Il programma di lavoro

Certificazioni cyber, così ci lavora l’Europa: le priorità strategiche

Ue e Enisa (Agenzia Europea per la Sicurezza delle Reti e dell’Informazione) stanno lavorando alle certificazioni di cyber security con i rispettivi comitati di esperti. Obiettivo: raggiungere un alto grado di standardizzazione in modo che gli schemi nazionali siano aderenti a una linea unica e uniformemente diffusa

09 Dic 2020
Luisa Franchina

Presidente Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche

international_security

A seguito del regolamento 881/2019 sulla cyber sicurezza, l’Unione Europea sta lavorando alacremente sul tema delle certificazioni di cyber security insieme con Enisa, l’Agenzia Europea per la Sicurezza delle Reti e dell’Informazione.

Entrambe hanno istituito comitati di esperti rappresentanti dei gruppi di stakeholder europei interessati al tema. In particolare, per la Commissione, DG Connect, sta lavorando lo Stakeholder Cybersecurity Certification Group (SCCG), oltre al comitato dei punti di contatto nazionali preposti istituzionalmente a trattare il tema (European Cybersecurity Certification Group, ECCG).

Il Programma di lavoro progressivo dell’Unione su certificazioni cyber

Secondo quanto previsto dal Cybersecurity Act, la Commissione pubblica un programma di lavoro progressivo dell’Unione per la certificazione europea della cyber security in cui sono individuate le priorità strategiche per i futuri sistemi europei di certificazione cyber.

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software

Il Programma di lavoro progressivo dell’Unione include in particolare un elenco di prodotti, servizi e processi dell’ICT che possono beneficiare dell’inclusione nell’ambito di applicazione di un sistema europeo di certificazione di cybersecurity. Nel redigere il Programma, la Commissione tiene nella debita considerazione i pareri in merito al progetto di programma di lavoro progressivo dell’Unione espressi dall’ECCG e dal SCCG.

Gli schemi certificativi di prodotto per la sicurezza informatica

In particolare, la Commissione ed Enisa si stanno occupando di schemi certificativi di prodotto per rinnovare gli schemi facenti riferimento ai common criteria. Ma non solo, si intende raggiungere un alto grado di standardizzazione europeo in modo che gli schemi nazionali siano aderenti a una linea unica e uniformemente diffusa in tutta l’Unione. Gli standard saranno usati nel contesto dello European Cybersecurity Certification Framework per esprimere i requisiti funzionali generali e settoriali e per valutare le metodologie di certificazione. Inoltre, saranno un elemento determinante per valutare i concetti di livello di sicurezza.

L’armonia fra gli schemi è dunque uno dei principali obiettivi del framework europeo di certificazioni cyber.

In questo senso ci aspettiamo un lavoro costante da parte della Commissione di Enisa per incrementare la chiarezza e la definizione di metodi, anche in un’ottica di ciclo di vita del prodotto e di security by design e by default.

I livelli di sicurezza saranno sempre basati sull’analisi del rischio, quindi le metodologie di analisi del rischio cibernetico dovranno adeguarsi a “dialogare” con l’enterprise risk management e i criteri di valutazione dell’impatto dovranno essere studiati e organizzati in modo da avere almeno alcune basi comuni, comprese le metriche di misura.

Il riconoscimento internazionale dei framework di certificazione sicurezza informatica

Il concetto del framework regolamentare espresso dalle normative già emanate e sul quale l’UE sta lavorando è basato sulla “componibilità” dei pacchetti di certificazione e valutazione, sulla coerenza tra i vari schemi che non dovranno andare in collisione logica e non dovranno smentire i precedenti schemi finora usati. Questo è un punto importante, anche perché la certificazione cyber di prodotto oggi lavora in mutuo riconoscimento internazionale ultra-europeo con il sistema CCRA e in mutuo riconoscimento europeo allargato con il sistema SOGIS MRA.

Entrambi usano gli stessi standard: Common Criteria for Information Technology Security Evaluation (CC) (ISO/IEC 15408) e Common Methodology for Information Technology Security Evaluation (CEM) (ISO/IEC 18045). Un certificato emesso da un membro del SOG-IS riporta entrambi I loghi del CCRA e del SOG-IS MRA ad indicare il mutuo riconoscimento per i rispettivi ambiti internazionale ed europeo.

L’Europa dovrà quindi anche adoperarsi per il riconoscimento extra europeo del nuovo framework di certificazioni.

Oltre al tema generale delle certificazioni di prodotti, servizi e processi ICT, l’Europa sta affrontando alcuni aspetti specifici delle tecnologie consolidate di nicchia e delle tecnologie di “avanguardia”. In particolare sta studiando come occuparsi di cloud, 5G, IoT, IACS (Industrial Automation Cyber Security), Intelligenza Artificiale, Crittografia.

Riguardo l’IoT, la Comunicazione “Resilience, Deterrence and Defence: Building strong cybersecurity for the EU” indica quest’area di certificazione come prioritaria e in particolare invita ad applicare la security by design in tutti i dispositivi interconnessi di consumo di massa.

L’ ETSI ha pubblicato lo standard EN 303 64511 “Cyber Security for Consumer Internet of Things: Baseline Requirements” che getta le basi per i futuri schemi di certificazione IoT basati su requisiti che siano adeguatamente verificabili durante la verifica di conformità.

Il Joint Research Centre della Commissione Europea ha pubblicato un Technical Report sugli standard di riferimento per l’IACS ed è plausibile supporre che la Commissione partirà da questi per la scelta di inserimento nel framework.

Standard e schemi certificativi per il 5G

Per quanto riguarda il 5G, il 5G security Work Stream del NIS Cooperation Group ha espresso una lista di standard e schemi certificativi che ritiene significativi per questa tecnologia.

Un approccio possibile è quello di identificare i componenti critici della rete e sottoporli a certificazioni di prodotto, così come identificare i servizi e le funzioni critici per certificarne i processi di progettazione, sviluppo, installazione e manutenzione da parte del fornitore.

Mentre per i prodotti il focus è sulla robustezza e sulla resistenza, per cui l’analisi delle vulnerabilità diventa centrale, per il cloud il focus è sui processi e sulla loro resilienza e continuità. Da questo punto di vista possiamo quindi immaginare che il panorama certificativo nell’ambito cloud sarà più basato sul “come” che sul “cosa” e gli standard conclamati di cyber security di processo potranno fornire una buona base di partenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati