l'analisi

Privacy e Facebook: tre motivi per cui è una sfida difficile per l’Europa

Nonostante le buone intenzioni dell’Europa, La ricombinazione dei dati e sfruttamento commerciale non sarà frenata dal GDPR. La consapevolezza dei cittadini è sempre sfavorita dal contesto. E lo sviluppo dei big data analytics darà il colpo di grazia

12 Apr 2018
Fabiana Di Porto

professore associato di Diritto dell’economia, Università del Salento

privacy_629187329

Il 2018 è stato l’anno del risveglio per i sostenitori della libera circolazione dei dati (cfr. la Proposta di Regolamento del 13 settembre 2017): le cronache del Russiagate e di Cambridge Analytica hanno mostrato al mondo quanto la protezione dei dati gestita privatamente e l’accumulo degli stessi da parte di un piccolo gruppo di grandi aziende possano essere problematici.

Ebbene, sembra che nonostante le buone intenzioni della Commissione europea, questa sia una sfida molto complicato

Ricombinazione dei dati e sfruttamento commerciale

In tempi di cambiamenti repentini, alcune questioni legate al rapporto tra norme a tutela della concorrenza e alla protezione dei dati che sembravano sopite nel dibattito dottrinale, sono tornate con urgenza alla ribalta. La ri-combinazione di dati personali e non personali da parte di aziende digitali dominanti, acquisite attraverso il web, è una di queste. La ri-combinazione implica che i dati appartenenti a un individuo siano raccolti per formare uno o più profili comportamentali e, soprattutto, che i profili siano sfruttati commercialmente per vendere prodotti o servizi “mirati”.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Ma anche che tali dati e profili siano eventualmente rivenduti ad altre società. Pertanto, sebbene la ricombinazione sia il fulcro delle economie di scala e di scopo che consente la fioritura della data economy, oltre una certa soglia essa funge anche da leva per il potere di mercato di grandi imprese di dati (in particolare delle piattaforme), consentendone l’ulteriore accumulo e sfruttamento.

Già il Parlamento europeo, nella sua Risoluzione “Implicazioni dei Big data in termini di diritti fondamentali” del 14 marzo 2017, era stato profetico nel sottolineare che, grazie agli algoritmi di big data analytics, “le informazioni sensibili sulle persone possono essere dedotte da dati non sensibili, circostanza che rende poco chiara la distinzione tra dati sensibili e non-sensibili” (punto 3).

In altre parole, le garanzie tecniche come l’anonimizzazione dei dati personali (prevista nel GDPR – che entrerà in vigore il 25 maggio 2018) potrebbero essere nullificate, dato che frammenti di dati non personali, una volta ri-combinati tramite gli algoritmi, aumentano la possibilità di reidentificazione e quindi di profilazione.

Pertanto, la proposta di Regolamento sopra menzionata sul libero flusso di dati, improntata alla più ampia liberalizzazione dell’accumulo e trattamento massivi di dati non personali da parte di imprese europee ed estere, troverà solo limitati vincoli nel GDPR, e pertanto contribuirà ad amplificare ulteriormente il potere di mercato.

La consapevolezza dei cittadini per la privacy

Strettamente connesso, è il tema, ben noto, della limitata consapevolezza e comprensione che i consumatori (e i cittadini, più in generale) tendono ad avere sia dei dati che trasmettono alle piattaforme (e delle varie implicazioni legali e sociali), sia dei loro diritti di accesso e controllo sull’utilizzo di tali dati, anche mediante l’elaborazione. Ciò è dovuto all’incidenza di ben noti bias cognitivi ed euristiche, come il sovraccarico informativo, il problema dell’accumulo, l’inerzia, l’overconfidence, che influenzano il processo decisionale dell’individuo (Tversky & Kahneman 1978, Ben-Shahar e Schneider 2014). Benchè i consumatori tendano a considerare la privacy online una priorità, le evidenze empiriche dimostrano che essi trascorrono pochissimo tempo a leggere i privacy statement prima di scaricare una “app” (è il cosiddetto “no-reading” bias). Ciò, a sua volta, dimostra che la conoscenza dei diritti derivanti dal GDPR (come l’accesso, il controllo e la portabilità dei dati) è ben lungi dall’essere diffusa.

Inoltre, è un luogo comune che online “i dati” siano la valuta e che quindi le regole di concorrenza non siano idonee a porre un freno al potere di mercato delle piattaforme, anche quando si tratti di “data superdominance” (la concorrenza è “one click away” e i dati sono acquisibili, in quanto reperibili ovunque, a basso costo). Tuttavia, online, più che i dati, ciò che ha valore sono i “profili”, e questi possono essere ottenuti anche facendo leva su altri bias, come l’euristica del “gratuito” o il “prendere o lasciare” (Sugden, Wang ,Zizzo 2015). Questi, a loro volta, portano a quella che viene definita “collusione asimmetrica” (Dow Shüll 2012) tra consumatori e società di big data, che conduce i primi ad accettare una sorveglianza altamente granulare e continua in cambio di servizi personalizzati gratuiti (benefici a breve termine); con l’effetto a lungo termine di erodere la loro capacità di autodeterminazione.

In altri termini, il potere di mercato è acquisito o aumentato (o entrambi) facendo leva, “sfruttando”, i bias evocati ovvero l’inconsapevolezza degli utenti sui loro diritti di accesso e controllo dei propri dati.

Big data analytics e privacy

Un ulteriore profilo riguarda l’intersezione tra l’esercizio del potere economico e l’autonomia individuale nei mercati digitali. L’avvento della quarta rivoluzione, infatti, aggrava il problema dell’asimmetria informativa da parte del consumatore, riducendo così l’estensione della sua autonomia contrattuale (Di Porto, 2017). Raccogliendo “tracce” digitali del consumatore, le aziende che utilizzano big data analytics (a prescindere dalla dimensione) possono anticipare gran parte della sua volontà contrattuale (ad esempio, la disponibilità a pagare, il livello di qualità accettabile, ecc.). Esempi sono rinvenibili nei prezzi algoritmici mirati, nelle classifiche, nelle recensioni e perfino nei risultati delle ricerche, che sono profilati sui nostri gusti e interessi. Consentire alle aziende di manipolare attraverso gli algoritmi le informazioni che producono e distribuiscono a beneficio dei consumatori, significa indebolire la validità e la genuinità delle loro scelte sui mercati. Ogni volta che la capacità di condizionare algoritmicamente le preferenze e le convinzioni dei consumatori viene esercitata da “tech giants” (i cosiddetti GAFA (M)) superdominanti, allora v’è da domandarsi se non sia a rischio la democrazia economica.

Vedi invece tutto ciò che le istituzioni possono fare per tutelare la privacy contro i big del web.

Privacy, tutto ciò che le istituzioni possono fare contro i big del web

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati