Domotica intelligente

Assistenti vocali, così la Ue vuole evitare abusi e monopoli: il report

Ogni tecnologia passibile di controllo a distanza e collegata a una rete, dai dispositivi indossabili ai prodotti smart per la casa, raccoglie una mole enorme di dati e può essere utilizzata in maniera distorsiva della concorrenza. La Ue vuole mettere a punto norme e policies adatte a controllare e gestire il fenomeno

Pubblicato il 14 Giu 2021

Marina Rita Carbone

Consulente privacy

smart home

È stato pubblicato dalla Commissione europea un report sulla concorrenza e sulle potenziali questioni antitrust all’interno del mercato degli assistenti vocali, dell’Internet of Things (IoT) e dei dispositivi “smart” per la domotica intelligente.

L’inchiesta, che ha avuto avvio nel luglio dello scorso anno e ha coinvolto oltre 400 aziende, raccogliendo il parere di circa 200 delle stesse, costituirà uno dei principali spunti per consentire l’elaborazione di successive policies e norme relative al settore in esame, al fine di coordinare l’apparato normativo con quello tecnico, in costante evoluzione e mutamento.

Case intelligenti: tecnologie e sfide per il futuro

I motivi dell’inchiesta

L’indagine svolta dalla Commissione Europea ha riguardato, a tutto tondo, ogni tecnologia passibile di controllo a distanza e collegata a una rete, dai dispositivi indossabili ai prodotti smart per la casa. I regolatori, tramite tale indagine, hanno rivolto particolare attenzione agli assistenti vocali e all’IoT, in virtù dell’enorme mole di dati che tali dispositivi raccolgono e della quantità di possibili utilizzi degli stessi che le aziende possono effettuare al fine di schiacciare la concorrenza.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity

Inoltre, l’aumento esponenziale della quantità di dispositivi smart nelle case rende quanto mai prima d’ora necessaria la redazione di norme e policies adatte a controllare e gestire il fenomeno nella sua interezza.

Senza dimenticare che al centro di tale scenario vi sono i noti assistenti vocali di Apple, Amazon e Google (rispettivamente, Siri, Alexa e Google Assistant), aziende già al centro di numerose indagini per la violazione delle norme anticoncorrenziali.

All’apertura dell’inchiesta, Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva della Commissione Antitrust Europea, ha annunciato che “Il potenziale [dell’intelligenza artificiale e dell’IoT] è incredibile. Ma vedremo tutti i vantaggi – prezzi bassi, ampia scelta, prodotti e servizi innovativi – solo se i mercati di questi dispositivi rimangono aperti e competitivi. E il problema è che la concorrenza nei mercati digitali può essere fragile. Quando le grandi imprese abusano del loro potere, possono spingere molto rapidamente i mercati oltre il punto di svolta, dove la concorrenza si trasforma in monopolio. L’abbiamo già visto accadere. Se non agiamo in tempo utile, c’è il serio rischio che accada di nuovo, con l’Internet delle cose.

La necessità di analizzare il settore sorge anche dall’avvenuta crescita, negli ultimi due anni, di segnalazioni secondo cui terzi soggetti potessero ascoltare le registrazioni audio effettuate dagli assistenti vocali. I consumatori e le autorità di regolamentazione erano turbati, in particolare, dal fatto che le informazioni private, che non si sapeva venissero registrate, potessero essere ascoltate da soggetti terzi. A seguito di tali segnalazioni, quasi tutti gli sviluppatori di assistenti vocali hanno interrotto o modificato i propri servizi. Fra tutti, Apple si scusò per il suo programma e lo cambiò in un sistema di opt-in.

Le segnalazioni avviate nei confronti di Apple sono, ad oggi, ancora sotto scrutinio del commissario irlandese per la protezione dei dati.

I quesiti posti alle aziende

Le valutazioni contenute nel rapporto prendono spunto da una serie di quesiti e sondaggi compilati dalle principali aziende leader nel settore dell’IoT e della domotica non solo in Europa, ma anche negli USA e in Asia.

In particolare, la Commissione Europea ha chiesto alle aziende:

  • Quali sono le loro opinioni sul settore;
  • Come funziona la tecnologia;
  • Quali sono le forme di concorrenza che vengono adottate sul mercato;
  • Le preoccupazioni in merito alle possibili modalità di regolamentazione del mercato;
  • La panoramica del settore nei prossimi anni.

Le aziende interrogate sono state concordi nel ritenere che i dispositivi intelligenti e l’intelligenza artificiale vocale stiano crescendo rapidamente sotto il profilo tecnico, con conseguente accrescimento della loro quota di mercato. Ad oggi, gli assistenti vocali sono presenti in sempre più luoghi: la Commissione Europea, da ultimo, ha stimato che entro il 2024 si passerà dai circa 4,2 miliardi di AI vocali del 2020 a ben oltre 8,4 miliardi.

Con riferimento ai possibili ostacoli di crescita del settore, le aziende hanno rilevato che il problema più grande risieda proprio nel costo dello sviluppo dei sistemi di intelligenza artificiale, oltre che nelle barriere competitive già presenti sul mercato. Particolare rilevanza, in merito a tale questione, riveste la presenza dei giganti della tecnologia, come Amazon, Apple e Google, che presentano ecosistemi tecnologici così estesi e completi da rendere molto difficile per i concorrenti acquisire significative quote di mercato. La presenza dominante e l’esclusività dei dispositivi prodotti e commercializzati dalle Big Tech, quindi, escludono la presenza di rivali già a monte, scoraggiando l’ingresso di possibili significativi competitor.

Inoltre, si avverte come problematica l’assenza di standard ufficiali per la tecnologia in esame: all’interno di tale contesto, si consente alle grandi aziende di divenire proprietari di veri e propri “standard di fatto”, con cui le aziende più piccole si sentono costrette a lavorare, anche se l’interoperabilità fra tali standard è molto limitata.

A commento del report, Margrethe Vestager ha dichiarato che: “Quando abbiamo avviato questa indagine settoriale, eravamo preoccupati che ci potesse essere il rischio che emergessero gatekeeper in questo settore. Temevamo che potessero usare il loro potere per danneggiare la concorrenza, a scapito delle imprese in via di sviluppo e dei consumatori. Dai primi risultati pubblicati oggi, sembra che molti nel settore condividano le nostre preoccupazioni. E la concorrenza leale è necessaria per sfruttare al meglio il grande potenziale dell’Internet of Things per i consumatori nella loro vita quotidiana”.

Le possibili conseguenze dell’inchiesta

A seguito della conclusione di tale prima fase esplorativa, la Commissione europea accetterà di ricevere ulteriori feedback e approfondimenti fino all’inizio di settembre, al fine di giungere alla versione definitiva del rapporto per la prima metà del 2022.

Sulla scorta di quanto emerge dall’inchiesta in esame, la Commissione provvederà ad elaborare nuovi quadri normativi di regolamentazione del settore, attualmente già in fase di discussione. Le peculiarità e le criticità emerse nel report, infatti, avranno un impatto potenzialmente significativo sulle future leggi di regolamentazione dei mercati digitali.

Terminata l’inchiesta, la Commissione Europea potrà provvedere, a seconda dei risultati emersi, anche ad avviare cause legali nei confronti delle aziende che dimostrano di violare le prescrizioni normative.

“I risultati di questa indagine dovrebbero aiutarci a individuare situazioni in cui le aziende potrebbero aver infranto le regole di concorrenza”, ha affermato Margrethe Vestager, “Ma l’inchiesta farà di più. Contribuirà con informazioni utili che possono alimentare le iniziative normative della Commissione che riguardano l’Internet of Things – proprio come la nostra ultima indagine settoriale, sui mercati del commercio elettronico, ha contribuito alle norme contro il geoblocking ingiustificato. E invia anche un messaggio importante ai potenti operatori di questi mercati che li stiamo osservando e che devono fare affari in linea con le regole di concorrenza”.

Le Linee Guida sugli assistenti vocali

Non è la prima volta che l’Unione Europea pone l’accento sugli assistenti vocali e sul loro funzionamento. Il 9 marzo 2021 EDPB pubblicava la prima bozza delle Linee Guida 02/2021 sugli assistenti vocali virtuali (o Virtual Voice Assistant – VVA), al fine di regolare le modalità di raccolta dei dati personali degli utenti e consentirne la piena consapevolezza, in un’ottica di massima trasparenza.

Occorre ricordare che, quando operativi, gli assistenti vocali raccolgono e memorizzano enormi quantità di dati e informazioni personali, appartenenti non solo al diretto utilizzatore ma anche agli eventuali terzi presenti nello stesso ambiente dell’utilizzatore.

Tra le categorie di dati che l’assistente vocale può raccogliere rientrano:

  • Le scelte, le preferenze e le abitudini relative allo stile di vita, ai consumi e agli interessi personali;
  • Dati biometrici come la voce ed il timbro vocale;
  • I dati di geolocalizzazione, come la posizione, il domicilio, l’indirizzo del posto di lavoro, i percorsi compiuti frequentemente;
  • Il numero e i tratti principali (sesso, età, ecc.) dei soggetti che si trovano nello stesso ambiente dell’assistente vocale;
  • Lo stato emotivo dell’utilizzatore.

È particolarmente importante, pertanto, che gli utenti possano comprendere quali siano rischi e benefici connessi all’utilizzo di tali strumenti.

Si pensi inoltre alle problematiche connesse all’accensione accidentale dell’assistente vocale, con conseguente acquisizione di informazioni, anche sensibili. Le linee guida offrono degli spunti su come limitare tali problemi, tenendo l’utente informato su quali dati siano stati memorizzati di recente e adottando soluzioni tecniche che consentano di impedire l’accensione accidentale dell’assistente, come i filtri del rumore che permettano di eliminare tutte le parole tranne quelle necessarie a “risvegliare” l’assistente.

Conclusioni

Le linee guida sono ancora soggette a importanti revisioni, quindi è difficile allo stato attuale capire quale sarà l’impatto che le stesse avranno su aziende Amazon, Google ed Apple. Tuttavia, la redazione delle linee guida e l’avanzamento di numerose inchieste di settore, è una positiva testimonianza di come stia crescendo la sensibilità sul tema, e della sempre maggiore rilevanza che la privacy e la disciplina antitrust rivestono anche nel mercato digitale.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati