poteri speciali

I sensori cyber di Pirelli sotto lo scudo del Golden power: perché è una scelta giusta



Indirizzo copiato

La tecnologia dei sensori cyber ha rilevanza strategica in molteplici settori dall’automazione industriale al machine learning, i processi produttivi avanzati, i Big Data & Analytics. La decisione del Governo di esercitare i golden powers su Pirelli costituisce pertanto un buon esempio di esercizio di discrezionalità politica

Pubblicato il 28 giu 2023

Roberto Jacchia

Socio co-fondatore, Studio De Berti Jacchia Franchini Forlani



automobili connesse senza privacy

Lo scorso 15 giugno 2023 il Governo italiano ha esercitato i propri poteri speciali (“golden powers“) ed ha prescritto misure a tutela dell’interesse nazionale in relazione a un’operazione che riguarda l’assetto di governance di Pirelli & C. SpA (“Pirelli”) e la posizione del suo azionista, China National Tire and Rubber Corporation Ltd. (“CNTRC”), con riferimento a un particolare progetto industriale.

Dalla golden share ai golden powers

I golden powers sono la versione attuale dell’antica “golden share“, che conferiva al Governo diritti speciali legati anche ad una sola azione detenuta nel capitale di una società sensibile o strategica – come nei settori delle telecomunicazioni, dell’energia, delle risorse minerarie, dei trasporti ferroviari, marittimi e aerei, delle infrastrutture portuali e aeroportuali, ecc. – i quali permettevano di superare le regole dell’ordinaria corporate governance. Con il passare del tempo, la golden share si è evoluta nel concetto più ampio e flessibile di golden powers, ora non più necessariamente derivanti dal possesso di azioni, e consistenti sostanzialmente nel potere di vietare o imporre condizioni e impegni rispetto a operazioni straordinarie o progetti che coinvolgono o influenzano la struttura e i processi decisionali della società interessata. A fini pratici, i golden powers consentono al Governo di contrastare l’ingresso di azionisti stranieri non appartenenti all’UE (e talvolta, anche a quelli appartenenti all’UE) nel capitale della società o di intervenire sulle sue regole di governance, al fine di depotenziare i loro diritti amministrativi e di voto. I golden powers non incidono, di norma, sui diritti economici (come il diritto a ricevere i dividendi e i proventi della liquidazione).

Golden powers, le fonti normative

Ad oggi, la fonte principale al riguardo è il Decreto-legge 21/2012, uno strumento provvisto di forza di legge, che è stato seguito da diversi interventi di attuazione e di regolazione, anche settoriali. I golden powers integrano a livello nazionale il Regolamento (UE) 2019/452, il quale fornisce un quadro comune per il controllo degli investimenti diretti esteri (FDI) nell’Unione Europea.

La procedura messa in atto dal Decreto Legge 21/2012 per l’esercizio dei golden powers non è molto diversa da quella di una procedura di concentrazione (merger clearance), ed inizia con una notifica preventiva obbligatoria dell’operazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri, quando sono coinvolti determinati settori e ricorrono determinate soglie o condizioni.

La forma dell’operazione non è importante e vige il principio generale della prevalenza della sostanza sulla forma. Esiste inoltre una procedura semplificata per i casi meno rilevanti. Dopo la notifica è prevista una prima fase di indagine preliminare e una seconda fase di indagine approfondita.

Il Governo ha il potere di porre domande, acquisire documenti, informazioni e qualsiasi altro elemento rilevante sia dalle parti che dai terzi. La decisione è un atto amministrativo che può pertanto essere impugnato davanti ai tribunali amministrativi competenti. Vige anche una regola di standstill, che vieta la chiusura dell’operazione fino a dopo la decisione del Governo. Il mancato rispetto della legislazione e della normativa sui golden powers può comportare provvedimenti ingiuntivi e l’imposizione di ingenti sanzioni.

L’esercizio dei golden powers, prima e dopo la pandemia

In passato, in generale fino a prima della pandemia del 2020, i golden powers sono stati esercitati piuttosto raramente e raramente hanno fatto notizia. Con la pandemia, subito dopo l’adozione del Regolamento 2019/452, è emersa con drammatica evidenza la necessità di disporre di strumenti giuridici adeguati che consentissero un controllo pubblico da parte degli Stati membri e dell’Unione sulle risorse farmaceutiche e sanitarie vitali. Più o meno in quel periodo, numerosi settori chiave, come la tecnologia 5G, le tecnologie agroalimentari avanzate, le tecnologie quantistiche e le nanotecnologie, i beni a duplice uso e militari, l’intelligenza artificiale (AI), la mobilità autonoma, l’infrastruttura della rete internet, i semiconduttori e altri ancora, hanno registrato un balzo in avanti senza precedenti nel progresso scientifico e tecnologico. Ciò ha accentuato la necessità di una protezione legale più forte per le risorse sottostanti ed i beni immateriali, rispetto a quella fornita dagli strumenti ordinari del diritto privato e della proprietà intellettuale.

La crisi ucraina e le nuove tensioni geopolitiche

Con lo scoppio della crisi ucraina nel 2022 e la guerra che ne è seguita, l’aumento esponenziale delle tensioni tra le principali regioni e potenze geopolitiche e l’affievolirsi della popolarità delle dottrine della globalizzazione, motivazioni di natura politica hanno iniziato ad ispirare la legislazione e le misure sugli FDI sia a livello di Unione Europea che di Stati membri. I casi di golden powers sono via via diventati più frequenti ed il loro esercizio più attento.

Il caso di seguito commentato fornisce una significativa esemplificazione dell’attuale contesto di esercizio dei golden powers in Italia.

Il caso Pirelli

Pirelli è una società per azioni, storicamente leader in Italia ed uno dei principali attori a livello mondiale nell’industria di pneumatici e della gomma. CNTRC, anch’essa tra i più importanti player mondiali, è il principale produttore cinese di pneumatici e prodotti in gomma.

Come già ricordato, in base alla legislazione in materia, alcune operazioni che coinvolgono entità straniere e che potenzialmente possono influire sull’interesse nazionale in diversi settori strategici debbono essere preventivamente notificate e autorizzate dal Governo. In questo caso, l’operazione notificata riguarda un progetto inerente a nuove tecnologie che consentono ai cosiddetti “sensori Cyber” impiantati negli pneumatici degli autoveicoli di acquisire in tempo reale un’ampia gamma di dati, tra cui i modelli di traffico e di comunicazione terrestre, lo stato attuale delle infrastrutture e la geo-localizzazione dei veicoli.

Le informazioni così raccolte vengono poi trasmesse a sistemi cloud e a infrastrutture informatiche ad alta capacità che, attraverso strumenti di intelligenza artificiale, possono alimentare sistemi digitali all’avanguardia come, ad esempio, le tecnologie “Smart City” (città strutturate e funzionanti con strumenti e supporti digitali) e “Digital Twin” (repliche digitali di oggetti e apparecchiature fisiche).

La rilevanza strategica delle informazioni

Secondo il comunicato stampa del Governo, la tecnologia dei sensori Cyber ha rilevanza strategica in molteplici settori, come l’automazione industriale, la comunicazione macchina-macchina (ed i veicoli autonomi), il machine learning, l’intelligenza artificiale, i processi produttivi avanzati, le tecnologie critiche dei sensori e degli attuatori, i Big Data & Analytics. La rilevanza strategica delle informazioni è da ravvisare nei rischi che può comportare un loro uso improprio, nella duplice prospettiva della sicurezza nazionale e della protezione dei dati personali di un numero estremamente elevato di soggetti interessati.

Le misure prescritte dal Governo sulle tecnologie dei sensori Cyber nell’ambito del progetto CNTR sono state adottate su proposta del Ministero dell’Impresa e del Made in Italy (MIMI) e mirano a preservare l’indipendenza industriale di Pirelli e del suo management nei processi decisionali, a garantire la sicurezza delle procedure interne ed a tutelare la riservatezza e il valore del know-how di Pirelli.

Oltre a riconfermare alcuni impegni precedentemente assunti dall’investitore straniero CNTRC, la decisione del Governo fornisce ora a Pirelli ulteriori strumenti giuridici, come un sistema di autorizzazione generale di sicurezza che razionalizza e limita rigorosamente l’accesso alle informazioni, la creazione di un’unità autonoma di sicurezza interna a Pirelli stessa e, infine, una maggioranza qualificata di quattro quinti all’interno del Consiglio di Amministrazione di Pirelli per l’adozione di alcune decisioni. Il controllo di compliance è affidato al MIMI.

Golden powers nel caso Pirelli: un buon esempio di esercizio di discrezionalità politica

La decisione del Governo nel caso Pirelli/CNTRC non fa – comprensibilmente – riferimento esplicito all’approccio più cauto che sembra ora prevalere nei confronti degli FDI di bandiera cinese, ma il razionale sottostante è abbastanza evidente, e costituisce un buon esempio di esercizio di discrezionalità politica.

Questo orientamento è in linea con la giurisprudenza amministrativa prevalente.

In un caso molto recente (sentenza no. 289/2023), il Consiglio di Stato (il più alto tribunale amministrativo italiano) è stato investito di un appello, avverso una sentenza del TAR Lazio-Roma, che aveva rigettato un ricorso presentato contro una decisione del Governo che vietava l’acquisizione da parte dell’investitore cinese Syngenta di un’azienda italiana leader nel settore sementiero (Verisem).

Pur confermando che le decisioni governative assunte ai sensi del Decreto-legge 21/2012 costituiscono atti amministrativi (non politici) soggetti in quanto tali al controllo dei giudici amministrativi, il Consiglio di Stato ha allo stesso tempo affermato che il concetto stesso di “sicurezza nazionale” è aperto e difficilmente definibile. Poiché il Decreto-legge 21/2012 utilizza tale concetto e locuzione, e la tipologia di interesse nazionale in gioco è particolarmente significativa, ciò sta ad indicare che il Legislatore intendeva che, nell’ambito del quadro procedurale predefinito, il Governo godesse di una discrezionalità particolarmente ampia.

Questa lettura è confermata dal modello bifasico adottato dal Decreto-legge 21/2012, dove la prima fase, quella istruttoria, rientra nella competenza tecnica del Gruppo di Coordinamento presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, mentre la seconda, quella decisionale, appartiene alla competenza esclusiva del Consiglio dei ministri. Il Consiglio di Stato ha così caratterizzato le decisioni del Governo di esercizio dei golden powers come atti di cosiddetta “alta amministrazione”, il cui merito non è fondamentalmente suscettibile di revisione intrinseca. Queste sentenze, diventate verosimilmente giurisprudenza di riferimento, lasciano presagire un più frequente esercizio dei golden powers in futuro, sulla scia della percezione sempre più diffusa della necessità di un controllo più politicamente orientato sugli FDI.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3