sanità digitale

Telemedicina e Fascicolo sanitario Elettronico: che deve fare il nuovo Governo

Nell’ultima presentazione del Comitato Interministeriale per la Transizione Digitale di luglio la tabella di marcia per la Missione 6 del PNRR ossia “Salute” indicava una significativa accelerazione. Gli obiettivi raggiunti in ambito telemedicina e FSE e gli errori da evitare ora

08 Set 2022
Giacomo Bandini

Competere

sanità regione lazio ransomware - consenso informato

Il settore della sanità digitale, come molti altri, ha ricevuto un forte impulso con l’emergenza Covid-19. Ora è chiamato alla prova delle maturità e a un’estensione orizzontale che va oltre l’immediata necessità di limitare spostamenti, contatto fisico e facilitare l’operato di medici e strutture sanitarie preposte all’erogazione delle prestazioni.

I temi della telemedicina e dei servizi digitali sono usciti dal recinto degli addetti ai lavori e sono approdati anche tra gli utenti/pazienti. Non si può più tornare indietro e la strada intrapresa deve procede in continuità, evitando che i cambiamenti in atto la rallentino se non addirittura la blocchino. Nel frattempo, l’attesa cresce per la Piattaforma Nazionale di Telemedicina e per le sue declinazioni regionali (mancano ancora le linee guida Agenas previste per agosto).

Sanità digitale, perché non decolla? Le sfide urgenti da affrontare

I passi avanti nella Missione 6 del PNRR

Nell’ultima presentazione del Comitato Interministeriale per la Transizione Digitale di luglio la tabella di marcia per la Missione 6 del PNRR ossia “Salute” indicava una significativa accelerazione.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Potenziamento del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)

Per il potenziamento del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) risultavano raggiunti i seguenti obiettivi:

  • Programmi pilota in sei Regioni per a) capire le difficoltà per realizzare i Fascicoli Sanitari Elettronici (FSE) b) migliorare alimentazione e portabilità c) capire come supportare tutte le 21 Regioni e Province Autonome
  • Definita nuova governance, stabilita architettura dati centrale (Ecosistema Dati Sanitari) e rafforzati i poteri di standardizzazione su tutto il territorio nazionale
  • Definito nuovo FSE come unico punto di accesso ai servizi sanitari, definiti standard e codifiche uniformi per tutto il Paese, definita l’architettura che comprende repository e gateway (EDS)
  • Stanziati 600 milioni di euro per le Regioni al fine di potenziare i propri FSE e formare gli operatori sanitari, incluso un contingente di tecnici a supporto delle Regioni nel rafforzare i propri FSE.

Il tutto con l’obiettivo di alimentazione del Fascicolo differenziato per ogni singola Regione, ma tendenzialmente superiore al 60-70% e di avviare l’operatività dell’Ecosistema Dati Sanitari a gennaio 2023.

La Piattaforma Nazionale di Telemedicina

Per quanto riguarda invece la Piattaforma Nazionale di Telemedicina, nei primi sei mesi del 2022, dopo aver definito le caratteristiche tecniche di base e il modello architetturale, è stata avviata la manifestazione di interessi da AGENAS. La gara definitiva per l’assegnazione del progetto di partenariato pubblico-privato dovrebbe invece essere pubblicata nel mese di settembre. Previste entro luglio anche le Linee guida per i bandi di gara relativi alle piattaforme regionali di telemedicina. Ma questa scadenza è evidentemente slittata.

Le cose che restano ancora in sospeso

Una volta gettati i pilastri, è possibile fare un breve quadro di quello che ancora rimane in sospeso e quello che invece potrebbe essere preso in considerazione per rendere la telemedicina una risorsa per il SSN, tutti gli operatori sanitari e anche i pazienti.

Il PNRR è fatto, ora facciamo la telemedicina: cosa serve per un vero salto di qualità

I modelli di sanità digitale da implementare sui territori

Innanzitutto, sembrano mancare ancora i modelli di sanità digitale da implementare sui territori. Molte realtà hanno avviato sperimentazioni, anche in autonomia rispetto alle linee guida ministeriali, con diversi gradi di successo e di avanzamento. Non esiste tuttavia un percorso definito per l’integrazione delle tecnologie e dei servizi digitalizzati (soprattutto quelli aggiuntivi alla Televisita, al Teleconsulto e al Telemonitoraggio) nei presidi territoriali previsti dai vari decreti (DM 71, poi 77). I modelli risultano maggiormente chiari nella parte organizzativa (ad es. una Casa della Comunità ogni 40.000-50.000 abitanti), ma non sull’utilizzo degli strumenti tecnologici per raggiungere gli obiettivi sanitari previsti. Inoltre, non è ancora ben dettagliato il ruolo degli operatori sanitari in relazione all’utilizzo delle varie soluzioni tecnologiche. Quali strumenti verranno considerati prioritari e chi ne può fare utilizzo? Sono previsti percorsi di formazione e di coinvolgimento dei professionisti che operano all’interno delle strutture territoriali? Quale ruolo per progetti ad hoc che includano anche PPP o best practice con i privati? Si penserà alla facilità di utilizzo per i pazienti che devono accedere ai servizi e orientarsi nel nuovo SSN, semplificando e migliorando la loro esperienza?

I micro-servizi al cittadino

Inoltre, non si è affrontato un dettaglio importante. I micro-servizi al cittadino. Il focus è ancora molto forte sull’alimentazione del FSE e sui quattro pilastri della Telemedicina che sono:

  • la televisita
  • il teleconsulto (sincrono e asincrono)
  • il telemonitoraggio
  • la teleassistenza.

Essi sono lo scheletro portante, innegabilmente. Tuttavia, è possibile considerare dei servizi accessori e digitalizzati che possono dare supporto a queste colonne portanti. Ad esempio, strumenti di comunicazione efficace sia mirata sia massiva con il paziente (che è sempre più connesso), soprattutto per le fasi di prevenzione e per la cronicità. Oppure soluzioni che permettano al paziente di valutare il suo percorso e la sua esperienza con il servizio sanitario e contribuire al suo miglioramento. Questa parte è ancora molto marginale nella roadmap disegnata fino al momento e non è ancora certo se farà parte o no delle piattaforme di telemedicina, nazionale e regionali.

Conclusioni

Oltre a chiarire questi punti, è necessario evitare la discontinuità che provoca un avvicendamento istituzionale (come quello in corso) e non scostarsi da quanto realizzato fino a questo momento. Proseguendo e recuperando ciò che è previsto dalla tabella di marcia, e magari chiarendo i punti rimasti in sospeso o non del tutto chiariti. In primis, per evitare che i modelli di sanità territoriali impostati negli ultimi due anni subiscano ulteriori modifiche e quindi un rallentamento nella loro implementazione. Questo provocherebbe non solo incertezza per gli operatori stessi, ormai impegnati con i progetti del PNRR e con un riassetto ormai ampiamente avviato, ma anche per incentivare ulteriori investimenti sia pubblici sia privati. In secondo luogo, per continuare con il processo di consapevolezza del potenziale della sanità digitale e degli strumenti a disposizione da parte di tutti gli attori coinvolti nel processo, soprattutto i cittadini.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4