strategie e soluzioni

Il modello Zero Trust per la cybersicurezza: caratteristiche e impieghi pratici in azienda

Sebbene nessuna strategia sia pienamente efficace, lo “zero trust” permette di attenuare l’impatto dei cyberattacchi e di diminuire i tempi e i costi di risposta. È una metodologia volta a proteggere le risorse, come quelle business critical, da attacchi malware e minacce alla sicurezza. Ecco come funziona

27 Ott 2022
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

Martina Rossi

Hermes Bay

cyber security

L’incremento e la sofisticazione degli attacchi informatici, negli ultimi anni, hanno spinto numerose organizzazioni a ripensare i loro modelli di sicurezza. Uno schema adottato da sempre più aziende è quello definito “zero trust” o Senza Perimetri. Il modello di sicurezza “zero trust”, noto anche come “zero trust architecture” (ZTA), “zero trust network architecture” o “zero trust network access” (ZTNA) descrive un approccio alla progettazione e all’implementazione dei sistemi informatici.

Nello specifico, “zero trust” è un modello di sicurezza di rete basato sulla filosofia secondo cui a nessuna persona o dispositivo all’interno o all’esterno della rete di un’organizzazione deve essere concesso l’accesso per connettersi ai sistemi o ai servizi IT fino a quando non viene autenticato e sottoposto ad una verifica continuativa nel tempo.

I principi su cui si basa un sistema “zero trust”

In un’architettura informatica “zero trust”, l’ubicazione di una risorsa all’interno di una rete aziendale protetta non è più il fattore principale che ne garantisce la sicurezza. Di fatto, il modello prevede l’individuazione di una nuova superficie protetta attraverso la quale si implementano dei controlli per creare un micro-perimetro, in genere utilizzando un firewall di nuova generazione (NGFW), chiamato gateway di segmentazione, che consente solo il traffico noto proveniente da utenti e applicazioni legittimi.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

La creazione di un tale sistema richiede visibilità e controllo sugli utenti e sul traffico all’interno del micro-perimetro, compreso quello crittografato. Sono altresì necessari il monitoraggio e la verifica del traffico e metodi di autenticazione multifattoriale (MFA), come la biometria o i codici monouso.

I principi su cui si basa un sistema “zero trust” sono:

  • l’interruzione di ogni connessione in caso di attacco. Tecnologie come i firewall utilizzano un approccio “passante” e ispezionano i file nel momento in cui vengono consegnati. Se viene rilevato un file dannoso, gli avvisi sono spesso tardivi. Una soluzione “zero trust” termina ogni connessione per consentire a un’architettura proxy in linea di ispezionare tutto il traffico prima che raggiunga la destinazione;
  • la protezione dei dati attraverso criteri basati sul contesto. I criteri “zero trust” verificano le richieste di accesso in base al contesto e analizzano l’identità dell’utente, il dispositivo, la posizione, il tipo di contenuto e l’applicazione richiesta. Le policy sono adattive e i privilegi di accesso degli utenti vengono continuamente rivalutati al variare del contesto;
  • la riduzione della superficie d’attacco. Con tale approccio, gli utenti si connettono direttamente alle applicazioni e alle risorse di cui hanno bisogno, ma non alle reti. Questo tipo di connessione impedisce ai dispositivi compromessi di infettare altre risorse. Inoltre, gli utenti e le app non risultano tracciabili.

Come lo zero trust attenua l’impatto dei cyberattacchi

Sebbene nessuna strategia sia pienamente efficace, lo “zero trust” permette di attenuare l’impatto dei cyberattacchi e di diminuire i tempi e i costi di risposta. La possibilità di non fidarsi di alcuna connessione senza una previa verifica risulta altresì essenziale di fronte alla quantità di cloud, endpoint e dati che circolano nei moderni ambienti IT.

Dal punto di vista aziendale e del settore privato, questi modelli costituiscono una soluzione per garantire la sicurezza dei propri sistemi IT, soprattutto durante i processi di passaggio al cloud.

Inoltre, con un’architettura “zero trust”, i criteri di sicurezza vengono applicati in base all’identità dei carichi di lavoro. In questo modo la sicurezza viene mantenuta il più vicino possibile alle risorse da proteggere, senza essere influenzata da costrutti di rete come indirizzi IP, porte e protocolli. La protezione rimane quindi costante anche quando l’ambiente varia. Tuttavia, nonostante i miglioramenti apportati dai fornitori di questi servizi (CSP), la sicurezza dei carichi di lavoro rimane una responsabilità condivisa tra le imprese e i CSP.

Allo stesso tempo, la microsegmentazione consente di creare perimetri intorno a determinati tipi di dati sensibili. Durante le verifiche o in caso di attacco, questa modalità offre una visibilità e un controllo superiori rispetto all’accesso privilegiato di molte architetture di rete “piatte”.

Le aziende che fanno progettazione e sviluppo di modelli zero trust

Il modello “zero trust” non rappresenta quindi un mero principio o valore etico da perseguire, bensì costituisce una metodologia pratica e valida al fine di proteggere le risorse, come quelle business critical, da attacchi malware e minacce alla sicurezza IT. Attualmente, diverse aziende operanti nel settore della sicurezza informatica hanno iniziato ad occuparsi della progettazione e sviluppo di modelli costruiti sulla base del principio di “zero trust”, applicabili ai propri sistemi e fruibili anche da terzi.

Tra queste compare Okta, società americana di gestione delle identità e degli accessi con sede a San Francisco, specializzata in sistemi di verifica dell’identità umana “zero trust”; vi è poi Zscaler, impresa di sicurezza cloud con sede a San Jose, in California, la quale si occupa di sistemi di verifica per l’accesso a software e dispositivi; infine, Palo Alto Networks, multinazionale americana di sicurezza informatica è impiegata nella costruzione di reti “zero trust”.

L’architettura “Zero Trust Enterprise”

Quest’ultima ha deciso di rispondere alle esigenze emergenti delle aziende con l’architettura “Zero Trust Enterprise”, volta al raggiungimento di tre obiettivi fondamentali.

Il primo consiste nell’ottenere un miglioramento dei sistemi di sicurezza, al fine di eliminare la fiducia implicita e di adottare politiche e controlli nei confronti di utenti e applicazioni.

In secondo luogo, l’azienda mira a semplificare l’infrastruttura di sicurezza, disincentivando l’investimento in soluzioni specifiche offerte da fornitori vari.

Infine, terzo obiettivo è la riduzione dei costi di gestione, attraverso l’implementazione di un unico sistema che riflette un’ottica di piattaforma integrata e di consolidamento tecnologico.

Secondo quanto riportato dal sito Web di Palo Alto Networks, un approccio “zero trust” non si focalizza infatti su una tecnologia limitata, bensì prende in considerazione l’intero ecosistema di controlli costituito da rete, endpoint, cloud, applicazioni, IoT, identità e altro ancora, su cui molte organizzazioni fanno affidamento per la protezione.

Anche Cisco, azienda leader nella fornitura di apparati di networking, ha dato vita ad un proprio sistema di sicurezza “zero trust” per garantire una protezione completa degli accessi alle applicazioni da qualsiasi utente, dispositivo e posizione.

Anche la soluzione offerta da Cisco verte su un rafforzamento degli accessi, su verifiche continue dell’affidabilità e sulla gestione della comunicazione tra le applicazioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4