sicurezza informatica

Le scuole nel mirino del cybercrime: i pericoli da conoscere e come difendersi

Diversi report dimostrano il notevole aumento degli attacchi ransomware nel comparto didattico in questi ultimi anni. Difendersi da questi attacchi non è semplice, ma con un minimo di formazione e attenzione l’utilizzo della mail istituzionale può diventare più sicuro e consapevole

08 Nov 2022
Lucia Gamalero

Privacy Specialist e Responsabile GDPR Scuola

Giacomo Lunardon

Assistente Tecnico Istituto Statale “A. Monti” di Asti e “CIS Controls Volunteer”

L’Oms riconosce ufficialmente la dipendenza da videogiochi: quali sono i rischi

Anche se il settore dell’istruzione non rappresenta per gli hacker un obiettivo appetibile, non possiamo escludere la possibilità di azioni ai danni dei sistemi informatici delle scuole.

L’eventualità di trovare le postazioni di lavoro o i server della segreteria bloccati da un ransomware non è poi così remota, e deve indurci a adottare le più comuni misure atte a contrastare il fenomeno.

Nell’ottica di promuovere internamente una cultura della sicurezza condivisa e tenere alta l’attenzione sull’utilizzo degli strumenti di lavoro, il Computer Security Incident Response Team del Ministero dell’Istruzione (CSIRT MI) già lo scorso anno aveva preparato per gli istituti delle raccomandazioni e un video tutorial informativo su una delle truffe più diffuse in rete: il phishing.

Nuovo anno scolastico, attenti alla privacy: ecco cosa devono fare le scuole per proteggerla

L’utilizzo dei sistemi informatici nelle scuole

Il periodo di emergenza appena trascorso ha cambiato radicalmente il modo di lavorare, anche a scuola.

Si sta ricorrendo sempre di più all’uso di strumenti informatici collegati alla rete, sia per la gestione della didattica che per il lavoro di segreteria.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Il crescente fenomeno della digitalizzazione comporta una serie di rischi per la sicurezza informatica, primo fra tutti quello rappresentato dai malware, software progettati per infettare i dispositivi informatici.

In particolare, sta diventando molto diffuso l’utilizzo del ransomware: le recenti incursioni hanno visto come protagonista BlackCat, nome dell’organizzazione criminale che utilizza l’omonimo malware, noto soprattutto come “ALPHV”.

La sua efficacia è notevole, e la sua diffusione è in parte dovuta alla non immediata identificazione da parte dei sistemi antivirus, e in parte causata dalla facilità di infiltrazione nei sistemi informatici per le carenti misure di sicurezza ICT.

Per questo gli operatori diventano spesso vittime inconsapevoli delle azioni di “phishing” e “pharming”.

Diversi report (tra cui rapporto di Sophos, noto distributore di software antivirus, “The State of Ransomware in Education 2022”) dimostrano infatti il notevole aumento degli attacchi ransomware nel comparto didattico in questi ultimi anni.

Difendersi da questi attacchi non è semplice, ma con un minimo di formazione e attenzione l’utilizzo della posta elettronica istituzionale può diventare più sicuro e consapevole.

Come ridurre i rischi da parte del personale scolastico

Gli eventi che contribuiscono ad aumentare il rischio ransomware, anche nelle istituzioni scolastiche, sono molteplici, e tra di essi ricordiamo:

  • L’utilizzo di password deboli o riutilizzate per diversi account o servizi
  • L’accesso alla posta elettronica per scopi personali, che potrebbe non essere controllata con gli stessi criteri adottati per le email di lavoro
  • L’eccessivo numero di email ricevute e da gestire, che potrebbe indurre ad atteggiamenti meno attenti anche da parte del personale più scrupoloso
  • L’utilizzo di connessioni non sicure per l’accesso ai sistemi informatici in caso di smart working
  • L’accesso a piattaforme di vendita online eseguito dal personale per acquisti non riconducibili all’attività lavorativa
  • Il controllo carente da parte dell’amministratore di sistema, se non verifica le condizioni di sicurezza minime e i report generati dai sistemi di alert

Come difendersi dal phishing

Le tecniche di phishing rappresentano il 95% dei casi correlati alla diffusione dei malware.

Sfruttano la scarsa attenzione ma anche la buona fede dei fruitori, che normalmente si fidano di quello che leggono nei messaggi ricevuti, eseguendo quanto richiesto.

Ciò avviene soprattutto quando le email sono “ben confezionate” e facilmente attribuibili a persone conosciute.

Pertanto, anche ai sensi delle raccomandazioni fornite dal CSIRT MI, si consiglia al personale della scuola di:

  • Leggere attentamente il nome del mittente e l’indirizzo email nell’intestazione
  • Controllare se il messaggio è destinato anche ad altri (mailing list)
  • Verificare se l’oggetto dell’email invita a eseguire un’azione con particolare urgenza
  • Accertare che il messaggio non sia genericamente indirizzato a qualcuno
  • Analizzare il testo, controllandone il lessico e la logicità espressiva
  • Riconoscere la presenza di link inconsueti (che normalmente indirizzano al sito controllato dal cybercriminale)
  • Cancellare la email e non aprire gli allegati se si verificano una o più delle anomalie sopra riportate
  • Non inserire le proprie informazioni personali in schermate pop-up o in form raggiungibili dai link presenti nella comunicazione

È comunque utile installare, se possibile e su indicazione dell’amministratore di sistema della scuola, un filtro anti-phishing che aiuti a eliminare i messaggi riconosciuti come tali secondo precisi pattern.

Contrastare il phishing non è facile, e questa tecnica, così come le altre forme di “social engineering”, deve essere considerata come oggetto di formazione specifica e costante nel tempo.

I programmi di sensibilizzazione del personale non hanno un’efficacia permanente e devono essere ripetuti e aggiornati nel tempo (almeno una volta l’anno, meglio ancora semestralmente).

Il pharming

Il termine pharming deriva dall’unione di “phishing” è “farming”, ed è un tipo di cybercrimine simile al phishing che interagisce con il servizio alla base della navigazione in internet, ovvero con il DNS (che converte i link comunemente noti dalla forma letterale a quella numerica e viceversa).

Gli hacker possono utilizzare diverse metodologie, ma le più diffuse sono due.

La prima prevede l’installazione di un malware che modifica il file “host” per indirizzare il traffico di rete verso uno o più server creati appositamente.

La seconda, invece, impegna l’hacker sul fronte opposto, ovvero il server DNS, ma perseguendo comunque sempre lo stesso obiettivo, che è quello di dirottare il traffico internet verso server o siti gestiti dalla cybercriminalità.

I siti web fittizi possono inoltre essere utilizzati per diffondere altri virus o malware, al fine di raccogliere informazioni personali e mettere in atto furti di identità.

Il pharming è particolarmente pericoloso, perché l’utente colpito potrebbe utilizzare un computer assolutamente privo di virus o malware, ma essere comunque vittima di un attacco hacker.

In questo caso le precauzioni adottate devono essere finalizzate al controllo del sistema operativo, in modo che i file non vengano modificati senza opportuna segnalazione.

Occorre installare un buon antivirus, non trascurando comunque le buone pratiche informatiche (evitando quindi i siti sospetti, e ignorando i link contenuti nelle email ricevute).

Questi accorgimenti rendono i malware inefficaci, evitando l’accesso ai computer finalizzato alla modifica dei file di sistema.

Si consiglia sempre quindi di prestare attenzione ai siti web durante la navigazione, specialmente a quelli che contengono informazioni personali o finanziarie (posta elettronica, web banking, ecc).

Bisogna sempre controllare anche la barra degli indirizzi: i browser più comuni dispongono di uno o più segnalatori che riportano il livello di sicurezza e affidabilità del sito che si sta consultando.

Come difendersi dal pharming

Naturalmente è possibile proteggere computer, server e rete dagli attacchi, ma è fondamentale capire non “se”, ma “quando”, l’azione dei cybercriminali produrrà danni ai nostri sistemi informatici.

In quest’ottica, la minaccia più rilevante deriva dall’ignorare questa eventualità e non saper agire adeguatamente.

A tal proposito, è utile conoscere alcuni elementi fondamentali su cui si dovrebbe basare la sicurezza dei sistemi informatici, anche quelli della scuola, con particolare attenzione a:

Gestione degli account e degli accessi

La maggior parte delle violazioni inizia quando un account è compromesso; la prima azione di difesa dovrebbe consistere in un adeguato livello di autenticazione e autorizzazione.

Protezione dalle minacce

Avere la capacità di riconoscere e prevenire i pericoli provenienti soprattutto delle email, utilizzando applicazioni adeguate al fine di bloccare i tentativi di intrusione (antivirus, HIDS, NIDS).

Protezione delle informazioni

Adottare le tecniche necessarie per proteggere i dati (sia quando sono utilizzati, sia quando sono archiviati) con sistemi di backup sicuri e non attaccabili dagli hacker (copie di backup offline).

Sicurezza cloud

Utilizzare le risorse in cloud in modo consapevole e sicuro (le scuole, quali pubbliche amministrazioni, devono usare solo sistemi in cloud qualificati e presenti sul Cloud Marketplace di AgID).

Controlli AGID

Applicare le “misure minime” definite da AgID con la circolare n.2 del 18/04/2017 (pubblicata sulla G.U. 103 del 05/05/2017).

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4