Digital mental health

Quell’ansia da filtro sul proprio corpo: cos’è la dismorfia digitale e come si cura

La dismorfia digitale è una forma di dismorfia, disagio che fa percepire parti del proprio corpo come deformi o mostruose. La propria immagine digitale viene quindi costruita alterando queste parti in funzione di un sé ideale. Ecco come le dinamiche dei social incidono su questo fenomeno

12 Set 2022
Marco Lazzeri

Cyberpsicologo e formatore della didattica Innovativa esperto in realtà virtuale

Eleonora Stingone

Psicologa specializzata in neuroscienze e cyberpsicologia

selfie - dismorfia digitale

Mentre navighiamo e interagiamo con i social, siamo esposti a scatti molto spesso ricercati e a fotografie modificate dall’app attraverso dei filtri che non ritraggono accuratamente il proprio aspetto genuino. Le immagini modificate digitalmente creano una disgiunzione tra il proprio corpo e l’idea che si ha di sé, producendo quella che è definita “dismorfia digitale”, basata sugli standard di bellezza filtrati dai social media.

Selfie Dysmorphia: How social media filters are distorting beauty 🤳🏽

L’immagine digitale viene costruita alterando parti di sé apparentemente indesiderabili mediante la modifica e la correzione dell’aspetto virtuale di un individuo. Questa tipologia di dismorfia si trova all’interno dello spettro del BDD, Disturbo da dismorfismo corporeo (DSM 5), ed ha una natura digitale condizionata socialmente, modellata dalle pressioni della società e realizzata basandosi proprio sui canoni di bellezza presenti nell’ambiente digitale, con l’obiettivo di raggiungere questi standard in forma di immagine (Coy-Dibley, 2016).

Nei casi più gravi l’individuo che ne è soggetto sperimenta una significativa ansia per il proprio aspetto al punto da sviluppare abitudini e routine ossessive, spesso compulsive, come pulirsi continuamente, controllarsi incessantemente allo specchio e mimetizzare la zona del corpo “incriminata” con trucco o vestiti, specialmente in pubblico (Philips, 1998).

Gli utenti utilizzano spesso la tecnologia e i selfie per superare quest’ansia legata alla parte di loro che non accettano, cercando di ottenere quell’approvazione, che non trovano internamente, all’esterno, dagli utenti online (Coy-Dibley, 2016). Quindi, chi possiede una bassa autostima tende ad essere maggiormente coinvolto in questa tendenza comportamentale (Varnali, 2015).

Quanto tempo passiamo sui social network

Il “Digital 2022: Global Overview Report” riporta come la popolazione mondiale arrivi a passare ben 2 ore e 27 minuti al giorno sui social network[1]. Facebook rimane il social network più utilizzato: la sua piattaforma e quella di Instagram sono visitate su base giornaliera da almeno il 50% dei loro utenti (Smith e Anderson, 2018). Su base mensile invece la percentuale di Instagram aumenta fino al 97%.

WHITEPAPER
Una guida per acquisire nuovi clienti con il digital onboarding
Marketing
Trade

Quanto riportato ci dimostra come i social network, grazie al loro crescente utilizzo, siano diventati entità così irrinunciabili nella nostra vita, capaci di influenzare anche il funzionamento dei nostri meccanismi psicologici evoluti.

Le possibili conseguenze che i social network possono avere nella vita reale dei loro utenti hanno destato una notevole attenzione da parte della ricerca, soprattutto sugli effetti che il loro utilizzo può esercitare sull’autostima di chi li usa. (Kim et al., 2009; Morrison e Gore, 2010; Nabi et al., 2013; Neira e Barber, 2014).

Social e salute mentale, come tutelare i ragazzi: verso un digitale psicologicamente virtuoso

Social network e autostima: la teoria del confronto sociale

Secondo la teoria del confronto sociale, le persone hanno una tendenza innata a confrontarsi con gli altri (Festinger, 1954). Due sono le tipologie di confronto, ovvero il raffronto verso l’alto e quello verso il basso.

Il confronto sociale verso l’alto si verifica quando le persone si confrontano con altri che sono migliori di loro; sebbene tale paragone sociale motivi le persone a diventare più simili al loro obiettivo, ciò provoca anche insoddisfazione e abbassa l’autostima (Emmons e Diener, 1985; Taylor e Lobel, 1989; Wheeler e Miyake, 1992).

Il confronto sociale al ribasso scaturisce al contrario quando le persone si paragonano con gli altri che stanno peggio di loro e tale confronto spesso porta a un’autovalutazione più positiva e a un umore migliorato (Wills, 1981; Pyszczynski et al., 1985).

​​Nei social le persone sono altamente selettive su ciò che decidono di presentare. Ciò che viene caricato ritrae sovente “aspetti perfetti” della loro vita come successi personali o fotografie gratificanti (Siibak, 2009; Mendelson e Papacharissi, 2010; Gonzales and Hancock, 2011). Le persone tendono a presentarsi positivamente sui social media caricando contenuti che rappresentano al meglio il loro sé ideale (Rosenberg e Egbert, 2011; Vogel e Rose, 2016), o una versione di se stessi che credono piacerà di più alle altre persone (Madden e Smith, 2010). Ciò che ne risulta è l’aumento di profili personali in cui si vive una vita felice e perfetta.

Grandi reti di “amici” e disadattamento sociale

Le piattaforme di social network consentono ai membri registrati di cercare con facilità altri utenti, sfogliando i loro profili e facendo facilmente amicizia con loro (Blease, 2015).

Questa nuova modalità contribuisce alla creazione di grandi reti di “amici” che comprendono, oltre alle persone con cui sono effettivamente amici nella vita reale, anche persone che non sono amici intimi e persone che non hanno mai incontrato.

Tuttavia, gli esseri umani si sono evoluti per gestire solo un numero limitato di relazioni (Dunbar, 1998). Ciò introduce una situazione di disadattamento (Li et al., 2018), che comporta importanti implicazioni anche per i meccanismi psicologici che governano il confronto sociale.

Anche in questo caso, l’esposizione alla vita “perfetta” degli altri sui social media si traduce in una perdita di autostima. Un recente studio ha però dimostrato che l’utilizzo dei social media era associato a una minore autostima soltanto quando le dimensioni della rete social rientrava entro un range di 150 individui (Lim A.J. et al., 2021).

Adolescenza, autoverifica e ricerca del like

Secondo la teoria dell’autoverifica (Swann, 1983), i selfie sono usati per ricevere commenti positivi e “likes” all’interno di un processo di costante ricerca di valutazioni altrui, portando inevitabilmente ad un’affettività depressa, poiché l’origine di questi comportamenti è associata ad eventi di vita particolarmente stressanti, legati a difficoltà di elaborazione emotiva (Khanna e Sharma, 2017).

Questo tipo di comportamento è comune tra gli adolescenti che sono turbati dall’idea di difetti e imperfezioni nei loro corpi e nei loro volti. Nello studio “Rising dysmorphia among adolescents: a cause for concern”, Himanshu e collaboratori (2020) hanno condotto uno studio su 186 partecipanti attivi, con un’età media di 16 anni tramite l’ausilio di interviste semi strutturate e di questionari relativi alle caratteristiche del corpo.

Gli intervistati sono stati interrogati sulla percezione che hanno di alcuni tratti del proprio corpo come brutti o poco attraenti e sul modo in cui ciò ostacolava le loro dinamiche sociali durante riunioni di famiglia o feste. Lo studio qualitativo e quantitativo ha confermato come il sesso femminile si preoccupi maggiormente di alcuni aspetti quali i peli del viso, la carnagione, l’altezza e la presenza di grasso corporea. Al contrario, la controparte maschile, si focalizza su aspetti quali l’altezza, acne, diradamento dei capelli e peso.

Cosa sono la dismorfia da selfie e da Zoom

Queste nuove forme di insoddisfazione del corpo quando sono legate a video o foto sono conosciute come “selfie dysmorphia”, “Snapchat dysmorphia”, espressione coniata per la prima volta nel 2015 da Tijion Esho, noto medico britannico famoso per la medicina estetica, dopo essere venuto a conoscenza del fatto che un numero crescente di pazienti portava selfie pesantemente modificati con i filtri di Snapchat ai loro appuntamenti di consultazione anziché foto di celebrità.

Quando il disagio inerente alla propria immagine appare durante una videochiamata ci si riferisce all’espressione “Zoom dysmorphia” (Ramphul e Mejias, 2018). Diventate la principale forma di comunicazione durante la pandemia, anche i servizi di videochiamata offrono la possibilità di editare il proprio aspetto con dei filtri (Pfund et al, 2020).

La dismorfia da Zoom è un tipo di dismorfia facciale in cui l’attenzione selettiva della persona è concentrata su alcuni aspetti del viso come ad esempio il naso, i denti o le orecchie.

Uno studio (Pikos, Buzwell, Sharp, Rossel, 2021) ha valutato i comportamenti di utilizzo del video nella popolazione generale durante la pandemia di Covid-19 nel loro rapporto con l’insoddisfazione per l’aspetto e l’interesse per la bellezza.

Sono stati notati molteplici aspetti dell’utilizzo del video, incluso il coinvolgimento nelle tecniche di manipolazione video (ad es. posizionare la fotocamera o se stessi per mostrare le loro migliori angolazioni sul video) per migliorare l’aspetto e la focalizzazione dell’attenzione visiva durante le videochiamate, ma basate su video i problemi di aspetto non prevedevano un maggiore interesse per gli interventi di chirurgia estetica invasiva.

Questa scoperta è coerente con la letteratura sull’elaborazione facciale nel BDD, dove guardando un’immagine del proprio viso e di un altro viso, gli individui con BDD si sono concentrati in modo sproporzionato su sé stessi e sulle loro caratteristiche spiacevoli percepite.

L’attenzione selettiva verso gli aspetti sgradevoli dell’apparenza sembra contribuire allo sviluppo di un’immagine corporea distorta. Queste modulazioni della percezione di sé possono influenzare il senso generale di autostima, provocando reazioni emotive. (Crocker, 2020). Sebbene non appaia nella 5a edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali, la dismorfia da Zoom risulta essere un argomento da non sottovalutare, il quale tuttavia necessita di ulteriori studi per verificarne la validità.

Come si cura la dismorfia, on e offline

Come si cura la dismorfia? Qual è la terapia che è possibile applicare in certi casi? Nella fase iniziale può essere eseguita la “psicoeducazione” sulla problematica, che prevede un tipo di formazione rivolta al soggetto per comprendere le caratteristiche del disturbo e le strategie che è possibile adottare.

Successivamente, ci si concentra sugli aspetti cognitivo-comportamentali del BDD, si monitorano i pensieri automatici negativi e si indagano le cause scatenanti per identificare gli errori cognitivi. Lo scopo è quello di mettere in discussione le convinzioni disfunzionali che si hanno sul valore dell’apparenza e incoraggiare attività ricreative alternative più salutari, come coltivare le proprie passioni ed interessi (Khanna e Sharma, 2017).

Ovviamente, i selfie non sono l’origine del problema, per cui non bisogna demonizzare e additare tutti coloro che ne fanno uso. Le dinamiche psicologiche che sottendono sono molto profonde e radicate, agiscono mediante l’uso di queste tecnologie principalmente perché permettono di avere l’accesso su ampia scala a situazioni sociali che nella vita vera hanno una probabilità di accadere infinitesimamente minore.

Per cui, va bene farsi i selfie? Si, ma controllando i pensieri che sono dietro a queste foto. Sentirsi brutti, ogni tanto, è assolutamente normale, non siamo perfetti e va benissimo così. I bias cognitivi e il modello “distorto” di lettura della mente portano a credere a chi soffre di dismorfia, oltre alla convinzione difettosa del proprio aspetto, che gli altri siano particolarmente attenti al loro aspetto fisico e a giudicarli, deriderli o rifiutarli (Philips, 2009).

Come la realtà virtuale può essere usata a scopi terapeutici

Per cercare di correggere queste convinzioni, in sinergia al percorso terapeutico fornito dallo psicologo, si è visto come un notevole contributo lo possa dare la realtà virtuale o VR grazie alla possibilità offerta di correggere i bias di interpretazione. Lo studio “Virtual Reality Body Swapping: A Tool for Modifying the Allocentric Memory of the Body” (2016) pubblicato sulla rivista scientifica “Cyberpsychology, Behaviour, and Social Networking” ha cercato di capire se lo scambio di corpi in realtà virtuale (VR) possa essere uno strumento efficace per modificare la memoria del corpo (Serino, et al., 2016).

I ricercatori hanno raccolto 21 donne e hanno chiesto loro di stimare la larghezza e la circonferenza delle diverse parti del corpo. Dopo aver fornito le loro stime, le donne sono state soggette a due tipi di illusioni di scambio di corpi. Indossavano un visore per la realtà virtuale e quando hanno guardato in basso hanno visto un corpo virtuale magro.

Per valutare quanto fosse efficace questo esperimento, hanno poi chiesto alle donne di rispondere a un questionario sul processo, in cui hanno scoperto che le donne avevano una rappresentazione diversa della loro immagine corporea. Le donne che hanno partecipato a questo studio hanno riportato una diminuzione del rapporto tra le misure corporee stimate e quelle reali del corpo per la maggior parte delle parti del corpo considerate. È stato un primo passo prezioso per comprendere la distorsione e il disturbo dell’immagine corporea nei soggetti con disturbi alimentari e obesità.

Sulla base della teoria del blocco allocentrico (in riferimento al corpo, è la prospettiva in terza persona allo specchio per intenderci), questi risultati forniscono la prima prova che lo scambio di corpi VR è in grado di indurre un cambiamento nella memoria del corpo. Questa conoscenza può essere potenzialmente utile per i pazienti che soffrono di disturbi alimentari e di peso (Serino et al., 2016). La tecnologia della realtà virtuale negli ultimi tempi ha mostrato risultati promettenti non solo nella valutazione, comprensione e trattamento di patologie psichiatriche (Freeman et al., 2017), ma anche in ambito sanitario (Lazzeri e Zara, 2021).

____________________________________________________________________________________________

Bibliografia

Blease, C. R. (2015). “Too many ‘friends,’too few ‘likes’? Evolutionary psychology and ‘Facebook depression’”. Rev. Gen. Psychol. 19, 1–13. doi: 10.1037/gpr0000030.

Coy-Dibley, I. (2016). “ ‘digitized dysmorphia’ of the female body: The re/disfigurement of the image”. Palgrave Communications, 2(1). https://doi.org/10.1057/palcomms.2016.40

Dunbar, R. I. (2018). “The anatomy of friendship”. Trends Cogn. Sci. 22, 32–51.

Emmons, R. A., and Diener, E. (1985). “Personality correlates of subjective well-being”. Pers. Soc. Psychol. Bull. 11, 89–97. doi: 10.1177/0146167285111008.

Festinger, L. (1954). “A theory of social comparison processes”. Hum. Relat. 7, 117–140. doi: 10.1177/001872675400700202.

Freeman D, Reeve S, Robinson A, Ehlers A, Clark D, Spanlang B, Slater M. “Virtual reality in the assessment, understanding, and treatment of mental health disorders”. Psychol Med. 2017 Oct;47(14):2393-2400. doi: 10.1017/S003329171700040X. Epub 2017 Mar 22. PMID: 28325167; PMCID: PMC5964457.

Gonzales, A. L., and Hancock, J. T. (2011). “Mirror, mirror on my Facebook wall: effects of exposure to Facebook on self-esteem”. Cyberpsychol. Behav. Soc. Netw. 14, 79–83. doi: 10.1089/cyber.2009.0411

Himanshu., Kaur A., Kaur, A., & Singla, G.Rising (2020). “Dysmorphia among adolescents: A cause far concern”. Journal of family medicine and primary care., 9(2)., 567-570.

Khanna, A., & Sharma, M. K. (2017). “Selfie use: The implications for psychopathology expression of body dysmorphic disorder”. Industrial psychiatry journal, 26(1), 106–109. https://doi.org/10.4103/ipj.ipj_58_17.

Kim, J., and Lee, J. E. R. (2011). “The Facebook paths to happiness: effects of the number of Facebook friends and self-presentation on subjective well-being”. Cyberpsychol. Behav. Soc. Netw. 14, 359–364. doi: 10.1089/cyber.2010.0374.

Lazzeri M, Zara P., (2021). “Il mondo degli exgamers: tra potenzialità e ambiti di intervento?” Available online at: https://www.stateofmind.it/2021/06/exergames-potenzialita-intervento/ (accessed July 26, 2022).

Li, N. P., van Vugt, M., and Colarelli, S. M. (2018). “The evolutionary mismatch hypothesis: implications for psychological science”. Curr. Dir. Psychol. Sci. 27, 38–44. doi: 10.1177/0963721417731378.

Lim AJ, Lau C, Li NP. (2o21). “The Moderating Role of Social Network Size on Social Media Use and Self-Esteem: An Evolutionary Mismatch Perspective”. Front Psychol. 2021 Sep 27;12:734206. doi: 10.3389/fpsyg.2021.734206. PMID: 34646214; PMCID: PMC8503551.

Madden, M., and Smith, A. (2010). “Reputation Management and Social Media”. Washington, DC: Pew Internet & American Life Project.

Mendelson, A. L., and Papacharissi, Z. (2010). “Look at us: collective narcissism in college student Facebook photo galleries,” in A Networked Self: Identity, Community?and?Culture?on?Social?Network?Sites, ed. Z. Papacharissi (New York, NY: Routledge), 259-281. doi: 10.4324/9780203876527-20.

Morrison, C. M., and Gore, H. (2010). “The relationship between excessive Internet use and depression: a questionnaire-based study of 1,319 young people and adults”. Psychopathology 43, 121–126. doi: 10.1159/000277001.

Nabi, R. L., Prestin, A., and So, J. (2013). “Facebook friends with (health) benefits? Exploring social network site use and perceptions of social support, stress, and well-being”. Cyberpsychol. Behav. Soc. Netw. 16, 721–727. doi: 10.1089/cyber.2012.0521.

Neira, B. C. J., and Barber, B. L. (2014). “Social networking site use: linked to adolescents’ social self−concept, self−esteem, and depressed mood”. Aust. J. Psychol. 66, 56–64. doi: 10.1111/ajpy.12034.

Pfund, G. N., Hill, P. L., & Harriger, J. (2020). “Video chatting and appearance satisfaction during COVID-19: Appearance comparisons and self-objectification as moderators”. The International journal of eating disorders, 53(12), 2038–2043.

Phillips, K A, Gunderson, CG, Mallya, G., McElroy, SL e Carter, W. (1998). “Uno studio comparativo del disturbo di dismorfismo corporeo e del disturbo ossessivo-compulsivo”. The Journal of Clinical Psychiatry, 59 (11), 568–575. https://doi.org/10.4088/JCP.v59n1102.

Phillips, K. A. (2009). “Understanding body dysmorphic disorder: An essential guide”. Oxford University Press.

Pikoos T.D., Buzwell S., Sharp G., Rossell S.L. (2021). “The Zoom Effect: Exploring the Impact of Video Calling on Appearance Dissatisfaction and Interest in Aesthetic Treatment During the COVID-19 Pandemic”. Aesthet Surg J. 2021 Nov 12;41(12):NP2066-NP2075. doi: 10.1093/asj/sjab257. PMID: 34146086.

Pyszczynski, T., Greenberg, J., and LaPrelle, J. (1985). “Social comparison after success and failure: biased search for information consistent with a self-serving conclusion”. J. Exp. Soc. Psychol. 21, 195–211. doi: 10.1016/0022-1031(85)90015-0.

Ramphul, K., & Mejias, S.G. (2018). “Is “Snapchat Dysmorphia” a real issue?” Cureus;10(3):e2263.

Rosenberg, M. (1965). “Society and the Adolescent Self-Image”. Princeton, NJ: Princeton University Press. doi: 10.1515/9781400876136.

Siibak, A. (2009). “Constructing the self through the photo selection-visual impression management on social networking websites”. Cyberpsychology 3:1.

Serino S., Pedroli E., Keizer A., Triberti S., Dakanalis A., Pallavicini F., Chirico A., Riva G. (2016). “Virtual Reality Body Swapping: A Tool for Modifying the Allocentric Memory of the Body”. Cyberpsychol Behav Soc Netw. 2016 Feb;19(2):127-33. doi: 10.1089/cyber.2015.0229. Epub 2015 Oct 27. PMID: 26506136.

Smith, A., Anderson, M. (2018). “Social Media Use in 2018”. Pew Research Center. Available online at: https://www.pewresearch.org/internet/2018/03/01/social-media-use-in-2018/ (accessed March 1, 2018).

Swann WB (1983). “Self-verification: Bringing social reality into harmony with the self”.. In: Suls J, Greenwald AG, editors. “Social psychological perspectives on the self”. Vol. 2. Hillsdale, NJ: Lawrence Erlbaum;. Pp. 33–66.

Taylor, S. E., and Lobel, M. (1989). “Social comparison activity under threat: downward evaluation and upward contacts”. Psychol. Rev. 96, 569–575. doi: 10.1037/0033-295X.96.4.569.

Varnali K. (2015). “Self-disclosure on social networking sites”. Social Behavior and Personality. 43:1–14. Doi: http://dx.doi.org/10.2224/sbp.2015.43.1.1.

Vogel, E. A., and Rose, J. P. (2016). “Self-reflection and interpersonal connection: making the most of self-presentation on social media”, Transl. Issues Psychol. Sci. 2, 294–302. doi: 10.1037/tps0000076.

Wheeler, L., and Miyake, K. (1992). “Social comparison in everyday life”. J. Pers. Soc. Psychol. 62, 760–773. doi: 10.1037/0022-3514.62.5.760.

Wills, T. A. (1981). “Downward comparison principles in social psychology”. Psychol. Bull. 90, 245–271. doi: 10.1037/0033-2909.90.2.245.

__________________________________________________________________

Note

  1. Dalla loro comparsa avvenuta nel 1997 con l’avvento di SixDegrees, i social network del calibro di Instagram, Facebook o TikTok esercitano oggi un significativo impatto sulla vita di chi li usa. Il termine social network però venne usato tuttavia per la prima volta con Friendster, piattaforma nata nel 2002 e convertita in un social gaming alcuni anni prima della sua chiusura nel 2015.

WHITEPAPER
Le 5 best practice da seguire per migliorare la customer experience
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4