Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'idea

Ma quale coding, a scuola serve la vera informatica: per innovare il Paese

Capire, partecipare, influenzare, contribuire allo sviluppo democratico della società: tutto questo si può fare solo con una seria istruzione informatica. Ecco perché è sbagliato limitarsi al coding. E perché è essenziale che il nuovo Governo comprenda l’importanza di insegnare informatica fin dalla prima elementare

21 Set 2018

Enrico Nardelli

dip. di Matematica, Università di Roma "Tor Vergata"


La Scuola italiana non ha bisogno solo di coding, ma di un serio insegnamento dell’informatica fin dalle elementari.

Eppure il coding è stato spacciato, insieme a dispositivi e connettività, come tutto ciò che serve per modernizzare la Scuola.

Certamente le infrastrutture, cioè laboratori con computer funzionanti e reti veloci, sono indispensabili. Ma poi non è sufficiente aggiungere “insegneremo il coding agli studenti perché è il nuovo inglese di cui tutti hanno bisogno”: un’affermazione di questo tipo costituisce un duplice errore.

Il primo è parlare di insegnamento del coding (cioè della “programmazione informatica”) invece che di insegnamento dell’informatica. È un errore analogo a quello di chi confonde le tabelline con l’insegnamento della Matematica. La tavola pitagorica è uno strumento operativo attraverso il quale si acquisisce il senso delle operazioni aritmetiche, che forniscono una chiave concettuale per la comprensione quantitativa del mondo. E la disciplina che viene insegnata nella scuola è la Matematica, di cui l’aritmetica rappresenta solo una delle aree.

Il secondo è che l’informatica non è un linguaggio in senso stretto. Si potrebbe dire che lo è nel modo figurato in cui Galileo disse che “l’universo è scritto in lingua matematica”. Però paragonarla all’inglese vuol dire creare incomprensioni concettuali profonde. Vediamo perché.

Prima di tutto, i linguaggi con cui si scrivono i programmi informatici, che sono le istruzioni che i computer eseguono, sono cosa ben diversa dai linguaggi naturali. I linguaggi di programmazione non hanno né la flessibilità né l’infinita varietà di rimandi alla vita presenti nella lingua parlata. Usare lo stesso vocabolo è come confondere un manichino con una persona in carne ed ossa.

Inoltre, usare il termine “linguaggio” significa trascurare la natura di disciplina scientifica autonoma che l’informatica ha acquisito ormai da diversi decenni, con concetti profondi e ramificati, che ne fanno parlare come di un quarto grande dominio della conoscenza scientifica, dopo quelli della materia non vivente, di quella vivente, dell’uomo e della società.

Infine, il parlare di “nuovo inglese” riduce l’informatica ad un semplice strumento che richiede altre competenze per apportare un qualche vantaggio. È chiaro a tutti che non basta sapere l’inglese per essere un imprenditore di successo, né per diventare scrittori bravi come Hemingway.

Cosa significa, davvero, imparare l’informatica

Imparare l’informatica è quindi significativamente di più che imparare a programmare. Significa, ad esempio, capire come funziona Internet e cosa vuole dire una computazione distribuita. O ancora, comprendere come analizzare i dati e le loro relazioni, immediate e derivate, ma anche conoscere le conseguenze di queste analisi sulla persona e per la società. Tutto questo dovrebbe far parte del bagaglio culturale di ogni studente, anche se da grande non scriverà una sola riga di codice informatico, perché sarà comunque immerso in un mondo sempre più digitale. Notiamo inoltre, en passant, che vi sono primi risultati sperimentali sul fatto che lo studio dell’informatica nella scuola contribuisce a migliorare i risultati anche in altre materie.

Per questo è necessario l’inserimento di una seria istruzione informatica che permetta alla scuola italiana di adeguare la sua azione formativa alla società digitale. In proposito il CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica) aveva presentato già diversi mesi fa al MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) una proposta articolata per inserire l’insegnamento dell’informatica nella scuola a partire dalla primaria, sviluppata dalla comunità dei docenti universitari di informatica, in collaborazione con pedagogisti ed insegnanti di scuola.

Nel frattempo vi sono stati significativi cambiamenti politici nel Paese: la speranza è che il nuovo “governo del cambiamento e della rete” capisca l’importanza di formare adeguatamente gli studenti ad essere cittadini digitali. Imparare l’informatica è necessario per capire, partecipare, influenzare e contribuire allo sviluppo democratico della società. È necessario per essere creatori e non spettatori del proprio futuro.

Si tratta di una sfida educativa epocale, che può essere vinta solo con il contributo ed il dialogo di tutti gli attori interessati e che permetterebbe inoltre di creare in Italia concrete opportunità di crescita economica. Non solo perché il settore informatico, chiamato computing negli USA, in quella nazione è già dal 2016 il primo per numero di nuovi occupati (vedi figura) e dal 2017 ha superato le richieste di lavoratori dell’area manifatturiera.

Figura estratta dal link sopra riportato

Educare all’uso “sapiente” dell’informatica

Ma anche perché l’uso “sapiente” dell’informatica, che non sia cioè l’acquisto di soluzioni chiavi in mano (che spesso funzionano male e richiedono continui adattamenti) e l’affidarsi a fornitori esterni (generalmente in ritardo e che sforano i preventivi), può dare al nostro sistema produttivo una marcia in più.

La produzione italiana è nella maggior parte dei settori caratterizzata da una combinazione unica di qualità e flessibilità. In molti campi siamo i migliori perché riusciamo a seguire da vicino il mutare delle esigenze del mercato mantenendo uno standard qualitativo sempre molto elevato. Per continuare ad eccellere in tal modo è ormai necessario introdurre questo uso, che ho chiamato sapiente, dell’informatica nei processi produttivi. Ciò è possibile solo se le nostre università produrranno un numero sufficiente di laureati e laureate, riducendo così anche la differenza di genere che in questo settore è elevata.

Tutto questo non sarà possibile senza un’adeguata conoscenza, sviluppata sin dai banchi della prima elementare, di cosa sia l’informatica e della sua “grande bellezza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2