Open Data della Scuola

Scuola italiana: habemus open data, ecco perché è un giorno importante

E’ stato finalmente lanciato il Portale unico dei dati della scuola. E’ rivolto a tutti quelli – PA, famiglie, personale della scuola, alunni, esperti informatici, esperti amministrativi, giornalisti, cittadini – che vogliano conoscere il mondo della scuola italiana,

13 Mar 2017
scuola-140622150546

Per chi vive il mondo della scuola, ragiona in termini di “openness”, trasparenza, e magari lavora o – perché no – gioca con gli open data, il gran giorno è arrivato… è stato finalmente lanciato il Portale unico dei dati della scuola, già previsto dal comma 136 della Legge 107 del 2015, la Buona Scuola, che lo istituiva formalmente.

Fu una delle cose che personalmente mi colpì in maniera positiva, e ne scrissi nell’ormai lontano marzo 2015 in un articolo nel quale tentai di mettere in evidenza proprio gli aspetti più innovativi nella tanto vituperata L. 107/2015.

Come specificato sul portale stesso “è lo strumento che il Miur mette a disposizione dei cittadini per dare concreta attuazione al principio della trasparenza, garantendo così un accesso libero alle informazioni e ai dati della scuola senza autenticazione o identificazione, così come previsto dalla normativa vigente”.

Cosa contiene

Il portale ha ambizioni davvero grandi, oltre a semplificare, vuole garantire stabilmente l’accesso e la riutilizzabilità dei dati pubblici del sistema nazionale di istruzione e formazione e pubblicherà in formato aperto i dati relativi a:

  • bilanci delle scuole;
  • dati pubblici sul sistema nazionale di valutazione;
  • anagrafe dell’edilizia scolastica;
  • dati in forma aggregata dell’anagrafe degli studenti;
  • provvedimenti di incarico di docenza;
  • piani dell’offerta formativa, compresi quelli delle scuole paritarie del sistema nazionale di istruzione;
  • dati dell’osservatorio tecnologico;
  • materiali didattici e le opere autoprodotti dagli istituti scolastici e rilasciati in formato aperto.

Ci saranno anche i documenti, i dati e le informazioni utili a valutare l’avanzamento didattico, tecnologico e d’innovazione del sistema scolastico, la normativa, gli atti e le circolari adottate dal Ministero e infine, in accordo con il Garante per la protezione dei dati personali, anche i dati del curriculum dello studente e del curriculum del docente.

Tre sono le sezioni principali che caratterizzano il portale: “Open Data”, “Esplora i dati” e “Documentale”.

“Open Data” è lo spazio dedicato agli utenti esperti, interessati non solo a leggere ed elaborare i dati ma anche a creare nuove risorse, applicazioni, programmi e servizi di pubblica utilità. Ci sono i dati in formato open (data set), i metadati e per gli sviluppatori anche le API. È disponibile inoltre una sotto sezione SPARQL[1] (quindi Linked Open Data) per l’interrogazione dei database on-line.

“Esplora i dati” è l’area dedicata alla navigazione grafica dei dati: istogrammi, diagrammi, grafici a barre e tabelle, caratterizzano questo spazio. Chiunque può analizzare i dati in un layout grafico semplice personalizzando la ricerca in base alle proprie esigenze.

Infine c’è “Documentale” che ospiterà una serie di informazioni e documenti di vario genere: dalla normativa ai materiali didattici, al PTOF, agli incarichi di docenza e persino ai CV dei docenti e studenti. Una chiave di ricerca personalizzata consente di arrivare alle informazioni con pochi clic.

A chi si rivolge

Il portale unico dei dati della scuola è rivolto a tutti: amministrazioni pubbliche, famiglie, personale della scuola, alunni, esperti informatici, esperti amministrativi, giornalisti, cittadini… chiunque sia interessato e voglia conoscere il mondo della scuola italiana, fare analisi e sviluppare applicazioni di utilità.

Promuovere la trasparenza significa attivare un nuovo tipo di controllo sociale e favorire la partecipazione e collaborazione dei cittadini.

Ecco perché uno spazio aperto utile sia per condividere il patrimonio informativo sia per ricevere feedback. Le segnalazioni sono un canale importante per implementare nuove aree e nuovi dati di dettaglio sull’intero sistema istruzione.

Vista la complessità, la numerosità delle informazioni, nonché l’evoluzione dell’intero sistema scuola, il portale avrà aggiornamenti continui e ospiterà nuove aree rispetto a quelle che sono ora pubblicate, organizzando i contenuti sempre più ricchi nella maniera più semplice e congeniale per l’utente.

Politiche di riuso dei dati

I dataset pubblicati sul Portale sono resi disponibili in modalità aperta, secondo i termini della licenza IODL 2.0[2], per la loro piena valorizzazione e riuso anche per fini commerciali, purché ne venga citata la fonte. A questo scopo, per ampliare l’impatto della pubblicazione dei propri dataset, e per offrire strumenti adeguati, i successivi rilasci del portale saranno accompagnati da protocolli e politiche d’uso (riferimento al rapporto Big Data del MIUR[3]) che rispondano alle esigenze particolari del sistema educativo, della ricerca e in generale della società dell’informazione.

In particolare studenti/studentesse, ricercatori e sviluppatori avranno la possibilità di disporre di ambienti dedicati, eventualmente attraverso protocolli preferenziali, per l’auto-formazione e per le analisi dei dati.

Una valutazione a caldo

Provo ora a dare un parere dal punto di vista dell’opendataro di vecchio corso, perché dietro la moda degli open data esplosa da qualche anno a questa parte tra le amministrazioni pubbliche spesso si nascondono scatole vuote.

Un giro nel portale fatto in maniera abbastanza approfondita mi ha invece lasciato impressioni piuttosto positive.

La sezione “Open Data”

La sezione Open Data è suddivisa in 2 aree:

Riguardo quest’ultimo non mi azzardo in valutazioni che lascerebbero il tempo che trovano, perché si tratta di uno strumento pensato per chi lavora con gli open data in maniera spinta, come sviluppatori di applicazioni e di database, poiché consente l’interrogazione diretta della base di dati via web. Lascerei dunque eventuali considerazioni a chi ne sa più di me.

Per quanto concerne il catalogo invece, una comoda e funzionale barra di ricerca, sempre presente sulla testata della sezione “open-data”, facilita la ricerca dei singoli dataset mediante semplici parole chiave.

Il catalogo è suddiviso in 5 aree tematiche:

  • Scuole
  • Studenti
  • Personale scuola
  • Sistema nazionale di valutazione
  • Edilizia scolastica

Con un po’ di scraping web sono riuscito a tirare fuori un elenco dei dataset per ogni area tematica, che rimarrà aggiornato automaticamente man mano che verranno aggiunti ulteriori dati dal MIUR.

I dataset sono tutti relativi agli Anni Scolastici 2015/16 e 2016/17:

  • Scuole – L’area contiene 8 dataset con le anagrafiche delle singole scuole statali e paritarie.
  • Studenti – Ricca area con 20 dataset relativi agli studenti iscritti e alle classi suddivisi per tipo di scuola, genere (femminile, maschile) e nazionalità. La granularità geografica è a livello provinciale.
  • Personale scuola – Presenta 8 dataset relativi a docenti e personale ATA titolare e supplente per grado di istruzione, tipo posto, genere e fascia di età.
  • Sistema nazionale di valutazione – Autovalutazione e rubriche di valutazione delle scuole statali e paritarie sezioni Esiti e Processi organizzate in 5 dataset.
  • Edilizia scolastica – I 6 dataset riguardano l’ubicazione e alcune informazioni molto interessanti sugli edifici scolastici statali, come la loro origine ed età, superfici e volumi, la presenza di strutture annesse (es. palestre, mense), la raggiungibilità con mezzi pubblici, scuolabus, la presenza di vincoli (sismico, idrogeologico).

Ogni singolo dataset è disponibile per il download nei principali formati aperti, ovvero CSV, JSON, RDF e XML consentendo ogni possibilità di riuso per elaborazione dati e sviluppo di applicazioni. Una scheda di approfondimento descrive con grande dettaglio le metainformazioni dei dataset, dalla copertura temporale a quella geografica, i tempi di aggiornamento, le parole chiave associate. Il tracciato record, anch’esso scaricabile, completa i metadati con la descrizione dei campi che li costituiscono.

La sezione “Esplora i dati”

In questa sezione è disponibile un cruscotto dinamico che agevola la consultazione dei dati relativi alle scuole e agli studenti mediante delle rappresentazioni grafiche facili da navigare e personalizzare grazie a una serie di filtri a faccette[4].

Con pochi click gli utenti meno esperti possono visualizzare i dati con grafici a torta e mappe a livello provinciale e regionale, scaricabili anche in formato Excel e PDF per poterli utilizzare direttamente in documenti di testo o siti web.

La sezione “Documentale”

In questa sezione è disponibile la normativa pubblicata e nel tempo troveranno collocazione ulteriori documenti ed informazioni, da materiali didattici ai CV dei docenti. Attualmente punta alla sezione del sito web MIUR relativa alla normativa pubblicata mensilmente.

Conclusioni e prospettive

Dal mio punto di vista, il Portale unico dei dati della scuola è davvero ben fatto. Semplice e chiaro nell’interfaccia, ricco nei dati, completo nei metadati, si meriterebbe senza dubbio cinque stelle nella classificazione degli open data di Tim Berners-Lee[5] grazie all’endpoint SPARQL, che però non ho avuto modo di testare.

Il MIUR è stato uno dei primi ministeri ad essersi dotato di un sistema informatico per la gestione dei dati relativi a oltre un milione di insegnanti, milioni di studenti e migliaia di edifici scolastici. Il rilascio degli stessi in maniera aperta e libera attraverso un portale dedicato è stato un atto naturale e dovuto, peraltro pienamente riuscito.

Con i dati aperti e liberi rilasciati attraverso il portale sarà possibile per gli stessi studenti e i cittadini, i ricercatori, effettuare analisi di dati per studiare e se possibile migliorare il sistema scolastico italiano. Sarà possibile per gli amministratori pubblici e i professionisti pianificare meglio gli interventi sul territorio, ad esempio per mettere in sicurezza le scuole. Gli sviluppatori potranno creare applicazioni nei settori del trasporto, dei servizi alle scuole, utili agli studenti, ai docenti e alle famiglie.

Insomma, il portale è un piccolo passo per il MIUR, ma un grande passo verso mille opportunità per i cittadini, le famiglie e le imprese

[1] “SPARQL – Wikipedia.” https://it.wikipedia.org/wiki/SPARQL. Ultimo accesso: 9 mar. 2017.

[2] “Italian Open Data License – Wikipedia.” https://it.wikipedia.org/wiki/Italian_Open_Data_License.

[3] “Rapporto Big Data” – MIUR http://www.istruzione.it/allegati/2016/bigdata.pdf.

[4] “Faceted search – Wikipedia.” https://en.wikipedia.org/wiki/Faceted_search. Ultimo accesso: 9 mar. 2017.

[5] “5-star Open Data.” http://5stardata.info/. Ultimo accesso: 9 mar. 2017.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati