rapporto clusit

Il Sud Italia è la pacchia dei cyber criminali: il quadro

Scarsa consapevolezza dei rischi cyber e sottovalutazione delle violazioni privacy espongono le aree del Mezzogiorno a una forte vulnerabilità. Servono campagne di sensibilizzazione sui temi della security, in grado di spianare la strada a una reale digitalizzazione del Paese

31 Ago 2020
Domenico Raguseo

Head of CyberSecurity Exprivia

log4

Il Meridione d’Italia è la pancia molle della cyber security italiana. Molto di più di quanto si poteva intuire. E temere. 

Una fotografia precisa dei problemi ci arriva dal rapporto Clusit e dall’Osservatorio Exprivia nel 2020, che ci fornisce un quadro d’insieme sul primo semestre 2020 e dalla quale emerge, fra le altre cose, come nel meridione del nostro Paese, non sembra essersi ancora sviluppata un’adeguata consapevolezza dei rischi legati alla sicurezza informatica e, ovviamente, non c’è difesa senza awareness.

Italia meridionale fra security e privacy

Nel primo scorcio di quest’anno, incredibilmente ricco di eventi di portata globale – dal “black-life-matters” alle campagne “anti-revenge-porn”, il tutto arricchito dai fenomeni indotti dalla pandemia COVID-19 (smartworking, quarantena, lock-down .. ) – non sono certo mancati argomenti su cui discutere e confrontarsi. Il cybercrime non è stato a guardare.

Evento ibrido
Approcci, strumenti e soluzioni efficaci per un mondo del lavoro sempre più phygital
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Nel rapporto Clusit 2020 si evince che solo il 34,5% degli intervistati nel Sud Italia ha subito un attacco e, tra chi lo ha subito, solo il 10,6% ritiene di aver subito danni molto alti. Andrebbero però fatte delle considerazioni sul campione utilizzato che è comunque una piccola parte della intera popolazione che ha accesso, per necessità o piacere, al mondo digitale. Con grande probabilità chi ha risposto al sondaggio, preparato dalla Università degli Studi di Bari con il supporto di Exprivia, è la popolazione più interessata alla materia e quindi possiamo dedurre che se il sondaggio avesse coperto una area più vasta, le percentuali rilevate sarebbero state inferiori.

La Cybersecurity sarebbe forse emersa come un falso problema, un qualcosa di cui si parla molto ma che nei fatti non ha un riscontro nella realtà. Difficile spiegare come mai sempre nello stesso report l’89,1% del campione ritiene necessaria maggiore consapevolezza sul tema. Di fronte alla mancanza di evidenze, il Sud Italia sembra non stigmatizzare la questione, ma si interroga sulla possibilità di non sapere e sapere di non sapere, come ci ha insegnato Socrate, è alla base di qualunque processo cognitivo.

Geografia italiana delle cyber-minacce

Dai tempi del sondaggio ad oggi lo scenario è profondamente cambiato, è subentrata la pandemia che ha portato a una profonda rivoluzione digitale del mondo del lavoro (si pensi allo smart working) rendendo imprescindibile e necessario soddisfare quella necessità che già durante il sondaggio era emersa: aumentare la consapevolezza sulle minacce e rischi relativi alla cyber security. Oggi non abbiamo un sondaggio a confermare lo scenario, ma possiamo analizzare una serie di dati offerti dall’Osservatorio Exprivia sul tema della Cybersecurity. Dati che riflettono la realtà di incidenti, attacchi e violazioni privacy riportate da fonti pubbliche in Italia e non quindi semplici percezioni.

La prima domanda che dobbiamo porci è se il punto di vista del Sud Italia potrebbe essere rappresentativo dell’Italia intera. Se ci si aspetta una maggiore incidenza del cybercrime e violazioni privacy nel nord e centro per ragioni legate ad una maggiore digitalizzazione dell’area, questo dato è solo parzialmente confermato dai dati diffusi. Con l’eccezione del mese di aprile in piena emergenza COVID-19, i dati non sembrano avere grosse differenze tra le varie regioni geografiche italiane.

Ma non si tratta di solo cybercrime. La privacy è l’altra faccia della medaglia e le violazioni della privacy non sono un particolare trascurabile in un mondo che vuole essere sempre più digitalizzato.

La seconda domanda che dobbiamo porci è quanto pesano le violazioni della privacy sul computo totale e che differenza c’è tra le varie regioni italiane.

La prima risposta è che il numero di violazioni della privacy è compatibile con il volume di incidenti, come si vede dal grafico di seguito riportato.

Stiamo parlando di violazioni al regolamento sulla privacy: i dati raccolti non sono stati opportunamente trattati, dove per “opportunamente” si intende trattati come la legge lo ritiene necessario. Questo vuol dire che i diritti del cittadino o consumatore sono stati lesi.

Spesso si considera il cybercrime come il fattore che può mettere in discussione la fiducia che il consumatore ha nel mondo digitale, ma la cattiva gestione dei dati può creare un sentimento di sfiducia del cittadino con danni economici addirittura maggiori. Si pensi a cosa potrebbe succedere nei mercati fortemente influenzati da programmi di fidelizzazione (trasporti, telecomunicazioni, distribuzione).

Il buon senso ci suggerisce di cercare nelle aree fortemente digitalizzate una maggiore esposizione di fronte a violazioni privacy. Sostanzialmente ci aspetteremo una predominanza del Nord rispetto al Centro ed ancora di più al Sud.

Scarsa importanza al valore del dato

A guardare i dati oggettivi anche in questo caso però restiamo sorpresi. In tema di violazione della privacy, il Sud guida la classifica. Certo pesano statisticamente le 14 violazioni segnalate verso istituzioni/entità commerciali non geograficamente definite, ma il tutto ha un senso ben specifico. In aree non fortemente digitalizzate non si dà enorme importanza al valore del dato. Se pertanto questo dato viene compromesso o non viene protetto, non lo si considera una mancanza grave. È come se la cintura di sicurezza la si metta perché si ha paura della multa, e non perché si ha paura di restare gravemente ferito in un incidente.

Ultima considerazione sulle tecniche di attacco usate nel Sud Italia.

Sono due le considerazioni che saltano agli occhi. La prima è che nella stragrande maggioranza dei casi segnalati, si conosce la vittima ma non si sa come la vittima ha subito il reato. La seconda considerazione è che gran parte degli attacchi ha successo utilizzando tecniche elementari (phishing, sfruttamento di vulnerabilità conosciute e brute force).

Conclusione, se il sondaggio presente nel rapporto Clusit ha fatto scattare un allarme sulla carenza di consapevolezza delle minacce e rischi sulla Cybersecurity, l’Osservatorio Exprivia sul cybercrime rende tangibile tale allarme confermando lo scenario con dati oggettivi. Il futuro della digitalizzazione nel Sud Italia non può pertanto prescindere da campagne di sensibilizzazione sul tema.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati