servizi digitali

DPO per il gaming online, perché è una priorità: tutti i compiti



Indirizzo copiato

Il ruolo del DPO nell’ambito del gaming online assume una rilevanza strategica, considerando l’importanza degli aspetti privacy e data protection: ecco una panoramica sulla situazione

Pubblicato il 12 dic 2023

Stefano Gazzella

Responsabile Comitato Scientifico, Privacy Officer Associazione Italiana Influencer



gaming-3

Le piattaforme di gaming online rappresentano un settore di attività dall’indubbia capacità di generare elevati introiti, ma ciò comporta sia l’esposizione a rischi di sicurezza cyber che a dover elevare le tutele per tutti gli interessati coinvolti stante l’elevato volume di dati personali trattati. Da qui, il ruolo di presidio del DPO che deve però incontrare alcune garanzie di efficacia.

La tutela della privacy nel settore del gaming online

Quello del gaming online è un settore articolato e complesso per contesto, larga scala degli interessati coinvolti e moltitudine di operatori che intervengono ad esempio nell’organizzazione di eventi, arene e tournament. Così, la crescente diffusione di interesse nel settore degli eSport ha portato non solo a grandi convergenze economiche, ma anche a porre una sempre maggiore attenzione agli aspetti strettamente correlati di sicurezza e privacy.

Di certo, il primo ad essere stato attenzionato è stato proprio l’ambito della sicurezza ai fini della protezione del core business. Dalle garanzie di continuità di servizio e la prevenzione di attacchi di DoS, alla protezione degli account da data leak e attacchi mirati per la sottrazione di credenziali o metodi di pagamento, ai controlli antifrode per evitare abusi dei sistemi impiegati dalle piattaforme e cheating, gli esempi non mancano. Non sorprende inoltre che per la natura dei servizi la priorità della sicurezza informatica sia sempre stata evidente, con una continua ricerca delle migliori soluzioni offerte dallo stato dell’arte e ingenti investimenti a riguardo.

Per quanto concerne invece la gestione dei dati personali, a parte la stretta correlazione con la sicurezza[1], di certo è stato l’intervento del GDPR e la sempre più incisiva produzione normativa dell’Unione Europea in tema di servizi digitali ha accelerato l’interesse a ricercare non solo una conformità alle regole per continuare ad operare ed evitare sanzioni, ma ha saputo fornire anche degli spunti ulteriori. La capacità attrattiva di un servizio online che viene presentato ad un vasto pubblico di riferimento, fra cui anche soggetti minori d’età, è sempre più interrelata con le garanzie che può presentare anche nell’assicurare trasparenza e controllo circa l’impiego dei propri dati personali.

La diffusione di consapevolezza

Uno dei fattori che ha contribuito a questa esigenza di convergenza è stata certamente un’aumentata consapevolezza – dovuta anche a spinte di attivismo civico digitale, o l’azione pedagogica di autorità di controllo e del settore pubblico – da parte del consumatore digitale nei confronti dei servizi offerti online e la ricerca di un potere di selezione. Questo si può comunemente constatare in una generale diffidenza nei confronti di clausole quali “take-it-or-leave-it” nelle circostanze di evidenti squilibri contrattuali e asimmetrie informative, che porta al rischio di abbandono o rinuncia della fruizione del servizio da parte dell’utente.

Infine, non è da sottovalutare il ruolo che può aver avuto l’informazione relativa agli eventi di attacchi informatici e data leak che hanno coinvolto più frequentemente il settore del gaming, che ha portato ad un comportamento generalmente più prudente soprattutto nel caso di violazioni di credenziali o wallet.

Progettazione di backend e di UX/UI design: il coinvolgimento del DPO

Se la selezione, o preferenza, di un servizio di gaming rispetto ad un altro transita dunque per questo binomio security-privacy, è chiaro che già nella progettazione di backend, e soprattutto nelle implementazioni di UX/UI design, il coinvolgimento di una funzione privacy quale quella del DPO è fondamentale.

Non solo in quanto l’obbligo di designazione del DPO è richiamato in ragione della conduzione di attività principali che prevedono un monitoraggio regolare e sistematico di interessati su larga scala[2], ma anche perché tale funzione può contribuire ad un miglioramento concreto ed effettivo nell’offerta e presentazione dei servizi. Soprattutto poi se erogati da soggetti che non risiedono all’interno dell’Unione Europea, e dunque necessitano di un rappresentante, possono trarre un rilevante beneficio di mercato attraverso ogni rafforzamento di quelle tutele e garanzie che sono in grado di comprovare.

Già nello sviluppo di backend è infatti fondamentale che il titolare possa essere assistito dalla consulenza del DPO affinché vi sia un’impostazione corretta secondo privacy by design e privacy by default, nonché il corretto inquadramento dei ruoli e delle responsabilità dei soggetti che possono intervenire sui dati. Nell’elaborazione delle funzioni di piattaforma da rendere disponibili agli utenti e nelle modalità di presentazione delle stesse, è rilevante non solo il fattore della trasparenza ma anche la possibilità di consentire attraverso le stesse l’esercizio dei diritti. Emblematicamente: l’accesso ai dati generati dall’utente, la possibilità di chiedere il takout degli stessi, la procedura di cancellazione dell’account.

Il ruolo dei controlli automatizzati

Non bisogna sottovalutare infine il ruolo che possono avere alcuni controlli automatizzati, spesso per finalità antifrode, che però devono consentire[3] un intervento dell’utente a riguardo. E qualora le piattaforme rientrino nell’ambito di applicazione del Digital Services Act, è opportuno che prevedano già in tale sede anche il sistema interno di gestione dei reclami[4] e la disponibilità dello stesso lato utente.

In ogni caso, la trasparenza nei confronti dell’interessato gioca un ruolo fondamentale, tanto nell’ipotesi che questo sia un partecipante alla gara, a una demo, o sia uno spettatore. Particolare attenzione deve essere inoltre posta nel momento di early stage della piattaforma, stanti i vincoli circa la promozione della stessa e soprattutto le garanzie cui deve comunque provvedere anche in una fase iniziale ad accesso anticipato in versione alfa o beta, anche su invito.

La tutela dei minori online: age verification e sistemi KYC

Sia che venga offerto un servizio nei confronti di soggetti di maggiore età, che anche di minorenni, il nodo del controllo accessi mediante age verification è uno degli argomenti che prima o poi transiterà sul tavolo del C-level e che inevitabilmente coinvolgerà anche l’ufficio del DPO. La ricerca di equilibrio fra tutele prestate e una raccolta sproporzionata di informazioni è il punto focale di un ragionamento che può portare a selezionare dei servizi di age/ID verification, peraltro in parte già previsti dagli obblighi di svolgere controlli di tipo KYC (Know Your Customer) nel caso di contest a premi, ai fini del rispetto delle disposizioni normative in tema di antiriciclaggio.

Nelle verifiche KYC tali controlli sono spesso svolti mediante provider terzi, con i quali è possibile però definire non solo le modalità di ricezione sicura dei dati, ma anche la data retention e soprattutto l’output fornito che dovrà seguire il principio di minimizzazione dovendo fornire evidenza circa l’idoneità o meno per l’accesso alla piattaforma. E ovviamente predisporre un conseguente blocco automatico.

I successivi controlli su segnalazione, invece, che possono essere ricevuti da parte di altri utenti non solo per irregolarità (cheating) ma anche per la presenza di minori di età la cui iscrizione non è consentita, dovranno necessariamente seguire invece le previsioni già richiamate in tema di controlli automatizzati.

Garantire il presidio del DPO

Stante la complessità delle attività di trattamento svolte, così come l’esigenza della conduzione di una DPIA anche per la definizione dei ruoli svolti dai vari soggetti che intervengono e delle garanzie cui occorre provvedere nei confronti degli interessati a cui vario titolo si può rivolgere la piattaforma di gaming, è indubbio che il presidio del DPO assuma una rilevanza strategica. Tanto premesso, l’ufficio del DPO non deve solamente essere selezionato per l’adeguatezza allo svolgimento dei proprio compiti ma anche essere dotato di risorse sufficienti, così come inserito in una corretta posizione[5] all’interno dell’organizzazione, e ne sia garantita la raggiungibilità tanto da parte degli interessati che per il personale interno o esterno di cui il titolare si avvale.

Altrimenti, la mancata integrazione del DPO non solo realizza una perdita di opportunità, ma può anche comportare un aumento di costi operativi, strategici ed economico-finanziari. Ad esempio, il mancato coinvolgimento in sede di progetto comporta l’esigenza di compiere interventi successivi, così come l’impossibilità di riferire tempestivamente ai vertici decisionali può riflettersi in ritardi. E qualora ciò non venga considerato, c’è un’esposizione a rischi sanzionatori con tutte le conseguenze del caso, fra cui essere destinatari di un provvedimento di blocco o divieto dei trattamenti oltre che sanzionatorio.

Dal momento che il DPO rappresenta un fattore critico di successo, deve innanzitutto essere riconosciuto come tale dal management e da tutti i soggetti (interni o esterni) che intervengono nel processo di sviluppo, in modo tale che la sua opinione venga debitamente considerata. Inoltre, è opportuno che vengano favorite dal titolare delle sinergie virtuose, anche attraverso la predisposizione di canali di comunicazione interna, riunioni periodiche di progetto e attuazione, nonché un programma di audit e controlli che non si occupi solamente degli aspetti di sicurezza ma anche della corretta gestione dei dati.

Note


[1] Emblematicamente, art. 5 par. 1 lett. e) e art. 32 GDPR.

[2] Ricorrendo così l’ipotesi di cui all’art. 37 par. 1 lett. b) GDPR.

[3] Come da art. 22 GDPR.

[4] Come da art. 17 Digital Services Act.

[5] Come previsto dall’art. 38 GDPR.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4