orientamento al lavoro

Stage in azienda: la selezione parte dalla la scuola

Solo un efficace processo di orientamento al lavoro può produrre, tramite un’occupazione attiva, inclusione sociale e crescita economica. Cos’è in concreto l’ex alternanza scuola-lavoro e gli obblighi in merito alla salute e sicurezza sul lavoro per la scuola, per il soggetto ospitante e per l’alunno

Pubblicato il 28 Dic 2022

Rossella Rizzatto

Dirigente Scolastico Liceo Artistico "G. Sello" di Udine Coordinatore I.T.S. Academy Istituto Tecnico Superiore Legno e Arredo navale e nautico - Sostenibilità del prodotto, eco design di Udine

pcto

La metodologia didattica dei “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento” (PCTO) è stata riconosciuta dagli studenti come utilissima per avvicinare il mondo dell’istruzione al mondo delle imprese, per diffondere la cultura del lavoro, per favorire lo scambio di informazioni ed esperienze necessarie agli studenti futuri lavoratori e alle aziende.

Ogni scuola ha inserito, pertanto, nel proprio Piano Triennale dell’Offerta Formativa la possibilità per gli studenti del proprio istituto di aderire ai percorsi di ex Alternanza Scuola – Lavoro coinvolgendo, quali soggetti ospitanti, le realtà produttive, gli enti, le istituzioni e il terzo settore, valorizzando le attività attraverso il supporto che ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro) propone ad ogni realtà scolastica al fine di ottenere una più efficace integrazione fra la scuola e il tessuto produttivo locale, finalizzata al reperimento di aziende idonee e possibilmente complementari ai percorsi di studio personalizzati.

Quali competenze per il lavoro: cosa cercano le aziende e cosa deve fare la scuola

Cos’è in concreto l’Alternanza Scuola Lavoro (PCTO)

I percorsi in Alternanza Scuola Lavoro di cui al Decreto Legislativo del 15 aprile 2005, n. 77 sono ridenominati “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento” e, a decorrere dall’anno scolastico 2018/2019, con effetti dall’esercizio finanziario 2019 (L. 30.12.2018, n.145) sono attuati per una durata complessiva:

WHITEPAPER
Digital Marketing B2B: guida pratica per creare un piano di successo nel 2023
Istruzione
Trade
  • non inferiore a n. 210 ore nel triennio terminale del percorso di studi degli Istituti Professionali;
  • non inferiore a n. 150 ore nel secondo biennio e nell’ultimo anno del percorso di studi degli Istituti Tecnici;
  • Non inferiore a n. 90 ore nel secondo biennio e nel quinto anno dei Licei

(DD.PP.RR. del 15 marzo 2010, n. 87, 88, 89)

È con la riforma ordinamentale nazionale definita dalla Legge n. 107/2015 che l’ex l’Alternanza Scuola Lavoro ha assunto connotazioni di obbligatorietà allo scopo di “incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti” (comma 33) e viene definita come monte ore, differenziato a seconda degli indirizzi tecnici o liceali e come collocazione temporale nell’arco del secondo biennio e del monoennio terminale. L’attività̀, ope legis, è dunque rivolta alle studentesse e agli studenti delle classi terze, quarte e quinte di tutte le scuole secondarie di secondo grado del territorio nazionale.

Sempre in base alla stessa L. n. 107/2015 – commi da 33 a 43 – l’Alternanza Scuola Lavoro (PCTO) rappresenta una metodologia didattica che costituisce parte integrante dell’intero curriculum dello studente e, come tale, viene valutata a tutti gli effetti. In genere, le esperienze formative vissute in un’impresa o in un’organizzazione professionale costituiscono patrimonio diffuso fra gli studenti, soprattutto dei corsi serali, sia come esperienza pregressa, anche se discontinua e articolata, sia quale attività continuativa e contemporanea con i percorsi di studio intrapresi.

In virtù di ciò le scuole sono chiamate ad adottare modalità di riconoscimento di quanto già svolto, in termini di impegno e di acquisizione di competenza, in modo da incrementare il più possibile l’aspetto dell’auto riflessione e, nel contempo, i benefici formativi che derivano dall’interdipendenza dei saperi e dall’interdisciplinarità nella lettura dei contesti, non solo lavorativi, in cui il corsista agisce. In estrema sintesi, vanno riconosciuti e valorizzati il patrimonio culturale e quello esperienziale personale che si sono consolidati e maturati nel tempo. Si tratta quindi di un ciclo di esperienze che, per le scuole e per tutte le componenti scolastiche, è stato di forte impegno e partecipazione, di sperimentazione e di innovazione didattica.

Sulla base di ciò che è stato proposto dalle scuole, gli studenti e le loro famiglie assieme ai docenti, hanno sviluppato convinzioni e posizioni critiche che risultano senz’altro utili per orientare le scelte future e che hanno generato il dibattito attorno alla modalità di potenziamento dell’offerta formativa, dei saperi e delle competenze e che, fondamentalmente, hanno spinto le studentesse e gli studenti, con i loro genitori, all’apertura della comunità scolastica alle realtà dei territori.

Gli obblighi in fatto di salute e sicurezza

Le esperienze di scuola-lavoro sono soggette all’applicazione del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche in merito alla salute e sicurezza sul lavoro che generano obblighi per la scuola, per il soggetto ospitante e per l’alunno, in quanto dalla definizione fornita dall’articolo 2, comma 1, lett. a) della norma si evince che al lavoratore è equiparato, ai fini dell’applicazione della normativa in materia, anche “chi svolge attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere nonché il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all’articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, e di cui a specifiche disposizioni delle leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro”.

Conseguentemente, nell’ipotesi in cui presso un’azienda o una qualsiasi realtà ospitante siano presenti soggetti che svolgano stage o tirocini formativi, il datore di lavoro è tenuto ad osservare tutti gli obblighi previsti dal Testo Unico al fine di garantire la salute e la sicurezza degli stessi e, quindi, adempiere agli obblighi formativi connessi alla specifica attività svolta.

La consapevolezza della complessità organizzativa delle attività di scuola-lavoro, da un lato, e la valorizzazione delle attese degli studenti e delle loro famiglie dall’altro, pongono alla scuola l’obbligo di una riflessione, al di là della sollecitazione temporale di attuazione delle attività, sulla stesura del Progetto Formativo e sui criteri e condizioni inderogabili da inserire nella Convenzione tra l’istituzione scolastica e il soggetto ospitante.

Il ruolo della scuola nel processo del controllo della tutela della salute e sicurezza

Alla luce delle recenti tragiche notizie riportate dalla stampa nazionale che hanno coinvolto i ragazzi durante le attività di PCTO, risulta indispensabile che il processo del controllo della tutela della salute e sicurezza della studentessa e dello studente in attività di stage prenda avvio dalla scuola, la quale ha sì il compito di progettare, attuare e valutare i progetti di PCTO e di seguire l’attività formativa attraverso l’individuazione del tutor che vi collabora assieme al responsabile aziendale, ma soprattutto, di verificare che l’alunno al momento dell’avvio dello stage, sia assicurato con i criteri della gestione statale, che il livello di sicurezza equivalga a quello del lavoratore anche attraverso una preliminare valutazione dei rischi, che tenga in particolare considerazione l’età, dunque la maturità, dello studente.

È importante che si comprenda la necessità di inserire nel Documento di valutazione dei rischi un’apposita sezione dedicata agli studenti tirocinanti, anche in considerazione del fatto che, durante tutto il periodo di stage, lo studente minorenne è di fatto sottratto alla vigilanza della scuola ed è affidato a quella dell’azienda che nei suoi confronti esercita la responsabilità di cui all’art. 2048 del Codice Civile. Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) redatto dal soggetto ospitante secondo le forme e le modalità previste per legge, per quanto di esso è rivolto allo studente in attività di scuola-lavoro, risulta essere il focus della sezione sicurezza del Patto formativo richiamato dalla Convenzione tra la scuola e l’azienda, la quale ultima, ha anche l’obbligo di garantire l’attuazione delle misure di prevenzione individuate e di analizzare i luoghi e le mansioni che vedranno coinvolto lo studente allo scopo di decidere, sulla necessità o meno, di attivare la sorveglianza sanitaria.

Conclusioni

Detto ciò, nessun dubbio sussiste circa la validità dell’esperienza delle attività di stage per l’orientamento delle scelte del domani delle studentesse e degli studenti perché, in un mondo in rapida evoluzione, tutte le scuole sono chiamate a svolgere un ruolo chiave per l’acquisizione di capacità e competenze utili a cogliere le opportunità che si presentano sia in previsione dei cambiamenti della società che del mondo del lavoro di domani e perché solo un efficace processo di orientamento al lavoro può produrre, tramite un’occupazione attiva, inclusione sociale e crescita economica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4