bambini e tecnologia

Tecnologie all’asilo: coding e robotica per un approccio critico e attivo

Bambini sempre più piccoli passano sempre più tempo con device tecnologici, ma lo fanno in modo non creativo né costruttivo. E’ possibile però cambiare approccio, proponendo ai bambini contesti in cui relazionarsi alle tecnologie in maniera complessa. Il percorso di coding e robotica educativa sperimentato a Lecce

26 Apr 2019
Iliana Morelli

fondatrice e responsabile delle strategie di Boboto

C:\Users\d.pepe\Desktop\coding_sensi_3.jpg

Il tempo che i bambini, sempre più precocemente, passano utilizzando device tecnologici è un tempo non-costruttivo, non-creativo. E’ un tempo fatto principalmente di attività passive, in cui il bambino non mette in moto il suo potenziale creativo e immaginativo, ma semplicemente risponde a degli input provenienti da uno strumento che qualcun’altro ha pensato per lui.

Occorre invertire la rotta e cambiare, anche fin dalla primissima infanzia – l’approccio con cui si avvicinano i bambini alle nuove tecnologie, anche – ma non solo – per prepararli ai cambiamenti del mondo del lavoro, che richiede competenze sempre più trasversali.

Coding e pensiero computazionale

Con questi obiettivi in mente, nei mesi scorsi la sezione “Montessori” della Scuola d’infanzia “Cappuccetto Rosso” di Lecce, gestita dalla ORSA Coop. Soc., insieme a tutte le altre del nostro Comune, ha partecipato ad un programma di formazione su “Coding e pensiero computazionale” organizzato dal Comune di Lecce in forma gratuita, per tutte le scuole comunali della città.

WHITEPAPER
Cognitive Experience Center: ecco l'AI che può davvero supportare i tuoi operatori!
Intelligenza Artificiale
Networking

Un’iniziativa non solo innovativa, ma che dimostra la vicinanza di un’Istituzione alle tematiche più ‘calde’ del giorno d’oggi: “L’innovazione tecnologica come si inserisce in maniera costruttiva e creativa nel processo educativo dei nuovi piccoli cittadini?”. I bambini di oggi stanno crescendo in un mondo sempre più pervaso dalla tecnologia e il dibattito su “bambini e nuove tecnologie” continua ad essere sempre più estremizzato tra favorevoli e proibizionisti.

Questo percorso di formazione è stato affidato, tramite bando pubblico, nelle mani di Boboto, Società B Corp leccese, che da sempre è promotrice di attività nel campo educativo, dell’inclusione e dell’innovazione sociale.

Dopo aver partecipato a questa formazione, la scuola ha deciso di intraprendere, con Boboto, un percorso di coding e robotica educativa all’interno dell’orario curriculare.

Un’obiezione potrebbe sicuramente essere: qual è la necessità di avvicinare i bambini ad attività con strumenti tecnologici innovativi, non sono ancora troppo piccoli? La risposta, purtroppo, è no. Le statistiche ci parlano costantemente di bambini, sempre più piccoli, che passano diverse ore al giorno sui nuovi dispositivi tecnologici. E i numeri continuano ad essere in crescita.

Quattro domande per una grande sfida

Ci troviamo, quindi, di fronte ad una grande sfida, che può essere riassunta in quattro domande davvero impegnative:

  • Come possiamo approcciare e approcciarci alle tecnologie in modo che costituiscano l’occasione per innovare la qualità culturale e sociale dei processi di apprendimento di adulti e bambini?
  • Come si modifica il modo in cui ci relazioniamo con il mondo, cioè le modalità con cui apprendiamo, e come tutto questo influenza le nostre esperienze educative?
  • Come possiamo approcciare e approcciarci alle tecnologie in modo che costituiscano l’occasione per innovare la qualità culturale e sociale dei processi di apprendimento di adulti e bambini?
  • In che modo il digitale entra a far parte di atti conoscitivi complessi e condivisi, e come possiamo far sì che in questi rimangano connessi tra loro elementi di autonomia, responsabilità e libertà?”[1]

Secondo un report del World Economic Forum del 2018, il futuro del lavoro cambierà moltissimo, poiché l’automazione e l’Intelligenza Artificiale renderanno obsoleti molti lavori manuali e ripetitivi. Ai bambini, oggi, dovrebbero essere insegnate “competenze trasversali” come il pensiero indipendente, i valori e il lavoro di squadra. Pertanto, il panorama del mondo del lavoro sarà determinato soprattutto dalla capacità di evolversi dell’educazione che si svolgerà all’interno delle aule scolastiche.

Le competenze richieste del prossimo futuro, le cosiddette “soft skills”, vedono ai primi tre posti: la capacità di problem solving, il pensiero critico e indipendente, la creatività.

C:\Users\d.pepe\Desktop\coding_sensi_4.jpg

Ma può essere solo il cambiamento delle competenze del lavoro richieste a spingere l’educazione all’approccio dei bambini ai nuovi strumenti tecnologici? No, non può essere solo questo.

Bambini e tecnologie, come cambiare approccio con coding e robotica

I bambini percepiscono il loro ambiente non come noi adulti, che siamo capaci di distinguere il mondo della nostra infanzia da quello attuale, molto più digitale. I bambini non considerano il digitale come qualcosa di distaccato dal loro ambiente, ma lo percepiscono come parte di questo, anzi, permeato dal digitale come dall’analogico, dove è presente uno smartphone, ma anche una penna, come due realtà assolutamente interconnesse tra loro.

Per provare, quindi, a dare delle risposte alle nostre domande iniziali, è necessario proporre ai bambini, contesti in cui possano “relazionarsi agli strumenti tecnologici in maniera complessa, condividendo ipotesi di ricerca, elaborazioni, costruzioni comuni e dando vita a un ambiente nel quale possano generarsi importanti processi relazionali, cognitivi ed emotivi sempre sostenuti dall’adulto”[2].

Bisogna “evitare una pratica della tecnologia anestetica e funzionalista, rendendone invece visibili le potenzialità ecologiche e generative: gli strumenti si sono mescolati ad altri linguaggi, caratterizzandosi come elementi che contribuiscono alla connessione e alla creazione di nuovi saperi[3].

Come si può, quindi, proporre ai bambini una diversa relazione con i nuovi strumenti tecnologici per far sì che la loro attività non sia più passiva, ma attiva e creativa?

La creazione del laboratorio di coding e robotica educativa ha avuto come punto di partenza il confronto tra Boboto e le educatrici della scuola, per poter sviluppare un’attività trasversale a più ambiti d’apprendimento e che supportasse il lavoro che i bambini già svolgevano in classe. Questo perché non è possibile pensare di svolgere una medesima attività, con i medesimi criteri, in classi diverse: cambiano i contesti, i vissuti, le competenze, e ogni cosa va ripensata sul gruppo di bambini che ci troviamo davanti.

Boboto ha due main projects molto interessanti, entrambi legati al processo di innovazione tecnologica ma con un forte legame nella pedagogia del passato, la quale ritrova grandi riconoscimenti nelle ricerche neuroscientifiche più all’avanguardia:
  • Il primo main project è Montessori 3D, il cui obiettivo è rendere accessibile ai più la pedagogia Montessori, attraverso lo sviluppo e la produzione di materiali montessoriani artigianali, con l’utilizzo delle nuove tecnologie, per ridurne i costi.
  • Il secondo è il progetto di Coding & Cittadinanza digitale, che mira a rafforzare il pensiero computazionale nei bambini, attraverso laboratori che promuovono l’uso attivo della tecnologia, sviluppando competenze e abilità, nei nuovi media, che siano radicate nei valori umani di rispetto, empatia e prudenza.

La conoscenza dei cinque sensi

Il principio su cui si basano principalmente questo tipo di attività di Boboto, per la scuola dell’infanzia, è cercare di utilizzare i nuovi strumenti anche per concretizzare concetti astratti del sapere e quindi difficilmente comprensibili per bambini in una fascia d’età dove il pensiero astrattivo non è ancora presente.

Il percorso sviluppato ha visto come tema principale la conoscenza dei 5 sensi, ma non semplicemente riguardo a cosa sono i cinque sensi, ma piuttosto la possibilità di prendere consapevolezza di un percorso che accade nel nostro corpo in grado di mettere in comunicazione ciò che vediamo, con ciò che non vediamo (esempio: stimolo tatto – mano visibile/emisfero celebrale non visibile).

C:\Users\d.pepe\Desktop\coding_sensi_1.jpg

L’attività prevedeva una prima parte in cui i bambini, attraverso la manipolazione del materiale Montessori, stimolavano i loro sensi. E poi le domande: “ma dove vanno a finire queste nostre sensazioni? E come è possibile che riusciamo a distinguere il freddo dal caldo? Il blu dal rosso? Il leggero e il pesante?”.

Coding e robotica per il problem solving e la risoluzione creativa dei problemi

A questo punto si è inserita l’attività di coding e robotica. Abbiamo preparato un’installazione a terra con una grande rappresentazione di un volto dove era possibile distinguere un cranio con dentro un cervello, dove erano segnalate esattamente le parti del cervello dove vengono codificati gli stimoli ricevuti dai nostri sensi.

Ognuna di queste piccole parti celebrali era collegata ad un percorso a scacchiera, nello stesso colore, dove alla fine si trovava l’organo di tatto corrispondente. Lo scopo era quello di guidare un piccolo robot programmabile, attraverso questo percorso ad ostacoli, dall’organo di tatto alla sua parte celebrale corrispondente. L’attività, con la guida dell’adulto che sollecitava alla riflessione sull’agire dei bambini, ha permesso loro, non solo di scoprire in maniera tangibile e giocosa dove vanno a finire le nostre percezioni sensoriali, ma anche di approcciarsi in maniera attiva ad un artefatto tecnologico, capendo che dietro ogni strumento digitale, c’è sempre la mente dell’uomo: è sempre l’uomo che comanda la macchina. La mente immagina, sperimenta e crea un nuovo strumento utile alla vita dell’uomo. L’attività ha permesso ai bambini di attivare un processo di problem solving e risoluzione creativa dei problemi, potenziando il loro pensiero computazionale e, cosa non meno importante, lavorando in gruppo imparando a confrontarsi.

L’attività di coding è la base della programmazione informatica, materia STEAM verso la quale si orienta fortemente il futuro del lavoro, ma che rimarrebbe assolutamente attività sterile, a questa età, se non intrecciata con i gli altri “100 linguaggi” del bambino. Oltretutto, troppo spesso, si ritiene erroneamente che lo sviluppo del pensiero computazionale sia strettamente legato ad uno strumento informatico, quando invece questo è un processo mentale che utilizziamo ogni giorno, senza però rendercene conto. Dovremmo sempre tener presente che lo strumento deve restare tale, e l’impatto negativo che ne può pervenire dal suo utilizzo, non è nello strumento stesso, ma nell’uso che se ne fa. Uno scalpello potrebbe essere un’arma letale, ma allo stesso tempo un oggetto in grado di produrre meravigliose opere d’arte, tutto sta nell’intelligenza e nelle mani di chi lo propone o lo usa.

E’ ormai indispensabile “trovare spazi di elaborazione nella quotidianità didattica, favorendo un approccio critico e attivo. Pur non configurandosi come elementi «insostituibili» alla riflessione comune, i device si sono configurati quali contesti motivanti, favorenti l’emergere di interrogativi e di una dimensione elaborativa di gruppo”.[4]

  1. Alessandra Raffone (2018), “La città educante. Metodologie e tecnologie innovative a servizio delle Smart Communities”, Liguori Editore.
  2. Ibidem
  3. Ibidem
  4. Ibidem.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3