Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

sicurezza

Cyber guerra, ecco gli sforzi per una governance globale

In risposta ai crescenti attacchi informatici tra Stati, negli ultimi decenni sono stati costruiti elementi di governance globale cibernetico, senza però raggiungere alcun accordo generale. Ecco il quadro e le diverse posizioni assunte

01 Feb 2018

Raffaele Marchetti

Luiss


La sicurezza informatica è sempre più una preoccupazione centrale per governi, aziende e privati. È sufficiente ricordare che il 74% delle aziende si aspetta di essere hackerato ogni anno. La perdita economica causata della criminalità informatica è stimata intorno ai 3 trilioni di dollari entro il 2020, $ 400 miliardi all’anno. Ogni anno le aziende pagano in media circa 35.000 $ per i cyber-costi. Ma non stiamo parlando solo dei costi economici. I costi della privacy sono simili: nel 2015 il mondo ha visto una perdita di 700 milioni di record di dati personali. Infine, i costi politici stanno diventando sempre più evidenti. Dal caso americano-israeliano dell’attacco di Stuxnet alle strutture nucleari iraniane all’attuale “Russiagate” negli Stati Uniti, la rilevanza politico-strategica della sicurezza informatica sta generando dure controversie.

Quasi 400 anni fa, la guerra dei trent’anni scosse l’Europa e portò nel 1648 alla creazione di una nuova struttura istituzionale, il mondo westfaliano. Secondo vari commentatori oggi stiamo entrando in un periodo ugualmente instabile. Con l’esaurimento del momento unipolare americano, il passaggio di potere ad oriente e l’affermazione dei BRICS, sembra che il mondo sia destinato ad attraversare un periodo molto difficile. Il record storico della transizione di potere dalle potenze egemoni a quelle revisioniste indica che abbiamo il 75% delle possibilità di finire in un grande conflitto mondiale. Le previsioni future sono desolanti.

LEGGI GLI ATTUALI SCENARI GEOPOLITICI IN CYBERSECURITY

In questo contesto, la trasformazione digitale del mondo fornisce ulteriori elementi di incertezza e preoccupazione. Nel mondo cibernetico assistiamo alla moltiplicazione del potere offensivo nelle mani di pochi paesi tecnologicamente avanzati, in uno stato di crescente rivalità. Molti oggetti attraversano i confini, incluse le azioni digitali, nonostante lo stato cerchi di controllarli. Un tipico fenomeno della nostra epoca è la politica estera informatica per procura. Tutti i principali paesi la fanno, tutti i principali paesi 3101denunciano gli altri di farla. Secondo Cyber Operation Tracker, 16 paesi in oltre 150 casi, dal 2005, hanno utilizzato direttamente o indirettamente le tecniche informatiche per interferire negli affari interni di altri paesi. L’elenco comprende Cina, Francia, India, Iran, Israele, Kazakistan, Corea del Nord, Corea del Sud, Messico, Russia, Spagna, Taiwan, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Stati Uniti e Vietnam. Spionaggio militare e civile, destabilizzazione politica e sabotaggio di infrastrutture critiche stanno diventando pratiche comuni. La controversia riguarda innanzitutto l’attribuzione e di seguito la legittimità del partenariato pubblico-privato con natura offensiva che mira a interferire con gli affari interni di paesi stranieri.

I tentativi di accordi multilaterali

In risposta a questo tipo di incidenti, negli ultimi decenni sono stati costruiti elementi di governance globale cibernetico, senza però raggiungere alcun accordo generale.

A livello multilaterale, sono stati adottati diversi provvedimenti. Nel 1998 la proposta iniziale russa per un trattato di controllo degli armamenti sulle armi informatiche presso l’ONU fu respinta dall’Occidente. Nel 2015, un gruppo di esperti governativi delle Nazioni Unite (GGE) ha proposto una serie di passi “volti a promuovere un ambiente TIC aperto, sicuro, stabile, accessibile e pacifico” (Gruppo di esperti governativi sugli sviluppi nel settore dell’informazione e delle telecomunicazioni a il contesto della sicurezza internazionale). L’UE ha lavorato sulla questione cyber con la direttiva del 2016 sulla sicurezza dei sistemi di rete e di informazione (direttiva NIS). La Shanghai Cooperation Organization ha emanato due diversi codici di condotta. Il Consiglio d’Europa ha approvato la Convenzione di Budapest sulla criminalità informatica. La NATO ha prodotto il Manuale di Tallin per applicare il diritto internazionale al crimine informatico. Il G20 ha affrontato ripetutamente il problema a partire dal 2015. L’OSCE nel 2013 ha emesso la dichiarazione finale di Istanbul e la risoluzione sulla sicurezza informatica.

A livello bilaterale, devono essere registrate altre iniziative significative. Nel 2015, gli Stati Uniti e la Cina hanno concordato un insieme di norme contro il cyberespionage relativo al furto di proprietà intellettuale (che successivamente ha indotto il seguente G20 ad approvarlo). Sempre nel 2015 la Russia e la Cina hanno concordato il protocollo di sicurezza internazionale delle informazioni, cosi come hanno fatto Australia e Paesi Bassi alla conferenza sulla sicurezza informatica di L’Aia.

Inoltre, vi sono forum multistakeholder che stanno producendo interessanti norme. Discussioni sono in corso presso ICANN / IANA e ITU. Rilevante è anche il “quadro volontario” per la sicurezza informatica delle infrastrutture critiche dell’Istituto nazionale degli standard e della tecnologia.

In breve, esiste già un complesso regime di norme: regolamenti nazionali, leggi internazionali, norme professionali, accordi politici e protocolli tecnici. Posizioni chiare e dibattiti aspri stanno tuttavia caratterizzando un tale regime. Gli Stati Uniti, ad esempio, sono particolarmente attivi nella promozione delle norme contro il cyberespionaggio per vantaggi commerciali. Vale la pena notare, per esempio, come le norme stesse siano soggette a cambiamento. Interessante il caso della crittografia: in origine una posizione pro-crittografia era dominante e legata alla sicurezza economica e alla sicurezza nazionale, ma oggi, soprattutto dopo gli attacchi terroristici del 2015, l’approccio della “crittografia come minaccia” sta diventando sempre più diffusa. Allo stesso modo intenso è il dibattito sulla legittimità della sicurezza informatica aggressiva. La guerra aggressiva è considerata illegittima nel diritto internazionale e, di conseguenza, anche la guerra preventiva e preventiva sono considerate illegittime. Ma Stuxnet era legittimo? Un certo numero di membri della NATO in questi giorni propone di considerare il cyber-attacco come legittimo in circostanze specifiche. Il dibattito è più aperto che mai.

Le due visioni contrapposte

Nel dibattito si possono individuare due visioni alternative proposte dal mondo delle aziende tech. Da un lato, la proposta di Dan Smith, presidente di Microsoft, per una Convenzione digitale di Ginevra. D’altra parte, le dichiarazioni di Nathalia Kaspersky, fondatrice di Kaspersky Lab (e ora presidente di Infowatch), per la sovranità informatica.

Smith ha invitato la comunità internazionale ad attuare le regole per proteggere l’uso civile di internet. Come già la Convenzione di Ginevra proteggeva i civili in tempo di guerra, la Convenzione digitale di Ginevra dovrebbe proteggere i civili in tempo di pace. Per le guerre, l’assistenza cruciale è stata fornita dalla Croce Rossa, per il cyber, ci dovrebbe essere l’assistenza attiva delle aziende tecnologiche. Il settore tecnologico opera già oggi come primo soccorso nella misura in cui gli obiettivi dei criminali sono proprietà privata (cavi sottomarini, data center, server, laptop, smartphone). La proposta di Microsoft si concentra su 6 punti: 1) vietare il targeting di aziende tecnologiche, settore privato o infrastrutture critiche; 2) Assistere gli sforzi del settore privato per rilevare, contenere, rispondere e recuperare gli incidenti; 3) Segnalare le vulnerabilità ai fornitori anziché immagazzinarli, venderli o sfruttarli; 4) Esercitare moderazione nello sviluppo di armi cibernetiche e garantire che qualsiasi sviluppo sia limitato, preciso e non riutilizzabile; 5) Impegnarsi nelle attività di non proliferazione delle armi informatiche; e 6) Limitare le operazioni offensive per evitare un evento di massa. In definitiva, ciò comporterebbe la creazione di una nuova istituzione, qualcosa come l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) per affrontare la questione dell’attribuzione pubblica.

La proposta di Nathalia Kaspersky è decisamente diversa ed è incentrata sul valore della sovranità informatica. Dal suo punto di vista, il mondo è diviso in due club, quello composto da una manciata di nazioni cibernetiche sovrane, e l’altro con il resto dei paesi che sono destinati a rimanere colonie cyber a causa della loro arretratezza tecnologica. In una tale situazione, qualsiasi tentativo di generare un regolamento globale sarebbe un tentativo di consolidare l’egemonia politica. Alla base di questa posizione è una sfiducia significativa nei quadri normativi globali intesi come strumenti di dominio. In tale contesto, il principio tradizionale dell’auto-tutela rimane il miglior riferimento normativo. L’autosufficienza continua ad essere il modo migliore per garantire la sovranità nazionale. Il sostegno dei cosiddetti “campioni nazionali”, le società tecnologiche nazionali per garantire la sovranità cibernetica rimane un passo cruciale e inevitabile in un mondo rivale e competitivo.

Diverse osservazioni possono essere formulate sulla tensione tra la regolamentazione globale e la sovranità cibernetica. Primo, la sicurezza informatica è chiaramente così controversa perché ora è diventata un gioco globale. In precedenza era solo un gioco occidentale, ma ora paesi come la Russia o la Cina hanno notevoli capacità informatiche. In secondo luogo, sembra facile prevedere che lo sviluppo cibernetico creerà un divario ancora maggiore tra i paesi tecnologicamente avanzati e gli altri. In terzo luogo, la cyber regulation rimane un’attività statale in quanto le infrastrutture sono territoriali e fisiche (si veda la legislazione sulla localizzazione dei dati o il Great Firewall cinese). In quarto luogo, gli stati rimangono insufficientemente incentivati a raggiungere un accordo perché possono trarre profitto dall’anarchia, ad es. collezionando vulnerabilità. Quinto, pensare a un processo verso una regolamentazione globale ci suggerisce che la sovranità informatica sia un elemento sine qua non per le norme globali. Come le convenzioni sulla non proliferazione degli armamenti negli anni ’60 furono possibili in quanto i due rivali della guerra fredda avevano raggiunto una parità strategica (vedi crisi cubana), allo stesso modo solo quando i contendenti attuali riconosceranno una reciproca vulnerabilità digitale sarà possibile una regolamentazione globale cibernetica. Solo sulla base di una forte sovranità cibernetica sarà possibile negoziare.

Avremo un nuovo trattato Westfaliano 2.0 nel 2048? Siamo in un periodo di transizione caratterizzato da una fiducia decrescente tra le principali potenze mondiali. Almeno a partire dal 2008, il mondo si è divaricato: l’ultimo è stato un decennio di polarizzazione crescente. Tuttavia, per costruire risposte istituzionali collettive alle crisi informatiche basate sul triplice principio di Riservatezza. Integrità e disponibilità (CIA) è necessario un certo grado di fiducia. Il mio argomento è che tale fiducia sarà più probabile dopo il riconoscimento reciproco e pieno tra paesi cyber sovrani.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 2