Garante privacy

Giorno della privacy, Scorza: “Tempo di bilanci: ecco le lezioni apprese”



Indirizzo copiato

Guido Scorza dell’Autorità Garante, in occasione del giorno della privacy, fa il bilancio di metà mandato e guarda al futuro dei prossimi anni, sempre più intrisi di sfide. Ecco le principali

Pubblicato il 29 gen 2024

Guido Scorza

Autorità Garante Privacy



privacy r

Quest’anno la giornata europea della protezione dei dati personali istituita dal Consiglio d’Europa (28 gennaio) precede esattamente di un giorno la fine della prima metà del mandato – o, se si preferisce l’inizio della seconda metà – del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali presieduto da Pasquale Stanzione e insediatosi il 29 luglio del 2020.

Giorno della privacy, un bilancio

È l’occasione per un primo bilancio, naturalmente di parte, come è naturale che sia se a tracciarlo è chi è direttamente coinvolto in un’esperienza del genere e, ovviamente, assolutamente personale perché ciascuno vive certe esperienze in una prospettiva diversa.

Sono stati tre anni e mezzo non convenzionali per le cose della protezione dei dati personali in buona parte perché sono stati tre anni e mezzo non convenzionali nella vita del mondo.

Pandemia e green pass

A cominciare dalla pandemia che ha, indubbiamente, rappresentato uno stress test, in particolare nel rapporto, tra diritto alla salute e diritto alla privacy senza precedenti nell’ambito del quale trovare una posizione di bilanciamento nella rivalità – almeno apparente – tra l’esigenza di garantire la salute dei cittadini e quella di proteggere la loro privacy non è stato sempre facile.

In Italia come, per la verità, nel resto d’Europa e del mondo.

Basti pensare che, per la prima volta nella sua storia ormai ultra venticinquennale, il Garante si è trovato costretto a adottare un provvedimento di avvertimento all’indirizzo del Governo in relazione all’attuazione della disciplina originaria di quello che sarebbe poi divenuto il Green Pass.

Ma da quei giorni e da quell’esperienza, probabilmente, abbiamo tutti imparato molto.

La privacy non cede a compromessi

Abbiamo imparato – o almeno abbiamo avuto l’occasione di imparare – innanzitutto che è sbagliato proporre un antagonismo tra il diritto alla privacy e il diritto alla salute perché un bilanciamento, per quanto talvolta difficile, è possibile e perché, in ogni caso, non si può chiedere alle persone di scegliere tra due diritti fondamentali.

Intelligenza artificiale

Ma questi tre anni e mezzo e, in particolare, l’ultimo, sono stati anche gli anni dell’esplosione del fenomeno dell’intelligenza artificiale nella sua dimensione di tecnologia popolare ancorché certamente non nuova.

E si è trattato di un’esplosione che ci ha posto davanti, in Italia come nel resto del mondo, a sfide inedite.

È indelebile, probabilmente, il ricordo di quel 31 marzo 2023, nel quale il Garante italiano, primo al mondo, ha sollevato il problema della compatibilità di una specifica applicazione di intelligenza artificiale – ChatGPT3 di OpenAI – con la disciplina sulla protezione dei dati personali, adottando un provvedimento d’urgenza nei confronti della società americana.

Un errore o una decisione opportuna?

In tanti almeno nell’immediatezza di quella decisione si sono detti convinti – e lo hanno fatto a gran voce – che si sia trattato di un errore, di una decisione della quale si sarebbe potuto e dovuto fare a meno per non dare a pensare al mondo che l’Italia sia un Paese ostile all’innovazione.

Qualche settimana dopo, tuttavia, la questione della legittimità sotto il profilo della disciplina sulla privacy dell’attività di OpenAI era sotto i riflettori di decine di Autorità di protezione dei dati personali in mezzo mondo.

Inutile cercare oggi una risposta e meglio lasciare il giudizio alla storia.

Qui, però, forse è utile ricordare che a valle di quell’iniziativa a Bruxelles, in seno all’EDPB è stata istituita una task force che sta ora cercando di identificare una posizione europea comune su molte questioni sollevate con l’adozione del provvedimento del Garante italiano e che le Istituzioni europee hanno introdotto una disciplina sui modelli generativi nel draft di regolamento sull’intelligenza artificiale che, sino a quel momento, non affrontava affatto la questione.

A volte anche dagli errori, se così la storia dovesse giudicarlo, nascono cose buone.

Fermo restando che, ma anche questa è una personalissima posizione, che, forse, se vogliamo che l’impatto delle nuove tecnologie sulla società sia sostenibile, dovremmo imparare a considerare davvero innovazione solo quelle forme di nuove tecnologie capaci effettivamente di accrescere il benessere collettivo e tener presente che non si può accrescere il benessere collettivo dimenticando o, peggio, travolgendo dei diritti fondamentali come il diritto alla privacy.

Ma se c’è una certezza è che nella seconda metà del mandato ci si ritroverà a occuparsi di intelligenza artificiale e protezione dei dati personali più di quanto si è fatto sin qui anche perché, in un modo o nell’altro, ci si troverà, per primi, a applicare, per quanto di nostra competenza, l’AI Act, il regolamento europeo, ormai di imminente approvazione, sull’intelligenza artificiale.

La prima metà del mandato, peraltro, ha coinciso anche con i primi venticinque anni di vita del Garante, un compleanno importante e un’occasione preziosa, come si è provato a ricordare con una serie di iniziative pubbliche, in diverse città italiane – Roma, Torino, Napoli – per celebrare le origini dell’Autorità e il ruolo svolto a servizio dell’Italia, in un Paese e in un mondo in continua evoluzione.

Priorità: i più deboli

È difficile cercare, in un intervallo di tempo tanto lungo e intenso come questi primi tre anni e mezzo di mando milestones, temi o provvedimenti che lo abbiano contraddistinto più di altri, senza far torto a qualcuno.

Difficile al tempo stesso dubitare che la difesa del diritto alla privacy dei più fragili della società, gli “ultimi” di Papa Francesco, non sia stata una delle priorità o, almeno, uno dei grandi temi dei quali ci si è occupati di più, con un riferimento particolare alla questione della privacy dei bambini, dell’age verification ovvero dell’esigenza di rendere effettivo il divieto di accesso dei più piccoli a piattaforme che, semplicemente, non sono disegnate per loro.

I più giovani, bambini inclusi, oggi pagano letteralmente il loro diritto a vivere e giocare nella dimensione digitale con i loro dati personali e lo fanno, naturalmente, senza alcuna consapevolezza, incapaci come sono di capire davvero quanto vale ciò a cui rinunciano e quanto ciò che acquistano e lo fanno accettando, naturalmente in maniera inconsapevole, rischi che talvolta si dimostrano enormemente più grandi di loro, a volte fatali.

Inutile, probabilmente, qui ricordare uno dei primi provvedimenti adottati dall’Autorità in questa direzione: quello con il quale si ordinò, in via d’urgenza, a TikTok di mettere alla porta tutti gli utenti italiani e farli rientrare, uno per volta, dopo aver almeno chiesto loro nuovamente di dichiarare la loro età per cercare di tener fuori chi non avesse tredici anni.

Molti utenti infratredicenni, in quei giorni, in effetti, capirono – o lo capirono i loro genitori – che i social potevano aspettare a trattare i loro dati personali.

Un minuscolo passo rispetto alla dimensione della sfida tuttora sul tavolo ma un passo, forse, importante, per alzare una bandiera, segnalare un problema del quale oggi si discute più che in passato e in relazione al quale si sta lavorando, a cominciare dal tavolo che si è istituito tra Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni e Garante privacy alla ricerca delle migliori possibili soluzioni di age verification da chiedere alle piattaforme di adottare.

E, d’altra parte, lo stesso Governo, frattanto, è intervenuto, con il Decreto Caivano, ordinando ai siti che diffondono contenuti pornografici di adottare idonee soluzioni di age verification.

Insomma, come generalmente accade, la soluzione a problemi complessi non è né facile, né istantanea ma, identificato il problema, poi, unendo le forze, la si raggiunge per approssimazione successiva anche guardando allo stesso problema da prospettive diverse.

Pagare dati personali

Tra le questioni che hanno tenuto banco in questa prima metà del mandato, in Italia come nel resto d’Europa e alle quali non si è ancora trovata una risposta adeguata, c’è quella che il grande pubblico – si fa per dire – degli addetti ai lavori ha ormai definito – anche se con formula che non rende forse giustizia alla sua poliedricità e complessità – “monetizzazione dei dati personali”.

I dati personali possono essere scambiati – come, peraltro, avviene largamente ormai da anni – sui mercati globali anche in cambio di servizi e contenuti digitali?

È legittimo comprare un giornale o un servizio di social networking “pagando” – l’espressione è utilizzata in senso atecnico ma non troppo – in dati personali o questo rappresenta un’insostenibile forma di “corruzione” di un diritto fondamentale come il diritto alla privacy, capace di svuotarlo di contenuto, privandolo di alcune delle sue caratteristiche più intrinseche, a cominciare da quella dell’universalità e, così facendo, per dirlo con formula di sintesi, rendendo il diritto alla protezione dei dati personali un diritto per soli ricchi?

I grandi editori europei hanno imboccato questa strada e Meta – solo per citare una delle big tech – ha, da qualche mese, iniziato a fare altrettanto.

In giro per l’Europa le Autorità di protezione sono alla ricerca di una soluzione capace di tutelare le ragioni della privacy nel modo più effettivo possibile, senza cercare comodo rifugio in risposte solo di principio ma, poi, difficili da attuare in maniera concreta.

Secondo tanti si sarebbe dovuto essere più veloci.

E, forse, hanno ragione, anche se, spesso, dall’esterno, è difficile cogliere la complessità dei meccanismi di cooperazione internazionale e il prezzo, in termini di tempo, della qualità e uniformità di certe decisioni.

Si tratta di uno dei bivi più difficili davanti ai quali ci si è spesso trovati davanti: esser veloci ma da soli, con il rischio di sentirsi rimproverare l’originalità di una decisione – come accaduto nel caso ChatGPT3 – o esser prudenti e attendere il raggiungimento di posizioni corali europee con il rischio di sentirsi rimproverare di non esser abbastanza veloci rispetto ai tempi di propagazione dei fenomeni come sta avvenendo nel caso della monetizzazione dei dati?

La risposta facile, naturalmente, suggerisce che si dovrebbe cercare una via di mezzo.

Ma farlo davvero è più difficile di dirlo o di scriverlo.

E, purtroppo, quella della “monetizzazione dei dati” non è l’unica questione rimasta aperta alla quale non si è trovata ancora una soluzione adeguata.

C’è tanta strada da fare nell’ambito della ricerca medico-scientifica e ce n’è evidentemente altrettanta nella direzione dell’impiego delle soluzioni di intelligenza artificiale per migliorare, ma in maniera democraticamente sostenibile, il buon governo delle nostre città.

Ci sono, probabilmente, le premesse che renderanno la seconda metà del mandato non meno stimolante della prima metà.

Si poteva fare certamente di più e meglio perché è sempre possibile e si dovrà provare a fare meglio e di più ma determinazione, passione e voglia di proteggere per davvero un diritto sempre più centrale nella vita delle persone non sono mancati.

La necessità di aprire la privacy a tutti

Come non è mancata in nessun momento la certezza che un diritto fragile – anche perché poco conosciuto – come quello alla protezione dei dati personali deve essere raccontato in ogni contesto, insegnato nelle scuole e ai bambini, reso popolare nel senso più pieno del termine e la certezza che farlo, sebbene con l’atavica – e, anzi, sfortunatamente crescente – scarsità delle risorse a disposizione è un compito irrinunciabile del Garante per la protezione dei dati personali in tutte le sue componenti, ciascuna per quanto di propria competenza.

In questi primi tre anni e mezzo, forse una delle scoperte più belle, è stata proprio questa: più l’autorità esce dalla sua torre d’avorio, più si apre al dialogo, più attorno le si stringe una comunità di persone, professionisti, associazioni, enti pubblici e privati straordinariamente diversi ma pronti a fare squadra, a lavorare assieme almeno sul versante della educazione, divulgazione, formazione al valore dei dati e alla centralità della privacy in tutte le dimensioni della vita della società.

È quello che insegnano iniziative come State of privacy o il Manifesto firmato a Pietrarsa proprio nel corso della prima edizione di State of Privacy per raccontare la privacy ai più piccoli o il Privacy Tour, il giro dell’Italia del sud e dei piccoli comuni per portare curiosità e stimoli sul diritto alla privacy dove, normalmente, arrivano di meno, lanciato a Roma, dal Museo di Villa Giulia, nel corso della seconda edizione di State of privacy.

La strada da fare, inutile, probabilmente, scriverlo è enormemente più lunga rispetto a quella fatta sin qui ma questa consapevolezza non può che essere una ragione per continuare a percorrerla, allungando il passo.

E non c’è un modo diverso di percorrerla se non in maniera collettiva, con tutte le donne e gli uomini che lavorano quotidianamente nell’Autorità, con gli straordinari compagni di avventura che mi sono toccati in sorte – il Presidente Pasquale Stanzione, la Vice-Presidente Ginevra Cerrina Feroni, il mio collega Agostino Ghiglia -, la mia meravigliosa segreteria, una squadra, nella squadra.

Ma guai a dimenticare i tanti che non lavorano in Autorità ma che animano quella incredibile comunità che supporta l’Autorità nelle sue sfide quotidiane e quanti, spesso, criticano il nostro operato, stimolandoci a far meglio, a tornare sui nostri passi, a approfondire ogni genere di problemi, dando sempre e dando a tutti, almeno la prima volta, il beneficio della buona fede, della voglia di costruire insieme salvo talvolta dover prendere atto che, purtroppo, non manca mai chi critica per il piacere di criticare, per il gusto della polemica o, magari, con l’obiettivo di ritagliarsi qualche frammento di polvere di stelle nel generoso firmamento dei social.

Grazie a tutte e a tutti, nessuno escluso.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3