da tanti eventi accaduti nello scorso decennio che può essere denominato il decennio della fioritura digitale. Oggi abbiamo la certezza che dai due anni in su tutte le persone usino nel mondo evoluto, normalmente e comunemente, i frutti di questa rivoluzione come strumenti quotidiani ed invasivi di ogni ambito della vita.

Anzi, sempre più spesso, si ha la sensazione che sia la tecnologia ad usare l’uomo e non l’uomo ad usare la tecnologia. Ma anche in questi casi non è la tecnologia il “male”, ma sempre qualche uomo che, attraverso la tecnologia, utilizza altri uomini per i propri interessi, contrari al bene comune. «Non viviamo in un’epoca di cambiamento, viviamo in un cambiamento d’epoca», ha affermato Jorge Mario Bergoglio nel 2018.

Perciò, il punto più importante per le istituzioni che devono promuovere e tutelare, attraverso il perseguimento del loro compito, il bene comune in tutti gli aspetti civili e sociali di loro competenza, è rappresentato dagli aspetti legislativi e normativi che devono rappresentare le fondamenta perché la tecnologia digitale sia al servizio dell’uomo e non viceversa.

Il principale cambiamento risiede nella possibilità, impensabile pochi anni fa, che la tecnologia digitale consente potenzialmente agli utenti di poter accedere da qualsiasi luogo a ciò che si vorrebbe ottenere senza spostarsi, o anche facendosi raggiungere.
Se pochi anni fa le società più grandi del mondo erano pertanto quelle che producevano beni (energia, telefonini, automobili, computer, software eccetera) oggi quelle che le hanno raggiunte, ed in alcuni casi sorpassate, spostano beni (Amazon), promuovono social e connessioni (Facebook, Telegram, Twitter, WhatsApp eccetera) e app di servizi urbani (Just Eat, Glovo, Uber eccetera).

Il convegno della la FOMED

Questo cambio di paradigma non potrà potrà non impattare anche sull’organizzazione dei servizi pubblici e privati che hanno il compito di tutelare la salute di tutti noi, come emerso nel convegno istituzionale che la FOMED (Fondazione Italiana Medicina Digitale) insieme a Università degli studi di Palermo (UniPA) ed enti di diritto allo studio universitario (ERSU) hanno promosso a Palermo lo scorso 14 Febbraio, nella cornice del Palazzo Steri sita nel Rettorato dell’Università degli Studi, ed alla presenza di relatori e delle istituzioni regionali e nazionali del mondo della sanità, medicina e ricerca scientifica.

Durante i lavori si è compreso come ogni ambito della società sarà così protagonista di importanti ed innovativi cambiamenti prevalentemente basati sulla tecnologia ovvero sul percorso di azzeramento del digital divide già intrapreso, attraverso nuovi processi in ciascuno di essi.

Se questa rivoluzione dovrà produrre risultati con tempi, risorse e modalità certe ed assegnate (per esempio, PNRR, Unione europea eccetera), allora bisognerà farlo per fasi progressive, avviando una transizione graduale che conduca al risultato finale per approssimazioni potenzialmente possibili.

Il modello tecnologico della medicina digitale

Se il cambio di paradigma digitale (decentramento dell’accesso concentramento della produzione) ci consente di accedere da qualsiasi luogo periferico a un servizio / prestazione indipendentemente da dove viene svolto, allora chi si propone di rispondere al bisogno di salute delle persone deve cogliere la portata di questa
potenziale rivoluzione.
Negli anni passati la trasmissione delle onde radio prima, e la telefonia poi, ci hanno permesso di trasmettere un segnale anche con contenuti utili per la salute tra due punti molto distanti, il secolo scorso Guglielmo Marconi ha fondato il CIRM (Centro Italiano di Radio Medicina) ancora attivo nel quartiere EUR di Roma per dare radio assistenza alle navi mercantili di tutto il mondo. Tutto questo ha storicamente il nome di telemedicina.

Oggi sul solco virtuoso dei precursori della tecnologia radio, grazie alla digitalizzazione degli ultimi decenni che integra la trasmissione a distanza, possiamo finalmente chiamarla medicina digitale. Oggi per capire la portata del cambiamento possiamo affermare che la differenza tra la telemedicina e la medicina digitale è la stessa che passa tra una cabina telefonica ed uno smartphone.

La virtualizzazione dei processi in modalità sincrona e asincrona

La medicina digitale ci consente di andare ben oltre la trasmissione di segnali sempre più raffinati e ricchi di informazioni (audio, video, documenti eccetera) a distanza, infatti ci permette la connessione continua con la virtualizzazione dei processi
in modalità sincrona ed asincrona
: questa è la vera e propria rivoluzione da introdurre con la giusta gradualità, ed altrettanta velocità nel mondo della salute.

La medicina è la principale, ed in molti casi unica, guida e riferimento scientifico che ogni persona ha per la risposta al proprio bisogno di salute. Le parole che accompagnano la parola medicina (telemedicina, medicina digitale, tecno medicina eccetera) rappresentano solo la possibilità di potenziamento diretto della azione dei medici, ma non esistono ancora come discipline mediche in quanto tali.

Medicina digitale: una best practice in Sicilia

Nei lavori del convegno FOMED è stata presentata una best practice pubblico-privato, avviata in Regione Sicilia nel 2023 attraverso i fondi PNRR. Tale progetto è attivo nelle ASL, nei comuni e nei distretti sanitari.

I suoi primi risultati, presentati nel convegno, mostrano già la loro concretezza in termini di servizio tecnologico innovativo, mediante l’utilizzo delle piattaforme di medicina digitale per medici, infermieri, OSS e pazienti. Ma rendono anche evidente come la tecnologia, usata in questa modalità, avvicina ed intensifica il rapporto diretto tra medici e pazienti, che diventa più costante e presente, e pertanto anche più umano.

La medicina digitale ha mostrato anche in Sicilia di rappresentare la frontiera più avanzata per potenziare gli atti medici e paramedici, perché consente come mai avvenuto prima nella storia, di attuare pienamente la prevenzione.

La prevenzione infatti permea la nostra vita dalla nascita in poi (primaria, secondaria, cronica, specifica eccetera). Oggi è possibile avere sempre con noi un “corredo digitale” delle informazioni della nostro stile di vita, biologico, clinico, sociale eccetera.
Questo corredo, in un futuro immediatamente possibile, sarà utilissimo per i medici già prima dei nostri primi incontri con loro, incontri fisici a cui non bisognerà mai rinunciare, e soprattutto nel seguirci (follow-up) dopo tali incontri, continuando ad arricchirsi di informazioni.

La prevenzione

La prevenzione, poco curata oggi, non solo potrà avere il giusto peso sociale, ma concorrere presto a sviluppare e potenziare la insufficiente quanto necessaria fase della predizione, come la pandemia ci ha drammaticamente insegnato.

E questa è l’unica possibilità di cui al momento disponiamo per la spesa pubblica di offrire salute risparmiando risorse. Tutte le altre strade che stiamo percorrendo creano ulteriori aggravi di costo sociale che stanno già rendendo la vita difficile ed insostenibile al nostro caro e glorioso SSN.

Conclusioni

La medicina digitale può rappresentare la vera svolta epocale perché inciderà attraverso la predizione sulla prevenzione principalmente, trasformandola in vera e propria cura.

Dopo anni possiamo osare nel riscrivere uno degli adagi più antichi e noti che Bernardino Ramazzini ci ha consegnato ormai 5 secoli fa affermando: “Prevenire non è meglio che curare, ma serve a curare prima e meglio”. Con i benefici immediati per la
salute delle persone e per la spesa pubblica.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4