cyber security

Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica: gli aspetti innovativi delle ultime misure del Governo

Il Governo, col DPCM 30 luglio 2020, ha dettagliato le specifiche e gli ambiti di attività dei soggetti inclusi nel Perimetro di sicurezza cibernetica nonché le modalità di elaborazione, aggiornamento e comunicazione degli elenchi dei beni ICT. Un passaggio fondamentale per garantire un’efficace protezione del sistema-Paese

27 Ott 2020
Luisa Franchina

Presidente Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche

Andrea Lucariello

Security Analyst and Privacy Consultant

Francesco Ressa

Cybersecurity Analyst and Privacy Consultant

cyber security

Le misure contenute nel DPCM 30 luglio 2020 – Regolamento in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 105, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 novembre 2019, n. 133 – ci pongono all’avanguardia nel tema della sicurezza cibernetica e ci posizioniamo tra coloro che ispirano altri Paesi, europei ed extra europei.

Esaminiamole nel dettaglio.

Definizione dei principali concetti dell’impianto normativo

Il DPCM è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 21 ottobre 2020, n. 131 e entrerà in vigore il 5 novembre 2020.

Tale Decreto, come previsto dall’art. 1 comma 2 del Perimetro, definisce le modalità e i criteri di individuazione dei soggetti, pubblici e privati, inclusi nel Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica nonché i criteri con cui tali soggetti predispongono e aggiornano l’elenco delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici di rispettiva pertinenza. All’interno dello stesso, inoltre, vengono definite le modalità di trasmissione dei suddetti elenchi.

WHITEPAPER
Data Fabric: un’architettura dati distribuita e dotata di governance centralizzata

L’art.1 del nuovo DPCM definisce, per la prima volta, alcuni concetti fondamentali in ottica di sicurezza informatica per quanto concerne il Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica.

Nello specifico, sulla base delle considerazioni espresse dal Consiglio di Stato nel mese di maggio 2020, vengono chiariti diversi elementi centrali per l’esecuzione di quanto disposto dall’impianto normativo: a titolo di esempio sono stati dettagliati i concetti di “rete”, “sistema informativo” e “servizio informatico” nonché quelli di “bene ICT” e di “architettura e componentistica”. Se i concetti di “rete” e “sistema informativo” sono stati mutuati dal Decreto Legislativo n. 65 del 2018 (NIS), la definizione dei restanti si pone come un elemento innovativo cruciale per un’efficace comprensione delle intenzioni del Legislatore relativamente all’oggetto di analisi del Perimetro nazionale.

Di particolare interesse risulta essere la definizione di “bene ICT” inteso come “insieme di reti, sistemi informativi e servizi informatici, o parti di essi, di qualunque natura”. Tale concetto si configura come elemento di sintesi sul quale sono previste due attività centrali del DPCM riguardo ai criteri per la predisposizione e l’aggiornamento degli elenchi (art. 7): le valutazioni di impatto sugli incidenti e l’individuazione delle dipendenze con altre reti, sistemi informativi, servizi informatici o infrastrutture fisiche di pertinenza di altri soggetti, ivi compresi quelli utilizzati per fini di manutenzione e gestione.

Individuazione dei settori di attività inclusi nel Perimetro

Il DPCM circoscrive l’ambito di applicazione del Perimetro, in questa prima fase, a soggetti che operano nel settore governativo con riferimento alle attività delle amministrazioni CISR nonché a ulteriori soggetti, pubblici e privati, coinvolti nei seguenti settori (ove non ricompresi in quello governativo): a) interno; b) difesa; c) spazio e aerospazio; d) energia; e) telecomunicazioni; f) economia e finanza; g) trasporti; h) servizi digitali; i) tecnologie critiche; l) enti previdenziali/lavoro.

Per l’individuazione e l’elencazione dei soggetti, pubblici e privati, inclusi nel Perimetro appartenenti ai suddetti settori viene individuata una specifica Amministrazione pubblica competente (es. Ministero dello sviluppo economico; Ministero dell’economia e delle finanze).

Per il settore governativo tali attività sono demandate alle amministrazioni CISR, ciascuna nell’ambito di rispettiva competenza.

Il DPCM estrinseca il concetto di sicurezza nazionale che riguarda la disponibilità, l’integrità e la confidenzialità dei dati in esso inclusi, ma anche la continuità dei servizi caratterizzanti il perimetro stesso. Non riguarda quindi solo il concetto di continuità del sistema Paese, come le infrastrutture critiche definite nella direttiva 114/08, o quello di emersione del fenomeno della “in-sicurezza” cibernetica, come gli operatori di servizi essenziali definiti nella direttiva 1148/16 detta NIS, ma abbraccia il più ampio concetto della garanzia di sicurezza cibernetica e continuità del servizio per tutti quei servizi e quindi quegli operatori che costituiscono il substrato di essenza del Paese e le sue caratteristiche di interesse strategico nazionale.

Identificazione delle modalità e dei criteri per l’individuazione dei soggetti inclusi nel Perimetro

Le Amministrazioni cui è demandata l’individuazione dei soggetti da includere nel Perimetro sono tenute, innanzitutto, a identificare le funzioni e i servizi essenziali erogati da ciascun soggetto che dipendono da reti, sistemi informativi o servizi informatici, la cui interruzione o compromissione possa arrecare un pregiudizio per la sicurezza nazionale.

È interessante il fatto che la valutazione di impatto dalla quale deriva l’identificazione delle funzioni e dei servizi fondamentali inerenti al perimetro sia associata alla copertura del servizio, alla tipologia degli utenti e ad eventuali livello di servizio garantiti, nonché ai danni economici che ne deriverebbero.

Il processo di individuazione comprende anche una valutazione sugli effetti negativi dell’interruzione della funzione o del servizio essenziale e della compromissione, in termini di perdita di disponibilità, integrità e riservatezza dei dati e delle informazioni. Inoltre, è previsto un ulteriore elemento di valutazione, che riguarda le tempistiche di mitigazione, ovvero una stima dei tempi di ripristino necessari per ristabilire l’erogazione della funzione/servizio in condizioni di sicurezza, sia integralmente, sia “temporaneamente, con modalità prive di supporto informatizzato ovvero anche parzialmente da altri soggetti”. Quest’ultima possibilità si ricollega ai criteri di alternativa intrasettoriale tra vari operatori e di fungibilità intersettoriale e può preludere a valutazioni preventive anche sull’uso delle risorse rimanenti in caso di scarsità dovuta a crisi, brevi o prolungate.

Identificazione dei criteri per la predisposizione e l’aggiornamento degli elenchi di beni ICT e delle modalità di trasmissione degli stessi

Oltre alla valutazione di impatto e all’individuazione delle dipendenze di cui si è già fatto cenno, il concetto di “bene ICT” trova un ulteriore riferimento nella fase di predisposizione degli elenchi delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici. Infatti, i soggetti parte del Perimetro dovranno includere nell’elenco, all’esito dell’analisi del rischio, solamente quei beni ICT ritenuti necessari per lo svolgimento della funzione o del servizio essenziale individuato dalle Amministrazioni, che, in caso di incidente, potrebbero comportare l’interruzione totale della funzione/servizio o una compromissione con effetti irreversibili sotto il profilo della integrità o della riservatezza dei dati e delle informazioni.

Nello specifico, i soggetti devono effettuare una valutazione di impatto sui beni ICT in termini sia di limitazione della operatività del bene stesso, sia di compromissione della disponibilità, integrità, o riservatezza dei dati e delle informazioni da esso trattati, e un’analisi delle dipendenze con altre reti, sistemi informativi, servizi informatici o infrastrutture fisiche di pertinenza di altri soggetti, ivi compresi quelli utilizzati per fini di manutenzione e gestione, in ottica di sicurezza della catena di fornitura.

Sarà dunque necessario sviluppare una conoscenza approfondita rispetto alle interrelazioni tra gli operatori fornitori.

Conclusioni

Con questo DPCM il nostro Paese ha dettagliato ulteriormente le specifiche e gli ambiti di attività dei soggetti inclusi nel Perimetro nonché le modalità di elaborazione, aggiornamento e comunicazione degli elenchi dei beni ICT (reti, sistemi informativi e servizi informatici). La determinazione di tali elementi si configura come passaggio fondamentale per la concreta realizzazione del Perimetro al fine di instaurare una serie di presidi di sicurezza funzionali a garantire un’efficace protezione cibernetica del sistema-Paese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati