scuola digitale

Con lo smartphone e sui social già alle medie: come guidare i ragazzi a un uso consapevole

Già all’età di undici anni i giovani possono contare su un facile accesso agli smartphone e usarli non solo per telefonare ma anche per giocare e accedere a Internet e ai social. In questo quadro, anagrafico ed emotivo, molto delicato per lo sviluppo cerebrale, quale deve essere il ruolo della scuola e dei genitori?

07 Nov 2022
Giacomo Lunardon

Assistente Tecnico Istituto Statale “A. Monti” di Asti e “CIS Controls Volunteer”

Carmelina Maurizio

Università degli Studi di Torino

scuola

Cresce in Italia il numero di scuole secondarie che vietano tassativamente l’uso degli smartphone in classe, appellandosi alla Direttiva Ministeriale 104 del 30 novembre del 2007[1].

Tuttavia, si legge chiaramente nel Rapporto “La Buona Scuola, facciamo crescere il Paese” (2014) e nel Piano Nazionale Scuola Digitale[2] che le indicazioni contenute nella Direttiva del 2007, in presenza del mutamento sociale, dell’ingresso massiccio delle tecnologie nella vita quotidiana, lavorativa e privata, vadano ripensate: la scuola, infatti, per tenersi al passo dovrebbe mutare alcuni comportamenti e acquisire un nuovo modo di pensare al digitale. Per esempio, nella declinazione dell’Azione#6 “Politiche attive per il BYOD” si legge “La scuola digitale, in collaborazione con le famiglie e gli enti locali, deve aprirsi al cosiddetto BYOD (Bring Your Own Device), ossia a politiche per cui l’utilizzo di dispositivi elettronici personali durante le attività didattiche sia possibile ed efficientemente integrato”[3].

Smartphone in aula, molti docenti li usano bene

Come stanno realmente le cose? Qual è il rapporto tra i più giovani e l’uso degli smartphone, in particolare qual è il ruolo dei social media?

Proviamo a trarre alcuni spunti dalle indagini svolte in questi anni in alcune scuole medie degli Stati Uniti, dove l’attenzione al cyberbullismo, all’identità digitale, all’impatto delle impronte digitali e all’uso di social media non appropriati sono argomenti che stanno guadagnando attenzione nelle scuole dal livello K 9 al K-12, ovvero scuole secondarie in Italia. Poiché da tempo, anche considerando gli effetti acceleranti della pandemia, un numero sempre maggiore di scuole e distretti scolastici negli Stati Uniti sta implementando le iniziative 1-1 e BYOD (Bring Your Own Device), l’attenzione a questi temi sta diventando sempre più importante.

Gli anni della scuola media

Chiunque ripensi agli anni della scuola media ha memorie legate a momenti ed emozioni che spesso rimandano all’imbarazzo, ai conflitti, ai cambiamenti nelle amicizie e le prese in giro. Questo avviene poiché i cambiamenti nel sistema limbico del cervello fanno sì che gli adolescenti provino ogni emozione in modo più forte e pertanto i ricordi di questo periodo sono così chiari, nel bene e nel male.  Questa fase dello sviluppo cerebrale è anche quella in cui i traumi e le cattive abitudini possono diventare profondamente radicati e anche quello in cui un cervello così carico di emozioni è anche molto ricettivo alle esperienze positive, come lo sviluppo di un interesse profondo per un hobby, la sensazione di aver realizzato qualcosa di significativo, la gioia delle amicizie, l’influenza di un mentore o l’emozione di esibirsi in una band.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

“L’accensione delle passioni è davvero una parte fondamentale di questa finestra temporale”, dice Ron Dahl, professore dell’UC Berkeley e fondatore del Center for Developing Adolescent[4] dell’UCLA. “È un periodo di esplorazione dell’apprendimento, di acquisizione di nuove conoscenze e abilità, di abitudini, di formazione dell’individuo, di sviluppo dell’identità, di motivazioni intrinseche”. In questo quadro, anagrafico ed emotivo, come si collocano l’uso e l’accesso ai social media?

Accesso agli smartphone e a internet

Fino a non molti anni fa, i telefoni cellulari erano dispositivi costosi per telefonare o inviare messaggi e raramente erano nelle mani di persone di età inferiore ai 16 anni. Era possibile che i bambini potessero accedere a Internet tramite un computer di famiglia facilmente controllabile dai genitori. Da anni ormai, già all’età di undici anni, i giovani possono contare su un facile accesso agli smartphone, che, come è noto, possono essere utilizzati non solo per telefonare o mandare messaggi, ma anche per giocare e accedere a Internet, compreso un numero di siti di social media in rapida espansione. Poiché funzionano praticamente ovunque e non richiedono nemmeno il wi-fi, per i genitori e gli adulti delle scuole è difficile monitorare l’uso dei cellulari.

Gli smartphone – e Internet, più in generale – aprono ai giovani un mondo eccitante, attraente e ricco di informazioni, ma anche aiutano gli adolescenti a imparare e permettono loro di entrare in contatto con amici o familiari che non possono vedere tutti i giorni. Possono anche portare a esperienze indesiderate, come l’isolamento sociale o il bullismo, e a problemi psicologici come la depressione o la dipendenza da Internet.

L’accesso ai social negli anni delle medie

Come fanno gli studenti delle scuole medie a iniziare a usare i social media? Come si instaurano buone abitudini nell’uso dei media? I genitori o i coetanei sono i più influenti nel guidare l’uso dei social media da parte dei giovani? Quali strategie utilizzano i genitori o gli adulti della scuola per controllare le interazioni dei giovani su Internet o sui siti di social network? Sono queste alcune delle domande che sono state poste ad un campione di 593 studenti[5], intervistati rispetto alle loro preoccupazioni relative ai social media. Tra i risultati più significativi emerge che il 17% ha iniziato a usare i social media all’età di nove anni o meno, il 40% ha accettato richieste di amicizia da persone che non conosce e il 40% ha riferito che i genitori non controllano il loro uso dei social media. Inoltre, gli studenti delle scuole medie hanno dichiarato di utilizzare i social media più spesso per entrare in contatto con i loro amici, condividere foto e scoprire cosa fanno gli altri. Hanno indicato Instagram (27%), SnapChat (25%) e YouTube (25%) come i siti di social media più utilizzati. Questi studenti sono preoccupati per i social media a causa di post inappropriati, hacking, sentimenti feriti, mancanza di privacy, immagini inappropriate, bullismo, negatività e stalker.

Le app preferite dai ragazzi 11-14

Se si considerano le 3 applicazioni preferite dai ragazzi e le ragazze tra gli 11 e i 14 per i social media e ci si accorge subito di quanto sia cambiato il panorama dei social media negli ultimi tempi. Facebook ha chiaramente perso il suo dominio. È entrato nella lista delle “top 3” solo per un terzo dei partecipanti allo studio. Alcune applicazioni che erano popolari qualche anno fa (Vine, MySpace) non sono state menzionate affatto. La cosa più sorprendente è la netta differenza tra le classifiche delle App preferite dai ragazzi e dalle ragazze. Instagram si è classificato al secondo posto per entrambi i sessi; Snapchat si è classificato al primo posto tra le ragazze, ma solo al quinto tra i ragazzi. L’applicazione di social media preferita dai ragazzi, YouTube, si è classificata al settimo posto nella lista per le ragazze. Facebook e un servizio di messaggistica (ad esempio, iMessage) si sono classificati rispettivamente al terzo e al quarto posto tra le ragazze e nell’ordine inverso tra i ragazzi. Un quarto dei ragazzi ha scelto un’applicazione di gioco come social media preferito, ma ognuno ha scelto un gioco diverso.

Diversi social per scopi diversi

È emerso che gli adolescenti utilizzano diversi social media per scopi diversi o per entrare in contatto con persone diverse: un’applicazione può essere la migliore per comunicare con i membri della famiglia, un’altra per scoprire cosa succede dopo la scuola o nel fine settimana, un’altra per determinare ciò che è cool o accettabile tra i coetanei, un’altra ancora per mostrare la propria identità agli altri. Se a questo si aggiunge la tendenza dei giovani a cambiare la loro fedeltà ai vari social media, si capisce la difficoltà degli adulti a tenere sotto controllo l’uso dei social media.

In generale, la tendenza è lasciare che solo i membri della famiglia, le persone che si conoscono o i ragazzi della loro età siano amici o follower sui loro siti di social media. Spesso, tuttavia, sono seguiti i siti Instagram, YouTube o Twitter di persone famose.

La gestione dell’uso dei social media alle medie nelle scuole nordamericane 

La maggior parte delle scuole medie ha regole piuttosto chiare sull’uso del cellulare, ma non sempre le regole vengono seguite in modo rigoroso, sia dagli insegnanti che dagli studenti. Le scuole possono bloccare alcuni siti web (compresi alcuni social media), ma con un numero crescente di studenti che hanno telefoni e piani cellulari propri, è difficile che questi sforzi abbiano successo. Le scuole tendono quindi a limitare i tempi e i luoghi in cui gli studenti possono utilizzare i propri dispositivi. Diversi studenti hanno parlato della “regola del conteggio”: se si viene sorpresi una volta con il cellulare spento in classe, si riceve un giusto avvertimento, se si viene “beccati” due volte, il telefono passa all’insegnante per tutte le lezioni del giorno. Una terza volta, il telefono finisce in ufficio finché un genitore non viene a recuperarlo (probabilmente insieme a una ramanzina allo studente mentre torna a casa). La regola è spesso estesa agli iPad o ai tablet se lo studente li usa per connettersi ai social media. La maggior parte degli studenti rispetta le regole, cercando di usare il telefono solo a pranzo o in altri momenti liberi a scuola. Non vogliono rischiare di vedersi sottrarre il telefono dagli insegnanti o dai genitori. Alcuni insegnanti fanno rispettare rigorosamente le regole, ma altri sono più permissivi, consentono infatti l’uso del telefono se c’è del tempo libero alla fine della lezione. Molti studenti “sbirciano di nascosto” quando pensano che nessuno li stia guardando, anche durante prove e test, per cercare risposte. L’uso dei device e il “cheating2 è stato già in parte esplorato su queste pagine.[6]

Lo stato dell’arte nel 2022

Il Pew Research Center[7], facendo riferimento ad un’indagine svolta nel 2014 -15, sugli adolescenti americani di età compresa tra i 13 e i 17 anni, ha svolto un nuovo sondaggio su 1.316 adolescenti dal 14 aprile al 4 maggio 2022. Quasi tutti gli adolescenti nel 2022 hanno accesso a uno smartphone, rispetto al 73% del 2014-15.

Lo studio ha rilevato che TikTok ha avuto un’impennata di popolarità dal suo debutto in Nord America diversi anni fa ed è ora una delle principali piattaforme di social media per gli adolescenti tra quelle considerate in questo sondaggio. Circa il 67% degli adolescenti dichiara di utilizzare sempre TikTok, mentre il 16% di tutti gli adolescenti afferma di utilizzarlo quasi costantemente. Nel frattempo, la percentuale di adolescenti che dichiarano di utilizzare Facebook, una piattaforma di social media dominante tra gli adolescenti nel sondaggio del 2014-15 del Centro, è crollata dal 71% di allora al 32% di oggi.

YouTube è in cima al panorama online degli adolescenti del 2022 tra le piattaforme prese in considerazione dal nuovo sondaggio del Centro, poiché è utilizzato dal 95% degli adolescenti. TikTok è il prossimo nella lista delle piattaforme su cui è stata posta la domanda in questo sondaggio (67%), seguito da Instagram e Snapchat, entrambi utilizzati da circa sei adolescenti su dieci. Dopo queste piattaforme troviamo Facebook con il 32% e quote minori che utilizzano Twitter, Twitch, WhatsApp, Reddit e Tumblr.

I cambiamenti nel panorama dei social media dal 2014-15 vanno oltre l’ascesa di TikTok e la caduta di Facebook. Da allora, una quota crescente di adolescenti dichiara di utilizzare Instagram e Snapchat. Al contrario, Twitter e Tumblr hanno visto diminuire le quote di adolescenti che dichiarano di utilizzare le loro piattaforme. Inoltre, due delle piattaforme monitorate dal Centro nel precedente sondaggio, Vine e Google+, non esistono più.

Questo studio analizza anche la frequenza con cui gli adolescenti utilizzano ciascuna delle cinque principali piattaforme online: YouTube, TikTok, Instagram, Snapchat e Facebook. Il 35% degli adolescenti dichiara di utilizzare almeno una di esse “quasi costantemente.

Note

  1. Dall’elenco dei doveri generali enunciati dall’articolo 3 del D.P.R. n. 249/1998 si evince la sussistenza di un dovere specifico, per ciascuno studente, di non utilizzare il telefono cellulare, o altri dispositivi elettronici, durante lo svolgimento delle attività didattiche, considerato che il discente ha il dovere: – di assolvere assiduamente agli impegni di studio anche durante gli orari di lezione (comma 1); – di tenere comportamenti rispettosi degli altri (comma 2), nonché corretti e coerenti con i principi di cui all’art. 1 (comma 3); – di osservare le disposizioni organizzative dettate dai regolamenti di istituto (comma 4). La violazione di tale dovere comporta, quindi, l’irrogazione delle sanzioni disciplinari appositamente individuate da ciascuna istituzione scolastica, nell’ambito della sua autonomia, in sede di regolamentazione di istituto
  2. comma 56 della Legge 13 luglio 2015, n. 107/2015 (c.d. “La Buona Scuola”)
  3. https://www.istruzione.it/scuola_digitale/allegati/Materiali/pnsd-layout-30.10-WEB.pdf
  4. http://dahl-lab.berkeley.edu/
  5. F. Martin, C. Wang, (2018), Middle School Students’ Social Media Use,
  6. https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/copiare-a-scuola-ai-tempi-del-digitale-il-business-miliardario-delle-tecnologie-di-cheating/
  7. https://www.pewresearch.org/internet/2022/08/10/teens-social-media-and-technology-2022/
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4