sicurezza informatica

PMI manifatturiere nel mirino del cybercrime, come difendersi? Gli strumenti

Poco strutturate e, pertanto, maggiormente vulnerabili ad attacchi, le PMI manifatturiere sono diventate un bersaglio per i cybercriminali. Diverse soluzioni presenti sul mercato permettono loro di salvaguardare la cybersecurity e cyber resilience, ma serve anche molta formazione e consapevolezza dei dipendenti

Pubblicato il 28 Apr 2023

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant, BCI Cyber Resilience Group, Clusit, ENIA

cybersecurity

Le aziende manifatturiere sono sempre più al centro del mirino degli attacchi cyber ed in particolar modo le PMI del settore sono diventate il bersaglio preferito. Ne consegue che esse devono essere in grado di difendersi, individuando le soluzioni di cybersecurity maggiormente idonee e disponibili sul mercato.

Manifatturiero, come difendersi dal cyber crime: vademecum strategico per PMI

Perché le PMI manifatturiere sono nel mirino

Le PMI manifatturiere sono diventate interessanti per i pirati informatici in quanto esse sono ancora poco strutturate e, pertanto, maggiormente vulnerabili ad attacchi cyber.

È doveroso sottolineare che un attacco cyber, sferrato contro una PMI manifatturiera, può implicare gravi conseguenze in quanto i tempi di recupero sono tali – rispetto alle organizzazioni più strutturate e di maggiori dimensioni – che possono comportare, in molti casi, il blocco della produzione. Inoltre, molte di esse non dispongono né di un piano di Disaster Recovery né di Incident Response oltre a non investire sufficientemente in soluzioni di cybersecurity. Ancora, le PMI manifatturiere non dispongono di budget sufficienti per avere un SOC interno o un esperto di cybersecurity.

Tuttavia, esse possono avvalersi di operatori presenti sul mercato che offrono, a budget contenuti, servizi gestiti e basati sull’economia di scala e sulla scalabilità che possono contribuire ad abbassare la soglia di rischio.

Le PMI manifatturiere, in primis, devono identificare quali sono i processi di business dell’azienda più “critici” in modo da poter sviluppare piani necessari di gestione della crisi, della continuità operativa e di disaster recovery per recuperare il più rapidamente possibile e garantire l’operatività dopo un’interruzione causata da un attacco cyber. Le PMI, in questo modo, grazie ai preparativi nella creazione di tali piani, potranno:

  • sviluppare maggiore consapevolezza del rischio cyber;
  • migliorare la cooperazione dei vari team durante una crisi;
  • acquisire una maggiore capacità di risposta all’incidente di cybersecurity;
  • garantire una maggiore capacità di recupero.

Le PMI non sono giudicate perché hanno subito una violazione di cybersecurity, bensì per come gestiscono e rispondono a tale violazione. Inoltre, è quanto mai fondamentale che questi preparativi/strategie siano rispondenti alle caratteristiche specifiche di ciascuna PMI in termini di capacità interne, requisiti legali, normativi e contrattuali. Di fatto, una cybersecurity efficace permette di conseguire la necessaria fiducia per: crescere, innovare e trovare nuove modalità di creazione di valore per i propri clienti. Risulta fondamentale , altresì, la consapevolezza e l’impegno da parte del Top Management che dovrebbe sia stanziare il budget sia allocare le risorse necessarie per un’efficace attuazione delle pratiche di cybersecurity.

PMI: strumenti essenziali di cybersecurity

È doveroso ricordare che gli strumenti di cybersecurity variano in base alla progettazione della rete di ogni singola PMI. Il viaggio verso la cyber security e la cyber resilience, come già sopra accennato, inizia con l’identificazione delle risorse digitali più “preziose” ed i punti di vulnerabilità.

Di fatto, le PMI, sempre più oggetto di un processo accelerato di digitalizzazione ed innovazione, devono essere consapevoli delle vulnerabilità degli endpoint che si connettono alla loro rete. Pertanto, si tratta di analizzare chi e cosa si connette alla propria rete e come i dati fluiscono attraverso di essa in modo tale da massimizzare la protezione.

Si forniscono di seguito alcuni strumenti che possono essere contemplati dalle PMI per proteggersi da ransomware, phishing, hacker e altri tipi di minacce.

Rilevamento e risposta degli endpoint (Endpoint Detection and Response – EDR)

Le soluzioni EDR semplificano il rilevamento dei dispositivi che si connettono alla rete e rispondono alle minacce riconosciute dal sistema. Il sistema EDR può fornire informazioni dettagliate sul dispositivo che si è connesso, nonché dati sulla sua attività. Inoltre, l’EDR è anche un potente strumento per la raccolta di informazioni forensi a fronte di una violazione dei dati dato che è in grado di analizzare i registri creati dal sistema per rilevare chi si è connesso e determinare se responsabile o meno della violazione.

Software Antivirus

Sebbene il software antivirus sia tradizionalmente molto efficiente nel combattere i virus informatici, le moderne versioni sono in grado di garantire un’ottima difesa contro altri tipi di minacce. Un robusto programma antivirus controlla il computer e identifica minacce note oltre a rilevare una varietà di attacchi malware. Di fatto, il software antivirus utilizza i profili esistenti degli attacchi che hanno avuto un impatto sugli utenti e controlla il sistema per vedere se questi tipi di programmi dannosi sono presenti nel computer, informando sugli eventuali elementi “indesiderati” ed eliminandoli. Ne consegue che, con il giusto software antivirus, le PMI sono in grado di difendersi da molte delle minacce cyber.

Firewall di nuova generazione (Next-Generation Firewalls – NGFW)

Essi offrono ampie protezioni contro una serie di minacce, rendendo anche più facile per gli utenti esterni usufruire di connessioni sicure alla rete. Il loro funzionamento consiste nell’ispezionare i pacchetti di dati mentre vengono inviati da e verso la rete. Ne consegue che l’NGFW, se viene rilevata una minaccia nota, può scartare automaticamente il pacchetto di dati che risulta potenzialmente problematico. Inoltre, questo tipo di firewall di nuova generazione utilizza l’apprendimento automatico per individuare comportamenti dannosi. Ne consegue che anche gli attacchi zero-day possono essere fermati perché la natura del codice dannoso può essere rilevata senza che il sistema sia stato informato in anticipo della sua esistenza. Un NGFW può anche essere utilizzato per configurare una rete privata virtuale (Virtual Private Network – VPN).

Protezione DNS (Domain Name System Protection)

Essa offre un ulteriore livello di difesa, impedendo ai dipendenti di accedere a siti Web ritenuti pericolosi. Questi sistemi possono anche filtrare i contenuti che non si desidera che entrino nella rete, nonché i contenuti a cui si preferisce che gli utenti non accedano.

Sicurezza del gateway di posta elettronica (E-mail Gateway Security)

È possibile impedire che e-mail indesiderate – contenenti spam o malware – si “infiltrino” negli account degli utenti. Grazie a questa soluzione – nel caso la PMI disponga in un’altra sede di una rete SD-WAN (Software-Defined Wide-Area Network) e si voglia garantire che tutti gli utenti siano protetti, indipendentemente da dove si trovino – si potrà evitare di ricevere tipi di messaggi pericolosi o indesiderati, mantenendoli al di fuori della rete e garantire, al contempo, che lo spazio di archiviazione della posta elettronica non venga intasato di spam.

Rilevamento e prevenzione delle intrusioni (Intrusion Detection and Prevention – IDS/IPS)

Questo sistema funziona esaminando il contenuto dei pacchetti di dati mentre tentano di entrare nella rete e si differenzia dal firewall tradizionale che, invece, esamina le informazioni all’interno delle intestazioni dei pacchetti. DI fatto, il sistema IDS/IPS permette di bloccare molti tipi di minacce e, se dotato di una piattaforma completa di intelligence, di identificarne il codice dannoso.

Gestione e registrazione degli accessi (Logging and Log Monitoring)

Questa soluzione permette di semplificare l’attività di blocco delle minacce e, in caso di violazione, di comprendere come esse siano penetrate nel sistema. Di fatto, la registrazione degli accessi fornisce informazioni dettagliate, comprese le descrizioni con data e ora dell’attività, il che rende molto più semplice correlare gli attacchi con i dispositivi o gli utenti che potrebbero essere stati la causa della violazione.

Protezione degli endpoint (Endpoint Protection)

La protezione degli endpoint si concentra sulla sicurezza di laptop, desktop e dispositivi mobili che si connettono alla rete. Ciò è particolarmente importante quando i dipendenti lavorano da remoto. Ovvero, la protezione degli endpoint permette di rafforzare le difese di ogni dispositivo che gli utenti connettono alla rete, estendendo efficacemente i confini delle difese interne.

Servizi di autenticazione/VPN

Le PMI, grazie ad al servizio di autenticazione, possono impedire ad utenti indesiderati e ad hacker di entrare nella propria rete, strutturando un sistema di gestione degli accessi privilegiati (Priviledged Access Management – PAM) che costringe ad autenticarsi prima di connettersi al sistema, impedendo accessi potenzialmente pericolosi alle proprie risorse digitali. Ovvero, l’utilizzo di una VPN richiede a tutti gli utenti di inserire le proprie credenziali di accesso. Inoltre, si possono anche crittografare tutti i dati che vengono scambiati tra gli utenti e il proprio sistema, proteggendo i dispositivi e la rete dalle minacce esterne.

Sicurezza cloud-based

Si fa riferimento alle tecnologie e alle politiche utilizzate per proteggere le risorse basate su cloud dagli attacchi informatici. Questi tipi di soluzioni proteggono le risorse cloud in termini di: dati, applicazioni, servizi, infrastruttura cloud.

WAF (Web Application Firewall)

Una tipologia di firewall che protegge le applicazioni basate sul Web, contrastando le azioni degli hacker che potrebbero tentare di infiltrarsi per rubare informazioni o sfruttare una vulnerabilità di una app Web. Ovvero, viene filtrato tutto il traffico inviato da e verso il servizio Web e, se viene rilevata una minaccia, i dati ad essa associati possono essere eliminati automaticamente.

Software-defined wide-area networks (SD-WAN) SD-WAN

Si tratta di una rete che si estende su una grande distanza geografica che utilizza componenti software per controllare le operazioni di rete e fornire dettagli granulari su come viene gestito il traffico. Le PMI, utilizzando SD-WAN, possono di configurare una rete aziendale, utilizzando connessioni sicure ai data center e collegamenti a banda larga attraverso uffici sparsi in diverse sedi. In questo modo esse ottimizzano l’utilizzo delle proprie risorse digitali, garantendo allo stesso tempo un supporto adeguato e la cybersecurity.

Gestione delle password aziendali 

Le PMI, grazie alla gestione delle password aziendali e degli accessi privilegiati (Enterprise Password Management – EPM/Gestione degli accessi privilegiati (Priviledged Access Management – PAM), possono mantenere il controllo delle attività e delle identità di tutti gli utenti e dei dispositivi che si interfacciano con la propria rete. Ne consegue che solo gli utenti a cui sono state concesse le credenziali di accesso sono autorizzati a interagire con la rete e, in caso di necessità, è possibile revocare loro i privilegi di accesso (ad esempio, in caso di licenziamento o cambio di mansione).

Gestione delle vulnerabilità e delle minacce (Vulnerability and Threat Management)

La gestione delle vulnerabilità e delle minacce comporta sia la riduzione dell’esposizione alle minacce sia la garanzia che gli endpoint siano adeguatamente protetti, rendendo resiliente le PMI in caso di violazione. Ciò comporta un approccio strutturato in termini di tecnologie, strumenti, criteri e personale. Inoltre, è necessario implementare un sistema per la segnalazione dei problemi in modo da gestire eventuali punti di cedimento e da prevenire gravi violazioni.

Rilevamento delle minacce (Threat Detection)

Un sistema permette l’analisi di tutte le risorse connesse alla rete, nonché della rete stessa, con il proposito di ricercare attività, applicazioni e utenti sospetti, attraverso i dati generati da vari eventi sulla rete e rilevare eventuali attività sospette. Il sistema di rilevamento può anche coinvolgere un sandbox che contiene eventuali minacce in un ambiente isolato, tenendole lontane dalle aree sensibili della rete. Ovvero, mentre la minaccia si trova all’interno di questo ambiente controllato, la sua attività viene attentamente monitorata, consentendo agli amministratori di studiare e imparare da essa.

Enisa – SME tool per la cybersecurity

Enisa, a fine marzo, ha rilasciato SME tool. Si tratta di uno strumento per le PMI che vuole convertirsi in una risorsa preziosa per migliorarne il livello di sicurezza e supportarle nel comprendere il proprio livello di maturità in termini di cybersecurity. Ovvero esso mira a:

  • Aumentare la comprensione dei rischi e delle minacce alla cybersecurity (i.e. phishing, ransomware basati su ETL, minacce settoriali, ecc.).
  • Sensibilizzare, promuovere ed ampliare le migliori pratiche di cybersecurity in tutta l’UE attraverso il coinvolgimento delle autorità e delle associazioni nazionali, delle camere di commercio, delle organizzazioni, ecc.
  • Garantire un maggiore coordinamento tra gli Stati membri in merito a temi di cybersecurity relativi alle PMI.

L’iniziativa di ENISA rientra nell’attuazione della direttiva sulla sicurezza delle reti e delle informazioni (i.e. NIS2) e si prefigge, appunto, di aiutare gli Stati membri nell’implementazione delle politiche necessarie per rafforzare la cyber resilience e per garantire la base di igiene informatica nelle PMI, considerando che la maggior parte di essere è esclusa dal campo di applicazione della direttiva a causa delle proprie dimensioni.

Pertanto, lo SME tool è stato concepito per soddisfare le esigenze specifiche delle PMI e per fornire orientamenti e assistenza facilmente accessibili. Le PMI, oltre a identificare i rischi che devono gestire, possono usufruire di un remediation plan per mitigarli, migliorando, al contempo, la propria maturità in termini di cybersecurity.

Le funzionalità del tool

Lo SME tool include le seguenti funzionalità:

  • Valutazione della sicurezza informatica – Lo strumento online, sulla base di diverse domande, valuta se la PMI è a un livello di maturità base, avanzato o esperto in base alle dimensioni dell’attività, al budget disponibile, al settore di attività, all’identificazione generica delle risorse, ecc., ed attuare un confronto con altre imprese similari.
  • Sicurezza informatica e piano d’azione personalizzato: lo SME tool mette a disposizione anche un piano d’azione propedeutico a fornire azioni di follow-up su misura e ad aumentare il livello di cybersecurity delle PMI sulla base di raccomandazioni che rimandano alle migliori pratiche di cybersecurity.

Inoltre, lo SME tool consente di effettuare una valutazione in termini di:

  • Persone – Valutare se il personale è sufficientemente preparato ad affrontare le minacce informatiche.
  • Tecnologia – Comprendere la tecnologia utilizzata e come selezionare e implementare le migliori pratiche di cybersecurity.
  • Processi – Garantire che l’organizzazione disponga dei processi giusti per affrontare i rischi di cybersecurity.

Conclusioni

Le PMI possono considerare numerose soluzioni presenti sul mercato per salvaguardare la propria cybersecurity e cyber resilience. Tuttavia, non dimentichiamo che, una linea strategica d’azione altamente raccomandata – soprattutto quando si tratta di cybersecurity per le PMI – è investire in formazione e aggiornamenti regolari.

La consapevolezza e l’educazione sono intrinseche alla cybersecurity e all’uso delle migliori pratiche dell’IT. Pertanto, la strutturazione di percorsi di awarness e cybersecurity costituisce una leva strategica fondamentale. Inoltre, è doveroso ricordare che la cybersecurity è responsabilità di tutti e nessuno deve essere lasciato indietro. Ancora, sarebbe auspicabile diffondere maggiormente nelle PMI la conoscenza dei principi di Risk Management, Business Continuity e Cybersecurity propedeutici ad avviare il cammino sine die verso la cyber resilience.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3