l'emergenza

Coronavirus e didattica digitale: il valore degli insegnanti in prima linea

L’emergenza coronavirus rende evidenti le potenzialità dell’applicazione delle tecnologie digitali alla didattica. Ma ancora più evidente è la centralità del ruolo sociale degli insegnanti, ai quali le tecnologie si limitano ad offrire gli strumenti necessari ad essere in prima linea, al fianco di alunni e famiglie

05 Mar 2020
Alessandro Bogliolo

Docente di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni, Università di Urbino Carlo Bo

scuola digitale

Il sistema educativo italiano è sospeso per i prossimi 10 giorni!

Per Decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università.

Ho tagliato gli incisi dell’articolo 1, comma 1, lettera d) del DPCM 4 marzo 2020 per agevolarne la lettura d’un fiato, in tutta la sua sconcertante, semplicissima gravità: è vietato andare a scuola! È una delle misure estreme che il Governo ha dovuto adottare per far fronte all’emergenza COVID-19 e ne dà, per l’appunto, la misura. In molte zone, come la mia, il provvedimento estende quelli già adottati da dieci giorni. Fino a dieci giorni fa non avrei mai pensato che potessero crearsi circostanze che costringessero un governo democratico a chiudere scuole e università.

Forse non serviva un virus sconosciuto per darci consapevolezza dell’importanza del sistema scolastico e universitario, ma solo la sua sospensione forzata permette di percepirne la centralità pervasiva, che va ben oltre la funzione educativa e formativa. I nostri figli non sono preparati a rinunciare alla sana consuetudine di trascorrere mezza giornata a scuola con compagni e insegnanti, le nostre case non sono fatte per ospitare i nostri figli in orario scolastico, noi non siamo preparati a dare un senso alle loro giornate, il nostro lavoro non è pronto a dividerci con loro, le città e i musei non possono fare a meno dei nostri figli in gita, l’economia, ancor prima della cultura, non può fare a meno dei nostri figli all’università.

Umanità e comunicazione

Ma la scuola non è fatta di muri, è fatta di persone, che da che mondo è mondo escogitano ogni mezzo per tenersi in contatto e comunicare. Proprio un anno fa annunciavo l’apertura del corso online UMANO DIGITALE, che ci avrebbe portati a riconoscere, con l’aiuto di tanti esperti, che la nostra umanità è legata soprattutto alla capacità di comunicare. Le nostre capacità di astrazione e di rappresentazione simbolica ci hanno consentito, nel corso dei millenni, di sviluppare il linguaggio, la scrittura, i sistemi di numerazione, la stampa e, oggi, quelle che chiamiamo tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Sono tutte tecnologie digitali, che hanno sempre richiesto agli individui uno sforzo di adattamento, ripagato dalla possibilità di custodire, trasmettere, condividere ed espandere la cultura e il senso stesso di umanità.

WHITEPAPER
Sicurezza garantita per le tue applicazioni: ecco i 5 passaggi chiave da rispettare
Sicurezza
Software

Prima che il COVID-19 assorbisse tutta la nostra capacità di interesse mediatico, si parlava di trasformazione digitale. Nella scuola questa trasformazione era in atto. Troppo velocemente, secondo alcuni, troppo lentamente, secondo altri; opportunamente, secondo alcuni, inopportunamente, secondo altri. Sicuramente a macchia di leopardo e nel rispetto dell’autonomia e della libertà di insegnamento. Oggi il senso di quella trasformazione è espresso da uno degli incisi del Decreto: “…ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza.” Già, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, che fino a ieri minacciavano di trasportarci in luoghi virtuali alieni all’umanità, oggi sono quelle che consentono di fare Scuola mettendo al centro le persone, in un momento in cui le scuole non sono più edifici.

La chiusura delle scuole, misura della gravità della situazione

Sono padre di due ragazze con scuole e università chiuse e riconosco quanto sia importante per loro il contatto con i propri insegnanti. Sono un professore universitario con l’università chiusa e provo sollievo a sapere di poter fare didattica a distanza, nel pieno rispetto degli orari di lezione programmati, grazie alle piattaforme didattiche che abbiamo adottato da anni. Sono in contatto con migliaia di insegnanti e vedo quello che stanno facendo per raggiungere virtualmente i propri alunni, senza far caso agli orari, ai contratti, agli incentivi o alle rivendicazioni sindacali.

Nell’attesa che le scuole e le università tornino ad essere anche luoghi fisici in cui incontrarsi quotidianamente e stringersi la mano, ho due considerazioni da fare.

La prima è che la sospensione delle attività scolastiche e formative in presenza è una misura talmente grave che ci impone di guardare con altrettanta serietà tutte le misure disposte dallo stesso Decreto. Non dobbiamo sentirci ridicoli se ci teniamo a distanza da chi incontriamo per strada e non dobbiamo cedere alla tentazione di minimizzare le precauzioni che siamo chiamati a adottare in questo periodo, per noi e per gli altri. Tanto più riteniamo grave la chiusura delle scuole, tanto più dobbiamo osservare le regole a corredo, perché la loro trasgressione rischia di vanificare il sacrificio enorme della sospensione didattica e formativa esponendoci al rischio di una pandemia.

Il valore insostituibile degli insegnanti

La seconda è che la buona scuola la fanno i buoni insegnanti, coadiuvati da buoni dirigenti scolastici. Se in tempi di pace ci potevamo permettere di disquisire sull’uso dei dispositivi elettronici in aula, in tempo di guerra contro Covid-19 dobbiamo prendere atto del fatto che le tecnologie digitali stanno consentendo a tanti insegnanti di fare la differenza, facendo scuola malgrado tutto. Provo profonda ammirazione e gratitudine nei confronti di quei dirigenti e di quegli insegnanti che sono arrivati preparati a questo inatteso appuntamento con la storia, a forza di corsi di formazione, riunioni, progetti, condivisioni, battaglie e notti insonni. Ma provo ancora più ammirazione e gratitudine nei confronti dei tanti che oggi si riconoscono impreparati e si mettono in gioco con ogni mezzo per far fronte all’emergenza. Gli uni e gli altri stanno dando ai propri alunni una straordinaria lezione di cittadinanza e senso civico.

La drammatica situazione che stiamo vivendo a livello planetario rende evidenti le potenzialità dell’applicazione delle tecnologie digitali alla didattica. Ma ancora più evidente in questa situazione è la centralità del ruolo sociale degli insegnanti, ai quali le tecnologie si limitano ad offrire gli strumenti necessari ad essere in prima linea, al fianco dei propri alunni e delle loro famiglie.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4