l’analisi

Ai-pin: i rischi privacy dei wearable con intelligenza artificiale



Indirizzo copiato

L’AI-pin è un dispositivo indossabile che promette di rivoluzionare il modo in cui interagiamo con l’intelligenza artificiale. Ancora disponibile solo negli Usa, il prodotto potrebbe aprire nuovi orizzonti nel mercato dei wearable, ma non mancano i dubbi sulla gestione dei dati personali

Pubblicato il 14 nov 2023

Filippo Benone

Privacy Legal IT Consultant, P4I



ai pin

Humane. Un nome che ai più non dirà molto, è invece il nome della startup californiana che ha appena presentato ufficialmente AI Pin, uno dei primi dispositivi wearable interamente finalizzato al “trasporto” dell’intelligenza artificiale. L’azienda californiana, il cui CEO e founder è Imran Chaudri, veterano di Apple dove ha trascorso più di vent’anni come Design director, ha passato quasi cinque anni per progettare il suo – finora unico – prodotto.

Si tratta di un dispositivo sicuramente innovativo, di certo il primo del suo genere. Non ci si può non interrogare, dunque, non solo sugli scenari che aprirà nel mercato dei dispositivi indossabili, ma anche sui risvolti privacy.

Humane AI Pin is Finally Here: The AI Device Set to Replace iPhones!

Descrizione del prodotto: hardware e sistema operativo

Prima di addentrarci negli aspetti legati alla privacy, soffermiamoci sulle caratteristiche del dispositivo: Ai Pin, che, come suggerisce il nome, si tratta di una sorta di spilla, è costituito da un punto di vista hardware da due parti separate ma complementari:

  • una parte frontale (computer) in cui sono presenti la telecamera, il proiettore laser e una spia per tutelare la privacy segnalando – quando accesa – che il dispositivo sta registrando o fotografando. Nella parte inferiore del frontale è inoltre presente una sorta di sensore touch che serve – da quanto è stato mostrato – a dare gli input al dispositivo mentre nella parte superiore è presente un microfono e una luce (beacon) che ha la funzione di segnalare l’arrivo di notifiche o altre segnalazioni
  • una parte posteriore in cui è racchiusa la batteria e che funge anche da clip di chiusura del pin per mezzo di due potenti magneti, proprio come fosse una vera e propria spilla che si attacca ai vestiti. Il magnete emette una sorta di segnale acustico nel momento in cui il pin è correttamente fissato alla batteria al fine di evitare che possa cadere in quanto non fissato correttamente

Lato software, l’ai pin implementa un sistema operativo (Cosmos), sviluppato da Humane e completamente integrato con un algoritmo di intelligenza artificiale in grado, in base a quanto mostrato finora dall’azienda, di fornire un feedback simile – e per alcuni aspetti anche superiore – a quella di uno smartphone, senza ovviamente la necessità di un display e con comandi che possono essere impartiti attraverso la voce oppure attraverso il display laser che proietta le varie schermate (come il calendario, il meteo o il lettore musicale) direttamente sulla mano dell’utente, il quale potrà governare il dispositivo semplicemente muovendo la propria mano. Insomma, roba da film di fantascienza.

Il pin è quindi indossabile, opera grazie ad un sistema operativo con IA integrata e replica alcune funzioni degli smartphone (e smartwatch) senza la necessità di averne uno. Viene quindi da chiedersi: cosa c’è di innovativo in tutto questo? A tale quesito Humane prova a dare risposta nel video di presentazione – molto in stile Apple – in cui vengono mostrate alcune caratteristiche uniche del prodotto come, ad esempio, il fatto che attraverso la telecamera di cui è dotato sia in grado di scansionare ed analizzare qualsiasi oggetto gli si pari davanti – nel video Chaudri chiede di scansionare una manciata di mandorle per rilevarne il contenuto calorico – oppure il fatto che sia in grado di tradurre quasi simultaneamente una conversazione da una lingua all’altra, feature che sarebbe abbastanza clamorosa se funzionasse quasi in tempo reale come è stato mostrato.

Quali implicazioni per la privacy?

Uno dei primi aspetti che lo stesso CEO di Humane tiene a precisare appena iniziata la presentazione del prodotto è proprio inerente alla privacy. Il pin, viene spiegato, non sarà “always on” ma, per interagire con esso, occorrerà sempre un input da parte di chi lo indossa. Che sia un tocco oppure un comando vocale (il dispositivo pare riconosca solo ed esclusivamente la voce del proprietario), se non verrà azionato manualmente il dispositivo non ascolterà né compirà alcun tipo di altra azione. Tale aspetto, resosi necessario per poter creare un dispositivo “rispettoso” delle norme che tutelano la privacy – quantomeno negli USA – rappresenta un compromesso necessario ma senza dubbio anche uno dei punti di debolezza del prodotto.

Il fatto di dover costantemente toccare o parlare con il pin per poterlo attivare rappresenta un indubbio fattore di discomfort per l’utilizzatore finale. Immaginiamo di essere in pubblico o per strada e di dover continuamente toccare il dispositivo o, peggio ancora di dover impartire comandi vocali in mezzo alla gente. Un conto è compiere tali azioni con dispostivi domestici come Alexa o Google Nest, all’interno delle mura domestiche, altro conto è doverlo fare in mezzo a sconosciuti che ti guardano.

Altro elemento di particolare rilievo è quello relativo alla presenza di un indicatore luminoso, in questo caso posto, come già detto, in una posizione ben visibile sulla parte frontale del dispositivo, che indica quando il pin sta registrando un video o quando sta scattando una foto. In tal senso si rammenta quanto è accaduto qualche anno fa in merito alla messa in commercio degli allora Ray-Ban stories (ora Ray-Ban Meta), proprio su questa questione.

L’AI-pin e il GDPR

Il problema che aveva sollevato l’Autorità, e che sicuramente si ripresenterà anche nei confronti dell’ai pin se e quando approderà in Europa, non è tuttavia relativo al fatto che eventuali terzi siano più o meno informati rispetto al fatto che una persona sta scattando foto o registrando video attraverso una spilla o un paio di occhiali ricordando, a tal proposito, che se un privato effettua una ripresa per uso domestico, anche se riprende altre persone, quelle immagini non rientrano nell’ambito applicativo del GDPR poiché il Regolamento non si applica ai c.d. “usi domestici”, così come previsto dal considerando 18 del GDPR: “Il presente regolamento non si applica al trattamento di dati personali effettuato da una persona fisica nell’ambito di attività a carattere esclusivamente personale o domestico e quindi senza una connessione con un’attività commerciale o professionale.”.

Il punto, o meglio i punti veramente critici, così come è stato per i Ray-Ban stories, sono altri. Il Garante aveva infatti, in collaborazione con il Garante Irlandese (DPC) – in quanto Meta ha la propria sede europea in Irlanda – richiesto chiarimenti a Facebook (Meta) in merito a: “in particolare, di conoscere la base giuridica in relazione alla quale Facebook tratta i dati personali; le misure messe in atto per tutelare le persone occasionalmente riprese, in particolare i minori; gli eventuali sistemi adottati per anonimizzare i dati raccolti; le caratteristiche dell’assistente vocale collegato agli occhiali.”

Raccolta e trattamento dati: tutte le incognite di AI-pin

È evidente, infatti, che Humane entrerà automaticamente in possesso di un numero enorme di informazioni riferite agli utenti che indossano il pin, e non si sa cosa ne farà. Non si sa se utilizzerà i tali dati per alimentare e perfezionare il proprio algoritmo di AI, così come accadde per ChatGPT, oppure no; ricordando che proprio per questo motivo il servizio offerto da Open AI era stato limitatamente sospeso in Italia lo scorso marzo dal Garante.

Bisognerà quindi capire quali dati effettivamente raccoglierà Humane per mezzo del pin, dove li tratterà, cosa ne farà e quale base giuridica utilizzerà per il trattamento. Risulta infatti molto difficile credere che non verranno utilizzati i dati degli utenti per migliorare il funzionamento dell’algoritmo di AI che sta alla base di un dispositivo che trova la sua essenza proprio nel fatto di “possedere” una AI integrata. Il funzionamento degli algoritmi di intelligenza artificiale si basa infatti su un sistema di apprendimento di tipo euristico tale per cui, similmente a quanto accade per gli esseri umani, l’intelligenza artificiale impara attraverso le proprie esperienze o, in questo caso, la propria memoria.

Il termine “addestramento”, riferito all’intelligenza artificiale non è usato a caso: una AI ha un bisogno vitale della propria memoria per poter essere rapida e precisa nelle proprie risposte. Per questo motivo, se Humane raccogliesse un numero limitato di dati da poter utilizzare per l’addestramento della propria IA o non ne raccogliesse affatto, l’algoritmo sarebbe più impreciso, meno attendibile e soprattutto estremamente lento nel formulare le risposte, cosa che per un dispositivo wearable che si pone come obiettivo quello di superare e sostituire gli smartphone “tradizionali” ne decreterebbe la pressoché totale inutilità.

Altra questione riguarda l’accesso al dispositivo da parte dei minori. Non è stato specificato infatti se siano previsti dei filtri per impedirne l’utilizzo da parte di minori che potrebbero farne un uso errato nonché pericoloso. Anche in questo caso il Garante si è già espresso, adottando una linea di pensiero chiara, sia nei confronti di Open AI che di Replika.

Conclusioni

L’ai pin, come era prevedibile, lascia molti più dubbi che certezze.

Il dispositivo è stato mostrato e dato in prova ad una ristrettissima fetta di stampa selezionata e ciò che emerso dalle prime impressioni non è entusiasmante, così come testimonia la recensione non esattamente lusinghiera – per usare un eufemismo – che ha fatto Mark Wilson su “Fast Company” in cui evidenzia come “[…] Chaudhri ha creato un telefono senza schermo, ma le funzionalità che abbiamo perso in questo processo sono superiori a quelle che abbiamo guadagnato. Avendo visto l’AI Pin in azione, un progetto che ha raccolto centinaia di milioni di dollari per il suo mezzo decennio di sviluppo, sembra che Humane non abbia sbloccato il potenziale dell’AI di oggi, per non parlare di quella di domani, né abbia risolto in modo sostanziale alcun problema significativo che abbiamo con la tecnologia. Li ha solo spostati di due piedi, dalla tasca alla camicia.”.

Ciò che emerge è quindi un prodotto ancora estremamente grezzo da un punto di vista tecnologico, di dubbia utilità ma che forse, con i dovuti sviluppi, potrà fungere da apripista indirizzando gli investimenti delle big tech su queste tipologie di device; non dimenticandoci che, sebbene sottoforma di smartphone “tradizionale”, Google ha imperniato il lancio del suo ultimo Pixel 8 proprio sul fatto che sarà il primo smartphone con un sistema di AI integrato.

Al momento, Humane ha reso disponibile l’ai pin in pre-order solo negli USA (con prezzi a partire da 699 dollari) a partire dal 16 novembre, lasciando però intendere che l’intenzione dell’azienda è chiaramente quella di allargare il mercato il più possibile. Nel caso in cui dovesse arrivare in Europa è immaginabile che l’ai pin verrà passato sotto i raggi X dal Garante Europeo per la protezione dei dati (EDPS) nonché da parte delle varie autorità Garanti privacy dei singoli stati, per esaminarne ogni possibile criticità per quanto riguarda le possibili criticità in merito alla privacy.

La sensazione, in termini più generali, è tuttavia che prima di poter vedere prodotti simili distribuiti su larga scala all’interno del mercato europeo sarà necessario attendere una soluzione definitiva sull’AI Act, in modo che le aziende abbiano un quadro normativo di riferimento, che ad oggi manca. Solo allora sarà possibile immaginare un ingresso massiccio delle big tech all’interno di questo mercato. Non è certamente un caso, infatti, che Apple abbia lasciato che un suo ex dirigente creasse un dispositivo di questo tipo: se l’ai pin avrà successo è probabile che Apple acquisisca Humane e faccia rientrare Chaudri dalla porta sul retro, se invece il dispositivo rimarrà un prodotto di nicchia senza incidere sul mercato significherà che il mercato non è ancora pronto per questo “salto” e che quindi occorrerà aspettare ancora un po’.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2