sanità digitale

Telemedicina per ridurre i tempi di soccorso e cura: il caso studio della Regione Calabria



Indirizzo copiato

La telemedicina non solo consente risparmi economici significativi, ma facilita anche l’erogazione delle cure a distanza, superando le barriere geografiche e migliorando l’assistenza per chi vive in aree remote o difficilmente raggiungibili. Il caso studio della Regione Calabria spinge a riflettere sui benefici del digitale in ambito sanitario e sulla sua capacità di migliorare l’efficienza del sistema nel suo complesso

Pubblicato il 17 apr 2024

Demetrio Naccari Carlizzi

P4C – Prepare for Change

Agata Quattrone

PhD in Ingegneria dei Trasporti e della Logistica



reggio-calabria-170206190016

A seguito della pubblicazione da parte dell’ISTAT del Report 2023 sui servizi di pubblica utilità nel mondo sanitario si è sviluppato un dibattito sulla prossimità dei servizi di Pronto Soccorso che sarebbero irraggiungibili per il 50% delle famiglie e specificatamente in 11 regioni. Alcuni sottolineano, a nostro parere centrando il problema, che l’attenzione debba essere posta non sulla prossimità in senso tradizionale ma sull’accessibilità, utilità ed attrattività di tali servizi. Tutto ciò ci obbliga a focalizzare gli aspetti di mobilità connessi al servizio sanitario in un’ottica multidimensionale e quindi anche immateriale.

D’altra parte Agenas ha da poco pubblicato la terza indagine nazionale sullo Stato di Attuazione delle Reti Tempo-Dipendenti da cui emerge come la Rete Cardiologica per l’emergenza registri performance difformi nelle varie regioni con criticità in Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Campania, suggerendo la strada di una migliore organizzazione della rete stessa.

Telemedicina: una nuova prospettiva per l’accessibilità dei servizi sanitari

Per implementare i servizi sanitari ed in particolare in relazione alla presa in carico nei casi di talune patologie (Ictus, Infarto, Grande Trauma, Trasporto neonatale, Emergenze intraospedaliere) che necessitano di reti tempo-dipendenti è indispensabile l’utilizzo della telemedicina per comprimere i tempi di soccorso e di cura.

L’accessibilità dei servizi sanitari deve essere ripensata, grazie alle tecnologie digitali e alla telemedicina, in una connotazione anche immateriale. Infatti, la telemedicina aiuta la sanità solo se cambiano i modelli organizzativi, ragion per cui le Regioni sono chiamate a definire un proprio Modello Organizzativo Regionale e ad attivare nel 2024 servizi di Telemedicina che rappresentano un’opportunità per salvare il sistema sanitario dal collasso, garantire parametri qualitativi dei servizi e per compensare l’inaccessibilità di alcuni territori.

Oggi, telemedicina, tecniche di BDA – Big Data Analytics e di ML/DL – Machine Learning/Deep Learning, algoritmi di assistenza remota offrono un contributo straordinario, poco esplorato ma in rapida crescita per servire e socializzare percorsi di cura e realizzare in generale una sanità sostenibile e di precisione. Un fattore decisivo nel management dei sistemi sanitari che può consentire decisivi passi avanti nella costruzione di un modello di sanità digitale Predittiva, Preventiva, Personalizzata e Partecipativa.

Le tecnologie digitali sono determinanti nelle Regioni orograficamente complesse ma anche nel recupero di efficienza e di qualità dei servizi (garanzia LEA) per quelle in Piano di Rientro (Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Molise, Puglia, Sicilia) che puntano a un duplice obiettivo, solo apparentemente alternativo, ridurre la spesa e riqualificare i servizi.

L’importanza delle reti tempo-dipendenti nello scenario sanitario attuale

In uno studio svolto da un team multidisciplinare di P4C – Prepare for Change, composto da ingegneri trasportisti, ingegneri clinici, medici, informatici ed esperti di organizzazione, si è analizzata in fase pre-covid-19 la rete SCA-Sindrome Coronarica Acuta della Regione Calabria, per effettuare una simulazione dei tempi di risposta della rete assistenziale, per valutarne la qualità e la rispondenza delle reti regionali ai target fissati dal D.M. n.70/2015 e alle linee guida di Cardiologia al fine di garantire rispetto alle patologie tempo-dipendenti omogeneità, adeguatezza, appropriatezza, efficacia, qualità e sicurezza.

Sulla rete tempo-dipendente per la SCA si è effettuata una simulazione sull’estensione di un segmento di telemedicina che in Calabria è già un caso di successo in una delle cinque province (Cosenza), individuato tra le best practices internazionali, scalandolo alle altre 4 province per comprendere i vantaggi della tecnologia e del modello in termini di outcome, come esempio di un possibile utilizzo esteso al territorio nazionale.

Il sistema di telecardiologia della ASL di Cosenza

Nella ASL di Cosenza è presente un sistema di telecardiologia nella rete dell’emergenza del 118. Tale sistema prevede un cruscotto digitale, l’integrazione, la fornitura e l’installazione di moderne ed avanzate Centrali di monitoraggio e di monitor in tutte le unità di terapia intensiva cardiologica dell’ASP di Cosenza, la messa in rete con elettrocardiografi di tutti i reparti ospedalieri, di tutte le postazioni PPI e di tutte le postazioni 118. Ciò consente di diagnosticare l’emergenza cardiologica sin dal suo insorgere e favorire la scelta della destinazione del paziente verso la struttura più idonea al trattamento della patologia.

È quindi possibile trasferire il paziente colpito da infarto nella struttura più idonea invece che nella più vicina perché il sistema di telecardiologia operante nell’Asp di Cosenza permette di trasmettere il tracciato ECG direttamente dall’ambulanza al centro cardiologico competente.

Telecardiologia assente in 4 ASP calabresi

Le altre quattro ASP della Calabria sono sprovviste di un sistema di telecardiologia; nonostante il costo sociale in termini di vite umane che ne deriva. La scelta del presidio cui indirizzare il paziente nel caso della SCA è di particolare importanza non solo per la ricorrenza delle patologie cardiovascolari ma perchè più è tempestivo l’intervento e più tessuto muscolare aggredito dall’infarto può essere salvato. Il ritardo di minuti nei casi più gravi comporta infatti la morte o maggiori percentuali di invalidità.  Il tempo massimo fissato a livello nazionale per l’arrivo dell’ambulanza dalla postazione di emergenza territoriale (PET) sul luogo è 15 minuti. In Calabria il tempo target sarebbe fissato ufficialmente in 18 minuti.

La simulazione è stata condotta standardizzando il prelievo del paziente (presso la sede del municipio) per ogni Comune, si è proceduto a confrontare il tragitto che si affronterebbe nel caso di invio all’ospedale più vicino con quello necessario nel caso di SCA e infine con il tragitto diretto all’ospedale idoneo al trattamento emodinamico.

Si sono quindi simulati differenti scenari possibili di una riorganizzazione della rete estendendo la telecardiologia a tutto il territorio regionale. Si sono considerati: i tempi (teorici) dichiarati di chiamata e arrivo dell’ambulanza dalla PET più vicina; una standardizzazione dei tempi di carico e scarico, transito al Pronto Soccorso (senza permanenza nel caso HUB), eventuali tempi di stabilizzazione o trombolisi (nel caso di permanenza in UTIC – Unità di terapia intensiva cardiologica), trasferimento del paziente alla struttura idonea e i tempi di perfusione (time to baloon).

Nelle quattro ASP sprovviste di telecardiologia il paziente viene trasportato dal luogo di chiamata nella struttura più vicina. Se questa non è dotata di un laboratorio di Emodinamica, il paziente non potrà essere perfuso, se manca anche l’UTIC non potrà essere nemmeno trattato in maniera appropriata con trombolisi per poi essere trasferito, secondo le linee guida, entro le due ore per avere una perfusione primaria in un centro di Emodinamica.

Data la morfologia della Calabria e in conseguenza del doppio trasferimento i tempi di trattamento si dilatano e ciò potrebbe comportare un danno ulteriore irreparabile e invalidante per il paziente (conseguente alla “perdita di muscolo”). La mancata garanzia di tempestività nel caso dell’infarto del miocardio (ST-segment elevation myocardial infarction – STEMI) può essere anche fatalmente decisiva.

Ciò è evidente se confrontiamo la simulazione del caso a) (ipotesi to-be con estensione dell’uso della telecardiologia in tutte le quattro ASP sprovviste e localizzazione di laboratori di emodinamica in tutti gli ospedali Spoke delle cinque province) con l’ipotesi as-is del caso b) (trasferimento del paziente nell’ospedale più vicino e poi nelle strutture esistenti di Emodinamica).

La necessità di ripensare l’accessibilità dei servizi sanitari in chiave immateriale

Il numero dei Comuni efficientati con tale soluzione è 277 (sul totale di 409 di cui 110 nella provincia già servita) e tra loro quelli che ottengono un servizio di trasporto e cura inferiore ai target di 90 minuti sono ben 218.

Nell’ipotesi a), il numero dei Comuni che rientrerebbero nel tempo target idoneo è significativo infatti 255 Comuni sarebbero sotto i 90 minuti di cui 70 starebbero entro i 60. Mentre nell’ipotesi b) che rappresenta l’attuale situazione per 294 Comuni i tempi di soccorso e di cura sarebbero oltre i 120 minuti. Lo scenario b) che è quello oggi ordinario non è solo lo scenario peggiore in relazione al tempo trascorso ma anche rispetto al tipo di cure che i pazienti ricevono. Infatti gli ospedali di transito, tranne nel caso di presidi Spoke, non sono attrezzati per erogare trattamenti in grado di fronteggiare un infarto Stemi nemmeno con soluzioni farmacologiche in attesa del trasferimento in Emodinamica. Il tempo trascorso tra diagnosi e trasferimento è un tempo perso.

Lo studio ha evidenziato che sistemi digitali di telemedicina possono ridurre significativamente lo spread negativo in termini di sopravvivenza determinato dalla geografia urbana migliorando così alcuni determinanti delle scelte sociali insediative.

L’analisi degli indici di qualità della rete SCA evidenzia i ritardi dei sistemi meno evoluti che si ripercuotono sulla qualità dell’assistenza e impediscono di essere aderenti alle linee guida europee (ESC Guidelines).

Conclusioni

L’utilizzo della telecardiologia unito alla scelta manageriale di collocare in tutti gli ospedali Spoke Laboratori di Emodinamica consentirebbe di rientrare nei parametri di sicurezza per molti Comuni oggi fuori target.

L’insegnamento che si può trarre da questo studio è che le tecnologie digitali consentono di potenziare i sistemi sanitari e laddove l’innovazione digitale si sposa con il ripensamento e la riorganizzazione dei servizi genera valore pubblico ed è in grado di implementare un sistema più efficiente e al contempo anche più efficace. Digitale e management dei servizi insieme sono determinanti nella creazione di servizi accessibili e performance altrimenti irraggiungibili, nella pianificazione delle città, nella sanità digitale predittiva.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4